La falsa accusa di Trump a Obama di Manlio Dinucci

La falsa accusa di Trump a Obama di Manlio Dinucci

da il Manifesto

Di fronte all’accusa del neoeletto presidente Trump all’amministrazione Obama, perché avrebbe ottenuto poco o niente dagli alleati in cambio della «difesa» che gli Stati uniti assicurano loro, è sceso in campo il New York Times.  Ha pubblicato il 16 gennaio…

Continua...
Il leader comunista russo commenta il discorso di Trump

Il leader comunista russo commenta il discorso di Trump

di Ghennady Zyuganov

Il 21 gennaio scorso, di fronte al Mausoleo di Lenin, in occasione della cerimonia commemorativa della scomparsa del grande dirigente della Rivoluzione di Ottobre, il leader del Partito Comunista della Federazione Russa, Ghennady Zyuganov, ha commentato ...

Continua...
Dalla de-globalizzazione esce vincente la Cina

Dalla de-globalizzazione esce vincente la Cina

di Pasquale Cicalese

di Pasquale Cicalese per Marx21.it

Continua...
Oscar López Rivera è libero, ma la lotta per l'indipendenza di Porto Rico continua!

Oscar López Rivera è libero, ma la lotta per l'indipendenza di Porto Rico continua!

Dichiarazione di Socorro Gomes, Presidenta del Consiglio Mondiale della Pace

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Associazione Politico-Culturale Marx XXI

La politica di Una Sola Cina non è negoziabile

E-mail Stampa PDF

Lu Kangda resistencia.cc

Traduzione di Marx21.it

Il 14 gennaio, la Cina ha comunicato agli Stati Uniti che la politica di Una Sola Cina rappresenta la politica fondamentale delle relazioni bilaterali e non è negoziabile.

Il portavoce del Ministero delle Relazioni Estere della Cina, Lu Kang, ha rilasciato un commento in risposta alla dichiarazione del presidente eletto degli Stati Uniti, Donal Trump, in merito al fatto che la politica di Una Sola Cina su Taiwan debba essere negoziata e che egli non si sente completamente impegnato a rispettarla.

“Tutto è in fase di negoziazione, compresa (la politica di) Una Sola Cina”, ha dichiarato Trump  in un'intervista al Wall Street Journal.

E' d'obbligo precisare che esiste Una Sola Cina nel mondo, e Taiwan è parte inalienabile della Cina, ha affermato Lu in un comunicato rilasciato sabato scorso.

Leggi tutto...

Il ritorno della partecipazione e le bizzarrie di Battista

E-mail Stampa PDF

smuraglia carlodi Carlo Smuraglia, Presidente dell’ANPI nazionale | da patriaindipendente.it

Bocciata per la seconda volta una riforma costituzionale sostenuta dal governo in carica, ma il giornalista del “Corriere” si impantana nei partigiani “veri e falsi” e nell’anno “pazzotico”

Sono certo che molti avranno notato con quale celerità il referendum sulla riforma del Senato, è stato “archiviato”. Pochi giorni di commenti subito dopo il voto e poi non se ne è parlato più. Singolare! Sia ben chiaro. Io non intendo riprendere l’ampia discussione che c’è stata sul Sì e sul No; quella, sì, è ormai archiviata ed è inutile tornarci sopra; anzi, sarebbe forse dannoso, in qualche modo, perché manterrebbe in vita senza ragione quella divisività che è stata la principale caratteristica del progetto di riforma costituzionale.

Io mi riferisco invece alla riflessione sul significato complessivo del voto espresso dagli italiani. Quella, se c’è stata, è finita troppo presto. Credo che almeno su tale aspetto (quello del significato) qualche riflessione avrebbe dovuto essere approfondita; e dico subito il perché. A mio parere, quel voto ci ha detto, prima di tutto, che i cittadini non vogliono essere soggetti passivi su un tema che li riguarda direttamente.

Leggi tutto...

Per una rinascita del materialismo storico negli studi di filosofia, storia e scienze umane

E-mail Stampa PDF

marx figuredi Stefano G. Azzarà

Pubblicato su “Materialismo Storico. Rivista di filosofia, storia e scienze umane”, E-ISSN 2531-9582, n° 1-2/2016, Questioni e metodo del materialismo storico, a cura di S.G. Azzarà, pp. 5-10 (licenza Creative Commons BY-NC-ND 4.0)

Da diversi decenni, gli studi di orientamento storico-materialistico in ambito filosofico – ma considerazioni non molto diverse potrebbero essere fatte per l'ambito storico e più in generale per le scienze umane nel loro complesso – versano nelle università italiane in una situazione di grave difficoltà.

Non ricostruisco qui nei dettagli il rilevante significato culturale che per una lunga stagione questa corrente ha avuto nel nostro paese. La linea di pensiero che da Labriola conduce a Gramsci e al gramscismo ha ripensato dalle fondamenta le categorie del marxismo, riconducendole al loro rapporto genetico con la dialettica hegeliana e dunque sia con l'esperienza della filosofia classica tedesca in senso stretto, sia con tutto il dibattito politico-culturale che dalla Rivoluzione francese ha attraversato il XIX secolo.

Leggi tutto...

Carri armati Usa schierati in Polonia

E-mail Stampa PDF

carriarmati trasportodi Manlio Dinucci | da ilmanifesto.info

Il 12 gennaio, due giorni dopo il suo discorso di addio, il presidente Obama ha dato il via al più grande schieramento di forze terrestri nell’Europa orientale dalla fine della guerra fredda: un lungo convoglio di carrarmati e altri veicoli corazzati statunitensi, proveniente dalla Germania, è entrato in Polonia.

È la 3a Brigata corazzata, trasferita in Europa da Fort Carson in Colorado: composta da circa 4.000 uomini, 87 carrarmati, 18 obici semoventi, 144 veicoli da combattimento Bradley e centinaia di Humvees. L’intero armamento viene trasportato in Polonia sia su strada, sia con 900 carri ferroviari. Alla cerimonia di benvenuto svoltasi nella città polacca di Zagan, l’ambasciatore Usa Jones ha detto che «man mano che cresce la minaccia, cresce lo spiegamento militare Usa in Europa».

Quale sia la «minaccia» lo ha chiarito il generale Curtis Scaparrotti, capo del Comando europeo degli Stati uniti e allo stesso tempo Comandante supremo alleato in Europa: «Le nostre forze sono pronte e posizionate nel caso ce ne fosse bisogno per contrastare l’aggressione russa». La 3a Brigata corazzata resterà in una base presso Zagan per nove mesi, fino a quando sarà rimpiazzata da un’altra unità trasferita dagli Usa.

Leggi tutto...

Il movimento politico di Gheddafi potrebbe fare il suo ritorno in Libia?

E-mail Stampa PDF

movimentoverde libiadi Vijay Prashad* | da alternet.org

Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx21.it

Dopo la guerra di aggressione della NATO del 2011 difficilmente sono arrivate notizie attendibili sulla situazione in Libia e poco si sa su quello che realmente avviene nel profondo di questo paese vittima dell'attacco imperialista.  Il testo che segue, che porta la firma di un autorevole analista della situazione internazionale, ci informa su alcune vicende del martoriato paese nordafricano, poco conosciute dal pubblico del nostro paese, fornendo precisi dettagli in merito a quella che sembra essere la significativa ripresa di settori che si rifanno all'esperienza della “Rivoluzione Verde” guidata dal colonnello Gheddafi.

Durante il fine settimana (l'articolo è stato scritto il 28 dicembre 2016, NdT), un volo della Afriqiyah Airways tra la città del sud-ovest della Libia Sebha e la capitale Tripoli è stato dirottato a Malta. I negoziati con i due dirottatori sono terminati in tre ore. Gli uomini – Subah Mussa e Ahmed Ali – si sono arresi alle autorità maltesi. Quando sono sbarcati dall'aereo, Mussa teneva una piccola bandiera verde – il simbolo del Movimento Verde di Gheddafi. Ha detto che lui ed Ali avevano condotto l'operazione per promuovere il loro nuovo partito - al-Fateh al-Jadid. Il nome – il nuovo Fateh – è significativo perché riecheggia quella usato nella Libia di Gheddafi per indicare il mese di Settembre, quando guidò la sua popolare manovra nel 1969.

Leggi tutto...

La “Pravda” fa il punto sulle violazioni ucraine degli accordi di Minsk

E-mail Stampa PDF

oscePravda”, Organo del Partito Comunista della Federazione Russa | da kprf.ru

Traduzione dal russo di Mauro Gemma

Con il nuovo anno la presidenza dell'OSCE è passata all'Austria, e questo evento è stato accolto con impazienza e grande entusiasmo dal Ministero degli Affari Esteri Ucraino. Tuttavia, nel corso della sua prima visita nel Donbass, il ministro degli Esteri dell'Austria Sebastian Kurz ha rilasciato alcune dichiarazioni che hanno molto turbato il ministro degli Esteri ucraino Pavel Klimkin e, per ragioni comprensibili, non sono state riportate dalla maggior parte dei media.

Il nuovo presidente dell'OSCE, il ministro austriaco Sebastian Kurz, si è rivolto all'opinione pubblica con parole che hanno spaventato molti in Ucraina, quasi fosse un incubo. “La pace nel nostro continente ci può essere solo con la Russia, e non contro la Russia, e non importa quanto ciò sia difficile, ma in questo conflitto siamo necessari gli uni agli altri e abbiamo bisogno di intraprendere nuovi sforzi anche con la Russia, dal momento che in caso contrario non ci sarà mai soluzione pacifica”, ha dichiarato al canale televisivo ZDF.

E' naturale che le parole di Kurz abbiano causato la preoccupazione di Kiev, che ha dichiarato che “andare dai russi è l'ultima cosa che vogliono gli ucraini”.

Leggi tutto...

Politiche e attori della Pax petrolifera

E-mail Stampa PDF

NYStockExchange1di Demostenes Floros
da abo.net

English version

I prezzi del petrolio sono aumentati dopo la decisione presa dai Paesi OPEC e non OPEC di un nuovo obiettivo di produzione. Intanto la nomina di Tillerson a Segretario di Stato USA chiude definitivamente la guerra fredda tra Stati Uniti e Russia

Nel dicembre 2016 i prezzi del petrolio sono aumentati all’indomani dell’annuncio di un’azione coordinata tra Paesi OPEC e non OPEC che ha stabilito un nuovo obiettivo di produzione pari a 32,5 milioni di barili al giorno (mbg) al 1° gennaio 2017, equivalente a una riduzione di circa 1,2 mbg rispetto ai livelli di produzione dell’ottobre 2016. In particolare, il Brent Crude North Sea ha aperto a 54,49 $/b (dollari al barile) e ha chiuso a 56,75 $/b, mentre il West Texas Intermediate ha aperto a 51,73 $/b e ha chiuso a 54,61 $/b. Al momento della redazione dell’articolo, il livello di riferimento europeo e asiatico era scambiato a 56,86 $/b, mentre il livello di riferimento americano era quotato a 53,73 $/b, visto il doppio effetto delle dichiarazioni rilasciate da Kuwait e Oman - che rispetteranno il proprio programma di riduzione - e dell’apprezzamento del dollaro sull’euro (1,0385 il 3 gennaio). 

Leggi tutto...

Territori occupati. 2016, anno record di minorenni uccisi da Israele

E-mail Stampa PDF

ragazzo fugaRedazione di Nena News | nena-news.it

Secondo l'ong Defence for Children International- Palestine, sono 31 i giovanissimi palestinesi che sono morti per mano dell'esercito israeliano (81 i feriti) tra la Cisgiordania e Gerusalemme est.

Il 2016 sarà ricordato come l'anno in cui Israele ha ucciso più minorenni nell'ultimo decennio in Cisgiordania e Gerusalemme est. A sostenerlo è uno studio dell'organizzazione non governativa "Defence for Children International-Palestine" (DCIP) pubblicato la scorsa settimana. Secondo la ricerca, sono 31 i giovani palestinesi che sono stati uccisi dall'esercito israeliano quest'anno. L'ultimo è stato il 15enne Farid Ziyad Atta al-Bayed morto il 23 dicembre dopo 69 giorni di coma. Faris era rimasto ferito negli scontri con i militari di Tel Aviv divampati lo scorso 15 ottobre nel campo profughi di Jalazoun (vicino a Ramallah).

Nel suo rapporto l'ong denuncia come per queste morti le autorità israeliane non hanno mai accusato nessun soldato. Non una novità: secondo lo studio, infatti, negli ultimi 3 anni solo una volta un militare è stato iscritto nel registro degli indagati. "Dal 2014 le forze israeliane fanno maggior utilizzo di una forza eccessiva per reprimere le manifestazioni" accusa Ayed Abu Eqtaish, direttore del programma "Responsabilità" presso il DCIP. "La forza letale sembra essere usata regolarmente dall'esercito perfino in situazioni dove non è giustificata e nessuno ne paga il prezzo. In questo modo, però, sempre più bambini sono a rischio".

Leggi tutto...

L’Italia si dota della Legge per la guerra

E-mail Stampa PDF

missioni internazionali allesterodi Sergio Cararo 
da contropiano.org

Piuttosto in sordina, il 31 dicembre scorso è entrata in vigore la Legge quadro sulle missioni militari all'estero. La legge era già stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale fin dal 1̊ agosto; ma ne era stata rimandata l'attuazione a fine anno, tranne che per la disposizione all'integrazione del Copasir, cioè dell'organismo di controllo sulle attività dei servizi segreti (venuto fuori come problema in occasione delle “missioni coperte” in Libia), anche se valido solo per la legislatura in corso.

L'Italia si è così dotata di una legge organica dello Stato per l'invio di contingenti militari all'estero che dovrebbe azzerare le contraddizioni di incostituzionalità sul ricorso alle azioni militari contro, verso o in altri paesi vincolate al rispetto dell'art.11. Infatti il nostro ordinamento fino ad oggi prevedeva solo la disciplina della "guerra". Ma lo stato di guerra deve essere deliberato dalle Camere, che conferiscono al Governo i poteri necessari (art. 78 Cost.), mentre la dichiarazione di guerra è prerogativa del Presidente della Repubblica (art. 87, 9° comma). ll tutto nei limiti sanciti dall'art. 11 Cost., che vieta la guerra di aggressione e consente l'uso della violenza bellica solo in ipotesi ben determinate (la difesa).

Leggi tutto...

I compiti per il nuovo anno

E-mail Stampa PDF

pcp bandiere 95di Albano Nunes

da “Avante!”, Settimanale del Partito Comunista Portoghese

Traduzione di Marx21.it

Il trattamento mediatico della storica liberazione di Aleppo e di tragici avvenimenti come quello dello scorso 19 dicembre a Berlino non ha nulla a che vedere con la verità dei fatti e tanto meno con la spiegazione delle loro cause. Al contrario, il suo proposito è quello di confondere e disorientare. Si cerca di far perdere il filo di quanto avviene nel caotico quadro internazionale perché sia interiorizzata l'idea stupida che il tempo della lotta per valori e ideali è finito e che “non esiste alternativa”, anche se ciò è smentito quotidianamente dai fatti. Vorrebbero che dimenticassimo da dove veniamo e dove andiamo e che spazziamo via dalla memoria dei popoli lotte che hanno aperto la strada alla liberazione sociale e umana. Vorrebbero seminare la sfiducia nei confronti della lotta organizzata e della possibilità di creare una nuova società senza sfruttati né sfruttatori. Vorrebbero che ci arrendessimo lasciando il campo libero all'insaziabile avidità del grande capitale imperialista.

Leggi tutto...

Le guerre contro Putin

E-mail Stampa PDF

putin rt smalldi Guadi Calvo* | da alainet.org

Traduzione di Marx21.it

Dal momento in cui la Russia ha spezzato l'unipolarismo, nell'agosto 2013, dopo l'episodio di Al-Ghutta, uno dei momenti più critici della guerra in Siria, quando Barack Obama aveva cercato di avviare un'operazione armata contro il presidente Bashar al-Assad, accusandolo di utilizzare armi chimiche contro la popolazione civile del quartiere di Damasco di Al-Ghutta, in cui sarebbero morte 2.500 persone. Obama, allora, che si sentiva investito del santo diritto dei popoli, aveva mobilitato ancora una volta la sua aviazione, allo scopo di annientare ogni resistenza del governo siriano all'assalto di migliaia di terroristi che avevano invaso il suo paese.

Questo gesto disperato del Premio Nobel della Pace 2009, che aveva condotto il mondo sull'orlo di un olocausto nucleare, non solo generò la risposta immediata e precisa di Mosca, che avrebbe impedito la concretizzazione di tali attacchi, ma anche fece si che il Regno Unito, per la prima volta in una lunga storia di alleanze militari con gli Stati Uniti, desistesse dall'accompagnarlo in una nuova avventura bellica. Naturalmente, come sempre, la Francia nel suo eterno ruolo di secondo violino, non esitò ad assecondare Obama, ma l'operazione Al-Ghutta era già stata smontata, dal momento che si seppe che le armi tossiche utilizzate contro la popolazione civile erano state rubate dagli arsenali del colonnello Gheddafi, dopo che era stato rovesciato, e che era stata denunciata la presenza di 15 agenti del Mossad sul luogo dei fatti, dei quali in seguito non si sono avute più notizie.

Leggi tutto...

Il catastrofico primo anno di Macri nelle relazioni internazionali

E-mail Stampa PDF

macri renzidi Juan Manuel Karg | da lantidiplomatico.it

In questo articolo analizzeremo i punti centrali della nuova politica estera argentina, concentrandoci principalmente nel cambiamento in relazione all’America del Sud, l’Europa e gli Stati Uniti. Infine, tracceremo una breve prospettiva sulle sfide future, sia per il nostro paese che per la regione nel suo insieme. 

a) Fine della multipolarità? Una tardiva svolta verso Stati Uniti ed Unione Europea

Macri e il suo Ministro degli Esteri, Malcorra, hanno dato vita sin dal loro insediamento a una politica estera basata sulla tesi che l’unipolarismo nordamericano non sia sotto scacco. A partire da questa tesi di fondo ha tentato di impostare un rilancio delle relazioni esterne verso la potenza egemone in declino e i suoi principali alleati, come dimostrano i primi incontri sostenuti dal Capo dello Stato: Barack Obama, Francois Hollande e Matteo Renzi, tra gli altri. 

Mesi dopo, il destino di questi leader è ben noto: Obama esce dalla Casa Bianca a capo chino dopo il trionfo del pirotecnico Trump; Hollande non ha trovato neppure il coraggio di partecipare alla prossima contesa elettorale francese, che sarà una partita tra il conservatore Fillon e l’esponente di estrema destra Le Pen; e Renzi si trova fuori gioco dopo aver perso il referendum costituzionale in Italia. 

Leggi tutto...

La minaccia ai diritti e alle libertà nell'Unione Europea

E-mail Stampa PDF

rifugiati recinzionedi João Pimenta Lopes, parlamentare europeo del Partito Comunista Portoghese (GUE/NGL)

da avante.pt

Traduzione di Marx21.it

Al processo di integrazione capitalista non sono estranei i ripetuti e consistenti attacchi ai diritti, le libertà e le garanzie dei cittadini, con una dinamica dettata da politiche securitarie e militariste.

Nell'anno che si è chiuso sono state numerose le iniziative che hanno proseguito e consolidato tali politiche, utilizzando come scusa principale la cosiddetta “crisi” migratoria, la scalata del terrorismo e la pretesa lotta che l'UE condurrebbe contro questo “fenomeno”, e anche i “rischi” e le “minacce” provenienti dalla Federazione Russa.

La reazione dell'UE alla crisi umanitaria si esprime nello sviluppo di una politica sull'immigrazione razzista, xenofoba, disumana. Si è militarizzato la risposta e il pattugliamento per il controllo agli ingressi delle frontiere esterne nel Mar Egeo, spingendo il flusso verso il Mediterraneo centrale, con tragiche conseguenze, più di cinquemila morti solo nel 2016. L'esternalizzazione delle frontiere è proseguita con il criminale e illegale accordo UE-Turchia, che ora si intende replicare nel Nord Africa e nel Medio Oriente. Il Diritto Internazionale all'assistenza, all'accoglienza dei rifugiati e  alla concessione dello statuto di asilo è stato calpestato e le più odiose violazioni dei diritti umani avvengono oggi sul suolo europeo.

Leggi tutto...

Le “fake news” del New York Times

E-mail Stampa PDF

fake news 0di Mision Verdad*
da misionverdad.com

Traduzione di Giulia Salomoni per Marx21.it

Una coalizione di media, compagnie di reti sociali e organizzazioni legate a contenuti 2.0 è stata creata nella cornice delle cosiddette "false notizie", nel tentativo di assimilare ogni espressione diversa dalla versione corporativa dell'informazione a una presunta campagna di disinformazione. Si tratta, piuttosto, di caccia alle streghe, di una riconversione di quelli che nel giornalismo vengono chiamati "i fatti" e della censura totalitaria a un click di distanza.

Ma guarda che sorpresa: i media corporativi sono i principali campioni della censura informativa. The New York Times, finanziato dai più ricchi di Wall Street, nelle ultime settimane è stato giudice e parte coinvolta nelle "fake news" (o "notizie false") allo scopo di avviare  un processo giudiziario contro diversi media che sono tacciati di essere "filo-russi", un mero capro espiatorio, e ogni dissidenza alla politica neoconservatrice (e degli alleati) promossa dall'apparato dell'attuale governo statunitense (di Obama, NdT).

Leggi tutto...

La strategia della tensione della NATO mette a rischio l'Europa

E-mail Stampa PDF

Esercitazione NATO TpOggidi Manlio Di Stefano (M5S) | da beppegrillo.it

Bassezze e scorrettezze fanno parte della quotidianità politica nazionale e, in fondo, ogni Paese si piange le sue. Quando però la voglia di pestare i piedi al tuo successore mette a rischio la stabilità di altri popoli, allora occorre prestare attenzione.

Mi riferisco, in particolare, al Presidente uscente Obama ed al suo patetico addio alla presidenza americana fatto di sgambetti a Trump di cui l'ultimo, però, rischia di essere molto pericoloso per l'Europa tutta.

87 carri armati, obici semoventi e 144 veicoli da combattimento Bradley sono stati scaricati pochi giorni fa nel porto tedesco di Bremerhaven e, nelle prossime settimane, si aggiungeranno oltre 3.500 truppe della 4° Divisione di Fanteria di Fort Carson, una brigata di aviazione da combattimento che "vanta" circa 10 Chinook, 50 elicotteri Black Hawk e 1.800 membri del personale da Fort Drum nonché un battaglione con 24 elicotteri d'attacco Apache e 400 membri del personale da Fort Bliss, tutti destinati all'Est Europa come riporta l'Independent.

Leggi tutto...

Dopo il referendum

E-mail Stampa PDF

renzi sinodi Giuliano Cappellini

Riceviamo dal compagno Giuliano Cappellini e volentieri pubblichiamo la sua stimolante analisi del quadro politico emerso dalla vittoria del NO nel referendum costituzionale.

La reazione amara ed ingenua della base renziana del PD all’esito del referendum del 4 dicembre si rivolge sì agli esponenti ed ai militanti del partito che hanno votato NO ma riflette, anche, il rassegnato qualunquismo di chi legge tra le causa della sconfitta il persistere di una profonda cultura conservatrice nel popolo italiano. Il ristretto gruppo dirigente del PD, cavalca questo sentimento e lo rielabora politicamente. Per Renzi ed i suoi fidi, infatti, il Paese è afflitto da un eccesso di democrazia che favorisce l’anacronistico attaccamento del popolo alle sue istituzioni garantiste. Ciò ritarda o compromette le scelte fondamentali per affermare l’Italia nel consesso delle nazioni europee e occidentali più avanzate. Ma tali scelte, sono ineludibili. Il PD ha fallito nel presentarsi come partito pigliatutto, garante unico ed indispensabile di una svolta anticostituzionale, tuttavia la sconfitta referendaria sancisce solo l’esito di una battaglia in una guerra ancora in corso. Dunque è necessario preparare la rivincita.

Leggi tutto...

L'avvenire è vostro, Comandante Fidel

E-mail Stampa PDF

fidelcastro fiori bandieredi Remy Herrera (Ricercatore del CNRS, Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica, Francia)

da legrandsoir.info

Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx 21

Cuba. In un lungo corteo silenzioso, nel dolore e nel raccoglimento, il popolo cubano in lutto ha reso un ultimo omaggio, fatto di dignità ed affetto, al suo Comandante en Jefe

Fidel Alejandro Castro Ruz. Figura di una leggenda moderna. Come lui, nessun altro. Con lui, l'umanità intera, o quasi. Da quella sera del 25 Novembre 2016, a milioni, decine, senza dubbio centinaia di milioni di uomini e donne hanno testimoniato il loro rispetto, la loro ammirazione per il capo storico della Rivoluzione Cubana. Sull'isola certo, e più lontano. Dappertutto nel mondo.

In Cina, dove si conoscono gli sforzi che ha profuso Cuba per preservare l'effimera unità di un fronte comune dei paesi socialisti prima dello scisma sino-sovietico; e ricordano che Cuba fu la prima delle nazioni americane a riconoscere la Repubblica Popolare, precedendo di 10 anni. In India, dove, dopo un abrazo, un abbraccio a Nehru, la sua popolarità è diventata immensa.

Leggi tutto...

Benvenuti in Serbia, Paese della manodopera a basso costo

E-mail Stampa PDF

fiat 650x388da civg.it

Kragujevac, Serbia

Lo spot del Ministero dell’Economia della Repubblica di Serbia con il quale sono stati invitati imprenditori stranieri per investire in Serbia inizia così: "in Serbia oltre alla manodopera a basso costo si offrono gratuitamente: il terreno per le aziende future, edifici già esistenti, le infrastrutture necessarie, tutta la documentazione e permessi per lavori edili. Oltre a tutto ciò è possibile avere un regalo di 10mila euro per ogni posto di lavoro". Queste opportunità, però, non vengono concesse agli imprenditori locali.

Il risultato oggi dopo 20 anni di queste politiche è che la differenza tra la Serbia e altri paesi in cui si vive in modo relativamente dignitoso è aumentato vertiginosamente e la popolazione è al limite o in estrema povertà. I più vulnerabili sono, come spesso accade in queste situazioni, i più giovani e gli anziani.

I datori di lavoro in Serbia, come strumento di valutazione del lavoro prestato, versano il salario minimo che rappresenta il modo legale per ottenere il massimo profitto. Il salario minimo per un'ora di lavoro è di 121 dinari (un po' meno di 1 euro): per 176 ore mensili si ottengono 21.296 dinari equivalenti a 176 euro. 

Leggi tutto...

Un ricordo della Dottoressa Lisa

E-mail Stampa PDF

dottssalisadi Evdokiya Sheremeteva
da littlehirosima.livejournal.com

Traduzione di Alena Afanasyeva

Riceviamo da Alena Afanasyeva e volentieri pubblichiamo

Evdokiya Sheremeteva (littlehirosima.livejournal.com) è una blogger di Mosca che dal 2014 porta aiuto umanitario al Donbass e racconta dei suoi viaggi nel suo blog.  Chi vuole contribuire ad aiutare Evdokiya la può contattare direttamente tramite il suo blog, la pagina Facebook o per email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (si può scrivere in inglese).

Il fatto non è che ha salvato decine, anzi, centinaia dei bambini e adulti – i senzatetto  e gli abbandonati di cui nessuno ha bisogno. Lo scriveranno senza di me. E il fatto non è che i liberali "giusti" sanno solo criticare e non si alzeranno mai dalle comode poltrone per fare qualcosa oltre alla critica e al riempimento del proprio portafoglio. E il fatto non è che, diversamente da loro, Lisa semplicemente agiva – agiva silenziosamente nonostante tutto.

Il fatto è che le persone come lei sono una misera chance per questo mondo di non affondare nel lordume.

Leggi tutto...

Che succede nelle Filippine?

E-mail Stampa PDF

duterte bandiera filippinedi Jean-Pierre Page
lepcf.fr
collectif-communiste-polex.org

Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx21.it

I media francesi (ed italiani NdT) hanno per lungo tempo completamente ignorato l'esistenza delle Filippine, questo grande paese dell'Asia (più di cento milioni di abitanti). Negli ultimi anni hanno scoperto l'esistenza del suo Presidente eletto, Duterte, presentato come un assassino megalomane. E se questo non fosse che una caricatura ispirata dai dirigenti americani? Abbiamo chiesto un'opinione a Jean-Pierre Page, Presidente onorario del Collettivo Comunista Polex,  fine conoscitore di questa regione del mondo.

Per rispondere alla tua domanda: penso molto bene di quello che sta succedendo nelle Filippine. Evidentemente, e sebbene siano importanti, non si può ridurre questi eventi alla sola elezione di Duterte. Conosco bene le Filippine e anche Tamara. Ho lavorato molto con i sindacati, il KMU diretto dal Partito Comunista, e Tamara negli anni '80 lavorava nell'isola di Mindanao con il KMP, l'organizzazione contadina anch'essa diretta dal Partito Comunista, così come con la guerriglia. Essa era molto legata a quello che ora è incaricato da Duterte della Riforma Agraria: Rafael Mariano che è un dirigente del Partito. Quanto a Sison che lei conosce altrettanto bene, è stato professore di Duterte all'università.

Leggi tutto...

Pagina 1 di 171