Se va bene, sarà crescita recessiva

E-mail Stampa PDF

di Enrico Galantini | su www.rassegna.it

 

artemuestra04 57525Intervista a Paolo Guerrieri. Se prendiamo i dati di quest'ultimo trimestre, non c'è ancora un paese nell'area più sviluppata che sia riuscito a ricostruire il livello di attività economica del 2007

 

(L'intervista uscirà sul supplemento economia in diffusione con il prossimo numero di Rassegna Sindacale)

 

Un’estate caldissima. Oltre che per effetto di giornate in cui spesso il termometro ha toccato i massimi da qualche anno a questa parte, per l’andamento delle borse, che si sono inabissate in un repentino meno 15/20 per cento che ha risvegliato gli incubi di marzo 2008, e per la situazione sempre più critica dei nostri titoli pubblici, sotto attacco da parte degli speculatori e sempre meno graditi agli investitori a tutti i livelli. Di questo, di quello che è successo e delle prospettive dell’economia mondiale, parliamo con Paolo Guerrieri, docente di economia alla Sapienza di Roma e vicepresidente dell’Istituto affari internazionali.

 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO