L'Iran nei piani di guerra storici degli Stati Uniti e Israele in Medio Oriente

L'Iran nei piani di guerra storici degli Stati Uniti e Israele in Medio Oriente

di Alfredo Hurtado

L’articolo è dell’8 maggio, prima dell’annuncio di Trump in merito al ritiro dal trattato sul nucleare iraniano.

Continua...
Rielezione di Maduro: il trionfo di una rivoluzione popolare

Rielezione di Maduro: il trionfo di una rivoluzione popolare

di José Reinaldo Carvalho

Il presidente venezuelano, Nicolás Maduro, è stato rieletto domenica 20 maggio per un altro mandato di sei anni alla guida della Rivoluzione Bolivariana ...

Continua...
Nuovo governo, stesso «alleato privilegiato»

Nuovo governo, stesso «alleato privilegiato»

di Manlio Dinucci

Come farà l'alleanza gialloverde a «percepire» la Russia non come una minaccia e ad agire di conseguenza, mentre resta nella Nato che, sotto il comando dell’«alleato privilegiato», è militarmente sempre più impegnata contro la «minaccia russa»?

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Muoiono nel deserto i neri libici di Tawergha perseguitati dai "ribelli" della NATO

E-mail Stampa PDF

Tawharghadi Marinella Correggia | sibialiria.org

Fra i suoi innumerevoli crimini impuniti, l'operazione della Nato in appoggio a gruppi armati antigovernativi in Libia nel 2011 può annoverare una pulizia etnica in piena regola.

Durante quei mesi di bombardamenti, le milizie islamiste della città di Misurata uccisero diversi abitanti della vicina Tawergha, la città dei libici di pelle nera, diedero fuoco alle case e spinsero alla fuga bambini, donne, uomini, anziani. Circa 40mila persone. L'accusa? "Erano dalla parte del governo di Gheddafi".

I più fortunati riuscirono a riparare in Tunisia o in Egitto. Gli altri da anni sopravvivono in alloggi di fortuna: capannoni, tende nei parchi pubblici, ma anche baracche in aree desertiche. Sette anni passati invano, come ha appena denunciato l'incaricata dell'Onu per gli sfollati, la filippina Cecilia Jimenez-Damary, dopo una visita in Libia.

Leggi tutto...

L'UE legittima il licenziamento in gravidanza. Scardinata l'ultima frontiera dei diritti

E-mail Stampa PDF

courdejusticeUnione Sindacale di Base | usb.it

Giovedì 22 febbraio la pletorica Corte di Giustizia Europea - 47 membri e 11 avvocati generali, per 4/5 maschi - ha sorprendentemente legittimato il licenziamento di una donna in gravidanza nell'ambito di una procedura di licenziamento collettivo.

Una sentenza degna del peggior Ponzio Pilato, perché da un lato riafferma il valore ancora attuale della direttiva Ue 92/85 che vieta il licenziamento delle lavoratrici nel periodo compreso tra l'inizio della gravidanza e il termine del congedo di maternità, ma dall'altro dà semaforo verde ai licenziamenti quando "non connessi allo stato di gravidanza". Insomma: incinta o no, se un'azienda inventa la giusta formuletta e giura e spergiura che non ti licenzia perché sei in gravidanza, padronissima di farlo.

Leggi tutto...

La riorganizzazione del PCdoB e la sua identità politica e ideologica

E-mail Stampa PDF

pcdob118789di José Reinaldo Carvalho, responsabile delle Relazioni Internazionali del Partito Comunista del Brasile (PCdoB)

da vermelho.org.br

Traduzione di Marx21.it

Il 18 febbraio ricorreva il 56° anniversario della Conferenza Nazionale Straordinaria che decise di riorganizzare il Partito Comunista del Brasile (PCdoB) su basi marxiste-leniniste. Sotto la direzione di João Amazonas, Maurício Grabois, Pedro Pomar, Carlos Danielli e altri rivoluzionari, la conferenza del 1962 sancì la definitiva rottura dei comunisti brasiliani con l'opportunismo di destra.

Leggi tutto...

Colombia: “Basta con la guerra sporca e i crimini dell'ultradestra militarista!”

E-mail Stampa PDF

di Jaime Caycedo Turriago, Segretario Generale del Partito Comunista Colombiano

da semanariovoz.com

16 febbraio 2018

Traduzione di Marx21.it

La settiman scorsa sono stati assassinati Jesús Orlando Grueso Obregón e Jonathan Cundumi Anchino, noti leader di Unione Patriottica e Marcia Patriottica a Guapi, Cauca. Viene segnalato anche il crimine nei confronti di un giovane attivista a Catatumbo, mentre a Puerto Claver hanno ucciso Víctor Alfonso Sánchez Manjarrez, militante del partito legale FARC.

Leggi tutto...

Intesa Sanpaolo: un piano industriale da paura

E-mail Stampa PDF

Intesa sanpaolodi C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Intesa Sanpaolo

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Il 6 febbraio scorso ISP ha presentato al mercato e ai sindacati il Piano d’Impresa 2018-2021, insieme ai risultati 2017 e all’annuncio di un nuovo Lecoip 2.0 per incentivare il personale. Come era ampiamente preannunciato, il Piano si propone obiettivi estremamente ambiziosi, aggressivi e sfidanti, con ampio utilizzo di toni sopra le righe per autocompiacimento, esaltazione, orgoglio d’appartenenza. Sfrondato dall’eccesso di testosterone e ricondotto ad una corretta dimensione di pianificazione delle condotte future, da parte di un management ansioso di strafare, il piano rappresenta un documento utile per leggere cosa ci aspetta nei prossimi 4 anni.

Leggi tutto...

"Non tacciamo le contraddizioni esistenti che possono diventare insormontabili"

E-mail Stampa PDF

desousa primopianoIntervista a Jeronimo de Sousa, Segretario Generale del Partito Comunista Portoghese

da lepcf.fr

Traduzione dal francese di Lorenzo Battisti per Marx21.it

Jerónimo de Sousa, segretario generale del PCP dal 2004, parla in questa intervista dei progressi compiuti in questa legislatura, ma afferma anche che sono insufficienti.

Almeno fino al 2020, Jerónimo de Sousa è il volto del PCP. Allora ci sarà un Congresso che cambierà o meno la direzione del partito. Jeronimo non vuole lasciare che gli altri decidano se continuare o lasciare. Preferisce prendere la decisione da solo, ascoltando coloro che lo circondano. In questo momento, tutto ciò che si sente in strada è "Continua".

Leggi tutto...

Prezzi in rialzo

E-mail Stampa PDF

stockexchange 02di Demostenes Floros | da aboutenergy.com

English version

Nel corso del primo mese del 2018 le quotazioni del petrolio sono aumentate in quanto l'OPEC e i produttori non-OPEC hanno rispettato i tagli

Nel corso del primo mese del 2018, i prezzi del petrolio sono aumentati in quanto l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio - capitanati dall’Arabia Saudita - e i produttori non-OPEC - guidati dalla Federazione Russa - hanno rispettato i tagli produttivi ad un tasso del 125% a dicembre, in aumento rispetto al 122% del mese precedente. In particolare, la qualità Brent North Sea ha aperto le negoziazioni a 66,57 $/b e le ha chiuse a 69,05 $/b, mentre la miscela West Texas Intermediate ha aperto a 60,37 $/b, chiudendo a 64,73 $/b.

Leggi tutto...

La bomba sociale delle pensioni

E-mail Stampa PDF

pensionidi Felice Roberto Pizzuti
da sbilanciamoci.info

Sbilanciamo le elezioni/ Se si proietta nei prossimi 2-3 decenni la situazione attuale, larga parte di coloro che sono entrati nel mercato del lavoro dalla metà degli anni ’90, oltre ad essere penalizzati da salari bassi e saltuari nella vita attiva, lo saranno in misura corrispondente anche come pensionati

Nel nostro sistema previdenziale sta crescendo una vera e propria “bomba sociale”[1] generata dalla combinazione dei cambiamenti intervenuti a partire dagli anni ’90 nel mercato del lavoro e nel sistema pensionistico e, in particolare, dal passaggio del calcolo della pensione al metodo contributivo.

Leggi tutto...

Il "nuovo paradigma" cinese

E-mail Stampa PDF

china stabilitydi Pasquale Cicalese per Marx21.it

Quanto si sia trasformata la Cina dopo la Grande Crisi del 2008 lo si evince da un dato: nel 2017 il surplus delle partite correnti, vale a dire import export, attività finanziarie e servizi ecc., è calato all’1,3% del pil. Nel 2008 era pari al mostruoso livello del 10% del pil. Ciò significa che in dieci anni non solo la Cina si è focalizzata verso il mercato interno, attraverso una forte rivalutazione salariale, ma ha contribuito enormemente alla fuoriuscita dalla crisi mondiale divenendo “compratore di ultima istanza” mediante un raddoppio delle importazioni. Per fare un termine di paragone, l’eurozona nel 2017 presenta un surplus delle partite correnti pari al 3.4%, l’Italia al 2.9, gli Usa presentano un deficit pari al 2.4%.

Leggi tutto...

Torna l’incubo dei missili a Comiso

E-mail Stampa PDF

Comiso Nato pacifistdi Manlio Dinucci
il manifesto, 27 febbraio

Il piano fu preannunciato tre anni fa, durante l’amministrazione Obama, quando funzionari del Pentagono  dichiararono che «di fronte all’aggressione russa, gli Stati uniti stanno considerando lo spiegamento in Europa di missili con base a terra» (Ritornano i missili a Comiso?). 

Ora, con l’amministrazione Trump, esso viene ufficialmente confermato. Nell’anno fiscale 2018 il Congresso degli Stati uniti ha autorizzato il finanziamento di «un programma di ricerca e sviluppo di un missile da crociera lanciato da terra da piattaforma mobile su strada». 

Leggi tutto...

La settimana dei commessi dura 8 giorni

E-mail Stampa PDF

settimana lavoro commessidi Francesco Iacovone

da francescoiacovone.com

“Settimane da otto giorni”, fine settimana e feste aboliti, niente progetti sul futuro. Ecco la denuncia dei lavoratori del commercio. Dei commessi.

«Ormai inventeranno la settimana da 8 giorni e aggiungeranno qualche giorno ai 365 dell’anno per poter tenere aperto il negozio», sorride Luisa, laureata in economia alla Sapienza di Roma. «I giorni rossi sul calendario sono diventati tutti neri. Non abbiamo domeniche libere, non abbiamo più niente. Loro ci danno gli orari e noi siamo costretti a subirli. E se protestiamo diventano guai», racconta.

Leggi tutto...

Ecco perché uscire dall’euro non sarebbe storicamente regressivo

E-mail Stampa PDF

moro gabbiadelleurodi Vladimiro Giacché per Marx21.it

Recensione al nuovo libro di Domenico Moro, La gabbia dell’euro. Perché uscirne è internazionalista e di sinistra (Imprimatur)

Un contributo al dibattito su comunisti e questione nazionale aperto dal nostro sito

È difficile oggi considerare la sinistra europea come qualcosa di diverso da un cumulo di macerie. Questo è vero in tutta Europa (emblematico il caso della Germania, in cui a un crollo senza precedenti della SPD - che secondo gli ultimi sondaggi riceverebbe oggi appena il 16% dei voti - fa riscontro una Linke incapace di beneficiare di questa situazione, restando intorno al 10%, mentre l’AfD sarebbe diventata addirittura il secondo partito). Ma è soprattutto nel nostro paese che la distruzione della sinistra ha raggiunto livelli semplicemente inimmaginabili soltanto pochi anni fa – per non parlare di quando l’Italia vedeva la presenza del più grande partito comunista d’Occidente.

Leggi tutto...

I neonazisti ucraini aggrediscono anche i bambini (video e foto)

E-mail Stampa PDF

ucraina bandiera russiadi Partito Comunista di Ucraina

da kpu.ua

Traduzione dal russo di Mauro Gemma

I picchiatori nazisti di Kiev attaccano il palazzo dove è ospitata la sede di “Collaborazione con la Russia”, dove sono presenti anche molti bambini.

Nei giorni scorsi (17 febbraio) i neonazisti del gruppo “S14” hanno fatto irruzione nella sede di “Collaborazione con la Russia”.

Secondo i testimoni oculari, al momento del sequestro dei locali era in corso la prova di una recita teatrale per i bambini. In totale, al momento dell'attacco dei banditi all'interno del palazzo si trovavano circa 100 adulti e bambini.

Leggi tutto...

Ghouta come Aleppo, le verità impazzite

E-mail Stampa PDF

damasco chiesadi LeoneGrotti, 22 febbraio 2018
da oraprosiria.blogspot.it

Parla padre Mounir di Damasco. «Ghouta non è un quartiere di vittime perseguitate dal regime. È l’esatto contrario. Sono anni che sparano missili sulla capitale, uccidono innocenti, poveri civili»

«Lo so cosa scrivono i media da voi in Italia e in tutto l’Occidente sulla guerra che si sta combattendo a Ghouta. Raccontano solo una faccia della medaglia, nessuno si preoccupa del nostro dramma». Si confida così a tempi.it padre Mounir, 34 anni, originario di Aleppo ma residente a Damasco, dove si occupa di un oratorio con oltre 1.200 giovani. Il salesiano fa riferimento ai durissimi scontri di questi giorni tra l’esercito del governo di Bashar al-Assad e le formazioni terroristiche che difendono Ghouta orientale, nella periferia della capitale. Secondo l’Osservatorio per i diritti umani, organizzazione vicina agli estremisti, negli ultimi giorni sarebbero morte quasi 300 persone nel sobborgo.

Leggi tutto...

Guerra e pace nel Medio Oriente

E-mail Stampa PDF

medioriente maceriedi Ângelo Alves, Commissione Politica del Partito Comunista Portoghese | da avante.pt

Traduzione di Marx21.it

La situazione nel Medio Oriente rivela chiaramente la strategia dell'imperialismo che mira a boicottare il campo diplomatico, intensificando l'uso della guerra per tentare di mantenere l'instabilità e le posizioni nella regione. Come avevamo analizzato a suo tempo, le sconfitte militari degli Stati Uniti e dei suoi più diretti alleati in Siria non hanno significato la fine dei pericoli per i popoli di quel paese e della regione. Gl avvenimenti confermano la nostra analisi. Gli USA, Israele e anche la Francia (ora più attiva) hanno fatto tutto ciò che potevano per boicottare lo svolgimento, alla fine di gennaio a Sochi, del Congresso Nazionale per il Dialogo Siriano. La ragione del boicottaggio è semplice. Quelle potenze non controllano né determinano il processo di Sochi e, altrettanto importante, ne mettono in discussione le basi che partono dalla difesa della sovranità e dell'integrità territoriale della Siria e non contemplano la resa incondizionata di questo Stato e la sua successiva divisione settaria.

Leggi tutto...

La variabile curda occupa un posto centrale nel conflitto siriano

E-mail Stampa PDF

kurdos gringosdi Alfredo Hurtado
da misionverdad.com

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

L'ingresso diretto della Russia nel conflitto siriano ha fermato la balcanizzazione della nazione. Dopo l'ipotetica caduta della Siria l'obiettivo successivo era il Libano, tagliando il sostegno storico siriano a Hezbollah e prevedendo anche il taglio delle forniture dall'Iran, che doveva essere l'ultimo paese a cadere, questo era il sogno dello stato terrorista di Israele che aspira al suo "spazio vitale".

Quello che hanno fatto (finora) è stato di fermare un accordo firmato dalla Siria, dall'Iran e dall'Iraq nel luglio 2011 per stendere un oleodotto che collegasse il deposito iraniano di South Pars, il più grande del mondo, con la Siria ed il Mediterraneo, cosa che avrebbe riaffermato la sua condizione di "pietra angolare" con un ruolo importante nella situazione energetica della regione, risultando quindi un'alternativa ad altri gasdotti che sono sotto il controllo di aziende statunitensi ed europee.

Leggi tutto...

L’offensiva militare dell’imperialismo in Africa

E-mail Stampa PDF

usarmy toppedi Carlos Lopes Pereira

O Militante“, rivista teorica del Partito Comunista Portoghese, n° 352 gennaio-febbraio 2018

Traduzione di Marica Guazzora per Marx21.it

Nel quadro della sua strategia imperialista di dominio mondiale gli Stati Uniti stanno aumentando gli interventi militari in Africa; Mentre provocano l’aumento delle tensioni, creano minacce di guerra in altre zone del pianeta. Gli Stati Uniti e gli alleati, in particolare la Francia, hanno collocato più truppe e armamenti nel continente africano, rinforzando le basi militari, creando nuovi meccanismi di ingerenza, causando l’aggravarsi di conflitti e guerre.

Leggi tutto...

Il blocco del Nord Europa azzoppa l'Italia

E-mail Stampa PDF

container portodi Pasquale Cicalese per Marx21.it

Giovedì 15 febbraio sono usciti i dati definitivi del commercio estero italiano. I livelli sono da record storico, con 448 miliardi di euro di export, +7,4% in valore e +3.1% in volume. Ricordiamo che alla fine del 2016, a seguito dell’elezioni di Trump, il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda presagiva un crollo del mercato mondiale, tesi clamorosamente smentita dai fatti, visto che il commercio mondiale ha avuto il più alto picco degli ultimi quattro anni. Il riposizionamento degli attori economici mondiali si può evincere dal fatto che nel 2017 l’export italiano è cresciuto soprattutto in Cina, +22%, in Russia, + 19,3%, e in Usa +9,7%. A distanza di un ventennio, l’Italia scopre la Cina come mercato di sbocco, segno di miopia della classe dirigente italiana, in particolare imprenditoriale, e il dato è significativo perché per la prima volta il deficit con la Cina si riduce, passando da 16,2 miliardi del 2016 a 14,9 miliardi del 2017.

Leggi tutto...

E' un dovere difendere le vittorie della Siria contro il terrorismo, per il dialogo e la sovranità

E-mail Stampa PDF

assad syriadi Socorro Gomes, presidente del Consiglio Mondiale della Pace

da cebrapaz.org.br

Traduzione di Marx21.it

Le forze di pace giudicano con ottimismo i progressi della Siria di fronte alla crisi politica, ai gruppi terroristici e alle aggressioni straniere. In gennaio, il Congresso di Dialogo Nazionale Siriano ha ottenuto importanti risultati e la forze nazionali hanno accumulato vittorie contro coloro che operano al soldo dell'imperialismo statunitense e dei suoi alleati. Emerge con evidenza, così, il fallimento della campagna imperialista per il rovesciamento del governo siriano e il successo dell'impegno per una soluzione politica e sovrana.

Leggi tutto...

Pagina 10 di 220