Questioni di genere

La voce delle donne

E-mail Stampa PDF

donna pugnochiusodi Margarita Botelho, Commissione Politica del Partito Comunista Portoghese (PCP)

da avante.pt

Traduzione di Marica Guazzora per Marx21.it

Il Movimento Democratico delle donne ha deciso di convocare per il prossimo 11 marzo una manifestazione a Lisbona con lo slogan “La voce delle donne per l’uguaglianza. Sviluppo. Diritti. Pace”. Decisione presa  in tempo utile.

In tutto il mondo, e il Portogallo non fa eccezione, l’8 marzo,  Giornata internazionale della donna, è contrassegnato dalle azioni di lotta, convivialità  e di dibattito che danno rilievo ai problemi , desideri e diritti delle donne. E’ vero che le donne hanno problemi, aspettative e diritti ogni giorno dell’anno. E’ vero che le donne portoghesi hanno dato un contributo fondamentale alla lotta più generale dei lavoratori. Basti pensare alla continua e  vittoriosa lotta  per il ripristino  di 35 ore di lavoro  nella Amministrazione pubblica , in cui settori che hanno la più alta concentrazione di mano d’opera femminile e di presenze femminili,  come le amministrazioni locali, sono stati decisivi per l’esito finale di questa resistenza.

e-max.it: your social media marketing partner
Leggi tutto...

La violenza contro le donne e l'iniziativa del Partito Comunista Portoghese

E-mail Stampa PDF

donne garofanidi Fernanda Mateus, Commissione Politica del Partito Comunista Portoghese (PCP)

da avante.pt

Traduzione di Marica Guazzora per Marx21.it

L'articolo è stato pubblicato alla vigilia della Giornata Internazionale per la eliminazione di tutte le forme di violenza contro le donne

Il 25 novembre è la Giornata Internazionale per la eliminazione di tutte le forme di violenza contro le donne.

E’ giusto sottolineare l’iniziativa del PCP in tutta questa vasta problematica, constatata l’importanza che è stata attribuita alla lotta in difesa dei diritti delle donne e per la loro emancipazione.       

Questa iniziativa è espressione di dibattiti, riunioni, incontri e di un vasto numero di iniziative legislative volte a dare protezione adeguata alle donne vittime di violenza domestica e insieme sull’ampliamento del concetto di violenza, per garantire un quadro legale di protezione alle vittime di svariati tipi di violenza.

e-max.it: your social media marketing partner
Leggi tutto...

Brasile: un libro per l’infanzia tratta della Giornata Internazionale della donna e delle conquiste dei diritti delle donne

E-mail Stampa PDF

donne dirittodivotoda pcdobdf.blog.br

Traduzione di Marica Guazzora per Marx21.it

Una bambina riceve il compito scolastico di affrontare il significato della Giornata Internazionale della donna. Seguendo il compito della figlia, Ana Prestas realizza come ci sia una totale mancanza di materiale didattico progettato  per quella fascia di età - 8 anni - e che il soggetto è sempre stato  trattato in modo molto politicizzato  e in forma terrorizzante (la fabbrica bruciata con le lavoratrici all’interno).

“Come insegnante ho richiesto che questo lavoro fosse svolto da tutta la classe – e lo faccio ogni anno – “Ho avuto l’idea di preparare questo materiale didattico  e accessibile a tutti i bambini”, spiega Ana. Il risultato è il libro Mirela e la Giornata internazionale della donna con illustrazioni di Vanja Freitas, edito dal Seal.

Ana riferisce della grande marcia di tessitori e sarte di Pietroburgo (Russia) tenutosi l’8 marzo del 1917 come origine della Giornata Internazionale  e racconta la storia di una fabbrica di tessuti bruciata  con le lavoratrici all’interno nel 1857 a New York (Stati Uniti) “questa storia passò di bocca in bocca ma non ci sono documenti  del tempo o atti che dimostrino che la vicenda sia realmente esistita”. La data ha cominciato ad essere celebrata nel 1921 quando l’8 marzo è stato adottato dalla Conferenza delle donne comuniste tenutesi a Mosca (Russia) e fu ufficialmente riconosciuta nel 1977dall’Unesco.

e-max.it: your social media marketing partner
Leggi tutto...

“NonUnaDiMeno” Tutte insieme contro la violenza maschile sulle donne

E-mail Stampa PDF

roma 261116di Marica Guazzora per Marx21.it

"Se la mia vita non vale producete senza di me”

Il 26 novembre prossimo  le donne scenderanno in piazza a Roma  per presentare il "piano delle donne femministe contro la violenza di genere". La giornata del 27 novembre ospiterà invece tavoli tematici e workshop "per elaborare le proposte su temi che spaziano dal diritto alla salute, alla libertà di scelta, all'autodeterminazione in ambito sessuale e riproduttivo, al lavoro, al welfare, al femminismo migrante, al sessismo nei movimenti".

La manifestazione di Roma sarà il seguito di  un percorso contro la violenza iniziato già da mesi  e in continua evoluzione con iniziative e dibattiti. Significativa la data scelta perché il 25 novembre è la giornata mondiale contro la violenza maschile sulle donne. Unica nota stonata, e non da oggi, è il non volere in corteo bandiere di partiti e di sindacati, una scelta che non capisco e non ho mai condiviso. Si tratta di una vecchia polemica irrisolta. 

Comunque è un evento straordinario e coinvolgente, nel quale è estremamente  importante esserci e al quale hanno aderito centinaia di associazioni femministe e femminili.  Ma non sarà esaustivo. Perché ci basta forse una mobilitazione seppur grande una volta o due  all’anno per sentirci come “rassicurate” che si sta facendo tutto il possibile? Oppure occorre indagare più a fondo l’animo maschile, iniziando dall’educazione e dalla cultura? Io credo che sfilare sia importantissimo, essere in tante di più, e noi ci saremo,  ma non basta. Non basta. I femminicidi non si fermano, la violenza contro le donne non si ferma mai. Bene hanno fatto quindi le donne ad organizzare anche la giornata del 27 per i tavoli tematici.  E la lotta continuerà.

e-max.it: your social media marketing partner
Leggi tutto...

Donne Unite per la pace e contro l’imperialismo

E-mail Stampa PDF

widf fdim fdif bogota2016Verso il XVI Congresso della Federazione Internazionale Democratica delle Donne

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

La WIDF - FDIM - FDIF Women's International Democratic Federation verso il suo XVI congresso, il 15/18 settembre 2016 a Bogotà, Colombia

Il tema generale del XVI congresso della FDIM sarà: “Donne Unite per la pace e contro l’imperialismo”.

Vi parteciperanno delegate delle associazioni affiliate alla FDIM/ WIDF dai cinque continenti (in numero di tre per ciascuna organizzazione). Altre parteciperanno ai lavori congressuali in qualità di invitate dal Comitato organizzatore, che è composto dalle organizzazioni colombiane ospitanti ( Fdim Col) e dalla segreteria internazionale della FDIM .

Si stanno elaborando dal CD uscente della FDIM/WIDF sei tesi da sottoporre al congresso:

1. Guerre imperialiste, aggressioni e sfide alla pace. Una sezione speciale di questa tesi sarà dedicata alla regione araba. Coordinano l'elaborazione di questa tesi le affiliate di Grecia e Libano.

e-max.it: your social media marketing partner
Leggi tutto...

VI Conferenza internazionale su Donna, genere e diritto

E-mail Stampa PDF

donneunite manifestoTra giustizia e uguaglianza

di Gilda Fariñas Rodríguez | mujeres.co.cu
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Con l'obiettivo comune di discutere sull'integrazione della dimensione di genere nel diritto e il suo legame con le altre scienze sociali dal punto di vista dei risultati e della sfide nel raggiungimento della sostanziale uguaglianza per le donne e le bambine, la VI Conferenza internazionale "Donna, genere e diritto" ha aperto mercoledì 11 maggio le sessioni, ricche di intensi dibattiti composti dai partecipanti dell'America Latina, dei Caraibi, degli Stati Uniti e della Spagna.

Nelle sue parole di benvenuto alle e ai delegati riuniti all'Hotel Habana Libre della capitale cubana, Yamila González Ferrer, Vicepresidente della Giunta direttiva nazionale dell'Unione dei giuristi di Cuba, ha descritto la situazione delle donne e delle bambine nel mondo, dove il volto della povertà estrema continua a essere femminile; le bambine mantengono una situazione di svantaggio nell'accesso all'educazione, alla salute; le donne percepiscono un salario inferiore a quello degli uomini, subiscono lo sfruttamento sessuale, i sequestri, le violazioni... sono anche le principali vittime dei conflitti armati e della mancanza di rispetto dei principi sanciti dalla carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale.

e-max.it: your social media marketing partner
Leggi tutto...

Donna e questione di genere: concezione rivoluzionaria contro femminismo borghese

E-mail Stampa PDF

donne bndi Paula Jiménez* | mujerfariana.org

Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Dagli albori della nostra specie, la donna ha aggirato ostacoli e guadagnato spazi per riuscire a dimostrare le sue molteplici attitudini alla pari degli uomini. Una strada lastricata di incomprensioni e repressioni, tanto della società stessa come del suo ambiente circostante.

Impantanate nei secoli sotto il dominio di un modello patriarcale, le donne hanno librato mille battaglie al fine di raggiungere uno spazio paritario, in accordo con lo sviluppo stesso della società. Nelle lotte per la loro liberazione si sono invischiate in processi emancipatori in differenti realtà e in lungo e in largo del pianeta.

Per ciò hanno dovuto superare se stesse e puntualizzare concettualizzazioni su quello che è realmente il femminismo rivoluzionario quale antidoto per non intossicarsi col veleno del femminismo borghese. Da questa necessità, l'importanza di conoscere che cosa separa realmente la visione borghese "dell'emancipazione" femminile, da quella rivoluzionaria, spogliandoci dalle tare del passato e dalle imposizioni del presente.

e-max.it: your social media marketing partner
Leggi tutto...

8 Marzo giornata internazionale della solidarietà

E-mail Stampa PDF

mujerersunidasdi Movimento Democratico delle Donne del Portogallo (MUD) | da facebook.com

L'8 marzo 2016, l’MDM (Movimento Democrático de Mulheres del Portogallo) saluta tutte le donne che con impegno e perseveranza hanno contribuito a fermare la corsa in atto all’impoverimento e alla violazione dei loro diritti, aprendo nuove prospettive di dignità al loro ruolo sociale, al miglioramento delle loro condizioni di vita e all’effettivo riconoscimento dei diritti delle donne come diritti umani.

Non ci sarà sviluppo sostenibile senza la partecipazione delle donne a tutti i livelli della vita politica, nel mondo del lavoro, nella protezione dell'ambiente e nella gestione dei servizi pubblici. Per queste ragioni, il Movimento Democrático Das Mulheres (MDM) fa appello a:

• la partecipazione delle donne nel continuare a svolgere un ruolo attivo nei cambiamenti sociali e politici urgenti necessari per porre fine alla discriminazione, ai conflitti armati e alle guerre.

• l'intensificazione della lotta anti-imperialista per la piena applicazione delle risoluzioni della CEDAW, dell'ECOSOC e delle Nazioni Unite per l'uguaglianza tra gli esseri umani e il diritto di tutte e tutti a vivere in pace e avere una vita dignitosa e decente.

e-max.it: your social media marketing partner
Leggi tutto...

L'emancipazione della donna si realizzerà solo con il socialismo

E-mail Stampa PDF

donne fascismo cccpdi Maria Muñoz

Traduzione di Roberto Lesignoli per Marx21.it

Riceviamo la riflessione della compagna Maria Muñoz, militante del Partito Comunista di Spagna,  e pubblichiamo come contributo alla discussione

Il capitalismo è un regime di disuguaglianza. Esiste una disuguaglianza economica, motivata dal fatto che mentre alcuni possiedono i mezzi di produzione (fabbriche, centri di lavoro, commercio, terre, ecc…) altri devono vendere l’unico che possiedono, la propria forza-lavoro, se non vogliono morire di fame.

Questa disuguaglianza si estende inoltre al terreno dei diritti nella società capitalista: mentre i membri della classe dominante godono di tutti i diritti che derivano dalla loro posizione di dominazione di classe, l’unico diritto di cui godono gli altri è di servire come mano d’opera per produrre maggiori guadagni al padrone. Anche nella più democratica repubblica borghese, in un regime di democrazia borghese, i diritti degli operai non smettono d’essere formali e non reali e la borghesia potrà sempre eliminarli in un sol colpo se le necessità di sviluppo del capitalismo  le richiedono.

e-max.it: your social media marketing partner
Leggi tutto...

8 Marzo 2016. Omaggio ad una splendida comunista brasiliana del ‘900: Pagù

E-mail Stampa PDF

pagudi Marica Guazzora
da 
pcditoibarruri.com

Un 8 marzo non retorico. nel ricordo di una straordinaria comunista brasiliana del 900.

“Eu procurava. Sem saber o quê. Sem nada esperar. Alguma coisa que me absorvesse com certeza. (…) Tinha momentos de grande enternecimento junto de meu filho. Mas eu repelia esses momentos. Eu sofria muito, desconhecendo a causa desse sofrimento. Uma noite, andei pelas ruas vazias, chorando; depois, muitas outras noites.”  Patrícia Galvão, em “Paixão Pagu: uma autobiografia precoce de Patrícia Galvão”. [Organização Geraldo Galvão Ferraz]. 1ª ed., Rio de Janeiro: Agir, 2005. Da Brasil cotidiano.

Patrícia Rehder Galvão, meglio conosciuta come Pagú, fu una figura straordinaria che nei suoi appena 52 anni di vita segnò profondamente la cultura e il costume del Brasile del novecento, agendo nel campo dell’arte del giornalismo e della politica. Fu principalmente poetessa, scrittrice, traduttrice e regista teatrale.

Pagú era chiaramente un “apelido”, un nomignolo, che Patrícia ricevette dal poeta Raul Bopp che sbagliando sul cognome della donna la chiamò appunto Pagù, facendo una fusione tra le iniziali del nome e del cognome. Questo nomignolo le rimase per sempre.

e-max.it: your social media marketing partner
Leggi tutto...

Pagina 1 di 4

  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »