Lettera di una madre a Israele

E-mail Stampa PDF

 

"Questa mattina avevo l'intenzione di scrivere un articolo sul saccheggio della flottiglia di aiuti diretta a Gaza da parte di vostri soldati. Come avrete potuto leggere, un ufficiale delle Forze di Difesa Israeliane è stato rinviato a giudizio da un tribunale militare, sospettato di aver rubato dei computer portatili ai passeggeri. E' da notare come il quotidiano Haretz ora si riferisca alla flottiglia denominandola "flottiglia di aiuti". Proprio com'era. Invece della flottiglia del "terrore", come avrebbero voluto i vostri leader che fosse chiamata. Ma faccio una digressione. Dunque, eccomi, pronta per scrivere il mio pezzo, quando mi sono imbattuta in un articolo uscito su ynetnews. Cercava di spiegare nei dettagli lo sgomento forse provato da qualcuno per via del saccheggio. Un ufficiale di rilievo delle Forze di Difesa Israeliane ha dichiarato a proposito dei furti verificatisi sulle navi: "Ci dev'essere un grave problema all'interno delle IDF per quanto riguarda i valori".

 

Ho fissato quelle parole a lungo. E, invece di scrivere il mio pezzo, ho deciso di scrivervi. Perché non posso fare a meno di domandarmi: ma chi, sulla faccia della terra, ha ancora riserve di "sgomento" messe da parte di fronte al comportamento delle vostre forze armate? Voglio dire, ma suvvia ragazzi. Al di là dei confortevoli viali di Tel Aviv, il resto del mondo trova che la frase "Esercito Morale", quando usata per riferirsi alle IDF, sia in pratica uno scherzo grosso, (tristemente catastrofico), e di portata globale. Sullo stesso piano di, ad esempio, il rifiuto del riscaldamento globale oppure i due mandati di George Bush.


Ora, qui l'ho fatto ancora una volta. Vi ho fatto arrabbiare molto. Ma, per favore, datemi ancora qualche attimo in più per spiegare perché sto scrivendo questa lettera. Perché non ho l'intenzione e non voglio nemmeno insultarvi. Di certo non più di quanto ho fatto in passato. Sono seduta qui, con la lavatrice e tante altre cose ancora da fare in casa, per farvi una domanda. Come madre e come essere umano che sono ho bisogno di sapere perché non vedete il male che viene fatto nel vostro nome?

 

Come fate a non vedere?

 

Come forse sapete già, ho partecipato alla prima missione Freegaza nel 2008. Questo vuol dire che non solo ho il piacere di conoscere personalmente le brave donne che hanno fondato il FGM (Freegaza Movement). Vuole anche dire che avevo molti amici e colleghi sulla flotta attaccata dalle vostre forze armate a maggio.
Sapete, (di nuovo per un secondo consideratemi una madre e non una "nemica") nessuno tra quelle brave persone è un terrorista che vuol introdurre armi illegalmente per gli "estremisti". Sono uomini e donne di estrema umanità e preoccupate per lo stato del mondo. Persone che non riescono a condurre una vita normale mentre il vostro stato, il vostro esercito, i vostri coloni, tormentano altri esseri umani. Ogni minuto ogni giorno. Di ogni mese e ogni anno.
Da sessantadue anni.

 

Non vorrei essere scortese. Ma arriva un momento in cui dire "Non sapevo cosa stesse succedendo" comincia ad essere trito e ritrito. Si capisce, vero? Tutta questa farsa di essere "scioccati" dal comportamento pessimo di vostri soldati, ha fatto ridere tutti i non israeliani; in effetti, ci fa ridere. "


leggi tutta la lettera:
http://guerrillaradio.iobloggo.com/1964/lauren-booth-lettera-aperta-a-israele

 

La giornalista Lauren Booth era a bordo del primo viaggio Free Gaza ed è rimasta a lavorare a Gaza anche dopo la partenza della barca. La sua lettera accorata rivolta al popolo di Israele dovrebbe essere letta da chiunque speri nella pace in Medio Oriente. Questo video tributo alle sue parole è stato prodotto dal Free Gaza movement.

 

In primavera 2010 partirà la Gaza Freedom Flotilla2, con un barca italiana al seguito. Per informazioni, per partecipare www.freedomflotilla.it