Italia

Riflessioni a sinistra

E-mail Stampa PDF

seta rossaRiceviamo da Francesco Fustaneo e volentieri pubblichiamo come contributo alla discussione

Oramai da più di un decennio la c.d. sinistra “radicale” è confinata in aree extra-istituzionali con percentuali elettorali irrisorie e come se ciò non bastasse è frammentata in tanti partiti, movimenti e correnti, spesso guidati da leader impalpabili.

E’ pacifico che utilizzando il termine “radicale”(di per sé comunque criticabile), si discerne quelle forze politiche comuniste o postcomuniste o comunque collocabili alla sinistra del P.D.; quest’ultimo ormai è rimasto un partito “di sinistra” solo per i media mainstream; è innegabile infatti che avendo propinato per anni politiche neoliberiste, abbattendo i diritti dei lavoratori e il welfare, tale compagine politica sia riuscita a realizzare per stessa ammissione dei suoi avversari, obiettivi prefissati però rimasti sempre preclusi alle stesse destre al governo.

Leggi tutto...

Intervento di Vladimiro Giacché all'assemblea di presentazione dell’associazione “Patria e Costituzione”

E-mail Stampa PDF

giacche libro poltronaPubblichiamo l'intervento di Vladimiro Giacché all'assemblea di presentazione dell’associazione “Patria e Costituzione” tenutasi a Roma l'8 settembre 2018

L’incontro di oggi ruota attorno a 3 parole: lavoro, patria e Costituzione

L’idea di fondo è che oggi il lavoro (gli interessi dei lavoratori) possa essere difeso soltanto attraverso un patriottismo costituzionale.

La patria di cui parliamo oggi ha una specifica genesi e una specifica configurazione storico/istituzionale: è la Repubblica nata dalla Resistenza antifascista e contro l’invasore nazista, una Repubblica che ha per l’appunto la Costituzione (i valori cui si ispira, i diritti che rende esigibili) quale architrave istituzionale e stella polare delle sue leggi e dell’operato dei suoi organi statuali.   

Leggi tutto...

Nazionalizzazione: scelta strategica

E-mail Stampa PDF

ponte morandi genova1 758x505di Maurizio Brotini e Giacinto BottiDirettivo Nazionale CGIL

Riportiamo un contributo del compagno Maurizio Brotini di grande interesse:

Siamo un paese lacerato, diviso e pieno di rancore, disprezzo e diffidenza verso la politica e i partiti che hanno finora governato. Il qualunquismo diffuso e la rottura di antiche solidarietà rischiano di portare l’Italia a spezzarsi come il ponte Morandi di Genova: un evento tragico che non è stato una fatalità. Sono ormai chiare le responsabilità della concessionaria Autostrade per l’Italia e dello Stato per la mancata manutenzione, per i controlli non effettuati e le sottovalutazioni di allarmi lanciati da tempo da vari organismi tecnici. Il crollo ha innescato un dibattito politico sulle privatizzazioni e sulle concessioni di beni pubblici e asset strategici avvenute in passato ad opera dei vari governi.

Leggi tutto...

Note storico-politiche sulla "Seconda Repubblica" italiana (1992-2018)

E-mail Stampa PDF

pascale indifesadelsocialismorealeRiceviamo e volentieri pubblichiamo questo importante saggio di Alessandro Pascale.

Queste “Note Storico-Politiche sulla “Seconda Repubblica” Italiana (dal 1992 ad oggi)” sono le pagine tratte da “A Cent'Anni dalla Rivoluzione d'Ottobre. In Difesa del Socialismo Reale e del Marxismo-Leninismo”, Vol. II, “Intellettualecollettivo.it”, dicembre 2017, pp. 1088-1114 [1] [il libro è scaricabile gratuitamente dal sito www.intellettualecollettivo.it] e costituiscono la parte finale del capitolo 21, intitolato “La semicolonia italiana a sovranità limitata”, dedicato alla storia d'Italia dalla Seconda Guerra Mondiale ad oggi.

È in progetto l'uscita editoriale dell'opera in una collana che prenderà il titolo di “Storia del Socialismo e della Lotta di Classe”. Tale collana sarà costituita da 10 volumi che vedranno un'ampia rielaborazione e sviluppo dei materiali pubblicati nella prima edizione dell'opera originale.

Leggi tutto...

Patria e Costituzione per ricostruire una sinistra di popolo

E-mail Stampa PDF

costituzioneitaliana 500pxda huffingtonpost.it

Pubblichiamo come contributo alla discussione questo intervento di Stefano Fassina

30/07/2018

L'8 Settembre 1943, l'Italia, il Governo Badoglio, firmava l'armistizio con le potenze alleate. Quella data è, per una parte della nostra storiografia, per gli storici liberal-conservatori, la "morte della patria". Per un'altra parte, la parte azionista, cattolico-sociale, socialista e comunista, legata ai protagonisti della Resistenza e dell'offensiva per la Repubblica, l'8 settembre 1943 è stata, invece, la "rinascita della Patria": una comunità nazionale definita non soltanto da segni storici, culturali e linguistici, ma da libertà, democrazia, giustizia sociale, solidarietà, apertura, ossia l'impianto etico, politico e programmatico scolpito, attraverso l'Assemblea Costituente, nella nostra Costituzione.

Leggi tutto...

Sette anni buttati via

E-mail Stampa PDF

monti maniNel 2011 l'Italia, con il governo Monti, inizia quella che qualche improvvisato economista definì 'austerità espansiva'. A sette anni di distanza possiamo dire che il nostro paese è stato virtuoso tirando la cinghia come mai in passato, ma i risultati? Abbiamo avuto una riduzione del debito e, come promesso, un conseguente miglioramento delle nostre condizioni di vita? Assolutamente no! L'editoriale apparso il 1° settembre su Milano-Finanza di Aletta spiega cosa non funziona nelle politiche d'austerità.

“Sono trascorsi sette anni dalla drammatica estate del 2011, quando gli spread sul nostro debito pubblico erano arrivati alle stelle. Solo il 28 settembre venne pubblicata la lettera datata 5 agosto, con cui il Governatore della Bce Jean-Claude Trichet e quello della Banca d’Italia Mario Draghi chiedevano al governo italiano misure drastiche per portare il bilancio in pareggio già nel 2014, e profonde riforme strutturali.

Leggi tutto...

Il crollo del viadotto di Genova riapre il dibattito sulle concessioni ai privati

E-mail Stampa PDF

pontemorandida avante.pt

Traduzione di Clara Statello

CATASTROFE.

Il crollo del viadotto "Morandi" di Genova, giorno 14, che causò la morte di almeno 43 persone e vari feriti, ha riaperto il dibattito sulle concessioni ai privati e sullo stato delle infrastrutture.

Il collasso del viadotto di Genova è stato, probabilmente, il più grave di cui si ha memoria. Però, negli ultimi cinque anni altri 10 viadotti e ponti sono crollati in Italia, provocando vari morti e feriti.

Leggi tutto...

Fake news, Petrocelli (M5S): "Ben venga inchiesta su bufale che hanno giustificato guerre"

E-mail Stampa PDF

fake newsda politicamentecorretto.com

Riportiamo questo condivisibile commento di Petrocelli (M5S) rispetto alle richieste del Pd di istituire una commisisone d'inchesta sulle fake news




Roma, 3 agosto 2018 - "il Pd vuole una commissione d’inchiesta sulle fake news? Bene. Anzi benissimo, ma partiamo da tutte quelle informazioni false che hanno permesso, avallato e giustificato le tante guerre neo-coloniali degli ultimi anni". Lo dichiara il presidente della Commissione Affari Esteri del Senato, Vito Petrocelli, commentando la proposta annunciata ieri da Emanuele Fiano, responsabile sicurezza del Pd.

Leggi tutto...

La guerra delle parole

E-mail Stampa PDF

ph 1121di Carlo Galli
da ragionipolitiche.wordpress.com

1. Strategie

Dopo la sconfitta del 4 marzo le élites politiche, economiche e mediatiche hanno reagito in modo diversificato. L’analisi del Pd è racchiusa nelle due affermazioni di Renzi: «la ruota gira» e «pop corn per tutti», che – per non ricorrere a giudizi impegnativi come quelli di nichilismo, cinismo, vuoto intellettuale – è quantomeno da definire una manifestazione di irresponsabile perdita di contatto con la realtà e di fatalistica attesa degli errori altrui.

La risposta delle élites tecnocratiche ed economiche della Ue, poi, è di alternare lusinghe e minacce, offrire 6.000 euro per ogni immigrato accolto, e minacciare con lo spread se ci saranno troppi sforamenti dei parametri dell’euro.

Leggi tutto...

Pagina 9 di 135