Karl Marx

E-mail Stampa PDF

karl marx hipdi Albano Nunes

da “Avante!”, Settimanale del Partito Comunista Portoghese (PCP)

Traduzione di Marx21.it

Con la Conferenza “Il II centenario della nascita di Marx: eredità intervento lotta. Trasformare il mondo”, il PCP ha iniziato un anno di celebrazioni che, come è accaduto in relazione al Centenario della Rivoluzione d'Ottobre, si concentreranno sul presente e sul futuro della nostra lotta. Ricorderemo lo scienziato e il rivoluzionario di eccezionale valore che, in stretta collaborazione con Engels, ha svelato le leggi dello sviluppo sociale, offrendo alla lotta di emancipazione della classe operaia il fondamento scientifico che mancava, e lo faremo con gli occhi fissati sulla realtà e le sfide del nostro tempo, con la convinzione che una più profonda conoscenza della sua vita e della sua opera rafforzerà la fiducia nella forza organizzata dei lavoratori e delle masse popolari.


In duecento anni il mondo è molto cambiato. Leggendo e studiando Marx balzano alla vista le trasformazioni molto profonde che hanno avuto luogo nel sistema capitalista e in tutta la realtà mondiale. L'umanità è avanzata prodigiosamente nella conoscenza della Natura e della Società e, attraverso grandi lotte di classe, in un processo irregolare e accidentato, ha compiuto passi da gigante verso la sua liberazione da tutte le forme di sfruttamento e oppressione.

Il contesto in cui oggi lottano i comunisti è completamente diverso da quello in cui vennero scritti il “Manifesto del Partito Comunista” (alla vigilia delle rivoluzioni del 1848/49 che sono passate alla storia come la “Primavera dei Popoli”) e “La guerra civile in Francia” (subito dopo la Comune di Parigi del 1871). E diverse sono le forme di organizzazione del movimento comunista e operaio internazionale se le paragoniamo alla Lega dei Comunisti e all'Associazione Internazionale dei Lavoratori (1864), in cui riecheggiò la celebre parola d'ordine del “Manifesto”, “Proletari di tutti i paesi, unitevi!”.

Mutando la situazione, sono cambiate le forme di organizzazione e di lotta. Ma è davvero sorprendente come i grandi principi, le grandi tesi, le leggi fondamentali del materialismo storico scoperte da Marx siano state confermate dalla realtà e come, con gli sviluppi e gli arricchimenti posteriori, a cominciare da Lenin, mantengano una clamorosa attualità. Un'attualità che persino gli avversari del marxismo si vedono obbligati ad ammettere nella sfera economica, pur negandola nella sua essenza rivoluzionaria demolitrice del capitalismo. Ora, come ha sottolineato Lenin, “l'essenziale nella dottrina di Marx è avere messo in evidenza il ruolo storico mondiale del proletariato come creatore della società socialista”.

In questo momento di instabilità e incertezza in cui, nonostante la resistenza e la multiforme lotta dei lavoratori e dei popoli, il sistema capitalista risponde all'approfondimento della sua crisi strutturale con un'enorme regressione sociale e democratica e la minaccia nucleare, troviamo in Marx e nel marxismo-leninismo la bussola sicura per orientare con fiducia la lotta per la democrazia, la pace e il socialismo. Certi che nessuna battuta d'arresto controrivoluzionaria, per quanto dura e prolungata possa essere, può cambiare il senso della storia indicato da Marx.