Ttip, la «Nato economica»

Ttip, la «Nato economica»

di Manlio Dinucci

L’ambasciatore Usa presso la Ue, Anthony Gardner, insiste che «vi sono essenziali ragioni geostrategiche per concludere l’accordo»

Continua...
Un 1° maggio a Milano, storie di ordinaria follia

Un 1° maggio a Milano, storie di ordinaria follia

Comitato Contro la Guerra Milano

Come si sa, definire esattamente quando sia nata la grande manifestazione internazionale a data fissa riguardante i lavoratori è difficile, nessuna burocrazia potrebbe rilasciare a tale riguardo un certificato di nascita indiscutibile.

Continua...
A due anni dal massacro di Odessa

A due anni dal massacro di Odessa

da Avante!

Il massacro nella Casa dei Sindacati di Odessa è emblematico del corso impresso all'Ucraina dopo il colpo di Stato del febbraio 2014 e l'ascesa delle forze nazifasciste con l'appoggio di USA e UE

Continua...
La persecuzione politica si intensifica in Lettonia (Unione Europea)

La persecuzione politica si intensifica in Lettonia (Unione Europea)

da inter.kke.gr

Interrogazione del Partito Comunista di Grecia (KKE) a Federica Mogherini

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Associazione Politico-Culturale Marx XXI

Appello dei comunisti polacchi alla solidarietà internazionale

E-mail Stampa PDF

pc polonia bandieradi Partito Comunista della Polonia
da www.solidnet.org

Traduzione di Marx21.it

E' molto importante che la solidarietà con il PC della Polonia, che opera in condizioni difficili, e il sostegno ai comunisti perseguitati siano espressi ora in modo massiccio e risoluto. Con proteste di fronte alle ambasciate della Polonia in ogni paese, con mozioni di solidarietà, ecc.

Giù le mani dal PC della Polonia! La persecuzione anticomunista deve cessare! Le inaccettabili leggi anticomuniste devono essere abolite! L'anticomunismo e la riscrittura della storia non avranno successo!

Militanti del Partito Comunista della Polonia condannati per “propaganda comunista”

Il 31 marzo 2016, quattro attivisti del Partito Comunista della Polonia sono stati condannati dalla Corte Regionale a Dąbrowa Górnicza per avere fatto propaganda all'ideologia comunista sul quotidiano “Brzask” e nel sito del partito. Sono stati condannati a 9 mesi di libertà vigilata con l'obbligo del lavoro sociale e al pagamento di multe.

Leggi tutto...

Contro il colpo di stato parlamentare attuato in Brasile

E-mail Stampa PDF

Wfdy logoDichiarazione della Federazione Mondiale della Gioventù Democratica (FMGD)

traduzione di Giulia Salomoni per Marx 21.it

La Camera dei Deputati del Brasile ha approvato domenica 17 aprile l'avvio di un processo politico contro la presidente democraticamente eletta dalla maggioranza del popolo brasiliano Dilma Rousseff. Questo tentativo di processare la Presidente è promosso dai settori della destra insieme alla stampa reazionaria ed è il primo passo di un colpo di stato parlamentare contro un governo eletto democraticamente con l’obiettivo di porre fine a più di un decennio di conquiste sociali portate avanti dal governo del Partito dei Lavoratori e screditare i risultati raggiunti a favore del popolo.

È un attacco senza prove né fondamenti legali contro la democrazia brasiliana e contro la legittimità della decisione del popolo attraverso le urne. Da oltre un mese è stato denunciato questo colpo di stato dalla stessa presidente, dall’ex presidente e leader del Partito dei Lavoratori Luiz Inacio “Lula” Da Silva, dai dirigenti dei movimenti sociali e dai partiti politici della sinistra brasiliana.

Leggi tutto...

Intensificare la denuncia internazionale del golpe in Brasile

E-mail Stampa PDF

golpenuncamaisdi Jeferson Miola*
da resistencia.cc

Traduzione di Marx21.it

La stampa seria del mondo, i settori giuridici, politici, intellettuali, accademici; governi e organismi internazionali sono unanimi nella condanna del colpo di Stato che è in corso in Brasile attraverso un processo fraudolento di impeachment

In una rete della TV del Portogallo, l'analista Miguel Sousa Tavares, che segue la realtà brasiliana da oltre 30 anni, ha affermato che la sessione della Camera dei Deputati “è stata un'assemblea generale di banditi comandata da un bandito di nome Eduardo Cunha che ha proceduto alla destituzione della Presidente senza alcuna base giuridica né costituzionale, ma, soprattutto, con una mancanza di dignità che io definirei agghiacciante;una vergogna”. E aggiunge: “Non ho mai visto il Brasile scendere così in basso”.

La partecipazione della presidente Dilma alla firma del protocollo sui cambiamenti climatici alle Nazioni Unite, a New York, è una nuova opportunità per chiarire al mondo in merito al golpe.

Leggi tutto...

In Ucraina si scatena la guerra alla memoria dei combattenti contro il nazifascismo

E-mail Stampa PDF

ucraina statua leninDichiarazione del Partito Comunista di Ucraina
da www.solidnet.org

Traduzione di Marx21.it

In occasione dell'anniversario della Liberazione del nostro paese, intendiamo richiamare l'attenzione dei nostri lettori, dei militanti antifascisti e delle loro organizzazioni, a cominciare dalla gloriosa ANPI alla vigilia del suo Congresso, sull'appello lanciato dal Partito Comunista di Ucraina in difesa della memoria antifascista, in un paese del continente europeo guidato oggi da una giunta nazionalista-oligarchica - arrivata al potere con un colpo di stato appoggiato da USA, UE e NATO e dal baccano dell'apparato mediatico dominante in Occidente -, i cui dirigenti non esitano ad ispirarsi alla peggiore eredità del collaborazionismo con gli aggressori hitleriani, offrendo spazio e copertura alle azioni criminali di bande nazi-fasciste che agiscono nell'impunità, scatenando la violenza più brutale non solo contro gli oppositori politici del regime, ma anche contro gli stessi simboli dell'eroismo antifascista.

Il Partito Comunista di Ucraina rileva che in un certo numero di località del nostro paese criminali nazionalisti radicali, incoraggiati dal regime nazionalista-oligarchico che è salito al potere dopo il colpo incostituzionale del febbraio 2014, è stata scatenata una guerra contro i monumenti ai soldati sovietici, i partigiani e i combattenti nella clandestinità uccisi durante la Seconda Guerra Mondiale. Ciò è in contrasto con le risoluzioni delle Nazioni Unite che condannano la profanazione dei monumenti ai combattenti contro il fascismo, è in contrasto con la Convenzione per la salvaguardia del patrimonio architettonico d'Europa, firmata dalla maggior parte dei paesi europei, ignora il giudizio prevalente dell'opinione pubblica, le opinioni dei cittadini.

Leggi tutto...

Tamburi di guerra in Venezuela

E-mail Stampa PDF

venezuela agression usa global researchdi Atilio Boron*
da www.alainet.org

Traduzione di Giulia Salomoni per Marx21.it

Dalle sue origini il processo bolivariano è stato identificato da Washington come un'escrescenza che doveva essere rapidamente rimossa dell'emisfero. Si è tentato di farlo con tutti i mezzi ma niente ha dato risultati: né il colpo di stato, né la disoccupazione petrolifera, né le molestie diplomatiche, politiche e mediatiche hanno dato i loro frutti. Sul terreno elettorale il predominio di Chávez era schiacciante: resisteva a piedi fermi alle pressioni ed il suo popolo lo seguiva con entusiasmo. La Casa Bianca ha accelerato l'aggressione una volta scatenato il lento ma implacabile assassinio per tappe del Comandante. E dopo la sua morte l'offensiva ha assunto caratteristiche ancora più brutali. Ogni discrezione è stata lasciata da parte: bande mercenarie dell'uribismo (legate a Álvaro Uribe Vélez, ex presidente colombiano che si oppone al dialogo con le FARC n.d.t.) sono entrate seminando violenza e morte per tutto il paese, come oggi lo fanno i "mareros" che quotidianamente (sì, quotidianamente, secondo quello che riporta un’alta fonte ufficiale di El Salvador!) Obama rilascia dalle prigioni nordamericane per inviarli, con tutte le carte in regola, al rassegnato paese centroamericano affinché seminino il caos e la distruzione.

Leggi tutto...

Evo Morales chiama alla mobilitazione contro l'offensiva neoliberista in America Latina

E-mail Stampa PDF

Evomorales e1460411386965da www.resistencia.cc

Traduzione di Marx21.it

Il presidente boliviano, Evo Morales, ha messo in guardia i popoli sudamericani sulle nuove modalità che la destra latinoamericana sta utilizzando per rovesciare i governi progressisti, con golpe giudiziari e parlamentari invece che con le sollevazioni militari e civili.

Ora i golpe non sono più militari e neppure civili, sono di carattere giudiziario e parlamentare, e le campagne mediatiche e politiche sono orientate a indebolire l'immagine dei governanti antimperialisti e a pregiudicare la stabilità dei paesi progressisti della regione, ha sottolineato Morales.

Per arrivare dove siamo arrivati in Bolivia, ha sottolineato Morales, è stata molto importante l'unità del popolo, di tutti i settori sociali. Ci saranno accuse e menzogne e i neoliberisti – più noti nel paese come i “vendi-patria” faranno di tutto per mettere fine a questo processo, ha aggiunto.

Dopo avere riaffermato la sua solidarietà alla presidente Dilma Rousseff, all'ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva e all'ex presidente dell'Argentina, Cristina Kirchner, sottoposti a un feroce attacco mediatico, Evo ha affermato che la destra è in cerca di qualsiasi pretesto per impedire a Lula di essere candidato alle prossime elezioni del Brasile.

Leggi tutto...

Il Partito per il Socialismo e la Liberazione sulla questione siriana

E-mail Stampa PDF

syrianarmy 800da icp.sol.org.tr

Traduzione di Marx21.it

La sintesi di un articolo del Partito per il Socialismo e la Liberazione (USA) sulla guerra in Siria e la politica statunitense in merito alla questione.

Il Partito per il Socialismo e la Liberazione (PSL), in un articolo pubblicato sul giornale Liberation evidenzia come la politica USA in Siria sia priva di un obiettivo realistico.

“Da un lato, gli Stati Uniti vogliono ancora rovesciare Assad e il ruolo guida del Partito Ba'ath della Siria. Dall'altro lato, le uniche alternative reali ad Assad sono lo Stato Islamico e il Fronte Nusra. L'Esercito Libero Siriano non ha la forza e l'influenza per esercitare oggi una valida alternativa, sempre che riesca ad averle in futuro. Quelli che gli Stati Uniti considerano “ribelli moderati”, per la verità i terroristi “buoni” per Washington, sono coloro che ambiscono ad instaurare alleanze tattiche con gli USA. Sul terreno, però, i “ribelli moderati” da lungo tempo sono impegnati in alleanze regionali e locali con Nusra, di cui condividono i principi fondamentali della stessa ideologia”, scrive Mazda Majidi nell'articolo dal titolo "Will the U.S. abandon ‘Assad must go’?".

Leggi tutto...

No alle bombe nucleari in Italia

E-mail Stampa PDF

no nucleardi Comitato No Guerra No Nato 

PER LA SICUREZZA, LA SOVRANITA’, LA LEGALITA’ 

Sono in fase di sviluppo negli Stati Uniti le bombe nucleari B61-12, destinate a sostituire le attuali B61 installate dagli Usa in Italia, Germania, Belgio, Olanda e Turchia.

La B61-12 non è una semplice versione ammodernata della B61, ma una nuova arma nucleare. Ogni singola bomba ha una testata con quattro opzioni di potenza selezionabili: può così svolgere la funzione di più bombe. La potenza media della B61-12 equivale circa a quella di quattro bombe di Hiroshima. 

A differenza della B61 sganciata in verticale sull’obiettivo, la B61-12 viene lanciata a distanza e guidata sull’obiettivo tramite una speciale sezione di coda. 

Sono in corso test per dotare la B61-12 della capacità  di penetrare nel terreno prima di esplodere, distruggendo i bunker dei centri di comando e altre strutture sotterranee in un attacco nucleare di sorpresa. 

Leggi tutto...

Il centralismo democratico secondo Cunhal

E-mail Stampa PDF

a cura di Annita Benassi

Riteniamo utile proporre ai lettori di Marx21.it questo importante contributo del grande dirigente comunista portoghese Alvaro Cunhal, pubblicato recentemente dal sito "La Città Futura".

cunhal redIl centralismo democratico secondo Cunhal - Parte I
Annita Benassi, a cura di | lacittafutura.it

La democrazia interna
Il centralismo democratico, principii e pratica

L'osservanza formale dei principi di base del centralismo democratico definiti da Lenin, consacrati dall'Internazionale Comunista e praticamente dagli statuti di tutti i partiti comunisti, non definisce solo per sè il funzionamento organico del Partito, la vera relazione tra la Direzione e la base, e molto meno lo stile di lavoro.

Potrà sembrare che, definiti questi principi e garantita la loro applicazione formale, sono definite e garantite le caratteristiche fondamentali della struttura organica del Partito.

Tuttavia questo non corrisponde alla realtà.

Spettano all'adempimento formale dei principi basici del centralismo democratico molti e vari metodi di lavoro di direzione e di intervento degli organismi e dei militanti nella vita di Partito.

Leggi tutto...

Davanti al precipitare della situazione, il PC de la Reunion invita i lavoratori all'unità

E-mail Stampa PDF

ary yvandi Manuel Marchal

Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx 21.it

Comunicato del 9 Aprile 2016

Il Partito Comunista de la Reunion ha tenuto una conferenza stampa ieri a Saint Pierre. La moltiplicazione degli scioperi e delle manifestazioni di tutti i tipi sottolineano una situazione sociale che peggiora, constata il PCR. Mostrano una crisi che sottolinea l'assenza di soluzione in un quadro vecchio di 70 anni. Il PCR chiama i reunionesi a organizzarsi e a mobilitarsi attorno a un progetto che solo loro sono capaci di definire e di applicare.

Nel momento in cui la Reunion commemora il 70° anniversario dell'abolizione dello Statuto Coloniale, la situazione sociale è estremamente inquietante, ha ieri sostenuto il PCR in una conferenza stampa a St-Pierre tenuta da due dei suoi segretari generali: Yvan Dejean e Ary Yée Chong Tchi Kan.

Yvan Dejean è tornato innanzitutto sullo sciopero alla BTP [la confederazione delle imprese di costruzione ndt]. Lanciato mercoledì scorso, ha paralizzato un settore strategico. A fronte di un aumento del 3% dei salari chiesto dai sindacati, i padroni non hanno proposto altro che uno 0% di aumento. L'ampiezza del conflitto è eccezionale, poiché tutti i sindacati si sono mobilitati.

Leggi tutto...

La lotta continuerà e il popolo brasiliano sconfiggerà il golpe

E-mail Stampa PDF

carasdogolpedi Socorro Gomes* | da resistencia.cc 

Traduzione di Marx21.it

L'infamia e la malvagità sono state le protagoniste di domenica 17 aprile, nella Camera dei Deputati. Una sessione che riempie di obbrobrio i responsabili dell'odiosa trama ordita dal vice-presidente della Repubblica, Michel Temer, la cui memoria sarà ricoperta di vergogna dai brasiliani, per molte generazioni.

Colui che vuole usurpare il mandato conferito alla presidente Dilma da 54 milioni di brasiliani passerà alla storia come l'uomo che ha usato la sua carica di vice-presidente per tramare e cospirare e, percorrendo l'odioso cammino del tradimento della Costituzione che aveva giurato di difendere, per arrivare al potere senza voti, colpendo la democrazia e la volontà popolare.

Mosso da un'incontrollabile ambizione, Michel Temer ha scelto i golpisti per offrire i suoi servizi quale fedele esecutore di un complotto criminale. Il maestro di cerimonia dell'atto fraudolento, travestito da processo di un inesistente crimine contro l'ordine fiscale, è stato Eduardo Cunha, chiamato a giudizio nel Consiglio dell'Etica della Camera e in un processo per corruzione alla Corte Suprema. Come giullari di corte, figurano Jovair Arantes e Rogério Rosso. I presunti artifici fiscali non sono stati neppure menzionati dai deputati al momento della dichiarazione del loro voto, in una evidente dimostrazione di quanto fosse insignificante per i “giudicatori” il tema che era messo in votazione.

Leggi tutto...

La politica estera USA opera anche con le “investigazioni giornalistiche”

E-mail Stampa PDF

panama papersdi Ernesto Carmona*
da www.alainet.org

Traduzione di Giulia Salomoni per Marx21.it

Gli Stati Uniti continuano a presentarsi come campioni mondiali dell'etica, mentre con l'altra mano lanciano i propri droni ad ammazzare gente a cottimo nella loro lotta permanente per la democrazia e contro il terrorismo, come succede quotidianamente in Pakistan, in aggiunta al loro curriculum di aggressioni ovunque durante lunghi decenni, con e senza Obama. Apparentemente, ultimamente hanno iniziato una crociata contro la corruzione. E' cominciato col marciume della FIFA, il nostro sacro calcio quotidiano, ed ora finanzia "investigazioni giornalistiche" di grosso calibro che fanno scoppiare meticolosi scandali internazionali in tutti i mezzi di comunicazione del mondo, come nel caso dei Panama Papers.

Il chiasso e la commozione scatenati per il "Panama Papers" eludono la questione di fondo che è l’iper-commercio del riciclaggio di denaro sporco, commercio nel quale la Repubblica di Panama è un attore quasi insignificante su scala mondiale. Benché le carte sporchino capi di Stato alleati degli USA e difensori dei "fondi avvoltoio" come Macri ed il Re del Marocco, peraltro colpiscono anche Putin, i dirigenti del PC cinese e molti altri personaggi ostili al paese di Obama.

Leggi tutto...

Criminali al servizio di Kiev

E-mail Stampa PDF

da PandoraTV

Dmitrij Tymchuk, deputato del Parlamento ucraino e coordinatore del sito “Resistenza Informativa”, una delle principali risorse di Kiev sulla guerra nel Donbass, racconta di come il governo si sia servito di volontari pregiudicati per scatenare un conflitto nelle regioni orientali dell’Ucraina.


Leggi tutto...

SIRIA: “La Resistenza Siriana” (Al Muqāwamat al-Sūriyah), nata dal “Fronte Popolare di Liberazione d’Iskenderun della Siria”

E-mail Stampa PDF

resistenza sirianadi Enrico Vigna

Riceviamo dal compagno Enrico Vigna e volentieri pubblichiamo

La Resistenza siriana è una organizzazione guidata da Mihraç Ural, anche chiamato Ali Kayali, un turco alawita con la cittadinanza siriana. Inizialmente Ural era il leader di un gruppo clandestino nella provincia di Hatay nel sud della Turchia, il “Partito/Fronte Popolare di Liberazione Turco ‘Acilciler’”.

Questa formazione rappresentava in particolare la popolazione alawita di Hatay e la difendeva dagli attacchi dell’esercito turco; dopo lo scoppio della guerra in Siria ha completamente spostato la sua zona di operazioni in Siria per combattere il terrorismo fondamentalista a fianco del governo siriano, formando prima il Fronte Iskenderun e ora la “Resistenza Siriana”. L’organizzazione opera in unità con formazioni minori, sulle basi di una piattaforma politica fondata da un lato su posizioni di patriottismo siriano inserito in una analisi marxista e leninista (con una particolare rilevanza alla figura di Che Guevara) e dall’altra sulla missione di difendere le minoranze religiose alawite e sciite duodecimane della Siria; a questi scopi si affianca l’obiettivo di favorire il ritorno alla Siria di quelle aree siriane che da decenni sono occupate dalla Turchia.

Leggi tutto...

Escalation nucleare in Europa

E-mail Stampa PDF

ussdonaldcookdi Manlio Dinucci
da il manifesto, 19 aprile 2016

La Casa Bianca è «preoccupata» perché caccia russi hanno sorvolato a distanza ravvicinata una nave Usa nel Baltico, effettuando un «attacco simulato»: così riportano le nostre agenzie di informazione. Non informano però di quale nave si trattasse e perché fosse nel Baltico. 

È la USS Donald Cook, una delle quattro unità lanciamissili dislocate dalla U.S. Navy per la «difesa missilistica Nato in Europa». Tali unità, che saranno aumentate, sono dotate del radar Aegis e di missili intercettori SM-3, ma allo stesso tempo di missili da crociera Tomahawk a duplice capacità convenzionale e nucleare. In altre parole, sono unità da attacco nucleare, dotate di uno «scudo» destinato a neutralizzare la risposta nemica. 

La Donald Cook, partendo l’11 aprile dal porto polacco di Gdynia, incrociava per due giorni ad appena 70 km dalla base navale russa di Kaliningrad, ed è stata per questo sorvolata da caccia ed elicotteri russi. 

Oltre che le navi lanciamissili, lo «scudo» Usa/Nato in Europa comprende, nella conformazione attuale,  un radar «su base avanzata» in Turchia, una batteria missilistica terrestre Usa in Romania, composta da 24 missili SM-3, e una analoga che sarà installata in Polonia. 

Leggi tutto...

Diritti umani: Pechino risponde a Washington. Una lettura consigliata

E-mail Stampa PDF

usa clochard bandieradi Diego Angelo Bertozzi
per Marx21.it

Ogni anno il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti pubblica un rapporto sullo stato dei diritti umani nel Mondo, sorvolando puntualmente sulla propria preoccupante situazione interna. Fortunatamente non tutti sono ancora disposti a subire in silenzio l'irrevocabile giudizio e l'imposizione di una concezione assai ristretta dei diritti in oggetto; c'è chi replica ad una operazione politica che ha il chiaro compito di delegittimare Paesi considerati avversari od ostacoli allo spiegamento del disegno di dominio imperiale.

Da qualche anno a questa parte, l'Ufficio Informazioni del Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese, basandosi su fonti statunitensi, stende un proprio rapporto che racconta un quadro desolante, in continuo peggioramento, della situazione dei diritti umani nel Paese che da secoli si arroga l'imperiale diritto di esportare civiltà e democrazia. Un rapporto che va letto in ogni suo paragrafo anche perché ha il merito di ampliare l'orizzonte di valutazione trattando come violazioni dei diritti umani anche le guerre di aggressione, i bombardamenti indiscriminati, la povertà, il razzismo, la diffusione di armi da fuoco.

Leggi tutto...

La Cina nella finanza globale (IV)

E-mail Stampa PDF

China stock Market 704x349di Ann Lee
da ilcaffegeopolitico.org

Riceviamo dal Professor Fabio Massimo Parenti (Associate Professor Economic and Political Geography The Italian International Institute Lorenzo de' Medici) e volentieri pubblichiamo

Comprendere la CinaNon solo yuan: per aumentare la propria presenza sulla scena finanziaria internazionale, Pechino ha dato vita ad una serie di organizzazioni regionali, quasi tutte dedicate alla promozione degli investimenti infrastrutturali.

L’ASCESA DELLA CINA – Nella sua progressiva proiezione internazionale, la Cina manifesta una strategia sempre più chiara: le autorità politiche della Repubblica popolare continuano a negoziare molto con le loro controparti statunitensi, mentre allo stesso tempo cercano di portare avanti la propria agenda. L’intento è di cercare di armonizzare le necessità nazionali con la leadership degli Usa. Dal 2009, la Cina ha di fatto promosso l’uso della propria moneta al livello internazionale in modo graduale ma rapido. Prima del 2009, la moneta cinese aveva una presenza nelle transazioni internazionali pari a zero. Dopo pochi anni, nel 2014, è diventata la settima valuta più popolare a livello mondiale per regolare i pagamenti globali e la seconda più usata tra la Cina e il resto del mondo (dati della Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication, SWIFT).

Leggi tutto...

Resistenza brasiliana: la lotta continua!

E-mail Stampa PDF

brasile manifestazionenogolpeDichiarazione di José Reinaldo Carvalho, Segretario di Politica e Relazioni Internazionali del Partito Comunista del Brasile (PCdoB)

da www.resistencia.cc

Traduzione di Marx21.it

I comunisti denunciano e combattono il golpe. La sessione della Camera dei Deputati, che sotto una direzione corrotta e truculenta, ha approvato domenica 17 aprile l'ammissibilità dell'impeachment della presidente Dilma, ha rivelato l'estensione, l'ampiezza, la profondità e la forza delle posizioni della destra, reazionarie, oscurantiste e fasciste.

Il Brasile sta entrando in una nuova fase di lotta. Noi comunisti siamo disposti a svolgere il nostro ruolo nell'unità delle forze democratiche e progressiste, come uno dei nuclei dell'unità delle sinistre.

Ci proclamiamo all'opposizione dell'eventuale governo degli usurpatori. Confidiamo nella lotta del nostro popolo. In qualsiasi circostanza, riorganizzeremo le forze della sinistra, le uniremo, formuleremo un nuovo programma, praticheremo metodi differenti, per imprimere un nuovo corso alla lotta che si annuncia prolungata.

Leggi tutto...

Flora Tristán scrittrice e attivista francese

E-mail Stampa PDF

FloraTristandi Marica Guazzora
da pcditoibarruri.com

(París, 1803-Burdeos, 1844)

Nata il 7 aprile del 1803 a Parigi. Passò l’infanzia in Spagna e la sua casa fu visitata da personaggi come Simon Bolivar (che dicono potrebbe essere suo padre biologico).

Figlia di una dama francese dell’aristocrazia e di un peruviano Mariano Tristán y Moscoso, con buone condizioni di vita e relazioni sociali, ma che non la riconobbe legalmente e morì lasciando lei e il fratello in povertà.

La sua situazione di figlia illegittima le impedì di ereditate i beni di suo padre e dovette andare a lavorare a 17 anni come operaia in una litografia. Sposatasi forzatamente con il proprietario Andrè Chazal, un uomo crudele, ebbe tre figli, uno morì molto piccolo, il secondo si chiamò Ernest e la terza Aline, nata nel 1825, sarà la futura madre del pittore Paul Gauguin.

Scoprì il femminismo leggendo “Rivendicazioni dei diritti della donna” di Mary Wollstonecraft mentre aspettava la nascita dei suoi bambini e divenne lei stessa chiave del femminismo moderno. Fu precisamente quando stava aspettando Aline che decise di lasciare un marito che la maltrattava fisicamente e psicologicamente. Da qui iniziò una battaglia per la custodia dei figli e si trasferì e inizio le sue peregrinazioni scappando di paese in paese e facendo ogni sorta di lavoro per mantenere la famiglia e sempre perseguitata dall’ex marito fino a quando Chazal nel tentativo di ucciderla fu arrestato e incarcerato.

Leggi tutto...

Pagina 1 di 145