‘Ecco come Amazon ci spreme fino allo sfinimento’. Parlano due magazzinieri del centro di smistamento di Piacenza

E-mail Stampa PDF

di Matteo Zorzoli

“Ad Amazon sopravvivi al massimo 4-5 anni. L’azienda ti spreme fino a quando le servi e poi sarai tu stesso a decidere di lasciarla”.

A parlare è uno dei 1.800 “supermagazzinieri” del centro di smistamento Amazon di Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza, uno dei più grandi d’Europa.

Luca (lo chiameremo così per garantirne l’anonimato) ogni giorno smista dai 18 ai 24mila pacchi e percorre circa 10 chilometri in uno spazio grande come dodici campi da calcio. Non può parlare con i suoi colleghi durante le otto ore di lavoro e deve giustificarsi se va in bagno più di una volta nello stesso turno.


Proprio oggi, in occasione del Black Friday, il Venerdì Nero, in cui le richieste di acquisto online raggiungeranno il picco massimo (l’anno scorso sono arrivate a 1,1 milioni solo in Italia) Luca incrocerà le braccia assieme a molti dei suoi colleghi nel primo sciopero organizzato dalle organizzazioni sindacali del territorio per i lavoratori Amazon. Un’occasione unica per lanciare ai vertici del colosso americano un segnale forte sulle condizioni di lavoro estreme all’interno dei centri di smistamento.

"Come tutte le catene di montaggio che si rispettino, anche quella di Amazon è divisa in reparti – spiega Luca –  Ci sono i “receive” che registrano con pistole scanner tutti i prodotti che arrivano all’interno del magazzino su un nastro trasportatore. Ci sono i “runner” che riempiono delle ceste, spesso molto pesanti, le spostano senza sosta da una parte all’altra dello stabilimento, riempiono gli scaffali e aggiornano l’inventario. E infine c’è l’”outbound“, la parte finale e forse più frenetica, in cui i prodotti ordinati devono essere caricati sui furgoncini che raggiungeranno tutte le città italiane”.

Leggi anche: Dareste le chiavi di casa a Jeff Bezos? Amazon vuole consegnare i pacchi a domicilio anche quando non ci siete

Ogni singolo movimento viene monitorato dal “Grande Fratello” aziendale. Appena un lavoratore comincia a usare la sua pistola scanner, il suo nome viene automaticamente associato all’apparecchio: in questo modo i manager potranno calcolare i suoi tempi di lavoro. “Sanno in tempo reale cosa fai e in quanto tempo lo fai – racconta Luca -. Se non hai il “passo Amazon”, l’andatura frenetica che fin dal primo giorno ti dicono di tenere, vieni affiancato da un responsabile che ti detta i tempi corretti per mantenere gli standard”.

Naturalmente lo stress, l’ansia e la fatica causati dall’ossessione della produttività e dal rispetto delle scadenze hanno ripercussioni sulla salute psico-fisica dei dipendenti. “E’ capitato molte volte che l’ambulanza portasse via dipendenti colpiti da attacchi di panico – ricorda Angela, un’altra dipendente che aderirà allo sciopero. “Conosco colleghi che ormai da anni sono sotto psicofarmaci e soffrono di depressione. Il sindacato stesso mette a disposizione un supporto psicologico”.

Secondo le stime dei Ugl di Piacenza il 70 per cento dei dipendenti Amazon di Castel San Giovanni, ha ernie e problemi alla schiena e al collo. Senza contare i problemi alle ginocchia, le tendiniti e le sindromi del tunnel carpale. “Molti dei movimenti che facciamo fino allo sfinimento dovrebbero essere svolti da macchine, l’uomo non dà alcun valore aggiunto alla catena produttiva – continua Luca –. Ma noi siamo i loro robot e a nessuno importa se la mia caviglia, sottoposta alla stessa torsione da destra a sinistra per più di anno, ora non ha più cartilagine”.

Leggi anche: Dall’e-commerce al negozio fisico e non viceversa. Amazon chiama, l’Italia risponde

“I manager, spesso giovani neolaureati, si limitano a farci fare stretching durante il briefing di inizio giornata, in cui ci motivano a dare il nostro meglio – spiega Angela. – Se chiedi un colloquio con uno di loro per informarlo delle tue condizioni di salute sono anche disposti ad ascoltarti, ma poi non seguono decisioni che migliorano la tua situazione. Mi spiego meglio: se hai un problema alla schiena e chiedi di lavorare in un altro reparto in cui si fa meno fatica per un po’ di tempo, le tue richieste nella maggior parte dei casi non vengono accolte. La giustificazione più abusata? Non si fanno favoritismi.

Ed è proprio questo uno dei motivi che ha spinto Fisascat Cisl, Filcams Cgil, Ugl Terziario e UilTucs Uil di Piacenza a organizzare lo sciopero di oggi: l’azienda americana non applica la rotazione delle mansioni in caso di malattia “normale” (figuriamoci per quella “professionale”), la cosiddetta “job rotation” contenuta nel Documento di Valutazione dei Rischi aziendali (DVR). “Una rotazione che non viene applicata nemmeno nella messa a punto dei turni – spiega Francesca Benedetti, Segretario generale della Fisascat Cisl di Parma e Piacenza –. Chi fa il turno dalle 14 alle 22 per cinque giorni a settimana non può ottenere un cambio con il turno diurno. Si sono rivolti a noi padri e madri che non vedono mai i propri figli durante la settimana. E nei periodi più caldi dell’anno queste persone devono lavorare 6 giorni a settimana senza straordinari”.

All’interno del centro di Castel San Giovanni lavorano 1.800 dipendenti con un contratto a tempo indeterminato e almeno altrettanti vengono “arruolati” nei periodi delle festività, con contratti “a somministrazione” (i cosiddetti “green badge”). Solo da marzo 2016 i quasi 4000 lavoratori sono tutelati da un supporto sindacale. “In azienda si respira tuttora un clima antisindacale – racconta Luca –. Qualsiasi forma di aiuto per i lavoratori è vista dalla dirigenza come un rallentamento dei processi. Più volte mi è capitato di assistere a ritorsioni verso dipendenti che avevano partecipato alle assemblee all’interno dell’azienda. Un po’ di tempo fa un responsabile che aveva presenziato per circa un’ora, senza alcuna spiegazione è stato messo a svolgere una mansione ‘da operaio’ per due settimane. Molti dei contratti “a somministrazione” sono stati lasciati a casa per la stessa motivazione”.

La sfida più grande è proprio quella di educare i dipendenti, spesso poco informati o impauriti, a conoscere i propri diritti. “Se noi apriamo le porte a una cultura del lavoro come quella che sta cercando di esportare Amazon, rischiamo di fare un salto nel passato di 80 anni – continua Benedetti .- Rischiamo di tornare alla catena di montaggio che Charlie Chaplin stigmatizzava in Tempi moderni”.

Il primo passo è stato fatto lo scorso settembre con il blocco degli straordinari, in coincidenza con il boom dei libri scolastici.  “In quell’occasione abbiamo cercato invano di convincere Amazon a darci risposte sul miglioramento delle condizioni lavorative sia dal punto di vista salariale che da quello della salute psico-fisica. Ormai le strade per arrivare ad un compromesso ed evitare uno sciopero le abbiamo percorse tutte” – confessa Benedetti.

Leggi anche: Amazon, il gigante che piace ai consumatori ma sfrutta i lavoratori

La risposta dell’azienda non si è fatta attendere. Amazon ha precisato che “resterà focalizzata nel mantenere i tempi di consegna ai clienti per la giornata del Black Friday e per le giornate successive”.

Amarildo Qarri, capo reparto del “receive” sottolinea che il personale viene formato per svolgere tutte le mansioni della catena produttiva. “L’obiettivo è quello di alternare le attività statiche a quelle dinamiche – e aggiunge – Un regolamento interno prevede che ogni dipendente debba svolgere attività statiche per 24 delle 40 ore settimanali. Non conosco nessuno che abbia fatto la stessa mansione per più di due giorni”.

E sulla questione degli infortuni di alcuni dipendenti risponde: “Amazon Italia ha investito solo nell’ultimo anno 90mila euro nella formazione sulla sicurezza aziendale che hanno consentito di organizzare 3500 ore di corsi. La salute di ogni singolo dipendente è il caposaldo dell’azienda”.

Nessun passo indietro, dunque, da parte del gruppo, che ha chiuso l’ultimo trimestre con 38 miliardi di ricavi e viaggia su una capitalizzazione di mercato di 557,2 miliardi di dollari.

“Vogliamo che una minima parte di questi guadagni sia redistribuita al retrobottega, a tutti quei lavoratori che chiunque faccia un ordine su Amazon non conosce, ma che esistono e sono migliaia – conclude la sindacalista. “I soldi ci sono: avevamo chiesto una cifra da dare in più a Natale per chi farà turni massacranti». Cosa ci è stato risposto? “Vi lascio immaginare”.