Italia

Crimini contro l'umanità

E-mail Stampa PDF

di Giorgio Cremaschi | da Liberazione

 

barletta crolloCinque operaie assassinate a Barletta. Come alla ThyssenKrupp, una strage sul lavoro che nasce da una lunga catena di violazione delle leggi, dei diritti, dei contratti, delle norme di sicurezza ambientali e per le persone e, soprattutto, dalla ricerca del profitto a tutti i costi.


A differenza che alla ThyssenKrupp, però, questa strage non è stata al centro del confronto mediatico. Anzi, dopo che si è appreso che il crollo della palazzina diventava una strage di operaie il fatto è stato quasi derubricato. Che dire, infatti, di operaie che in Italia prendono 3,95 euro all’ora per 12 ore di lavoro al giorno medie? Il che dà diritto a quei 500/600 euro mensili che per una famiglia del Mezzogiorno in crisi possono voler dire la sopravvivenza.

Leggi tutto...

Diliberto sulle manifestazioni degli studenti

E-mail Stampa PDF

studenti"Sono la meglio gioventù" 


"Gli studenti tornano nelle strade d’Italia. E' un bel vedere - dichiara Oliviero Diliberto, segretario nazionale Pdci-Federazione della Sinistra - di fronte alla deriva della politica, alle insopportabili volgarità del governo e alla debolezza dell’opposizione parlamentare. In un Paese costruito sui privilegi e sulla mancanza di diritti, fanno bene i giovani a 
prendere in mano il proprio destino. Dobbiamo ringraziarli. Senza di loro, senza un rilancio ed un investimento serio sulla scuola, sulla ricerca, sull’università, l’Italia è un Paese morto. Rappresentano la meglio gioventù. La loro irriducibile volontà di lottare contro lo sfacelo della scuola è la più grande speranza per il futuro di tutti".

Leggi tutto...

MARINO: Sarebbe il caso di declassare Moody's

E-mail Stampa PDF

marino luigi"Eni, Enel, Finmeccanica... serviti su un piatto d'argento alla speculazione privata" 


“Sarebbe il caso di declassare Moody’s". E' quanto afferma il senatore Luigi Marino, responsabile Economia del Pdci-Federazione della Sinistra.  “Ancora una volta una delle privatissime agenzie di rating, malgrado l’evidente conflitto di interessi in quanto partecipata da vari fondi pensione, si presta  ad una manovra per rendere ancora più appetibile agli speculatori quello che resta della nostra industria pubblica: Eni, Enel, Terna, Finmeccanica, grandi gruppi che operano in regime di partecipazione statale e svolgono una funzione strategica nell’economia nazionale, oltreché di orientamento e sostegno dell’intero sistema industriale italiano. Abbassarne il rating, mentre si riparla in Italia e in Europa di privatizzarle, conclude Marino, equivale a servirle su un piatto d’argento al minor  prezzo, facendo così l’ennesimo regalo alla speculazione privata “.

Leggi tutto...

Luciano Gallino: così il degrado del lavoro sta uccidendo la speranza

E-mail Stampa PDF

da la Repubblica del 5 ottobre 2011

 

barletta-foto-vittime-crollo-palazzinala NOSTRA vergogna

 

NELLA tragedia di Barletta sono presenti i peggiori ingredienti che un talento malvagio possa mettere insieme per farci provare dolore e vergogna. Un edificio pieno di crepe, uno scantinato mal illuminato, mal aerato, senza uscite di sicurezza. Nel quale lavoravano una decina di donne, faticando fino a dieci ore al giorno. Però senza contratto di lavoro, e pagate 4 euro l´ora. Di laboratori del genere ce ne sono decine solo a Barletta, che diventano migliaia se si guarda all´insieme del Mezzogiorno, e decine di migliaia se lo sguardo si allargasse mai al Centro e al Nord. Di laboratori e officine e cantieri in nero è piena tutta l´Italia, lo era prima della crisi e lo è ancora di più adesso che la crisi morde tutti e dovunque. Non tutti hanno sulla testa mura che si sgretolano. Però le condizioni di lavoro crudeli, il lavoro in nero e le paghe da quattro euro o meno sono per centinaia di migliaia di lavoratrici e lavoratori l´esperienza di ogni giorno.

Leggi tutto...

Fiat mette in crisi Confindustria

E-mail Stampa PDF

di rassegna.it

 

fiat logoLa scelta di uscire da viale dell'Astronomia ha scatenato le reazioni. Cipolletta: un trauma. Scudiere: avevano deciso da tempo. Ichino: poco condivisibile. Landini: segnale di disimpegno. E c'è chi parla di indebolimento del sistema delle imprese

 

Una scossa, un errore, un trauma. La scelta della Fiat di uscire da Confindustria ha scatenato una ridda di interpretazioni, a volte molto diverse, ma tutte comunque tese a sottolineare l'eccezionale portata dell'evento.

 

Viale dell'Astronomia ha risposto con una scarna nota: "Confindustria è un'associazione volontaria di liberi imprenditori. Prendiamo atto delle decisioni della Fiat pur non condividendone le ragioni, anche sotto il profilo tecnico-giuridico". Cosi' il comitato di presidenza sull'annunciata uscita a partire dal primo gennaio 2012.

Leggi tutto...

Intervista al costituzionalista Gianni Ferrara: «Mattarellum fratello minore del Porcellum»

E-mail Stampa PDF

di Fabio Sebastiani | su Liberazione

 

referendum porcellumCosa pensi della proposta di abolire il Porcellum attraverso una riabilitazione del Mattarellum? 


Due ordini di considerazioni da fare. E la prima è che i promotori hanno mentito. I due quesiti sono a mio giudizio inammissibili se guardiamo alla giurisprudenza della Corte costituzionale, secondo la quale mai è possibile ammettere il referendum quando verrebbe a privare il Parlamento proprio della legge che serve a formarlo attraverso il voto dei cittadini. I promotori hanno sostenuto che abrogando il Porcellum viene ad essere validato il Mattarellum, ma questo non può accadere. Il Mattarellum è il fratello minore del Porcellum. 

Leggi tutto...

Diktat per un massacro sociale

E-mail Stampa PDF

Bce Mario_DraghiLa lettera della BCE al governo italiano

 

Francoforte/Roma, 5 Agosto 2011


Caro Primo Ministro,
Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea il 4 Agosto ha discusso la situazione nei mercati dei titoli di Stato italiani. Il Consiglio direttivo ritiene che sia necessaria un'azione pressante da parte delle autorità italiane per ristabilire la fiducia degli investitori.
Il vertice dei capi di Stato e di governo dell'area-euro del 21 luglio 2011 ha concluso che «tutti i Paesi dell'euro riaffermano solennemente la loro determinazione inflessibile a onorare in pieno la loro individuale firma sovrana e tutti i loro impegni per condizioni di bilancio sostenibili e per le riforme strutturali». Il Consiglio direttivo ritiene che l'Italia debba con urgenza rafforzare la reputazione della sua firma sovrana e il suo impegno alla sostenibilità di bilancio e alle riforme strutturali.

Leggi tutto...

Pagina 132 di 132