Pensioni: il PCdI si mobilita per far rispettare il verdetto della Corte costituzionale

E-mail Stampa PDF

pensionidi Mauro Alboresi
da www.comunisti-italiani.it

Care compagne e cari compagni, nelle scorse settimane, come noto, da parte dei diversi organi di stampa e di informazione, è stato sottolineato con molta enfasi il pronunciamento della Corte Costituzionale che ha giudicato illegittimo il blocco della rivalutazione di gran parte delle rendite da pensione operato nel 2011 dal Governo Monti con il pieno consenso delle forze politiche che lo sostenevano.

Da più parti è stato evidenziato che la restituzione agli aventi diritto di quanto loro indebitamente non corrisposto comporterebbe per le casse dello Stato un esborso di circa 13 miliardi di euro per l’intero periodo considerato.

Il governo Renzi, costretto ad intervenire, ha deciso di corrispondere, con decorrenza 1 Agosto, una quota una tantum, a titolo di rimborso, ad una parte soltanto degli interessati, corrispondente ad una cifra complessiva assai inferiore a quella paventata.


CONTINUA A LEGGERE