Italia

10 ragioni di classe per dire no al referendum del 4 dicembre

E-mail Stampa PDF

di Alessandro Pascale
da collettivostellarossa.it

Sono ragioni politiche e di classe. I tecnicismi liberali li potrete trovare in un qualsiasi articolo di Gustavo Zagrebelsky su un numero a caso di Internazionale.

1. È totalmente ingiustificabile, inammissibile e illegittimo che un Parlamento composto ormai da 10 anni da membri eletti con una legge anticostituzionale pensi di poter modificare la Costituzione.

2. È la riforma propagandata da Confindustria, dalle banche, dall’Unione Europea, dai “mercati” e come ci insegna Fidel Castro, basterebbe questo per diffidare sistematicamente di qualsiasi cosa venga propagandata, appoggiata ed esaltata dalle strutture imperialiste.

3. Si procede nell’ottica dell’indebolimento della democrazia tornando a forme di suffragio indiretto, o di 2° turno, più tipiche del ‘700 (l’epoca dell’Ancien Régime) che le lotte socialiste di fine ‘800 e il ciclo rivoluzionario del 1917 avevano contribuito a spazzare via. In tal senso la riforma va in continuità con l’eliminazione della possibilità popolare di eleggere i propri rappresentanti delle province.

Leggi tutto...

NO su tutti i piani, la riforma in ascensore [ep. 2 semplificazione]

E-mail Stampa PDF

Un sostenitore della riforma costituzionale e la sua segretaria stanno andando ad un incontro sul referendum. In ascensore si preparano per il dibattito…oggi si parla della semplificazione.

Leggi tutto...

Approfondimenti sulla controriforma costituzionale

E-mail Stampa PDF

Serata di formazione con Luca Alessandrini (direttore Istituto Parri Emilia Romagna), organizzata dal PCI - Federazione di Bologna

Presentazione della serata

Leggi tutto...

Io voto NO

E-mail Stampa PDF

Giusi Campanini, attivista del meet up 5S del primo municipio romano, racconta la campagna per il NO alla ‘deforma costituzionale’

Leggi tutto...

La Costituzione italiana e i trattati europei: convivenza possibile? Intervento di Vladimiro Giacché

E-mail Stampa PDF

L'intervento di Vladimiro Giacché, Vice Presidente dell'Associazione politica e culturale MARX XXI, nel corso del convegno organizzato dalla Casa Rossa di Milano, il 5 novembre 2016.

Leggi tutto...

NO su tutti i piani, la riforma in ascensore [ep. 1: Senato]

E-mail Stampa PDF

Un sostenitore della riforma costituzionale e la sua segretaria stanno andando ad un incontro sul referendum. In ascensore si preparano per il dibattito…oggi si parla del senato.

Leggi tutto...

Non ha senso? O, purtroppo, lo ha

E-mail Stampa PDF

costituzione closeupda unacitta.it

Intervista a Lorenza Carlassare realizzata da Gianni Saporetti

Il combinato riforma costituzionale-legge elettorale teso ad accentrare il potere sull’esecutivo e a rendere manipolabili gli organi di garanzia; un senato che non si sa cosa rappresenterà, nominato per ripartizione partitica, ma che avrà funzioni molto importanti; una legge elettorale che vuol far diventare maggioranza chi non lo è e che permetterà l’elezione diretta del capo del governo; l’esempio della legge truffa del ’53, niente in confronto a questa. Intervista a Lorenza Carlassare.

Per molti di coloro che si battono per il no la riforma costituzionale insieme alla riforma elettorale fa parte di un unico disegno. Lei cosa pensa? 

Certamente sono due cose intrecciate. Tempo fa avevo scritto che il primo, reale obiettivo era la riforma elettorale, tant’è vero che l’hanno voluta approvare per prima perché altrimenti la riforma costituzionale non avrebbe realizzato lo stesso effetto che i suoi proponenti volevano ottenere. è l’intreccio delle due che rivela una filosofia complessiva molto semplice: restringere la sfera di partecipazione. 

Leggi tutto...

La riforma, la guerra e il "rischio Stranamore"

E-mail Stampa PDF

il dottor stranamore 1di Franco Bianco

da "Patria Indipendente", Quindicinale dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia

Il nuovo articolo 78 della Costituzione: «La Camera dei deputati delibera a maggioranza assoluta lo stato di guerra e conferisce al Governo i poteri necessari». Sparito il Senato, decide la sola Camera eletta con la nuova legge elettorale che dà la maggioranza assoluta a una minoranza fedele al Presidente del Consiglio

Nella Costituzione vigente (quella approvata nel dicembre ’47 dall’Assemblea Costituente eletta il 2 giugno 1946) la guerra è regolata da due articoli: il primo, l’art. 78, recita «Le Camere deliberano lo stato di guerra e conferiscono al Governo i poteri necessari»; il secondo, l’art. 87 – che riguarda le attribuzioni del Presidente della Repubblica – recita al comma 9 che «[Il Presidente] dichiara lo stato di guerra deliberato dalle Camere».

Nel progetto di revisione targato Renzi-Boschi i numeri degli articoli e dei commi restano immutati, salvo che all’espressione “le Camere” viene sostituita la sola “Camera dei deputati”. Leggiamo l’art. 78 nella sua interezza: «La Camera dei deputati delibera a maggioranza assoluta lo stato di guerra e conferisce al Governo i poteri necessari».

Leggi tutto...

Pagina 7 di 122