Intervista a Evo Morales, presidente della Bolivia

Intervista a Evo Morales, presidente della Bolivia

da jornada.unam.mx

Morales sostiene di non essere ancora pronto a lasciare la presidenza, benché rispetti la decisione del paese. Quanto alla vittoria di Trump, secondo lui è da attribuire alla rabbia contro la globalizzazione

Continua...
Il risultato delle elezioni presidenziali austriache

Il risultato delle elezioni presidenziali austriache

Dichiarazione di Elke Kahr, dirigente della Federazione della Stiria del Partito Comunista Austriaco (KPÖ)

Continua...
No alla «riforma» bellicista

No alla «riforma» bellicista

di Manlio Dinucci

La maggioranza degli italiani, sfidando i poteri forti schierati con Renzi, ha sventato il suo piano di riforma anticostituzionale. Ma perché ciò possa aprire una nuova via al paese, occorre un altro fondamentale No: quello alla «riforma»  bellicista che ha…

Continua...
L’ultimo saluto a Fidel Castro

L’ultimo saluto a Fidel Castro

da PandoraTV

La trasmissione integrale dei funerali di Fidel Castro che si sono svolti il 4 dicembre a Santiago de Cuba [RT en Español]

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Associazione Politico-Culturale Marx XXI

Rafforzare la lotta antimperialista

E-mail Stampa PDF

cubavenceradi Pedro Guerreiro, Segreteria del Partito Comunista Portoghese

da avante.pt

traduzione di Marx21.it

Nell'attuale situazione internazionale, l'offensiva dell'imperialismo, guidata dall'imperialismo statunitense e dai suoi alleati, rappresenta la principale minaccia che i popoli del mondo stanno affrontando.

A seguito degli eventi che hanno segnato il XX secolo, gli Stati Uniti sono diventati la potenza egemonica del mondo capitalista. Con l'approfondimento della crisi strutturale del capitalismo – eroso dalle contraddizioni – e l'avvento di nuovi paesi sulla scena internazionale, e il conseguente declino del loro relativo peso economico sul piano mondiale, gli Stati Uniti si sono lanciati nel tentativo di salvaguardare ed imporre la loro supremazia, militare e politico-ideologica. Intento strategico che i risultati delle recenti elezioni statunitensi, con la vittoria di Donald Trump alla presidenza, non mettono in discussione.

Leggi tutto...

Dichiarazione politica dell'Assemblea del Consiglio Mondiale della Pace

E-mail Stampa PDF

wpc assembleamondialeda wpc-in.org

Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx21.it

“Rafforzare la solidarietà dei popoli nella lotta per la pace, contro l'imperialismo”

Assemblea mondiale della Pace 2016 – Dichiarazione finale. Lunedì 21 novembre 2016

L'Assemblea del 2016 del Consiglio Mondiale della Pace si è tenuta il 18 e il 19 Novembre a São Luís ospitata dal Centro Brasiliano per la Solidarietà dei Popoli e per la Lotta per la Pace (CEBRAPAZ) e si è conclusa con l'adozione del seguente documento.

Introduzione

1. Il Consiglio Mondiale per la Pace ha tenuto onorevolmente la sua Assemblea del 2016 nel territorio Latino Americano. In seguito al colpo di stato parlamentare, giudiziario e mediatico, contro la volontà del popolo brasiliano, affermiamo la nostra solidarietà con il popolo che sta resistendo agli attacchi anti-democratici e anti-popolari da parte delle forze che hanno fatto il golpe.

Leggi tutto...

NO su tutti i piani, la riforma in ascensore [ep. 2 semplificazione]

E-mail Stampa PDF

Un sostenitore della riforma costituzionale e la sua segretaria stanno andando ad un incontro sul referendum. In ascensore si preparano per il dibattito…oggi si parla della semplificazione.

Leggi tutto...

Gli avvoltoi sulla bara di Fidel

E-mail Stampa PDF

fidelcastro funeralidi Gianni Fresu per Marx21.it

C’era da aspettarselo, la morte di Fidel Castro, l’uomo che ha osato sfidare, e persino sconfiggere, gli USA nel loro cortile di casa, ha scatenato la canea e lo spirito di rivalsa di quanti non gli hanno saputo tenere testa in vita.  Così assistiamo a strumentali letture all’ingrosso, anatemi e condanne scomposte perché di questo uomo non rimanga nemmeno un ricordo vagamente positivo. Poi ci sono quelli che, “da sinistra”, inevitabilmente colgono la palla al balzo per mostrare le incongruenze della rivoluzione cubana, parlando di tradimento e occasione mancata. Queste critiche vengono sia dalla sinistra più pura e radicale, sia da quella “moderna” e antiautoritaria, tuttavia, entrambe si servono quasi sempre delle stesse argomentazioni più classiche adoperate dei reazionari al cubo. Così, non me ne vogliano i primi e i secondi, ma uso lo stesso metro di ragionamento per tutti questi detrattori, nel tentativo di spiegare la mia posizione.

Anzitutto, ai tanti che non hanno perso occasione per parlare dei "diritti umani violati" e denunciare la povertà di Cuba, suggerirei di confrontare il suo standard di vita non con l'opulento Occidente, ma con le altre isole caraibiche a poche miglia nautiche di distanza.

Leggi tutto...

Approfondimenti sulla controriforma costituzionale

E-mail Stampa PDF

Serata di formazione con Luca Alessandrini (direttore Istituto Parri Emilia Romagna), organizzata dal PCI - Federazione di Bologna

Presentazione della serata

Leggi tutto...

Io voto NO

E-mail Stampa PDF

Giusi Campanini, attivista del meet up 5S del primo municipio romano, racconta la campagna per il NO alla ‘deforma costituzionale’

Leggi tutto...

Italia campo di battaglia: guerre finanziarie all'ombra dell'egemonia nel Mediterraneo

E-mail Stampa PDF

italy mappamondodi Pasquale Cicalese

Riceviamo da Pasquale Cicalese e pubblichiamo come contributo alla discussione   sulle prospettive dell'Italia nel contesto di futuri scenari politici ed economici internazionali.

Il 2017 potrebbe essere l’anno risolutivo della lunga guerra d’Italia iniziata con Mani Pulite e il referendum per il maggioritario indetto da Mario Segni del 1992. Oggi come allora, ritroviamo quasi gli stessi protagonisti, da una parte la Gran Bretagna, dall’altra l’asse franco tedesco, entrambi protagonisti della perdita di quel minimo di sovranità garantita nella Prima Repubblica. 

Ma oggi, sullo sfondo, troviamo la nuova amministrazione Trump, la Russia di Putin e, in maniera defilata, la Cina. Tutti vogliono mettere un alfiere nello scacchiere Italia, portaerei militare e commerciale dell’intero bacino del Mediterraneo, area che da qui a pochi mesi sarà protagonista di una nuova spartizione tra Usa e Russia con una nuova Yalta, che abbraccia Iran, Siria, Israele, Libia, Egitto e, appunto, Italia. Il referendum del 4 dicembre costituisce lo spartiacque come quello promosso da Segni nel 1992. Del resto lo stesso Renzi pochi giorni fa dichiarava che un accordo Trump Putin apriva scenari nuovi per il nostro Paese, assieme alla Brexit.  Cerca di districarsi tra  Berlino e Londra-Washington, tra Mosca e Pechino, ma è un gioco più grandi di lui, al quale non ha saputo nemmeno giocare visto che aveva fatto il tifo per la Clinton e lui, assieme alla Merkel, era il referente in Europa del Partito democratico americano.

Leggi tutto...

La Costituzione italiana e i trattati europei: convivenza possibile? Intervento di Vladimiro Giacché

E-mail Stampa PDF

L'intervento di Vladimiro Giacché, Vice Presidente dell'Associazione politica e culturale MARX XXI, nel corso del convegno organizzato dalla Casa Rossa di Milano, il 5 novembre 2016.

Leggi tutto...

La scienza e la tecnologia secondo Fidel Castro

E-mail Stampa PDF

fidel castro foto 5di Massimo Zucchetti

Riceviamo dal professor Massimo Zucchetti e volentieri pubblichiamo la sua preziosa testimonianza

La scomparsa del Comandante Fidel Castro Ruz, avvenuta in questi giorni, mi ha portato a scrivere un breve ricordo di quelli che sono stati – avendoli verificati di persona - il suo pensiero sulla Scienza e la Tecnologia, la sua influenza sullo sviluppo di queste discipline a Cuba e nel mondo, e di come questo suo pensiero abbia contributo a conservare a Cuba la sua indipendenza.

Partiamo dalla mia esperienza personale, e non certo per mettere me stesso in mostra, ma per cercare di far capire a quale titolo vengano scritte queste righe: in questi giorni abbondano infatti sedicenti neo-esperti di Cuba, che nell’isola caraibica non hanno mai messo piede, se non al massimo per una settimana all-inclusive in un albergo a Varadero. Ho partecipato – dagli anni 90 fino all’anno scorso - a molte Conferenze internazionali a Cuba, in particolare relative a materie vicine alla mia disciplina, cioè la fisica nucleare e lo studio dell’ambiente. Nella serie di convegni internazionali WONP (Workshop On Nuclear Physics) e NURT (Nuclear and Related Techniques) ho potuto presentare molti miei lavori scientifici, trovando sempre ottima accoglienza, pubblico ampio, colleghi interessati con i quali ho anche intessuto rapporti di collaborazione.

Leggi tutto...

In Bolivia, a dicembre, il Vertice Mondiale Antimperialista

E-mail Stampa PDF

bolivia bandierada resistencia.cc

Traduzione di Marx21.it

In Bolivia, nel dipartimento centrale di Cochambamba, il 2 e 3 dicembre si svolgerà il Vertice Mondiale Antimperialista, in cui si analizzerà, tra gli altri temi, l'offensiva neoliberista contro i governi progressisti.

Secondo quanto comunicato da rappresentanti del comitato organizzatore a  Bolivia TV, l'incontro vedrà la partecipazione di delegati provenienti da più di 15 paesi, tra i quali Uruguay, Paraguay, Brasile, Messico, Perù, Argentina e Spagna.

Tra i temi che saranno dibattuti ci sono quelli riguardanti la presenza di basi militari degli Stati Uniti e l'ingerenza delle potenze imperialiste negli affari interni delle nazioni.

Altri punti di riflessione saranno l'uso delle reti sociali e il loro coordinamento, e come mobilitare la gioventù di tutto il mondo per fronteggiare gli attacchi delle forze egemoniche contro i governi progressisti.

Leggi tutto...

Si è conclusa con successo l'Assemblea del Consiglio Mondiale della Pace

E-mail Stampa PDF

assembleia mundial paz1da cebrapaz.org.br

Traduzione di Mauro Gemma

Il Consiglio Mondiale della Pace (CMP), il 20 novembre, ha concluso i suoi eventi in Brasile con un rinnovato impegno a rafforzare la solidarietà tra i popoli. Tra il 17 e il 20 novembre, nelle diverse riunioni dell'organizzazione internazionale, i delegati si sono confrontati sull'attuale congiuntura mondiale, sulle sfide più urgenti della lotta contro l'imperialismo e la minaccia di una guerra generalizzata. São Luís do Maranhão, luogo degli eventi, è stata dichiarata Capitale Mondiale della Pace, e il Centro Brasiliano per la Solidarietà ai Popoli e Lotta per la Pace (Cebrapaz) è stato l'anfitrione.

Quasi 50 delegati delle organizzazioni che fanno parte del CMP, di 33 paesi, hanno partecipato all'Assemblea Mondiale della Pace, il 18-19 novembre, e alla Conferenza Mondiale della Pace, il 20 novembre, iniziando i loro discorsi con i saluti al popolo brasiliano impegnato nella lotta per la democrazia, contro il governo golpista. Oltre a loro, 13 invitati di 10 paesi hanno partecipato agli eventi, che hanno contato sulla presenza massiccia di delegati di Cebrapaz.

Leggi tutto...

Follia neomaccartista: a proposito della risoluzione Ue

E-mail Stampa PDF

ue parlamento riunionedi Federico La Mattina
da it.sputniknews.com

La risoluzione approvata dal Parlamento europeo è estremamente grave e contribuisce ad incrementare le tensioni con la Russia.

La risoluzione, approvata da 304 eurodeputati, sulla presunta “propaganda” russa contro l’Ue è estremamente grave e fomenta ulteriormente le tensioni euro-russe. Si tratta di una risoluzione neomaccartista verniciata da un’ipocrita passione “liberale” e “democratica” che vede una sorta di rete di propaganda orchestrata dal Cremlino finalizzata a scardinare la stabilità europea.

In una fase storica complessa, anziché favorire un processo di distensione con la Federazione Russa, si alimenta un pericoloso clima russofobo, obbedendo alle richieste dei paesi più atlantisti e antirussi dell’Ue. Si mette in discussione la libertà di espressione, chiedendo “iniziative giuridiche” contro la “disinformazione” (alla faccia della libertà di espressione!). Chissà, magari chi si oppone alle sanzioni contro la Russia o si permette di criticare il golpe di Majdan (o dovremo chiamarla per forza “rivoluzione”?) sarà considerato un pericoloso nemico dell’informazione “corretta”.

Leggi tutto...

La violenza contro le donne e l'iniziativa del Partito Comunista Portoghese

E-mail Stampa PDF

donne garofanidi Fernanda Mateus, Commissione Politica del Partito Comunista Portoghese (PCP)

da avante.pt

Traduzione di Marica Guazzora per Marx21.it

L'articolo è stato pubblicato alla vigilia della Giornata Internazionale per la eliminazione di tutte le forme di violenza contro le donne

Il 25 novembre è la Giornata Internazionale per la eliminazione di tutte le forme di violenza contro le donne.

E’ giusto sottolineare l’iniziativa del PCP in tutta questa vasta problematica, constatata l’importanza che è stata attribuita alla lotta in difesa dei diritti delle donne e per la loro emancipazione.       

Questa iniziativa è espressione di dibattiti, riunioni, incontri e di un vasto numero di iniziative legislative volte a dare protezione adeguata alle donne vittime di violenza domestica e insieme sull’ampliamento del concetto di violenza, per garantire un quadro legale di protezione alle vittime di svariati tipi di violenza.

Leggi tutto...

La morte di Fidel Castro e il surrealismo di Saviano

E-mail Stampa PDF

castro Hdi Domenico Losurdo, Presidente dell'Associazione politica e culturale MARX XXI 

per Marx21.it

Oltre che dai presunti «dissidenti» di Miami, la morte di Fidel Castro è stata celebrata in modo scomposto da Roberto Saviano che ha scritto: «Morto Fidel Castro, dittatore. Incarcerò qualsiasi oppositore […] Giustificò ogni violenza». Naturalmente, nulla viene detto dell’interminabile embargo o blocco con cui l’imperialismo ha cercato di condannare alla capitolazione o alla morte per inedia un popolo «oppositore», e nulla viene detto degli innumerevoli tentativi della Cia di assassinare il leader cubano, il dissidente per eccellenza nei confronti dell’Impero. Saviano preferisce identificarsi con gli assassini dando lezioni di democrazia e di nonviolenza alle loro vittime e ai loro bersagli. Ne scaturisce un testo all’insegna del surrealismo, il surrealismo dell’ideologia dominante. È un surrealismo da me denunciato in due libri dai quali riprendo alcuni estratti (ringraziando gli Editori).  Domenico Losurdo

Leggi tutto...

Rivoluzione è:

E-mail Stampa PDF

fidelcastro speechdi Fidel Castro Ruz
da pcc.cu

Traduzione di Marx21.it

Ci associamo all'unanime cordoglio per la morte di Fidel Castro Ruz e rendiamo omaggio alla figura di uno dei grandi rivoluzionari della storia, pubblicando un pensiero che racchiude il significato di un'intera vita dedicata alla causa degli sfruttati e degli oppressi, e intendiamo farlo allo stesso modo con cui il suo partito, il Partito Comunista di Cuba, ha annunciato la  scomparsa del Líder Máximo al mondo intero.

Marx21.it 

Rivoluzione è il senso del momento storico;

è cambiare tutto ciò che deve essere cambiato;

è uguaglianza e libertà piene; è essere trattato e trattare gli altri come esseri umani;

Leggi tutto...

"Salvare l'Europa” significa sconfiggere l'UE

E-mail Stampa PDF

desousa manodi Jeronimo de Sousa, Segretario generale del Partito Comunista Portoghese (PCP)*

da avante.pt

Traduzione di Marx21.it

Jeronimo de Sousa, Segretario generale del Partito Comunista Portoghese, ha rilasciato una lunga intervista al settimanale del suo partito in cui affronta molti degli argomenti contenuti nelle Tesi preparatorie del XX Congresso del PCP, che si svolgerà ai primi di dicembre. Il compagno de Sousa, nel corso della conversazione, affronta anche le questioni relative ai più recenti sviluppi nell'Unione Europea. E' questa la parte che proponiamo ai lettori di Marx21.it   

L'evoluzione dell'Unione Europea è analizzata in profondità nelle Tesi. In un passaggio, si afferma che gli ultimi quattro anni hanno dimostrato “ancora più chiaramente la natura di classe dell'UE”. Vuoi spiegare?

In questo periodo si è accentuato un processo che è dettato dagli interessi e le necessità del grande capitale nella fase imperialista. Si sono affermati uno spazio e strumenti di dominio dei grandi monopoli e delle multinazionali europee, si è concentrato il potere nelle grandi potenze e si sono approfonditi i pilastri del neoliberalismo e del militarismo e, pur con tutte le contraddizioni, del federalismo.

Leggi tutto...

NO su tutti i piani, la riforma in ascensore [ep. 1: Senato]

E-mail Stampa PDF

Un sostenitore della riforma costituzionale e la sua segretaria stanno andando ad un incontro sul referendum. In ascensore si preparano per il dibattito…oggi si parla del senato.

Leggi tutto...

I comunisti sudafricani di fronte alla crisi del capitalismo e all'offensiva dell'imperialismo

E-mail Stampa PDF

sacp logo 500pxdi Partito Comunista Sudafricano
da solidnet.org

Traduzione di Marx21.it

Il contributo del Partito Comunista Sudafricano (SACP) al 18° Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai (IIPCO) tenutosi ad Hanoi.

Il Partito Comunista Sudafricano (SACP) esprime profonda gratitudine al Partito Comunista del Vietnam per avere ospitato il 18° Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai e avere creato le condizioni in grado di garantire lo svolgimento dei lavori senza problemi.

L'Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai si svolge sul tema: “La crisi capitalista e l'offensiva imperialista – strategia e tattica dei Partiti Comunisti e Operai nella lotta per la pace, i diritti dei lavoratori e dei popoli, il socialismo”. Crediamo che questo tema interpreti correttamente l'essenza delle lotte delle classi lavoratrici e degli strati popolari nell'attuale periodo. Dobbiamo continuare a ricercare risposte adeguate alla crisi e fornire alternative alle masse popolari in sofferenza per le conseguenze degli effetti del capitalismo. I lavoratori e gli strati popolari dipendono da noi nella lotta per una migliore qualità della vita, il superamento finale del capitalismo e la costruzione del socialismo.

Leggi tutto...

Internet e la rivoluzione tecnologica creeranno un nuovo capitalismo?

E-mail Stampa PDF

internet codicedi Francesco Maringiò

Intervento al Forum “La Via Cinese e il contesto internazionale, Roma, 15 ottobre 2016

Sono molto onorato di intervenire oggi a questo importante Forum e sono molto felice di incontrare gli amici e compagni dell'Accademia del Marxismo Cinese, il Presidente Deng, la Direttrice Lv e gli amici studiosi da tutta la Cina. Solo un confronto approfondito può aiutare lo sviluppo e l'arricchimento del dibattito e della comune conoscenza e per questo ringrazio l'Accademia Cinese delle Scienze Sociali per lo sforzo e l'impegno.

Già prima di me, i ricercatori Yang Jinwei e Liang Junlan hanno affrontato il tema della governance globale di internet e del percorso internazionale di difesa della sovranità di rete, per cui mi concentrerò su altri aspetti.

Secondo gli Internet Live Stats, il numero di utenti a livello mondiale ha superato i 3,4 miliardi e di questi 721 milioni vivono in Cina che, quindi, ha il dovere di porsi il problema della governance di internet. Già nel 1999 la Repubblica Popolare ha lanciato il Golden Shield Project (o “Great Firewall of China”), lo strumento principale per la tutela della sicurezza nazionale nel dominio digitale.

Leggi tutto...

Trump conferma l’alleanza con Israele. Al Fatah verso il congresso sul nodo dei due stati

E-mail Stampa PDF

trump israeledi Bassam Saleh
da ilpartitocomunistaitaliano.it

Pubblichiamo l'articolo del compagno Bassam Saleh come stimolante contributo alla discussione sugli sviluppi negli scenari internazionali (in questo caso della Palestina e del Medio Oriente più in generale) dopo l'elezione di Trump alla presidenza degli Stati Uniti

La storia dell’umanità è piena di sorprese. Ed è anche spesso imprevedibile. Le elezioni americane, inaspettatamente, hanno portato il miliardario Trump alla casa Bianca, quando la stragrande maggioranza prospettava e si aspettava la vittoria della Clinton. Il neo Presidente ha capovolto tutti i sondaggi, e tutti i media che hanno tifato per la signora Clinton. Trump non ha solo vinto, ha sconfitto l’industria elettorale, compreso lo stesso sistema socioeconomico e perché no, anche politico culturale, che ha sempre avuto la sua supremazia nelle elezioni americane.

Trump, il candidato preso in giro, ridicolizzato e sotto valutato, ha vinto ed è il presidente degli Stati Uniti. Un personaggio contradittorio, ignorante, razzista, sessista, pericoloso, antisistema, forse innovativo. Con tutto ciò, ha avuto i voti della classe media schiacciata dalla crisi economica, dei giovani e della lobby sionista americana, il 90% dei voti della lobby ebraica secondo i giornali israeliani.

Leggi tutto...

Pagina 1 di 166