Storia, teoria e scienza

Si chiamava Stalingrado: La battaglia che ha sconfitto Hitler

E-mail Stampa PDF

stalingrado 1943di Maria R. Calderoni
da rifondazione.it

Febbraio 1943. Ricordando Stalingrado. La Stalingrado che a un prezzo sovrumano ha sconfitto il nazismo. Febbraio 1943. Si riprendono in mano i libri e ancora una volta, settant’anni dopo, il cuore fa un balzo. Eppure sí, Stalingrado c’è stata, la Battaglia di Stalingrado c’è stata, l’inenarrabile è avvenuto.

Queste cifre danno il capogiro. Nella Battaglia di Stalingrado, i sovietici perdono 478 mila soldati, i feriti sono 650 mila; e contando i morti dall’altra parte, tra tedeschi, italiani, rumeni, ungheresi il “conto” è di oltre un milione di vittime.

Apocalisse now, cioè Stalingrado in era Seconda guerra mondiale. Iniziata nell’estate 1942 e finita il 2 febbraio 1943, quella  di Stalingrado è passata alla Storia come la più grande battaglia della Seconda guerra mondiale. Sei mesi ininterrotti di furibondo ferro e fuoco, tutti combattuti dentro la citta, strada per strada, quartiere per quartiere, casa per cas; e tutti all’ultimo sangue, nel senso letterale del termine.

Leggi tutto...

“1917. L’anno della rivoluzione” di Angelo d’Orsi

E-mail Stampa PDF

russian revdi Federico La Mattina per Marx21.it

Angelo d’Orsi, 1917. L’anno della rivoluzione, Laterza, Bari, 2016, pp. 268.

“ […] Pensare quanto hanno tribulato i miei genitori per allevarmi fino a vent’anni e qui con una indifferenza ti mandano al macello. […]”  (tratto dalla lettera di un italiano al fronte,  p. 153)

Angelo d’Orsi (professore ordinario di Storia del pensiero politico all’Università di Torino, direttore delle riviste “Historia Magistra” e “Gramsciana”) ha recentemente pubblicato un volume sul 1917 in cui affronta cronologicamente, mese per mese – appoggiandosi su una ricca bibliografia – un anno tragico e complesso ma caratterizzato anche da grandi eventi destinati a stravolgere la storia del mondo. Il primo conflitto mondiale è ovviamente l’evento attorno al quale ruotano (o dal quale scaturiscono) gli eventi narrati nel libro. D’Orsi sottolinea opportunamente come “il conflitto tra le più potenti nazioni della scena europea del tempo” scoppi “per l’urto di interessi economici e di strategie geopolitiche, tra grandi potenze al tramonto e nuove potenze emergenti”, evidenziando anche la “sprovveduta incoscienza” dei leader internazionali (p. 4). Si è trattato di un “violento, drammatico ingresso nella modernità” in cui “moderno e antico si affiancano” con importanti innovazioni nel campo della tecnologia bellica: i governi hanno mandato letteralmente al macello i propri soldati, una vera e propria “fabbrica di follia” (pp. 6-7).

Leggi tutto...

La Rivoluzione di Febbraio del 1917

E-mail Stampa PDF

1917 folladi Domingo Abrantes | da avante.pt

Traduzione di Marx21.it

In occasione del centenario della rivoluzione democratica borghese in Russia, del Febbraio 1917, occorre ricordare questo straordinario evento che, nel suo sviluppo, è inseparabile dalla Rivoluzione Socialista d'Ottobre, il più grande evento di tutto il XX secolo e i cui cento anni si celebrano pure quest'anno.

L'importanza della Rivoluzione di Febbraio risalta per il fatto di essere stata la prima rivoluzione popolare vittoriosa e anche per fatto di avere messo fine a più di 300 anni di regno della dinastia dei  Romanov, la monarchia più reazionaria e sanguinaria, di essersi trasformata in un evento di importanza internazionale e per il fatto che il proletariato russo e il Partito Bolscevico abbiano creato le condizioni per porsi all'avanguardia del processo rivoluzionario mondiale. Va rilevato anche come molte di tali esperienze si siano trasformate in patrimonio comune, acquisendo valore universale. Durante gli avvenimenti memorabili del 1917, nell'attività del Partito Bolscevico e del proletariato russo si sono manifestati processi che in qualche modo si sono ripetuti e non mancheranno di ripetersi in futuro in altri paesi.

Leggi tutto...

Il socialismo tradito: le cause della caduta dell’URSS*

E-mail Stampa PDF

da lottobre.wordpress.com

Riceviamo da "Ottobre" e volentieri pubblichiamo

Il dibattito sulle cause della caduta dell’URSS è ampio e variegato. La corretta comprensione di un evento di tale portata aiuta senz’altro lo sviluppo del movimento operaio odierno, lasciato orfano da un riferimento ideale e materiale così importante quale fu il primo Stato operaio della storia.

Lasciando da parte il liquidazionismo di chi vede nell’URSS “l’impero del male” e “un regime totalitario” (parole senza senso, riflesso della criminalizzazione borghese dell’esperienza sovietica, che gran parte della sinistra riformista e radicale propaga a piene mani), e le analisi senza costrutto degli economisti borghesi che si limitano a ripetere la tautologia del “comunismo crollato perché l’economia comunista non può funzionare” (spacciando così i loro pregiudizi di classe per scienza) – è opportuno avanzare critiche precise sugli eventi che hanno contribuito a sconvolgere il mondo.

Leggi tutto...

“La schiavitù del capitale” di Luciano Canfora

E-mail Stampa PDF

schiavitudi Federico La Mattina per Marx21.it

Luciano Canfora, filologo classico, professore emerito dell’Università di Bari, autore di moltissimi saggi storici – molti dei quali abbracciano anche la contemporaneità – ha scritto un pamphlet di poco più di cento pagine dal titolo “La schiavitù del capitale” (il Mulino, 2017). Canfora ci propone una riflessione di ampio respiro sul “movimento permanente della storia”. Chi sfrutta ha temporaneamente vinto la partita contro chi è sfruttato ed è necessario trovare le forme adatte per capovolgere la temporanea “sentenza della storia”,  “nella convinzione, condivisa da ogni essere pensante, che nella storia non esistono sentenze definitive” (p. 9). E’ evidente la critica a qualsiasi teleologia, sia essa di matrice rivoluzionaria o reazionaria. Il brusco risveglio che ha seguito il crollo dell’esperimento socialista alla fine del secolo scorso ha visto, secondo Canfora, il trionfo del modello capitalistico “in tutte le sue proteiformi manifestazioni” sulla gran parte del pianeta. Gli sfruttati si trovano divisi di fronte ad un “capitale internazionalista” che ha ripristinato forme di dipendenza di tipo schiavile, non solo nei mondi dipendenti ma anche all’interno delle aree più avanzate.

Leggi tutto...

Per una rinascita del materialismo storico negli studi di filosofia, storia e scienze umane

E-mail Stampa PDF

marx figuredi Stefano G. Azzarà

Pubblicato su “Materialismo Storico. Rivista di filosofia, storia e scienze umane”, E-ISSN 2531-9582, n° 1-2/2016, Questioni e metodo del materialismo storico, a cura di S.G. Azzarà, pp. 5-10 (licenza Creative Commons BY-NC-ND 4.0)

Da diversi decenni, gli studi di orientamento storico-materialistico in ambito filosofico – ma considerazioni non molto diverse potrebbero essere fatte per l'ambito storico e più in generale per le scienze umane nel loro complesso – versano nelle università italiane in una situazione di grave difficoltà.

Non ricostruisco qui nei dettagli il rilevante significato culturale che per una lunga stagione questa corrente ha avuto nel nostro paese. La linea di pensiero che da Labriola conduce a Gramsci e al gramscismo ha ripensato dalle fondamenta le categorie del marxismo, riconducendole al loro rapporto genetico con la dialettica hegeliana e dunque sia con l'esperienza della filosofia classica tedesca in senso stretto, sia con tutto il dibattito politico-culturale che dalla Rivoluzione francese ha attraversato il XIX secolo.

Leggi tutto...

Germania 1919: la Rivoluzione dimenticata*

E-mail Stampa PDF

da lottobre.wordpress.com

Il 15 gennaio 1919 Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht, dirigenti comunisti rivoluzionari tedeschi, furono assassinati a Berlino dalle milizie Freikorps, le bande armate al servizio degli industriali e dalla polizia, in una caserma di periferia. Giustiziati barbaramente senza processo.

Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht erano all’epoca membri del Partito socialdemocratico tedesco, ma il loro marxismo era da tempo in contrasto con quello professato dalla direzione del Partito. Essi avevano creato una corrente più conseguente – oggi diremmo marxista-leninista – chiamata Lega di Spartaco, che vedeva nela Germania devastata dalla guerra e dalla crisi economica un terreno fertile per la Rivoluzione.

Il loro assassinio fu il frutto di molteplici fattori. Tutto iniziò nell’ottobre 1918, quando le masse lavoratrici tedesche si sollevarono: la Rivoluzione, sull’esempio dell’Ottobre russo, sembrava possibile. E in una certa misura si realizzò. I consigli operai presero il potere a partire da novembre 1918 in diverse città dell’impero, l’insurrezione si generalizzò. Delegati di diversi partiti e movimenti di sinistra entrarono nei consigli; gli stessi dirigenti socialdemocratici – non certo entusiasti rispetto agli eventi rivoluziari, ma opportunisticamente obbligati a seguire le masse in rivolta, che costituivano il loro bacino elettorale – furono votati dagli operai, insieme alle forze radicali, anarchiche e comuniste, nei nuovi organi di autogoverno rivoluzionario, alla stregua dei Soviet russi.

Leggi tutto...

Sergej Pavlovic Korolev, l’uomo che mandò il primo uomo nello spazio

E-mail Stampa PDF

12 gennaio 2017 110 anni dalla nascita di Sergej Pavlovic Korolev, il progettista capo dell’OKB-1 che mandò il primo uomo nello spazio, Jurij Gagarin

Leggi tutto...

Zygmunt Bauman: un intellettuale post marxista?

E-mail Stampa PDF

di Gabriele Mirone

Riceviamo da Gabriele Mirone e pubblichiamo come contributo alla riflessione sull'opera del filosofo recentemente scomparso

La scomparsa di Zygmunt Bauman richiama ad una riflessione circa la sua opera inziata alla fine della seconda guerra mondiale. Ed è a mio avviso importante, soprattutto per le nuove generazioni, prendere in esame il percorso intellettuale del pensatore polacco proprio perché egli fu testimone e analista delle profonde trasformazioni culturali, economiche e politiche avvenute nel periodo storico contemporaneo, in cui ci troviamo immersi. Bauman si trovò a vivere a cavallo tra due epoche: il punto di partenza fu il moderno, quello di approdo il postmoderno. Ed in particolare, essendo egli un pensatore di formazione marxista, la narrazione che emerge dalle sue opere ha a che fare indirettamente con la stessa struttura che caratterizza la società nei due rispettivi periodi.

Leggi tutto...

L'avvenire è vostro, Comandante Fidel

E-mail Stampa PDF

fidelcastro fiori bandieredi Remy Herrera (Ricercatore del CNRS, Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica, Francia)

da legrandsoir.info

Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx 21

Cuba. In un lungo corteo silenzioso, nel dolore e nel raccoglimento, il popolo cubano in lutto ha reso un ultimo omaggio, fatto di dignità ed affetto, al suo Comandante en Jefe

Fidel Alejandro Castro Ruz. Figura di una leggenda moderna. Come lui, nessun altro. Con lui, l'umanità intera, o quasi. Da quella sera del 25 Novembre 2016, a milioni, decine, senza dubbio centinaia di milioni di uomini e donne hanno testimoniato il loro rispetto, la loro ammirazione per il capo storico della Rivoluzione Cubana. Sull'isola certo, e più lontano. Dappertutto nel mondo.

In Cina, dove si conoscono gli sforzi che ha profuso Cuba per preservare l'effimera unità di un fronte comune dei paesi socialisti prima dello scisma sino-sovietico; e ricordano che Cuba fu la prima delle nazioni americane a riconoscere la Repubblica Popolare, precedendo di 10 anni. In India, dove, dopo un abrazo, un abbraccio a Nehru, la sua popolarità è diventata immensa.

Leggi tutto...

Pagina 8 di 36