Pechino contro le ingerenze USA nel Mar Cinese Meridionale

Pechino contro le ingerenze USA nel Mar Cinese Meridionale

da avante.pt

La tensione nel Mar Cinese Meridionale ha dominato il dibattito della 49° riunione ministeriale dell’ASEAN, svoltasi questa settimana a Vientiane. Pechino avverte ...

Continua...
Il moto ondoso dei mercati

Il moto ondoso dei mercati

di Demostenes Floros

Brexit, cronaca internazionale e l’avanzata della domanda di greggio hanno generato nuove oscillazioni nelle quotazioni del petrolio che subisce anche le ultime decisioni delle istituzioni monetarie internazionali

Continua...
Migranti e keynesismo militare

Migranti e keynesismo militare

di Guglielmo Carchedi

Nella discussione attuale sugli immigrati si fa una distinzione tra migranti economici e rifugiati politici. Solo i rifugiati politici dovrebbero essere accolti per ragioni umanitarie. I migranti economici dovrebbero essere messi in prigione (come proposto dal partito razzista olandese) o…

Continua...
La NATO è la maggiore minaccia per l’Europa

La NATO è la maggiore minaccia per l’Europa

di António Abreu

Con le sue ultime decisioni, la NATO pone sull’orlo del conflitto nucleare una serie di paesi dell’est europeo con circa un centinaio di milioni di abitanti. La guida della NATO, gli Stati Uniti, è lontana dal luogo del conflitto, ancora…

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Associazione Politico-Culturale Marx XXI

I mercenari tornano nel Congo

E-mail Stampa PDF

mercenari congodi Carlos Lopes Pereira
da www.avante.pt

Traduzione di Marx21.it

Si registrano nuovi episodi di ingerenza degli Stati Uniti e del Belgio negli affari interni della Repubblica Democratica del Congo (RDC). Il governo di questo paese respinge le interferenze e le pressioni, mettendo in guardia sulla presenza di mercenari stranieri nel suo territorio.

Il ministro congolese della Giustizia, Alexis Thambwe Mwamba, ha chiesto all'ambasciata nordamericana a Kinshasa di “non sostituirsi ai tribunali” e di non interferire nel processo di reclutamento di mercenari stranieri, in particolare americani, nella provincia del Katanga, nel Sud del paese.

Al centro del caso c'è la detenzione, da parte dei servizi di sicurezza congolesi, di un cittadino statunitense, Darryl Lewis, catturato il 24 aprile, insieme a tre guardie del corpo, durante un comizio dei sostenitori di Moïse Katumbi, candidato dell'opposizione alle elezioni presidenziali previste per novembre di quest'anno. La manifestazione, a Lubumbashi, capitale del Katanga, è stata dispersa dalla polizia con il ricorso a granate di gas lacrimogeno.

Leggi tutto...

Rileggendo il saggio di Pietro Secchia, “L’arte dell’organizzazione” (1945) e il libro “Ricostruire il partito comunista” (2011), alla luce del dibattito presente

E-mail Stampa PDF

falcemartello warhol 2di Fausto Sorini

Riceviamo dal compagno Fausto Sorini e volentieri pubblichiamo come utile contributo all'analisi della storia dei comunisti in Italia e alla discussione sulle loro prospettive.

Ci auguriamo che a questo articolo ne seguano altri, contenenti analisi che, sebbene non coincidenti fra loro ma nell'ambito di un confronto costruttivo e di rispetto reciproco, consentano di approfondire aspetti relativi alla fase complessa e di difficoltà che sta attraversando il movimento comunista nel nostro paese.

Credo sia utile - nel presente dibattito sulla esigenza di ricostruzione in Italia di un PC all’altezza dei tempi - una rilettura critica e attualizzata del famoso saggio di Pietro Secchia, “L’arte dell’organizzazione”, che Rinascita pubblicò nel dicembre del 1945. Esso rappresentò negli anni e nei decenni successivi, e ancora rappresenta, una pietra miliare nella formazione di intere generazioni di quadri comunisti, cioè leninisti. E ciò resta vero, nonostante le numerose e variamente motivabili rimozioni subite negli ultimi 62 anni dalla figura e dall’opera del fondatore dell’organizzazione della Resistenza italiana, della lotta politica e militare della Liberazione e della nascita del “partito nuovo” dopo gli anni della clandestinità. E ciò diversamente dal ruolo che una certa storiografia ha riservato a figure importanti, e tra loro diverse, come Gramsci, Togliatti, Longo, Berlinguer, Amendola, Ingrao, Napolitano…

Leggi tutto...

Ritirare il progetto di legge El-Khomri. L'appello alla mobilitazione del Partito Comunista Francese

E-mail Stampa PDF

placerepublique protesteda www.pcf.fr

Traduzione di Marx21.it

La mobilitazione contro la legge El-Khomri si allarga: blocco delle raffinerie, sciopero alla SNCF, alla Posta, alla RATP, nelle strade, con le azioni locali, nelle università, nelle imprese... Molte manifestazioni e azioni sono in preparazione per i prossimi giorni e settimane. Il Partito Comunista sostiene tutte le iniziative, tutti gli scioperi che si svolgeranno nei rami d'azienda, nei settori, a livello locale.

Il movimento cresce perché il cuore del progetto di legge El-Khomri, in particolare l'inversione della gerarchia delle norme, è confermato dal governo, dalla destra e dal padronato, malgrado l'opposizione al testo sia arci-maggioritaria nel paese.

Senza avere cercato il minimo confronto, il governo si è distinto in un'operazione di polizia brutale contro i lavoratori in lotta, davanti al deposito petrolifero di Fos-sur-Mer. Questo comportamento la dice lunga sugli abusi di questo potere che non sopporta di essere contraddetto dal popolo e si rifiuta di ascoltare ragioni. Il PCF condanna questa scelta politica che non ha niente da invidiare a quella adottata dalla maggioranza precedente davanti al movimento contro la legge sulle pensioni del 2010.

Leggi tutto...

I compiti della Federazione Mondiale della Gioventù Democratica

E-mail Stampa PDF

Wfdy logodi Duarte Alves, Gioventù Comunista Portoghese (JCP)
O Militante”, marzo/aprile 2016

Traduzione di Marx21.it

Il 10 novembre 2015 è stato celebrato il 70° anniversario della Federazione Mondiale della Gioventù Democratica (FMGD). Contemporaneamente, si svolgeva all'Avana la 19° Assemblea della Federazione, che raggruppa decine di organizzazioni giovanili dei quattro angoli del mondo attorno alla lotta contro l'imperialismo e per un mondo di pace, solidarietà e trasformazione sociale. La Gioventù Comunista Portoghese (JCP) ha partecipato all'Assemblea, riaffermando il suo impegno nella FMGD.

Quattro anni dopo l'Assemblea della FMGD tenutasi a Lisbona nel 2011, e con il significato particolare che ha assunto la 19° Assemblea a Cuba 70 anni dopo la sua fondazione, la Federazione è chiamata a rispondere alle enormi sfide che la gioventù affronta nel mondo di oggi, in cui l'imperialismo è all'offensiva, attaccando i diritti della gioventù, attaccando i diritti dei popoli alla sovranità e all'indipendenza nazionali, e aggravando l'espansione della guerra, dell'occupazione e dell'aggressione militare. Un panorama mondiale che arreca enormi pericoli di liquidazione di diritti  conquistati e di regressione sociale, di guerra generalizzata e permanente, in cui la gioventù è tra i settori della società quello che più ha da perdere, come la Storia ha dimostrato.

Leggi tutto...

La storia si ripete?

E-mail Stampa PDF

us romania groundbreaking abm.sidi Luis Carapinha

da “Avante!”, settimanale del Partito Comunista Portoghese

Traduzione di Marx21.it

La settimana della celebrazione del 71° anniversario della Vittoria sul nazi-fascismo è stata scelta dalla NATO per l'attivazione, il 12 maggio, del sistema antimissile installato in Romania, nella base di Deveselu. Il giorno seguente è stata posta la prima pietra del sistema analogo in Polonia, a 200 chilometri dall'enclave russa di Kaliningrad. Le due unità integrano il progetto globale di scudo antimissile sviluppato dagli Stati Uniti, che mira ad annichilire la capacità di dissuasione della Russia e della Cina, e che permetterebbe all'imperialismo di poter sferrare impunemente un attacco demolitore. Il progetto specifico esiste, definito Attacco Globale Immediato. In quanto allo scudo, gli USA proseguono a ritmo accelerato il loro allargamento terrestre e marittimo. Washington ha annunciato piani per la Corea del Sud con il pretesto della presunta minaccia nucleare della Corea del Nord, nello stesso modo in cui nel caso europeo continua irragionevolmente ad invocare il pericolo nucleare dell'Iran. Si realizzano test e il Pentagono pianifica la sua espansione nel cosmo: gli USA respingono la proposta sino-russa di un trattato contro la militarizzazione dello spazio.

Leggi tutto...

Pechino e le Ong: colpita la libertà di sovversione?

E-mail Stampa PDF

piazza rossa Stemmadi Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it

Nel suo discorso del maggio del 2014 all'accademia militare di West Point, il presidente Obama presentando le innovazioni riguardanti la dottrina militare Usa, aveva sottolineato in quale campo la “potenza di fuoco” di Washington sarebbe rimasta inarrivabile per gli avversari strategici: “I nostri valori ispirano i leader nei parlamenti e dei movimenti scesi nelle piazze di tutto il mondo. […] La nostra capacità di plasmare l'opinione pubblica mondiale ha contribuito a isolare la Russia. Grazie alla leadership americana il mondo ha immediatamente condannato le azioni russe, l'Europa e il G7 si sono uniti a noi nell'imporre sanzioni, la Nato ha rafforzato il nostro impegno per gli alleati dell'Europa orientale […]”. Insomma, veniva annunciato chiaramente come la superpotenza potesse mobilitare, ancor prima dei propri bombardieri, un vero e proprio esercito di riserva costituito da partiti amici, fondazioni, giornali e organizzazioni non governative (la “società civile”) al fine di indebolire un governo ritenuto ostile.  Scatenare, cioè, quel “bombardamento dell'indignazione” - l'espressione è dello studioso Domenico Losurdo – che alimenta il consenso pubblico internazionale – il fronte interno – in vista di un intervento militare.

In quello che abbiamo definito “esercito di riserva”, un ruolo di primo ricoprono certo le tante organizzazioni non governative – ma spesso finanziate e sostenute indirettamente da governi – che si occupano della tutela dei diritti umani e che oggettivamente in questi anni hanno contribuito alla copertura ideologica delle tante esportazioni di democrazia manu militari condotte dagli Usa e dalla Nato.

Leggi tutto...

Strategia del golpe globale

E-mail Stampa PDF

blackwaters mercenaries 2di Manlio Dinucci
il manifesto, 24 maggio 2016

Quale collegamento c’è tra società geograficamente, storicamente e culturalmente distanti, dal Kosovo alla Libia e alla Siria, dall’Iraq all’Afghanistan, dall’Ucraina al Brasile e al Venezuela? Quello di essere coinvolte nella strategia globale degli Stati uniti, esemplificata dalla «geografia» del Pentagono.

Il mondo intero viene diviso in «aree di responsabilità», ciascuna affidata a uno dei sei «comandi combattenti unificati» degli Stati uniti: il Comando Nord copre il Nordamerica, il Comando Sud il Sudamerica, il Comando Europeo la regione comprendente Europa e Russia, il Comando Africa il continente africano, il Comando Centrale Medioriente e Asia Centrale, il Comando Pacifico la regione Asia/Pacifico.

Ai 6 comandi geografici se ne aggiungono 3 operativi su scala globale: il Comando strategico (responsabile delle forze nucleari), il Comando per le operazioni speciali, il Comando per il trasporto. A capo del Comando Europeo c’è un generale o ammiraglio nominato dal presidente degli Stati uniti, che assume automaticamente la carica di Comandante supremo alleato in Europa.

Leggi tutto...

La Vice Presidente nazionale dell'ANPI risponde alle speculazioni di questi giorni

E-mail Stampa PDF

ANPI facebookdi Carla Nespolo

L'articolo di Gian Antonio Stella sulla prima pagina del Corriere della Sera di martedi' 17 u.s., è quanto di piu' imbarazzante un giornalista serio possa scrivere.

Partiamo dall'inizio.

I bellissimi quattro giorni del XVI Congresso Nazionale dell'Anpi, sono stati importanti, seri ed anche emozionanti. E' stata la conclusione di un lungo cammino che ha impegnato decine di migliaia di donne e uomini che hanno partecipato a 102 congressi provinciali e a piu' di mille congressi di sezione e la cui stragrande maggioranza ha approvato la linea complessiva dell'Anpi, che è di contrarieta' alle recenti riforme costituzionali volute dal Governo.

In quei giorni ne' giornalisti, né televisioni hanno affollato la grande sala del pala congressi di Rimini. Non c'era lo scoop, perchè disturbarsi a conoscere e a capire ? Salvo poi dire che quella dell'Anpi è una posizione, come scrive Stella, dell'ultima ora.

Non è così. Da due anni, cioè non appena è uscito il testo delle proposte referendarie, l'Anpi ha espresso la propria contrarietà. Lo ha fatto con un grande convegno all'Eliseo di Roma, con dichiarazioni delPresidente Nazionale Carlo Smuraglia, con tanti incontri in molte città italiane, tra cui Alessandria, dove, per due anni consecutivi, abbiamo dedicato un dibattito della festa provinciale, al tema delle riforme costituzionali. E non se n'era accorto nessuno! Nemmeno quando, ad Alessandria, l'Anpi rifiutato la Ministra Boschi come oratrice ufficiale del 25 aprile!

Leggi tutto...

Decolonizzare Porto Rico, liberare chi lotta per l'indipendenza!

E-mail Stampa PDF

oscarlopezrivera muralesdi Socorro Gomes, presidente del Centro Brasiliano di Solidarietà ai Popoli e Lotta per la Pace (Cebrapaz)*

da cebrapaz.org.br

Traduzione di Marx21.it

Marx21.it, promuovendone la conoscenza anche nel nostro paese, aderisce alla campagna internazionale per la liberazione di Óscar López, detenuto da 34 anni nelle prigioni statunitensi, per la sua partecipazione alla lotta per l'indipendenza e l'autodeterminazione di Porto Rico.

Óscar López Rivera è un portoricano detenuto da 34 anni negli Stati Uniti per la sua lotta per la decolonizzazione del suo paese. Alla guida delle Forze Armate di Liberazione Nazionale (FALN) ha combattuto per l'indipendenza di Porto Rico, occupato dagli Stati Uniti fin dal 1898.

Nel 1981 Rivera è stato condannato a 55 anni di prigione negli Stati Uniti, accusato di “cospirazione per la sedizione” e altre azioni relative alla sua lotta per l'indipendenza di Porto Rico. Nel 1988, altri 5 anni sono stati aggiunti alla sua pena per “avere cospirato allo scopo di evadere dalla prigione”. Movimenti sociali internazionali, anche negli Stati Uniti, denunciano vigorosamente la persecuzione e l'oppressione imposta dalle autorità imperialiste a coloro che difendono la libertà del proprio popolo.

Leggi tutto...

Grecia: la tragedia che continua

E-mail Stampa PDF

grecia bandiere eurodi João Ferreira*
da “Avante!”, 19 maggio 2016

Traduzione di Marx21.it

La settimana scorsa, l'Eurogruppo (ministri delle finanze della Zona Euro) si è riunito per procedere a una prima valutazione del terzo programma della troika in Grecia.

La riunione è terminata senza che si sia arrivati a una conclusione. La conclusione dipende dall'adozione da parte del governo greco di una serie di misure imposte dalla troika. Tra esse ci sono:

- Misure in materia di bilancio (si legga: tagli) che abbiano un impatto fino al tre per cento del PIL  fino al 2018, compresa la riforma del sistema delle pensioni, una riforma dell'imposta sul reddito e dell'IVA, oltre a misure riguardanti i salari del settore pubblico. Si legga, semplificando: tagli alle pensioni, tagli ai salari dei funzionari pubblici e aumenti dell'IVA e dell'imposta sul reddito;

- La creazione di un “meccanismo di contingenza aggiuntiva” che assicuri l'implementazione automatica di una serie di misure di “austerità” non discrezionali (vale a dire, le misure che la troika impone, punto e basta) nel caso che non siano raggiunti gli obiettivi annuali fissati dalla troika per il deficit – un saldo primario positivo del 3,5 per cento a medio termine (valore che, si dica per inciso,  il governo portoghese si propone di superare in tre anni...). Quando questo meccanismo è attivato, eventuali misure temporanee che il governo greco abbia deciso di implementare per adempiere agli obiettivi del disavanzo – ad esempio, i tagli dei salari e delle pensioni e/o l'aumento delle imposte – diventano automaticamente definitive;

Leggi tutto...

Alle origini della Bolognina e della "mutazione genetica" del Pci. Un contributo per tenere aperta la riflessione storica

E-mail Stampa PDF

pci perlavvenireditaliaCome contributo al dibattito sulla storia e sul futuro dei comunisti in Italia, riproponiamo il seguente saggio che è parte integrante del volume pubblicato per iniziativa dell’Associazione Marx XXI: Novant’anni dopo Livorno. Il Pci nella storia d’Italia, a cura di Alexander Höbel e Marco Albeltaro, per la Biblioteca storica degli Editori Riuniti University Press. Una presentazione del volume e l'indice completo si trova a questo link.

di Fausto Sorini e Salvatore Tiné

Nell’analisi delle cause piú profonde del processo di «mutazione genetica» del Pci, destinato a sfociare nella svolta della Bolognina e quindi nella sua tragica auto-dissoluzione, è necessario riprendere la riflessione sulla storia dei comunisti italiani dal 1945 al 1989. Si è trattato infatti di un processo storico profondo, ma tutt’altro che lineare e fino alla fine sempre aperto a sviluppi e a esiti diversi e perfino contrapposti tra loro: la «mutazione genetica » che gradualmente e nelle forme di una trasformazione tanto profonda quanto «molecolare» ha investito una parte importante dei gruppi dirigenti a tutti i livelli del partito, la loro prassi concreta come la loro ideologia e cultura politiche, nel corso dei drammatici e travagliatissimi anni Settanta e Ottanta, ha incontrato ostacoli e resistenze tenaci, generando sempre contraddizioni e conflitti anche aspri, non solo tra i quadri del partito, ma anche nel suo corpo, ovvero nella massa degli iscritti e dei militanti.

Leggi tutto...

Che succede in America Latina?

E-mail Stampa PDF

temer conferenzadi Federico La Mattina per Marx21.it

La vittoria di Macri in Argentina, la sconfitta del chavismo alle elezioni del 6 dicembre in Venezuela e il golpe parlamentare ai danni di Dilma Rousseff in Brasile sono eventi che stanno ridisegnando la politica latinoamericana e avranno certamente influenze nella geopolitica della regione. L’America Latina negli ultimi sedici anni ha vissuto importanti ed epocali cambiamenti politici: governi progressisti e integrazionisti sono andati al potere dal Venezuela all’Argentina, passando per Uruguay, Paraguay, Bolivia, Ecuador e ovviamente il Brasile. Si tratta di esperimenti politici che non sono riusciti a modificare a fondo la realtà latinoamericana con riforme di struttura (anche le esperienze più radicali, come quella venezuelana) ma che hanno indubbiamente dato un grande contribuito alla lotta alla povertà, al riconoscimento dei popoli indigeni, ai processi di integrazione latinoamericana svincolata dalle ingerenze statunitensi. Sono dovuti scendere a compromessi, hanno dovuto governare con le oligarchie economiche e mediatiche di traverso al proprio interno, hanno commesso certamente errori ma non era poi così facile fare diversamente, considerati i rapporti di forza e la complessa realtà latinoamericana. L’Argentina di Nestor Kirchner e il Venezuela di Chávez  hanno dato un contributo fondamentale all’affossamento dell’Alca, area di libero scambio americana (con l’esclusione di Cuba) voluta da Bush. Sono state fondate l’Alba, l’Unasur, la Celac; il Mercosur è stato rafforzato diventando la quinta area economica del pianeta. Il Brasile, componente de Brics, ha rivestito un’importanza fondamentale a livello regionale, legando sempre più a sé il futuro politico della regione.

Leggi tutto...

L'offerta di aiuto al Sudamerica da parte della Russia

E-mail Stampa PDF

dilma putinda megachip.globalist.it

La Russia tende la mano all'America Latina di fronte alle ingerenze degli Stati Uniti nelle politiche della regione. Parla il vice ministro degli Esteri Sergei Ryabkov.

Apparso originalmente in teleSUR

"La Russia vuole aiutare l'America Latina ad alzare la testa di fronte alle ingerenze degli Stati Uniti nelle proprie politiche" ha detto il vice ministro degli Esteri Sergei Ryabkov.

"Assistiamo ad un intensificarsi della politica estera statunitense in questa regione, addirittura a tentativi diretti di interferire con la politica interna di alcuni stati della regione" ha dichiarato in un'intervista per RIA Novosti. "Decidere quali politiche estere adottare è un diritto sovrano e persino un dovere di uno stato."

Ryabkov ha detto che ci dev'essere una soluzione politica e locale, che non debba però escludere la cooperazione diplomatica con alleati come la Russia, la quale "stabilirebbe un'interazione costruttiva con rappresentanti autorizzati provenienti da tutti i segmenti delle forze politiche locali."

Leggi tutto...

Il governo golpista attacca i paesi amici del Brasile

E-mail Stampa PDF

dilma coraggiodi José Reinaldo Carvalho | da solidnet.org

Traduzione di Marx21.it

In merito all'attacco del governo ad interim del Brasile a paesi amici, a Unasur e Alba    

Come suo primo atto il Ministro degli Affari Esteri ad interim, José Serra, ha scritto e pubblicato due note in cui si attacca Cuba, Venezuela, Bolivia, Ecuador, Alba e Unasur, in seguito alla loro condanna del colpo di Stato che ha portato all'allontanamento della presidente Dilma Rousseff e alla formazione del governo ad interim guidato da Michel Temer.

I documenti ufficiali del Ministero degli Affari Esteri, diffusi il 13 maggio, infliggono un colpo a ciò che il Brasile ha fatto di meglio nell'esercizio della propria sovranità: la politica estera attiva, di alto profilo, sovrana, multilaterale e universale, inaugurata e diretta dall'ex presidente Lula e continuata dalla presidente Rousseff, che ha portato il paese a coltivare eccellenti relazioni di amicizia, cooperazione e solidarietà con i paesi fratelli dell'America Latina e dei Caraibi.

Con il governo dell'ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva e della presidente Rousseff, il Brasile ha dato priorità all'integrazione dell'America Latina, che si è materializzata nella creazione di strumenti di cooperazione multilaterale, quali Unasur, Celac e Alba, contribuendo a trasformare l'America Latina e i Caraibi in un importante polo geopolitico nella lotta per la democratizzazione delle relazioni internazionali, la prevalenza della legge e la pace mondiale.

Leggi tutto...

Basta sanzioni alla Siria

E-mail Stampa PDF

siria bambino aleppoda bastasanzioniallasiria.wordpress.com

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'appello di alcuni esponenti della comunità cattolica siriana, e invitiamo ad aderire alla campagna internazionale per la cessazione delle sanzioni contro la Siria. Marx21.it


Nel 2011 l’Unione Europea, varò le sanzioni contro la Siria, presentandole come “sanzioni a personaggi del regime”, che imponevano al Paese l’embargo del petrolio, il blocco di ogni transazione finanziaria e il divieto di commerciare moltissimi beni e prodotti. Una misura che dura ancora oggi, anche se, con decisione alquanto inspiegabile, nel 2012 veniva rimosso l’embargo del petrolio dalle aree controllate dall’opposizione armata e jihadista, allo scopo di fornire risorse economiche alle cosiddette “forze rivoluzionarie e dell’opposizione”.

In questi cinque anni le sanzioni alla Siria hanno contribuito a distruggere la società siriana condannandola alla fame, alle epidemie, alla miseria, favorendo l’attivismo delle milizie combattenti integraliste e terroriste che oggi colpiscono anche in Europa. E si aggiungono a una guerra, che ha già comportato 250.000 morti e sei milioni di profughi.

A giugno, il Consiglio dell’Unione europea dovrà pronunciarsi all’unanimità per poter rinnovare le sanzioni alla Siria. Riconoscendoci pienamente nell’appello lanciato da esponenti cattolici della comunità siriana (qui sotto riportato) chiediamo a tutti i parlamentari e ai sindaci di impegnarsi affinché il Governo italiano voti contro il rinnovo delle sanzioni alla Siria.

Leggi tutto...

Missili Usa in Romania e Polonia: l’Europa sul fronte nucleare

E-mail Stampa PDF

us missile shield in deveseludi Manlio Dinucci 

Taglio del nastro alla base aerea di Deveselu in Romania, dove il segretario generale della Nato Stoltenberg  ha inaugurato la «Aegis Ashore», installazione terrestre del sistema missilistico Aegis degli Stati Uniti 

Stoltenberg ha ringraziato gli Stati uniti perché con tale installazione essi accrescono notevolmente la capacità di «difendere gli alleati europei contro missili balistici dall’esterno dell’area Euro-Atlantica». Ha annunciato quindi l’inizio dei lavori per realizzare in Polonia un’altra «Aegis Ashore», analoga a quella entrata in funzione in Romania. Anch’essa dotata di missili intercettori SM-3 e lanciatori verticali MK 41 della Lockheed Martin. 

Le due installazioni terrestri si aggiungono a quattro navi Aegis (anch’esse con missili SM-3 e lanciatori verticali) che -- dislocate dalla U.S. Navy nella base spagnola di Rota -- incrociano nel Mediterraneo, Mar Nero e Mar Baltico, collegate a un potente radar in Turchia e a un centro di comando in Germania.

Il segretario generale della Nato, mentre da un lato afferma che «il nostro programma di difesa missilistica rappresenta un investimento a lungo termine contro una minaccia a lungo termine», dall’alto assicura che «questo sito in Romania, come quello in Polonia, non è diretto contro la Russia». 

Leggi tutto...

Il golpe istituzionale in Brasile è anche un attacco al gruppo BRICS

E-mail Stampa PDF

Dilma Russia Foto Roberto Stuckert Filho PRDichiarazione del Partito Comunista della Federazione Russa (PCFR) | da solidnet.org

Traduzione di Marx21.it

Il 12 maggio 2016, il Senato del Brasile con un pretesto inventato ha rimosso per sei mesi dall'incarico Dilma Rousseff, presidente legittimamente eletta del paese.

La decisione del Senato è stata preceduta da una poderosa campagna di destabilizzazione della situazione economica e politica in Brasile. Siamo nuovamente testimoni di una “rivoluzione colorata” provocata dall'imperialismo nordamericano per instaurare il suo potere nel paese la cui presidente mette gli interessi del popolo al di sopra di quelli dei monopoli nordamericani e attua una politica economica e sociale indipendente.

Gli Stati Uniti strumentalizzano qualsiasi situazione di protesta sociale per cambiare regime e installare al potere un presidente più leale al governo nordamericano.

Washington teme anche che nell'ambito del gruppo BRICS, di cui sono membri Brasile e Russia, i paesi comincino a rafforzare una politica economica indipendente, a effettuare pagamenti con la loro moneta nazionale, il che causerebbe un serio danno alla “globalizzazione all'americana” e rafforzerebbe la volontà di molte nazioni di liberarsi dalla “tutela”degli Stati Uniti.

Leggi tutto...

Cuba denuncia il colpo di Stato parlamentare-giudiziario in Brasile

E-mail Stampa PDF

declaraciones del gobiernoda www.minrex.gob.cu

Dichiarazione del Governo Rivoluzionario

Il Governo Rivoluzionario della Repubblica di Cuba ha denunciato reiteratamente il colpo di Stato parlamentare-giudiziario, camuffato di legalità che si sta portando avanti da mesi in Brasile. Oggi è stato realizzato un passo fondamentale per gli obiettivi golpisti.

La maggioranza dei senatori brasiliani ha deciso di continuare il processo di giudizio politico contro la presidente legittimamente eletta dal Brasile, Dilma Rousseff, e in questo modo separarla “provvisoriamente” dal suo incarico per un periodo sino a 180 giorni, durante il quale il Senato dovrà decidere con il voto di due terzi dei suoi membri la destituzione definitiva.

Si tratta, in realtà di un artificio armato da settori dell’oligarchia in questo paese, appoggiati dalla grande stampa internazionale con l’intenzione di bloccare il progetto politico del Partito dei Lavoratori, far cadere il Governo legittimo e usurpare quel potere che non hanno potuto ottenere con il voto elettorale.

Leggi tutto...

Un anno di rafforzamento del movimento mondiale contro la guerra

E-mail Stampa PDF

paz colombadi Socorro Gomes*
da cebrapaz.org.br

Traduzione di Marx21.it

L'anno 2016, come gli anni precedenti, è iniziato all'insegna di maggiori sfide e compiti di rilievo. Come abbiamo rimarcato nelle nostre riunioni, campagne e dibattiti, il Consiglio Mondiale della Pace (CMP) ha il compito imprescindibile di rafforzarsi come organizzazione internazionale popolare e di massa, coinvolgendo le società e i cittadini nella difesa della pace, in posizione risoluta contro le guerre e le minacce alla sovranità dei popoli.

Siamo chiamati in quanto organizzazione internazionale a interagire con i movimenti organizzati di lotta dei lavoratori, della gioventù, delle donne, dell'intellettualità e di un ampio schieramento di patrioti, democratici, attivisti progressisti che in tutto il mondo si battono per la causa della democrazia, della giustizia sociale, dell'indipendenza nazionale e della pace.

Abbiamo messo in evidenza che gli Stati Uniti, muniti della loro macchina da guerra, delle loro stesse forze armate e dell'Organizzazione del Patto Nord Atlantico (NATO), delle loro basi militari disseminate in tutto il mondo, delle flotte della Marina da Guerra che solcano mari e oceani, della loro estesa rete di satelliti per lo spionaggio che controlla terra, mare e spazio siderale, alleati a potenze europee, hanno riorganizzato le loro forze e reagito al declino relativo della loro egemonia con rinnovata aggressività.

Leggi tutto...

Maduro: «Occupiamo le fabbriche»

E-mail Stampa PDF

venezuela folla cartellodi Geraldina Colotti
da ilmanifesto.info

Venezuela. L’ex presidente colombiano Uribe invita gli Usa all’intervento militare. Trovate armi alla frontiera

«Fabbrica bloccata, fabbrica occupata dal popolo». Parola di Nicolas Maduro. Il presidente del Venezuela lo ha ribadito davanti a migliaia di manifestanti – consigli comunali, comunas, organizzazioni territoriali – che appoggiano «il quinto motore dell’economia socialista»: uno dei 15 proposti dal governo chavista per uscire dalla crisi, e inquadrati da un decreto di emergenza, rinnovato per 60 giorni. Misure nuovamente respinte dall’opposizione, che ha la maggioranza in Parlamento dal 6 dicembre, e che preme per accelerare il referendum revocatorio contro Maduro.

Sabato, i partiti che compongono la Mud – un arco che va dal centro-sinistra della IV Repubblica all’estrema destra – hanno organizzato a Caracas una manifestazione concomitante a quella chavista e ne hanno indetta un’altra per domani a livello nazionale. L’obiettivo è quello di «fare come in Brasile», deponendo il presidente prima dello scadere del mandato: nel solco di quanto accade con Dilma Rousseff, che sta affrontando un processo di impeachment.

Leggi tutto...

Pagina 6 di 153