“La più bella del mondo”?

E-mail Stampa PDF

costituzione principidi Giorgio Raccichini
da pdcifermano.wordpress.com

Recentemente Benigni, il noto comico, ha affermato che voterà “sì” al referendum costituzionale, cioè sosterrà le riforme volute dal Governo Renzi. La presa di posizione del toscano potrebbe meravigliare, visto che lo stesso qualche anno fa sosteneva, imbastendoci una trasmissione televisiva, che il testo costituzionale della nostra Repubblica è il più bello del mondo. Già di per sé affermare che la Costituzione italiana è la più bella del mondo è un azzardo da istrione del palcoscenico: mi potrei sbagliare, ma non penso che il comico conosca a menadito le leggi fondamentali di ogni Stato del mondo.

Comunque sia, ammesso che Benigni abbia una conoscenza così vasta, più che alla “bellezza” della nostra Costituzione bisognerebbe fare attenzione al suo stato di salute, che oggi lascia particolarmente a desiderare: per decenni si è tentato di frenare l’applicazione del testo costituzionale, specialmente nelle parti economicamente e socialmente più avanzate, quelle che affermano piuttosto esplicitamente non solo la dignità del lavoro e l’esigenza dello Stato sociale, ma anche la prospettiva della partecipazione massiccia delle classi lavoratrici alla direzione politica dell’Italia. 


CONTINUA A LEGGERE