Un colloquio con lo storico Günther Grabner in occasione del 75º anniversario della liberazione

E-mail Stampa PDF

bandierarossaZeitung der Arbeit, Giornale del PdA, 16 giugno 2020

da https://zeitungderarbeit.at

Traduzione in italiano a cura di Enzo Pellegrin

Una conversazione con lo storico Günther Grabner per il 75esimo anniversario della liberazione. Al centro dell'attenzione è stato il ruolo delle comuniste e dei comunisti nella resistenza antifascista e nazionale contro il fascismo tedesco del 1938 - 45 in Austria.


Come abbiamo constatato nel corso di colloqui preliminari, è piuttosto difficile concentrarsi sulla resistenza limitandosi al periodo 1938 - 1945. La storia delle restrizioni e delle repressioni nei confronti del movimento dei lavoratori austriaco e della resistenza nel contesto dell'austrofascismo è fondamentale per la comprensione della resistenza al fascismo tedesco. A tal fine raccomandiamo, tra l'altro, l'opuscolo pubblicato da Tibor Zenker nel febbraio 1934 dalla Federazione dei Reduci dei Lager/Federazione degli Antifascisti. Tuttavia, in occasione e in occasione del dibattito odierno, ci limiteremo al ruolo delle comuniste e dei comunisti - il cui partito, fin dalla sua fondazione, aveva un carattere marxista-repubblicano e fu nella Resistenza dal 1938 al 1945.

Quale ruolo hanno svolto nella resistenza le comuniste e i comunisti austriaci?

Il ruolo del partito comunista nella resistenza è dovuto al fatto che tale formazione non era un partito di piccole dimensioni - in particolare dal 1918 al 1933 - contava 40.000 membri. Inoltre, fin dalla sua creazione, il KPÖ è sempre stato minacciato di persecuzione e l’ha sperimentato in tali circostanze, il che, per essere breve, ha favorito la clandestinità delle modalità di azione.

Eppure, negli anni 1938 - 1945, 6300 tra comuniste e comunisti a Vienna sono stati arrestati dalla Gestapo fino al 1939, come già nel 1874. Molte delle persone arrestate sono state giustiziate o sono finite in carcere o in campi di concentramento, e anche qui quasi nessuno è stato rilasciato. Tra i gruppi politici, i comunisti e le comuniste in Austria hanno subito le maggiori perdite, il che dimostra ancora una volta la loro importanza nella resistenza. Si è trattato di una perdita insostituibile, che abbiamo percepito dal 1945 e successivamente. L'unica possibilità era l'esilio a Londra e a Mosca, dove non sussisteva il rischio di essere uccisi.

Come mai il KPÖ ha avuto un ruolo così importante nella resistenza? Perché le comuniste e i comunisti austriaci continuano a parlare sia di lotta antifascista che di lotta nazionale di liberazione nel 1938 - 45? Puoi spiegarci il doppio carattere della Resistenza?

Ancora una volta, è importante sottolineare che non si è trattato solo di una lotta per la liberazione nazionale, ma anche di una guerra internazionale di liberazione. Era una guerra internazionale quella del 1938, una guerra mondiale che aveva semplicemente dimensioni internazionali.

Le comuniste e i comunisti si sono non solo identificati come antifasciste e antifascisti nella loro lotta di liberazione grazie al lavoro di Alfred Klahr, ma hanno anche lottato contro il dominio straniero. Tuttavia entrare maggiormente nel dettaglio ci spingerebbe troppo oltre.

Il KPÖ e la Federazione della Gioventù Comunista erano già state messe al bando già nel 1933, come è stato possibile mantenere la resistenza in clandestinità per un periodo così lungo? Quali metodi sono stati utilizzati? Puoi dirci, basandoti su un gruppo della resistenza, come ha funzionato?

Il KPÖ è stato bandito il 26 maggio 1933 dal ministro degli Interni, il cristiano Emil Fey. Di conseguenza, come nel caso di molti partiti comunisti e popolari in altri paesi, vi è stato un lungo periodo di clandestinità e di esperienza della clandestinità. Questo è stato il caso, per esempio, del Partito comunista di Germania.

Uno dei metodi più importanti era la formazione dei lavoratori in termini teorici e pratici, ed era compiuto tramite una organizzazione formativa. Poco tempo dopo il divieto, l'organo di stampa centrale del partito uscì di nuovo, con stampa e diffusione illegali - il quotidiano Bandiera Rossa, veniva pubblicato dal 1918, all’epoca ancora con un altro nome. Era già stato censurato in precedenza, ovvero i redattori erano già stati incarcerati, ma il giornale continuava a uscire, il che era estremamente importante per la formazione.

Bisogna riflettere: oggi, su 17 partiti austriaci, ce n'è solo uno che pubblica un quotidiano. I quotidiani sono molto importanti per la formazione. Sono usciti giornali comunisti sia in clandestinità che in ambito legale. La crescente diffusione dei classici del Marxismo leninismo, che all'epoca erano in parte ancora nella loro prima edizione, avvenne grazie alla stampa in collaborazione con il KPD e il Komintern nella tipografia del partito. Il dottor Johannes Wertheim è stato ucciso nel campo di concentramento di Auschwitz nel 1942. L'autoformazione, la formazione e lo scambio di letture tra piccoli gruppi sono continuati dopo il 1933 e anche dopo il 1938, per esempio. Così avvenne con escursioni in montagna, dove piccoli gruppi si incontravano per la formazione e lo scambio di informazioni nelle condizioni di cospirazione più rigide. Peter Kammerstätter ha parlato in merito a questi corsi di formazione e alle escursioni a cui ha partecipato lui stesso. Fece raccolta di materiali, anche tra le brigateche sono diventate note in seguito, come la Willy Fred o il gruppo Welser. Plieseis è un noto rappresentante della Willy Fred di Salisburgo e Sepp Teufl era il membro più noto del gruppo Welser del KPÖ. Questi gruppi non si sono mai incontrati con tutti i membri perché il rischio di essere spiati era troppo alto.

C’è qualcos’altro che vorresti aggiungere sull’organizzazione della resistenza austriaca?

Sono trascorsi 75 anni dalla liberazione e 75 anni dalla fondazione della Repubblica ed è scandaloso che oggi in Austria, in questo anniversario, si continui a compiere un sabotaggio dalla toponomastica dei luoghi pubblici. Vi sono due esempi recenti: uno è l'iniziativa di dare il nome di Johann Koplenig alla Höchstädtplatz . Un secondo esempio: in Tirolo, a Wörgl, c'è l'iniziativa di intitolare una strada a Thomas Berger per il trentesimo anniversario dalla morte. La prima è stata decisa in Provincia ed è stata vanificata dalla città di Vienna. A Wörgl l’intitolazione era stata promessa dal sindaco e poi si è arenata dopo che se ne è andato.

In Austria vi sono strade e piazze intitolate ai combattenti della resistenza, ma non vi sono strade dedicate a Koplenig, Franz Honner o Friedl Fürnberg. Si tratta di uno scandalo, considerando i loro meriti nella resistenza e nella ricostruzione della Seconda Repubblica. La città di Steyr merita il nostro plauso per queste intitolazioni, poiché le strade sono state chiamate come i 12 eroi del comitato centrale, come il dottor Dr. Alfred Klahr, per esempio, insieme ad altre eccezioni. Strade e piazze sono dedicate a Margarete Schütte-Lihotzky, Rosa Hoffmann, Jura Soyfer ed Ernst Burger. Le azioni di queste compagne e compagni devono essere ricordate e la loro memoria così non viene offuscata per mezzo di tali intitolazioni.

Sulla base dei suoi meriti durante la resistenza, il KPÖ era uno dei tre partiti che hanno cofirmato la dichiarazione di indipendenza e che hanno co-fondato la seconda repubblica nel 1945. Fino al 1947, il KPÖ faceva parte del governo federale, e 155.000 membri della KPÖ dopo la guerra pubblicavano sette quotidiani. A causa della guerra fredda e della battaglia degli Stati Uniti contro l’Est, anche in Austria il KPÖ è stato preso sempre più di mira dalla politica e dai media. Queste cifre, però, parlano anche della forza dei comunisti nella resistenza.

Vorrei fare anche qualche nome. Magda Schorr, ad esempio, è poco conosciuta, ha diretto il Soccorso Rosso (Rote Hilfe n.d.t.) in Austria negli anni '20 e '30 e ha collaborato anche al Soccorso Rosso internazionale. Il Soccorso Rosso è stato bandito nel 1923 per la prima volta e nuovamente nel 1933. È stata un'organizzazione di massa del partito per i perseguitati e i discriminati e, come ho già detto, ha sostenuto i compagni arrestati durante l’epoca prefascista. Ad esempio, il Soccorso Rosso ha fornito anche assistenza legale. A difendere i proletari in tribunale, c'era il dottor Egon Schönhof, un giurista esperto. È stato anche ucciso nel 1942, in un campo di concentramento di Auschwitz a 61 anni, altruista nel suo lavoro nel Soccorso Rosso. Questa rete era molto importante perchè c’erano sempre nuove adesioni. Inoltre, il Soccorso Rosso ha dato dei soldi alle vedove dei combattenti di Febbraio, e non solo ai membri del KPÖ, ma anche ad altri combattenti, il che è stato vitale e Magda Schorr - o Malke Schorr - è stato il primo volto dell'organizzazione.

Raccomando il seguenti testo per maggiori dettagli: Hermann Mitteräcker, Battaglia e sacrificio per l'Austria. Un contributo alla storia della resistenza austriaca dal 1938 al 1945", 1963, Vienna. Qui vengono citati molti nomi della resistenza.

Grazie, caro Gunther, per la chiacchierata e per il tuo tempo!

Nota: la conversazione è stata curata da Marie Jaeger. Günther Grabner è docente di Storia all'Università di Salisburgo e ha ottenuto il dottorato nel 1978 con una pubblicazione sulla storia della FreedomÖsterreichische Jugend (FÖJ) dal 1945 al 1969" (372 pagine) ed è un membro attivo della KZ-Verband/Verband der Antifaschisten, Federazione dei Reduci dei Lager e degli Antifascisti.