Storia, teoria e scienza

Parigi 17 ottobre 1961: la mattanza degli algerini

E-mail Stampa PDF

algerini parigi1961di Luigi Cecchetti
da civg.it

Vogliamo ricordare un avvenimento tremendo, che accadde il 17 ottobre del 1961: quel giorno di autunno circa 30.000 persone sfilavano per le vie di Parigi pacificamente.

I cortei, che avevano l’intenzione di raggiungere il centro della città, erano costituiti da donne, uomini e bambini; furono aggrediti dalla polizia a colpi di bastone e di armi da fuoco, vennero uccisi, gettati vivi nella Senna ed alcuni furono ritrovati impiccati nei boschi. Si calcolano dai 200 ai 300 morti più alcune migliaia di feriti.

Cercando di capire come si era arrivati a questa violenza raccontiamo nei particolari questo evento raccapricciante, forse il più grave massacro di lavoratori avvenuto in Europa nel secolo scorso.

Leggi tutto...

“L’omologazione dell’individuo e l’esempio ribelle del CHE”

E-mail Stampa PDF

cheguevara cubadi Francesco Stilo e Emiliana Calabrese

Riceviamo dal compagno Francesco Stilo e volentieri pubblichiamo

-La scelta come volontà rivoluzionaria-

Ernesto Che Guevara, figlio dell’architetto Guevara Lynch e della femminista rivoluzionaria Celia de la Serna, era un uomo,un medico e un rivoluzionario. Di estrazione sociale elevata e forte di un titolo di studio che avrebbe potuto garantirgli, economicamente e socialmente, un’esistenza agiata, Guevara, invece, sceglie di vivere un’altra esistenza. Mosso da viva curiosità e spirito d’avventura intraprende un lungo  viaggio con La Poderosa attraverso il continente sudamericano, entrando in contatto con la dura realtà delle popolazioni indigene, con la povertà, la fame, la miseria. Dunque fin dalla giovinezza, nel suo comportamento e nelle sue scelte, si colgono i segni del sentimento rivoluzionario che troverà sbocco, poi, nella vittoriosa avventura cubana al fianco dell’amico e compagno Fidel Castro. Il Che, pur ricoprendo importanti incarichi all’interno del governo cubano, ed essendo considerato di fatto il numero due della rivoluzione dopo Fidel, decide, più tardi, di tornare sul campo di battaglia, scommettendo tutto se stesso, la propria vita, nell’azione rivoluzionaria per la liberazione dei popoli dal giogo dell’oppressione capitalista.

Leggi tutto...

La vita tra socialismo e capitalismo in Germania: storie di ex “Ossies”

E-mail Stampa PDF

pioneri ddrdi John Wojcik
da lacittafutura.it

La gioventù vissuta durante il socialismo della DDR vs il capitalismo della Germania contemporanea: testimonianze di vita di cittadini tedeschi a confronto a distanza di quasi 30 anni dalla caduta del muro di Berlino.    

Al BabylonTheater di Berlino, lo scorso 16 settembre, una folla si è radunata per il memorial annuale dedicato a DeanReed, americano ribelle, rockstar e regista, che divenne celebre per essersi rifugiato, nel 1972, in GermaniaEst (la RepubblicaDemocraticaTedesca, o DDR). I partecipanti erano tra i più accesi fans di Reed, che ne annoverò a migliaia in Germania Est, dove morì nel 1986.

Leggi tutto...

Riscoprire Lenin

E-mail Stampa PDF

da giovanicomunisti.it

Riceviamo dal compagno Alessandro Pascale e volentieri pubblichiamo

Pubblichiamo un’antologia delle opere di Lenin redatta dal compagno Alessandro Pascale del Comitato Politico Federale PRC di Milano che ci concede gentilmente l’utilizzo del lavoro da lui svolto.

Invitiamo le compagne e i compagni a diffondere questo materiale che è messo a disposizione gratuitamente.

Di seguito riportiamo una breve introduzione al testo scritta dall’autore.

Leggi tutto...

La Rivoluzione d’Ottobre e il Movimento Socialista Mondiale in una prospettiva storica

E-mail Stampa PDF

lenin rivoluzione 940 1di Andrea Catone

1. Il risultato più duraturo della rivoluzione d’Ottobre è il riemergere dei popoli oppressi

Il centenario della Rivoluzione d’Ottobre consente oggi, con il vantaggio della distanza storica, di trarre un bilancio dei suoi effetti duraturi in tutta la storia del mondo.

La rivoluzione d’Ottobre segna un momento fondamentale nella storia, non solo del movimento operaio, ma dell’intera umanità. Dopo la Comune di Parigi (1871), schiacciata nel sangue dalla repressione della borghesia, la Rivoluzione d’Ottobre è il primo tentativo vittorioso del proletariato e delle classi subalterne di rovesciare i rapporti sociali dominanti e costruire una società socialista. Segna anche l’inizio di un potente processo di emancipazione dei popoli oppressi e lo sviluppo di lotte anti-coloniali e antimperialiste. Le rivoluzioni russa, cinese, vietnamita e cubana – per limitarsi ad alcuni dei più importanti movimenti comunisti – hanno permesso la liberazione di centinaia di milioni di esseri umani dalla miseria e dalla fame e rappresentano il tentativo di costruire società alternative al capitalismo e orientate verso il socialismo. L’importanza di queste esperienze non si è esaurita nei paesi che sono stati teatro dei processi rivoluzionari; queste esperienze hanno dato nuovo impulso alla liberazione che ha coinvolto grandi masse in ogni continente.

Leggi tutto...

Pagina 6 di 36