Manifesto per la creazione di una rete di città dell'Europa meridionale interessate dall'industria del turismo

E-mail Stampa PDF

unioneinquilini logodi Michele Cirinesi

Riceviamo con richiesta di pubblicazione

L'Unione Inquilini è  impegnata a far conoscere, nelle varie città italiane, in cui è  presente , il manifesto che varie città  del mondo stanno proponendo contro la crescente trasformazione delle abitazioni in case ad uso turistico, pratica che riduce l'uso abitativo e accresce i prezzi dell'affitto del restante.

Ed è  per queste motivazioni , e in critica all'uso che molte amministrazioni hanno delle città, che vari movimenti di denuncia, mobilitazione e resistenza alla turistificazione in diverse città del sud dell'Europa stanno crescendo. 


Nell'ultimo anno e mezzo, collettivi e organizzazioni di città come Venezia, Palma di Maiorca, Valencia, Lisbona, Madrid o Barcellona si sono incontrati in vari eventi con lo scopo di condividere esperienze e conoscenze.

Sebbene ogni città presenti problemi specifici, alcune sono indubbiamente comuni a tutti:

I più importanti e generalizzati sono l'aumento della precarietà del contratto di locazione, la difficoltà di accesso all'alloggio e i prezzi di affitto speculativi , che sono tollerati dalla legislazione in vigore, che colpisce soprattutto gli anziani e la popolazione più povera; questi problemi sono il risultato del ciclo di speculazioni immobiliari dopo la crisi finanziaria 2008/2012 e l'attuale acquisto di immobili da parte di fondi di investimento immobiliare, in gran parte da destinare all'uso turistico, eliminando la funzione residenziale, provocando gentrification, sfratti e lo svuotamento di quartieri e città, in flagrante violazione di vari diritti sociali.

La trasformazione del commercio locale con il conseguente aumento dei prezzi dovuto alla sua specializzazione negli usi turistici, inutile per la vita quotidiana della popolazione locale, costringendolo a viaggiare e colpire persone con mobilità ridotta e / o vecchiaia.

La massificazione turistica di strade e piazze , ostacolando la vita quotidiana dei residenti, disturbando il loro riposo e il godimento dello spazio pubblico.

La saturazione del trasporto pubblico.

La specializzazione dell'economia della città rende le città monofunzionali.

La precarietà delle condizioni di lavoro della popolazione , del settore turistico (alberghi, ostelli, appartamenti, ristoranti, commercio) è quella con le peggiori condizioni di lavoro: bassi salari, frode nel numero di ore dichiarate nei contratti (quando esistono), subappalto servizi ecc.

L'alto inquinamento ambientale (aerei, navi da crociera, autobus turistici) e gli sprechi dovuti al consumo elevato, soprattutto a perdere, che caratterizza l'industria del turismo deregolamentato; uso massiccio delle risorse locali - acqua e terra - e privazione del diritto ad un ambiente sano.

L'uso eccessivo e l'amplificazione costante di infrastrutture ( strade, porti, aeroporti, ecc.) Che deturpano il territorio, causano espropriazioni e costi elevati per la popolazione residente; questo scenario crea competizione per il territorio in cui la popolazione perde l'accesso alle attività e ai servizi di base (lavoro, scuole, ospedali, ecc.).

La standardizzazione del paesaggio urbano e naturale , convertendoli in parchi tematici; nel primo caso si osserva la commercializzazione del patrimonio, nel secondo l'eliminazione dell'agricoltura e della pesca; l'obiettivo comune è l'esplorazione turistica illimitata.

Come risultato di questi e altri conflitti, le popolazioni locali si stanno organizzando per difendere i loro diritti, in particolare il diritto a un alloggio decente e conveniente e il diritto alla città . Il lavoro collettivo nelle nostre città mira a dare visibilità a questi conflitti e alla loro consapevolezza, attraverso la critica di questo modello, la denuncia delle sue conseguenze e la proposta di alternative.

Come esempio di alternative, proponiamo: limiti nell'industria del turismo , l'adozione di politiche fiscali differenziate per alloggi e alloggi turistici, la "desturistificazione" dell'economia della città e il declino turistico accompagnati da politiche per promuovere altre sole economie sociali e ambientale. 

L'impatto di questi conflitti in diverse città non è omogeneo, a seconda del grado di turismo che subiscono. Quindi, vediamo una situazione più seria a Venezia, Palma di Maiorca e Barcellona, ​​con chiare proposte di cambiamento del modello, e altre situazioni come Valencia, Madrid o Lisbona, che, pur essendo immersi in processi di turismo rapidi e violenti, possono ancora aspirare a raggiungere l'equilibrio attraverso politiche di prevenzione o moderazione.

Su tutte queste e altre questioni in queste e in altre città abbiamo incontrato molte coincidenze e logicamente abbiamo iniziato a pensare alla convenienza e alla necessità di creare una rete internazionale di città colpite dall'industria del turismo.

Questa alleanza di collettivi e movimenti sociali cerca di sensibilizzare l'opinione pubblica e fare pressione sui governi per regolare l'economia del turismo, secondo criteri di sostenibilità economica, sociale e ambientale. Il nostro obiettivo, oltre alla cooperazione e l'apprendimento reciproco, è per estendere la lotta ad altre città , generando una critica voce plurale e consolidata del modello turistico applicata in Europa meridionale . Il presente Manifesto è il primo passo verso l'internazionalizzazione della lotta contro la touristification delle città e la prosecuzione del lavoro, del dibattito, della riflessione e della mobilitazione congiunta.

 L'Unione Inquilini ha in programma iniziative  in autunno che si svolgeranno in varie città, tra cui Bologna,  per far conoscere il manifesto e iniziare una campagna di discussione.