Italia

Scalfari, Napolitano e il costituzionalismo creativo

E-mail Stampa PDF

di Orazio Licandro | da il Fatto Quotidiano blog

 

napolitano quirinale-w300Eugenio Scalfari torna a impegnarci ancora una volta sul tema della costituzionalità del governo Monti. Sì, costituzionalità, perché in effetti e a rigore abbiamo assistito a singolari interpretazioni delle procedure previste dalla Costituzione repubblicana o, se si vuole attenuare la portata dei fatti, di cinquant’anni di prassi costituzionali sulle modalità di nascita del governo Monti “sperimentate” dal presidente Napolitano.

 

Scalfari, abbandonando per una seconda domenica i campi meno perigliosi della filosofia solitamente da lui solcati, ha dettato con determinazione una linea di interpretazione costituzionale con l’auspicio che valga per il futuro: d’ora innanzi i governi dovranno essere espressione della scelta del presidente della Repubblica; sarà la più alta carica a scegliere premier e ministri, grazie al “rapporto fiduciario“, così lo chiama il grande vecchio del giornalismo italiano, che lega i due presidenti e a cui la maggioranza politica dovrà acconciarsi.

Leggi tutto...

Il PdCI di Vicenza contro la Lega e contro il razzismo

E-mail Stampa PDF

di Fosco Giannini, segreteria nazionale PdCI; responsabile Lavoro di massa

 

vicenza norazzismo foto1Cronaca di una giornata di lotta

 


Sabato 17 dicembre il PdCI è in piazza a Vicenza. I compagni e le compagne rispondono in modo netto e coraggioso alla provocazione della Lega, che ha deciso di costituire il “ parlamento padano” – con “ presidente” Calderoli -  proprio nella città vicentina. Il racconto della costituzione del “parlamento padano”, con tutto il suo carico reazionario, secessionista, razzista, era stato amplificato in modo massiccio e su scala nazionale da tutti i media; quotidiani e televisioni – pubbliche e private – ne avevano parlato per giorni e giorni e quel messaggio leghista oscuro, antisolidale, “modernamente” fascista era entrato in tutte le case italiane, lambendo e forse penetrando nel senso comune di massa. Nessuna risposta, prima di quella del PdCI vicentino, vi era stata a tale, pericolosa, provocazione.

Leggi tutto...

Camusso rompe con il governo: «Sulle pensioni un intervento folle»

E-mail Stampa PDF

intervista di Enrico Marro | dal Corriere della Sera online

 

«La Fornero aggredisce i lavoratori». Il contratto unico? Sarebbe solo un nuovo apartheid a danno dei giovani

 

ROMA - La stangata del governo Monti ha provocato la mobilitazione di tutti i sindacati, che cercano di dar voce alla protesta di lavoratori e pensionati. I motivi di questa opposizione durissima e di quella che ci sarà rispetto a ogni ipotesi di modifica dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori li spiega il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso.

 

camusso cgil-w300Il governo dice che la manovra ha salvato l'Italia da una situazione dove erano a rischio i risparmi e le tredicesime. È d'accordo?
«Vedo che si autoattribuiscono il ruolo di salvatori della Patria. La realtà è che la situazione era ed è grave, ma la ricetta giusta non è quella di Monti».

 

Perché?
«Perché grava sui soliti noti: chi ha un reddito Irpef dichiarato, in genere medio basso. Perché punta a far cassa rapidamente su chi non può sottrarsi e non si è mai sottratto al Fisco. Determina recessione e quindi non mette affatto al riparo il Paese. Hanno solo preso tempo».

Leggi tutto...

La manovra del ragionier Monti

E-mail Stampa PDF

da www.sbilanciamoci.info


manovra parlamento-w300La manovra Monti favorisce solo le imprese, indebolisce la crescita, colpisce i lavoratori e il sistema-paese e annuncia un nuova balletto dello spread

 

La crisi economica e finanziaria internazionale sembra avvitarsi su se stessa, fino a compromettere e ridimensionare uno degli attori fondamentali della sua soluzione: lo stato e la spesa pubblica. Paradossalmente, è proprio l’Europa, intesa come area euro, l’istituzione che più di altre condiziona le politiche pubbliche, introducendo vincoli di bilancio che mal si conciliano con la forte caduta della domanda. Purtroppo, le misure di contenimento della spesa pubblica hanno determinato una rincorsa senza fine tra (non) crescita del Pil e (non) contenimento del debito pubblico. Stando solo all’Italia, tra minore crescita per il 2012 e la necessità di rifinanziare almeno 400 mld di debito pubblico, al netto dei 150 mld d’obbligazioni private da rinnovare, servirebbe una ulteriore manovra pari ad almeno 15 mld di euro entro i primi 4 mesi del 2012, oltre a quella già predisposta dal governo Monti. Una spirale che ricorda tanto la crisi del ’29. Si prefigura uno scenario economico e sociale pari a quello del 1936.

Leggi tutto...

Il senso di Monti per gli spreads

E-mail Stampa PDF

da www.emilianobrancaccio.it

 

monti testate-w300Presidente Monti, il senso della Sua mission a Palazzo Chigi inizia davvero a sfuggirci

 

” [...] sono i fatti a dimostrarlo: a Palazzo Chigi si guardano i grafici dello spread, si nota come il differenziale si gonfia “quando traspare una minore coesione tra forze politiche e scende nei momenti di unità”. È successo con Berlusconi, si sta ripetendo in piccolo con Monti. Un concetto che il premier spiega ad Angelino Alfano in un faccia a faccia improvvisato sulla porta dell’emiciclo della Camera: il professore è amareggiato per il Berlusconi che va dicendo che il governo può cadere in qualsiasi momento. “Non potete continuare con questo atteggiamento - dice freddamente al delfino - non serve a niente e fa danni. I mercati annusano le fragilità interne e attaccano” [...] (da Repubblica del 17 dicembre 2011).

Leggi tutto...

La voce operaia. Due lettere dalla Valle Ufita ed una nota sul senso della lotta

E-mail Stampa PDF

da www.clashcityworkers.org

 

operaio davide irisbus 320Ripubblichiamo due toccanti lettere dalla Valle Ufita, dove dopo quattro mesi di lotta dura dei lavoratori - anche contro gli stessi sindacati che li hanno traditi - è stato chiuso lo stabilimento Irisbus del gruppo FIAT. 658 lavoratori in Cassa Integrazione straordinaria per un massimo di due anni, nessuna certezza di reindustrializzazione del sito. Noi abbiamo provato in questi mesi a far conoscere quella vertenza, a dargli voce: gli operai sono venuti spesso a Napoli, hanno parlato con gli studenti, hanno portato materialmente la loro solidarietà fino all'Alenia ed a Pomigliano. abbiamo provato a far capire a tutti gli aspetti importantissimi di questa lotta: la volontà di andare oltre i ricatti della FIAT e i compromessi al ribasso dei sindacati, la capacità da parte dei lavoratori di capire che facciamo parte della stessa classe, e che ci possiamo salvare solo da noi, che dobbiamo iniziare a coordinarci, confrontarci etc.

Leggi tutto...

Riciclaggio di bassa lega

E-mail Stampa PDF

di Bruno Steri | da Liberazione

 

lega operaiaCome ognuno sa, i semi germogliano dove il terreno è stato arato. Ciò allude ai precetti di un’antica sapienza contadina, ma vale anche per le concezioni del mondo, quelle buone e quelle meno buone. Tra queste ultime includiamo ciò che abbiamo chiamato “berlusconismo”, un vero e proprio sistema ideologico in salsa tricolore – fatto di opinioni e comportamenti, ma anche di pulsioni irriflesse e propensioni emotive – che negli ultimi due decenni è servito a compattare un blocco sociale reazionario e si è depositato nel senso comune di una parte del nostro Paese. Il governo Berlusconi è caduto per estenuazione, preda delle sue contraddizioni interne; non certo, purtroppo, per il determinato incedere di un’alternativa politica di sinistra. E le tossine che ha seminato sono tutt’altro che dissolte: al contrario, le destre (tutte, ciascuna dalla sua postazione operativa) stanno congiuntamente operando per rivitalizzarle.

Leggi tutto...

Torino e Firenze: i comunisti contro il razzismo

E-mail Stampa PDF

di Fosco Giannini*


norazzismoGravissimi sono stati gli atti di razzismo che in questi ultimi giorni si sono verificati in diverse città d’Italia. L’estrema destra italiana, di carattere fascista e nazista, ergendosi si di un retroterra di consenso, ambiguità e impunità che le è stato fornito anche dalla destra in doppiopetto e parlamentare, sembra scatenarsi. E’ compito dei comunisti, della sinistra, delle forze democratiche rispondere immediatamente a tale attacco e a tali provocazioni. Il razzismo non deve passare: assieme ad esso – lo sappiamo- passa sempre un’intera politica, un’intera strategia reazionaria, antioperaia, antipopolare e antidemocratica.


I comunisti, col progetto di allargare attorno alla loro azione il più vasto numero possibile di forze di sinistra e democratiche, debbono passare all’azione e scendere in piazza, denunciando e combattendo con forza ogni tentativo razzista.

Leggi tutto...

Fiat, la Fiom celebra il nuovo anno con scioperi e assemblee. E a febbraio arrivano le tute blu a Roma

E-mail Stampa PDF

da http://www.controlacrisi.org

 

ragazza fiomUn pacchetto di ore di sciopero sui temi della difesa dei diritti, del contratto nazionale e su Fiat; e la calata delle tute blu a Roma l’11 febbraio. Il 14 gennaio, intanto, si terrà a Roma una grande assemblea con tutti i rappresentanti sindacali del gruppo automobilistico. L’articolazione delle proteste verrà decisa quanto prima dalla segreteria nazionale.


Secondo il segretario generale delle tute blu Maurizio Landini, l’accordo Fiat «oltrepassa anche l’intesa del 28 giugno, non è solo una deroga ma supera completamente il contratto nazionale di lavoro». Inoltre, sottolinea ancora Landini, secondo questa intesa «chi non è d’accordo non ha diritto di esistere». E’ fino in fondo un punto politico. «Che deve essere affrontato», sottolinea Landini.

Leggi tutto...

Pagina 126 di 135