Storia, teoria e scienza

I comunisti e la questione nazionale: contributi per un dibattito

E-mail Stampa PDF

Sul tema “i comunisti e la questione nazionale” che sta suscitando un vivace dibattito tra i comunisti e, più in generale, nella “sinistra radicale”, Marx21.it intende aprire un confronto a tutto campo, invitando i suoi lettori a partecipare con le loro riflessioni. Di seguito i primi contributi alla discussione. Di Marco Pondrelli e Gianni Fresu.

Lenin 90 anni dalla morte 634x396Patriottismo, nazionalismo, internazionalismo
di Marco Pondrelli per Marx21.it

Gli eventi che si sono succeduti nell'ultimo periodo hanno riacceso il dibattito sul ruolo dello Stato e del nazionalismo. L'Occidente che in passato ha fatto un uso disinvolto del principio dell'autodeterminazione dei popoli (ad esempio in Kosovo) oggi si ritrova a dover contrastare chi quello stesso principio lo applica (Crimea) o vorrebbe farlo (Catalogna). Una sinistra allo sbando da anni, anche ideologicamente, non poteva che ritrovarsi ancora più in confusione. Si arriva così al paradosso di unire alla 'scontata' condanna della Russia imperialista il sostegno alla lotta del popolo catalano.

Leggi tutto...

L'economia della rivoluzione

E-mail Stampa PDF

di Ascanio Bernardeschi per Marx21.it

Riflessioni a partire da un importante lavoro di Vladimiro Giacché.

Antonio Gramsci definì l'Ottobre russo una rivoluzione contro il capitale, in quanto si discostava dalle previsioni marxiane secondo cui la rivoluzione sarebbe stata possibile in paesi ad avanzato sviluppo capitalistico e non nell'arretrata Russia. Probabilmente il grande dirigente politico e teorico italiano non poteva disporre di alcuni scritti dell'ultimo Marx proprio sulla Russia che non escludevano invece una possibilità di rottura rivoluzionaria in quel paese [1]. Ma a prescindere da ciò, Gramsci aveva ragione a respingere le posizioni dogmatiche che pretendevano un'applicazione senza mediazioni della teoria del Capitale a tutte le situazioni.

Questa teoria, che poi in realtà è un grande abbozzo incompiuto, è stata elaborata a un elevato livello di astrazione: parla del modo di produzione capitalistico, dei suoi caratteri generali, comuni a tutte le realtà economico-sociali in cui prevale tale modo di produzione.

Leggi tutto...

Il giudice, il prigioniero... e i romanzieri

E-mail Stampa PDF

di Domenico Losurdo

Prefazione al volume “Gramsci e il giudice” di Ruggero Giacomini

Tra i tormenti che affliggono Gramsci in carcere c’è un dubbio, semplice e atroce: i suoi compagni di partito si stanno realmente impegnando per la sua liberazione, oppure c’è qualcuno che trama nell’ombra per ostacolarla o renderla impossibile? A partire da questo dubbio, alcuni interpreti si sono sbizzarriti in ricostruzioni romanzesche, al cui centro campeggia l’avventurosa affermazione secondo cui il grande pensatore e rivoluzionario avrebbe concluso la sua esistenza dando l’addio alla militanza comunista. Ho parlato di ricostruzioni romanzesche per il fatto che esse si fondano sul nulla. Non solo i Quaderni, anche le Lettere dal carcere testimoniano sino alla fine l’interesse simpatetico di Gramsci per il paese scaturito dalla rivoluzione d’Ottobre.

Leggi tutto...

1917: La rivoluzione femminile

E-mail Stampa PDF

donne rivoluzionerussadi Mariana Venturini, vicepresidente dell'Unione delle donne brasiliane | da “Vermelho”, portale web del Partito Comunista del Brasile (PCdoB)

Traduzione di Marica Guazzora per Marx21.it

La conferenza a San Paolo mette in luce la questione inesplorata della storia della Rivoluzione russa: la sua eredità storica per l'emancipazione delle donne.

La conferenza "La rivoluzione femminile" si è svolta presso il SESC Pinheiros, affrontando il femminismo sovietico, la partecipazione femminile al processo rivoluzionario e le realizzazioni che la rivoluzione bolscevica ha portato alle donne. L'omonima conferenza di Wendy Goldman con i commenti di Maria Lygia Quartim de Moraes si è svolta nel cuore del "Seminario Internazionale 1917: l'Anno che ha scosso il mondo" promosso da Boitempo Editorial con il sostegno della Fondazione Mauricio Grabois .

Leggi tutto...

La Rivoluzione d'Ottobre e i movimenti di liberazione nazionale

E-mail Stampa PDF

lenin propagandadi Spartaco A. Puttini
da gramscioggi.org

A un secolo dall’assalto al palazzo d’Inverno cosa resta dell’Ottobre?

Cosa resta della rivoluzione russa, dopo il crollo dell’URSS e la dissoluzione del campo socialista? Dopo il collasso dei sistemi politici novecenteschi e la fine del compromesso tra capitale e lavoro che ha caratterizzato la seconda metà del XX secolo, in seguito alla vittoria sovietica nella seconda guerra mondiale e all’ombra della competizione bipolare?

A un primo sguardo sommario una risposta potrebbe essere “non molto”. Eppure molte delle conquiste che sono scaturite dal ’17, secondo un processo tortuoso e mai rettilineo, continuano a interessare il nostro mondo.

Leggi tutto...

Pagina 6 di 37