Storia, teoria e scienza

"Democrazia, storia di un'ideologia"

E-mail Stampa PDF

canfora storiadiunideologia[Estratto da A. Pascale (a cura di), Il totalitarismo liberale. Le tecniche imperialiste per l'egemonia culturale, La Città del Sole, Napoli 2019, cap. 9.1-9.2, pp. 147-151]

Il capolavoro di Luciano Canfora, Democrazia. Storia di un’ideologia [1], analizza il complesso rapporto della democrazia con il tema della libertà, oltre che il suo cammino attraverso la nascita delle istituzioni europee. Canfora parte da una premessa sulla favola della democrazia intesa come invenzione dell’Atene periclea, ma vola ben presto nel cuore della contemporaneità, ricollegandosi alla rivoluzione francese del 1789 e ai fatti conseguenti, mostrando per filo e per segno tutte le contraddizioni delle cosiddette “democrazie liberali” europee: la storia recente di Francia, Gran Bretagna, Germania e Italia viene analizzata minuziosamente mostrando di fatto come ben rari siano stati i momenti di effettiva democrazia vigenti in tali Paesi e che solo in tempi recenti essi si siano appropriati del concetto stesso della “democrazia”, a lungo rigettato, o orchestrato in modalità tali da favorire di fatto ristrette oligarchie possidenti.

Leggi tutto...

"Come si comanda il mondo" (Galli & Caligiuri)

E-mail Stampa PDF

galli comesicomandailmondo[Le righe che seguono sono tratte da G. Galli & M. Caligiuri, Come si comanda il mondo. Teorie, volti, intrecci, Rubbettino, Catanzaro 2017, pp. 75-80; il presente estratto costituisce l'Introduzione alla seconda parte dell'opera e lo si ritiene utile per far conoscere i temi e i contenuti di un prezioso libro, passato ingiustamente inosservato]

Chi governa davvero il mondo? È questo un tema di straordinaria attualità e lo sarà ancora di più nel prossimo futuro. Sono sempre più numerosi i testi che approfondiscono l’argomento e il nostro contributo intende coniugare la riflessione teorica con le ricerche empiriche in modo da individuare le tendenze destinate a condizionare il presente e il futuro del mondo. In effetti, siamo governati da pochi, come è sempre stato, tuttavia questa caratteristica è diventata più evidente in un’epoca in cui metà della popolazione mondiale è collegata a Internet. Norberto Bobbio non a caso, richiamandosi a Gaetano Mosca, sosteneva che «in ogni società, di tutti i tempi, e a tutti i livelli di civiltà, il potere è posseduto da una minoranza, non vi è altra forma di potere che quella oligarchica». Noam Chomsky sostiene che l’1% detiene le leve del potere sostanziale nel mondo 3, anzi è proprio questa minoranza che, secondo una lettura sempre più diffusa, cospira contro le moltitudini.

Leggi tutto...

A cento anni dal biennio rosso, i moti per il caro-viveri

E-mail Stampa PDF

Moti caro viveridi Domenico Moro
da laboratorio-21.it

Lo studio della storia del movimento operaio e rivoluzionario è importante non solo per ricordare le proprie radici e affermare la propria identità ma anche e soprattutto come ammaestramento per le scelte politiche tattiche e strategiche per l’oggi e per il futuro.

Proprio in questo inizio di estate 2019 cade il centenario dell’inizio del biennio rosso (1919-1920), che rappresenta uno dei momenti di più alta tensione rivoluzionaria delle classi subalterne italiane degli ultimi cento anni, sia per la profondità sia per la diffusione delle lotte sul territorio nazionale.

Leggi tutto...

Le ragioni delle campagne antireligiose fatte dai bolscevichi

E-mail Stampa PDF

pascale campagneantireligiose01[Estratto (disponibile in formato pdf su Academia.edu) da A. Pascale, In Difesa del Socialismo reale e del marxismo-leninismo, vol. I, tomo B, II edizione, La Città del Sole, 2019 [1° ediz. Intellettualecollettivo.it, 2017], cap. 7, pp. 15-17. L'opera è in uscita su prenotazione da fare entro il 31 luglio. Per info cliccare qui]

«La Chiesa presenta per i soviet un concreto pericolo; all'ateismo materialista oppone la dottrina del Cristo e davanti alla III Internazionale si erge a guardiana delle tradizioni nazionali, così viene separata dallo Stato e combattuta senza quartiere. I suoi beni vengono confiscati, le sue reliquie profanate, i suoi arcivescovi messi a morte». (Serge Andolenko) [1]

Leggi tutto...

Una proposta di rielaborazione del materialismo dialettico

E-mail Stampa PDF

falcemartello costruttdi Alessandro Pascale

Presentiamo qui un saggio sul materialismo dialettico, una proposta di suo superamento/conservazione per adattarlo al tempo presente e inglobare in esso alcune concezioni scientifiche, soprattutto di psicologia sperimentale, e filosofiche più recenti. Si tratta di una ideale prosecuzione di un precedente scambio di opinioni, intercorso tra il sottoscritto e l’autore, Fabio Rontini, in merito alla critica del libro In difesa del socialismo reale e del marxismo-leninismo, di cui è pertanto consigliabile la lettura qui.

Leggi tutto...

La "Questione nazionale" nel XXI secolo

E-mail Stampa PDF

mano falcedi Alessandro Pascale

«L'emancipazione della classe operaia deve essere l'opera della classe operaia stessa» (Karl Marx) [1]

Da quando esiste il socialismo scientifico i comunisti sanno che l'obiettivo primo della loro azione pratica deve essere la conquista del potere politico. Per giungere a tale obiettivo tutti gli autori fondamentali (da Marx a Gramsci, da Lenin a Mao, ecc.) concordano sul fatto che il partito comunista debba saper coniugare patriottismo ed internazionalismo.

Leggi tutto...

Intellettuali, studenti poveri, e AOC

E-mail Stampa PDF

occhiali libroRiceviamo da Alberto Gabriele e volentieri pubblichiamo

1 Come racconta Dostojevski, nella Russia dell’800 la maggior parte dei rivoluzionari, narodniki, anarchici, terroristi e altri senzadio erano studenti o ex-studenti poveri. Nel 1883 Aleksandr Ul'janov si trasferi’ da Nižnij Novgorod per studiare scienze naturali all'Università di Pietroburgo. Entrato nella Narodnaja Volja, partecipò ai preparativi di un attentato alla bomba per uccidere lo zar. Catturato dalla polizia politica, rifiutò’ di presentare domanda di grazia e fu impiccato il 5 maggio 1887. La sua morte contribuì a far sorgere e cementare nell’animo del fratello minore Vladimir, allora studente a Kazan', un odio inestinguibile contro il regime zarista, i ricchi e lo sfruttamento del popolo [1].

Leggi tutto...

Quale socialismo?

E-mail Stampa PDF

quarto statoda antropologiafilosofica.altervista.org

1. Introduzione

In tempi recenti, con il chiarirsi dell’inadeguatezza politica e teorica di ciò che va sotto il nome di ‘sinistra’, si è riproposta l’esigenza di usare termini meno ambigui e più sostanziali per definire visioni alternative al dominio dell’ordinamento capitalistico e della teorizzazione liberale. La direzione più semplice in cui si può operare tale chiarimento è recuperando il concetto di ‘socialismo’.

Leggi tutto...

Partito e classe dopo la fine della sinistra

E-mail Stampa PDF

manifestoperlasovranitacostituzionalePubblichiamo come contributo al dibattito

LETTERA SUL MANIFESTO PER LA SOVRANITÀ COSTITUZIONALE·DOMENICA 9 GIUGNO 2019

di Carlo Formenti, Alessandro Visalli

La grande mutazione delle sinistre

Che le sinistre non rappresentino più le classi subalterne è un dato di fatto. Non ne rappresentano più gli interessi materiali: dopo gli anni Ottanta si sono arrese al liberismo facendo proprio lo slogan thatcheriano “There is no alternative” e adottandone valori, principi e indirizzi economici, fino a legittimare politiche che hanno causato il crollo dei salari e dei livelli di occupazione, un peggioramento generale delle condizioni di lavoro e di vita e lo smantellamento del welfare.

Leggi tutto...

Una discussione con Giorgio Galli sulla teoria dell’effetto di sdoppiamento

E-mail Stampa PDF

marx pietraDISCUSSIONE CON GIORGIO GALLI SULL'EFFETTO DI SDOPPIAMENTO

Nel corso degli ultimi mesi si è avviata una discussione multilaterale fra l’autore del libro I rapporti di forza e il professor Giorgio Galli, dibattito che fra le altre cose ha avuto come oggetto anche lo schema teorico dell’effetto di sdoppiamento e la centralità della sfera politica, intesa in senso leninistico come “espressione concentrata dell’economia”, all’interno del processo di riproduzione delle variegate e diverse società via via apparse sull’arena storica nel corso degli ultimi undicimila anni, a partire dalla protocittà collettivistica di Gerico. Il risultato e il sottoprodotto del confronto avviato in questo ultimo periodo è costituito dallo scambio epistolare sotto riprodotto, che spera e intende avviare un percorso di confronto teorico su tali temi nella sinistra antagonista.

Leggi tutto...

Pagina 1 di 37