Come l'Italia conquistò lo «Status di grande paese»

Come l'Italia conquistò lo «Status di grande paese»

di Manlio Dinucci

Il 24 marzo 1999, la seduta del Senato riprende alle 20,35 con una comunicazione dell’on. Sergio Mattarella, allora vice-presidente del governo D’Alema (Ulivo - Pdci - Udeur) ...

Continua...
Si si e né né

Si si e né né

di Jorge Cadima

La storia dimostra abbondantemente come l'imperialismo si arroghi il diritto di imporre il suo potere planetario con tutti i mezzi: guerre, sovversioni, colpi di stato, embarghi, bombe atomiche, armi chimiche, campi di concentramento, torture, omicidi.

Continua...
Marxismo, ambientalismo, animalismo

Marxismo, ambientalismo, animalismo

di Alessandro Pascale

Quella che segue è una breve introduzione al saggio di Davide Cericola, Critica costruttiva ai concetti di Lavoro e di possesso, che pubblichiamo in esclusiva su Marx21.it come contributo alla discussione teorica su alcuni temi spinosi.

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

La Cina si attiene alle riforme e all'apertura

E-mail Stampa PDF

riforme 78 18da globaltimes.cn

Il Presidente cinese Xi Jinping ha tenuto martedì scorso un discorso durante incontro per celebrare il 40° anniversario della riforma e dell'apertura, affermando che "la riforma e l'apertura sono un grande risveglio del nostro partito", che la Cina porterà fino al termine. Molte delle parole di Xi sono in sintonia con il sostegno della società cinese a questa politica e alla scelta di implementarla.

La riforma e l'apertura è un grande processo di prassi. Generazioni di leader cinesi, da Deng Xiaoping, Jiang Zemin, Hu Jintao a Xi, hanno portato la Cina ad affrontare ogni tipo di sfida. Il percorso del socialismo con caratteristiche cinesi è stato stabilito passo dopo passo. La riforma e l'apertura è un grande lavoro pionieristico nella storia dell'umanità.

Leggi tutto...

Riforma e apertura

E-mail Stampa PDF

xijinping microfono01Con questo contributo di Francesco Maringiò iniziamo la pubblicazione dei materiali per commemorare i 40 anni dall'inizio delle riforme in Cina

di Francesco Maringiò

Il discorso odierno pronunciato da Xi Jinping nella Grande Sala del Popolo a Pechino, per commemorare i quarant’anni dall'inizio delle riforme e aperture inaugurate nel 1978, ha avuto grande eco nel paese. Qui a Pechino è stato trasmesso un estratto nelle carrozze della metro e le bacheche di WeChat e Weibo sono state inondate da foto che mostravano come le aziende, sia pubbliche che private, hanno dedicato sessione speciali per ascoltare il discorso del Presidente. E’ stato un tema discusso anche sui blog e, per quel che ho visto, anche la stampa occidentale ha dato notizia dell’evento (in molti casi con discutibili risultati).

Leggi tutto...

Xi si impegna ad aderire alla riforma e all'apertura

E-mail Stampa PDF

xijinping conferenzadi Leng Shumei e Xing Xiaojing
da globaltimes.cn

Il discorso del presidente cinese Xi Jinping martedì alla conferenza per commemorare il 40 ° anniversario della riforma e dell'apertura della Cina ha rafforzato la fiducia del popolo cinese nel proseguimento delle riforma e dell'apertura, che Xi ha detto dovrà affrontare responsabilità più severe e sfide più impegnative.

Nel discorso Xi ha sottolineato di volere restare sulla strada del socialismo con caratteristiche cinesi e di sostenere e sviluppare il socialismo con caratteristiche cinesi, ha riferito la Xinhua News Agency.

Leggi tutto...

In Siria l'intera nazione si è mobilitata e ha vinto

E-mail Stampa PDF

siria bambini bandierada oraprosiria.blogspot.com

Pubblichiamo il bel testo/dichiarazione d'amore alla Siria, di Vltchek, per lo sguardo di appassionata speranza con cui egli percorre questa terra: nell'auspicio fiducioso che venga finalmente il bel giorno della PACE!

di Andre Vltchek 
New Eastern Outlook, 2018


Sì, ci sono macerie, in realtà distruzione totale, in alcuni quartieri di Homs, Aleppo, alla periferia di Damasco e altrove.

Leggi tutto...

Recensione del libro di Carlo Galli "Marx eretico"

E-mail Stampa PDF

galli marxereticodi Francesco Galofaro, Politecnico di Milano

Carlo Galli, Marx eretico, il Mulino, Bologna, 2018, pp. 164, 13,00 euro.

Perché scrivere l'ennesimo libro su Marx? Forse perché di moda: 43 i titoli dedicati a Marx nel 2018, tra inediti e ristampe. A giudicare dal numero di opere, si direbbe che il marxismo sia vivo, avanzi e conquisti il mondo. Non è stato detto già tutto su Marx? A quanto pare la risposta è no: nella fase politica nuova che si è aperta in Europa e nei Paesi occidentali, alcune caratteristiche del pensiero marxiano mostrano un rinnovato interesse. La nuova situazione spinge a verificare la tenuta della filosofia politica contemporanea. Inoltre, è evidente a tutti l’estinzione della sinistra europea: tanto di quella socialdemocratica, il portiere di notte del condominio liberista europeo, quando di quella radicale, subalterna alla prima e privata del suo spazio politico dal successo di movimenti populisti e della nuova destra sociale.

Leggi tutto...

Di sovranismo, di gilet gialli e di altre questioni

E-mail Stampa PDF

giletjeunes abolitionmiseredi Piergiorgio Desantis

da ilbecco.it

Il Censis, ad esempio, nel suo rapporto annuale fotografa l’Italia del 2018 dall’alto, forse troppo, ovvero dal punto di vista dove si avverte il “silenzio arrendevole delle élite”. Viene fuori un’Italia “incattivita (cosa ampiamente prevedibile) che vive “una reazione pre-politica con profonde radici sociali, che alimentano una sorta di sovranismo psichico, prima ancora che politico. Che talvolta assume i profili paranoici della caccia al capro espiatorio, quando la cattiveria – dopo e oltre il rancore – diventa la leva cinica di un presunto riscatto e si dispiega in una conflittualità latente, individualizzata, pulviscolare".

Leggi tutto...

Il fascismo, oggi

E-mail Stampa PDF

europa papaveridi Nikolai Ivanovich Royanov

Proponiamo gli stralci più significativi dell'intervento presentato al Convegno organizzato dall'ANPI (“Essere antifascisti oggi in Europa, Roma, 14-15 dicembre 2018) dal Presidente dell'Unione Russa dei Veterani, Nikolai Ivanovich Royanov, augurandoci che questi passaggi sulla natura del fascismo oggi, siano compresi in tutta la loro valenza e fatti propri anche dal movimento antifascista del nostro paese che, in alcune sue componenti, sembra sottovalutarli se non ignorarli. Che queste parole non restino inascoltate!

“Oggi, il neonazismo non è solo praticato dai successori dei nazisti, non solo dai radicalismi religiosi, ma anche dall'ingerenza unilaterale nella politica degli Stati sovrani e dal terrore liberale con il pretesto di "diritti umani"

Leggi tutto...

L'Ue ingabbia l'Europa

E-mail Stampa PDF

europa bandiera05Pubblichiamo l'editoriale di Guido Salerno Aletta su Milano-Finanza del 15 dicembre

In Europa, i focolai di tensione sociale e politica continuano a moltiplicarsi. Sono in crisi profonda le famiglie politiche tradizionali, Popolari, Gaullisti, Socialisti e Democratici, che hanno dominato la scena democratica dal dopoguerra. La loro alternanza al potere ha perso credibilità a causa della piena adesione che hanno accordato alle regole di austerità decise con il Fiscal Compact, alle conseguenti politiche di deflazione salariale, ai meccanismi di severa condizionalità cui sono subordinati gli aiuti erogati dall’Unione sotto la vigilanza della Troika, composta da Ue, Bce e Fmi.

Leggi tutto...

Alleviare e sconfiggere la povertà in Cina. Il caso dello Yunnan

E-mail Stampa PDF

parenti povertaincina 01di Fabio Massimo Parenti*

Nella Cina contemporanea, dalla fondazione a oggi, l’eradicazione della povertà assoluta è stata una priorità. Non poteva essere diversamente, date le condizioni disastrose in cui versava una popolazione dilaniata da un secolo di invasioni, guerre civili e sommosse interne.

Se molto è stato fatto nella lunga era maoista, le vicende interne al nuovo sistema comunista hanno avuto fortune altalenanti e almeno in due periodi, il “grande balzo in avanti” e la “rivoluzione culturale”, sono stati compiuti molti errori, che hanno generato esiti anche drammatici di rallentamento e arretramento delle politiche di sviluppo.

Leggi tutto...

Cosa sta succedendo in Ungheria

E-mail Stampa PDF

ungheria proteste leggeschiavituDichiarazione del Partito dei Lavoratori Ungherese (Munkaspart)

da solidnet.org

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

In merito alle proteste contro la modifica del codice del lavoro, i comunisti ungheresi del Partito dei Lavoratori hanno rilasciato la seguente dichiarazione:

Diverse proteste si sono svolte in Ungheria dall'8 dicembre, con la mobilitazione di alcune migliaia di persone. In parlamento, i partiti di opposizione hanno attaccato i partiti di governo e hanno cercato di paralizzare il lavoro del parlamento con l'ostruzionismo. Ma cosa sta succedendo in Ungheria?

Leggi tutto...

La ministra Trenta in mimetica per la «pace» in Afghanistan

E-mail Stampa PDF

trenta mimetica afghanistandi Manlio Dinucci 

La ministra della Difesa Elisabetta Trenta (M5S), ai microfoni di una radio musicale, ha intonato «C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones», dicendo «Questa canzone mi fa venire in mente il valore della pace, un valore inestimabile che dobbiamo preservare sempre».

Una decina di giorni dopo, in divisa mimetica in Afghanistan, la ministra esaltava «la nostra presenza in armi fuori dai confini dell'Italia, guidata dai valori della nostra Costituzione, in una missione fondamentale per la pace».

La missione è la Resolute Support (Appoggio Risoluto), iniziata dalla Nato in Afghanistan nel 2015 in prosecuzione dell’Isaf, missione Onu di cui la Nato aveva preso il comando con un colpo di mano nel 2003.

Leggi tutto...

Norberto Natali ricorda Angelo Conti "Sigaro"

E-mail Stampa PDF

Angelo Conti 'Sigaro' uno dei fondatori della Banda Bassotti è morto a 62 anni. Operaio, militante comunista, voce e fondatore del gruppo è stato ricordato da molti compagni.

Noi siamo onorati di potere ospitare l'intervento che Norberto Natali a tenuto in occasione delle esequie.

Il compagno Sigaro è sempre stato attivamente impegnato nella solidarietà internazionale. Ricordiamo, solo a titolo d'esempio, la carovana antifascista nel Donbass, inoltre il suo ultimo lavoro ancora inedito è una canzone contro l'aggressione imperialista in Siria.

Leggi tutto...

Per una Brexit popolare

E-mail Stampa PDF

griffiths pcgranbretagnadi Robert Griffiths, Segretario generale del Partito Comunista Britannico (Communist Party of Britain)

da collectif-communiste-polex.org

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

Discorso pronunciato il 17 novembre 2018 al 55° Congresso del Partito Comunista Britannico (Communist Party of Britain)

Compagni,

Questo 55 ° Congresso del Partito Comunista si riunisce in un momento critico per la classe operaia e il popolo della Gran Bretagna e per gli sfruttati e gli oppressi del mondo capitalista.

Leggi tutto...

Contributo del Partito Comunista Portoghese al XX Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e dei Lavoratori (IMCWP)

E-mail Stampa PDF

pcp bandiera closeupTraduzione di Marco Pondrelli

Salutiamo il Partito comunista greco in occasione del suo centenario, ricordando le eroiche lotte dei comunisti in difesa degli interessi della classe operaia e del popolo greco, per la libertà, la sovranità nazionale, il progresso sociale, la pace e il socialismo.

Salutiamo anche i partecipanti dei partiti che partecipano a questo incontro internazionale.

Compagni,

in Portogallo la classe operaia svolge un ruolo centrale nella vita politica, e il PCP - un partito di classe che si definisce "partito politico della classe operaia e di tutti i lavoratori" - considera fondamentale, per l'attuazione del suo programma rivoluzionario, il radicamento del Partito nelle imprese e nei luoghi di lavoro, l'organizzazione e la mobilitazione della classe operaia e di tutti i lavoratori per la lotta.

Leggi tutto...

Nuova amicizia di Cuba con Russia e Asia comunista è un segnale d'allarme per gli USA”

E-mail Stampa PDF

diazcanel russiada sputniknews.com

Dopo la visita del nuovo leader cubano Miguel Diaz-Canel in Russia, si può affermare che le relazioni tra Mosca e L'Avana sono tornate ad un livello di cooperazione che non si vedeva dai tempi dell'Unione Sovietica, scrive l'editorialista del giornale newyorkese “Epoch Times” Trevor Loudon.

Considerando che il presidente cubano non ha perso tempo per rafforzare i legami con i regimi comunisti della regione asiatica, si può parlare di un nuovo blocco anti-occidentale, ritiene l'autore dell'articolo.

Leggi tutto...

Xi Jinping, un marxista sognatore

E-mail Stampa PDF

xijinping quadroRiproponiamo un intervento di Guido Samarani su Xi Jinping

di Guido Samarani, Università Ca' Foscari, Venezia

da ispionline.it

È stato messo in luce da diversi studiosi e osservatori che gli anni della Rivoluzione Culturale, in particolare quelli (dal 1968 al 1975) vissuti in uno sperduto villaggio rurale dello Shenxi dove fu inviato a “rieducarsi attraverso il lavoro” al pari di milioni di Guardie rosse, sono stati fondamentali nel temprare il carattere di Xi Jinping, plasmandolo con i tratti di forza, determinazione e autoritarismo che molti oggi gli riconoscono.

Leggi tutto...

Una coalizione a perdere per la "Patria europea"? No grazie, abbiamo già dato

E-mail Stampa PDF

varoufakisdemagistrisProponiamo questa stimolante riflessione di Domenico Moro e Fabio Nobile

Recentemente il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, si è fatto promotore di un percorso che dovrebbe portare a una lista per le elezioni europee. Questo percorso sembra aver raccolto l’interesse anche di alcuni partiti, tra cui il Partito della Rifondazione comunista e Sinistra italiana. Si tratta di una proposta all’altezza delle difficoltà di questa fase storica? La risposta va definita sulla base dell’esperienza degli ultimi dieci anni. In questo periodo sono stati messi in campo molti progetti politici con esiti fallimentari. Non solo perché non hanno portato a eleggere, con l’eccezione dell’Altra Europa (tre deputati eletti al Parlamento europeo) ma soprattutto perché queste coalizioni hanno mostrato la corda o sono state superate all’indomani delle elezioni.

Leggi tutto...

Sovranità o barbarie, il ritorno della questione nazionale

E-mail Stampa PDF

fazi mitchell sovranitaobarbariePubblichiamo un recensione al libro di Fazi – Mitchell (edito da Meltemi) che verrà presentato a Bologna venerdì 14 dicembre presso il bar La Linea

(Thomas Fazi e William Mitchell)

di Marco Pondrelli

Il libro di Fazi – Mitchell andrebbe letto partendo dalle conclusioni, laddove si legge che le forze di destra oggi sono egemoni “perché [...] in grado di tessere nuove narrazioni identitarie in cui la sovranità nazionale viene declinata in chiave etnica, razziale o religiosa”, la sinistra quindi deve sviluppare una nuova visione socioeconomica ed istituzionale della società se vuole tornare a vincere.

I mali della sinistra hanno radici profonde. Gli autori scardinano alcuni luoghi comuni che, anche fra la sinistra radicale, trovano grande eco. Per capire le difficoltà attuali bisogna partire dalla fine dei 30 gloriosi quando il patto keynesiano entrò in crisi. L'economia mista, centrale nella Costituzione Italiana, non era solo una concessione dei padroni al mondo del lavoro, era un sistema basato sul mercato interno e su un ruolo attivo dello Stato. Un sistema che diede all'Italia un importante sviluppo.

Leggi tutto...

Salvinyahu

E-mail Stampa PDF

salvinimurodelpiantoProponiamo un commento del parlamentare (M5S) Pino Cabras alle ultime esternazioni di Salvini

In un luogo complicato come il Libano, la pace arriva dopo tanti lutti, dopo sofferenze di decenni e secoli, dopo equilibri delicati che si deve conoscere molto bene per non provocare immensi patatrac. La diplomazia esiste per questo, e fa un eccellente lavoro, così come lo fanno i soldati italiani della missione UNIFIL, che sono molto rispettati in uno dei confini più caldi e pericolosi del pianeta, dove lavorano senza improvvisazioni, da anni, per una pace ricca di consensi ma militarmente e politicamente fragile.

Leggi tutto...

Contributo del Partito Comunista del Venezuela al XX Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai

E-mail Stampa PDF

pc venezuela 500pxPartito Comunista del Venezuela (PCV)
solidnet.org

Traduzione per 
Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

All'epoca, quando Karl Marx e Friedrich Engels scrissero il Manifesto del Partito Comunista, la classe operaia stava per nascere e la Rivoluzione industriale si stava diffondendo solo in Inghilterra e in Belgio. Quindi la sua importanza non era nel numero delle persone coinvolte. La maggior parte degli oppressi infatti era ancora composta da contadini.

Tuttavia, Marx scelse la classe lavoratrice perché la riteneva il soggetto della storia, come conseguenza del trovarsi in una situazione collettiva. Secondo lui, i lavoratori non sono un gruppo di persone, ma una classe.

Leggi tutto...

Pagina 9 di 246