Italia

L'insostenibile arbitrarietà (neo-liberista) delle stime Inps sul Decreto Dignità

E-mail Stampa PDF

Tito Boeri Festival Economia 2012di Stefano Fassina | da huffingtonpost.it

Lasciamo stare i complotti, le manine e le "manone", i comunicati congiunti e le reazioni politiche. Corriamo il rischio di essere additati come collaborazionisti e andiamo alla sostanza della Relazione Tecnica (RT) al cosiddetto Decreto Dignità: sulla norma relativa alla riduzione della durata dei contratti a tempo determinato (da 36 a 24 mesi), le "previsioni" sono discrezionali.

Non hanno nulla di oggettivo, nonostante la conciliante accusa di "negazionismo economico" da parte del Presidente dell'Inps a chi osa criticare. Sono frutto di un paradigma economico, l'impianto neo-liberista, assolutizzato da decenni e sbandierato come "tecnico". In realtà, uno dei paradigmi possibili. Uno, soltanto uno. La teoria economica, come riconosciuto dagli economisti "classici", è politica: dipende dalle visioni del mondo, dall'ideologia, presente anche quando negata in nome di neutre valutazioni empiriche.

Leggi tutto...

Non ne posso più. La maglietta rossa e l'impotenza della sinistra

E-mail Stampa PDF

maglietta rossadi Angelo d'Orsi
da temi.repubblica.it

Riprendiamo questo intervento del professor Angelo d'Orsi

Indosserò domani 7 luglio la maglietta rossa d’ordinanza, contro razzismo, sciovinismo e salvinismo, ma mi si lasci dire che non ne posso più. Non ne posso più della nostra impotenza.

Mi sono stufato, per esprimere la nostra opposizione (politica, sociale, culturale, etica) a magliette, scarpe, bandiere; mi sono stufato di assistere – inizialmente perplesso, poi attonito, infine sgomento –, alla trasformazione della lotta politica in mera simbologia, che sembra rinviare più alla moda che alla critica, frutto di passività e inerzia, più che segno di volontà di riscossa.

Leggi tutto...

Sulla sinistra “rossobruna”

E-mail Stampa PDF

ph 106di Carlo Galli
da ragionipolitiche.wordpress.com

Riportiamo, come contributo al dibattito, questo interveno del Professor Carlo Galli

Nonostante la sua critica dello Stato come organo politico dei ceti dominanti, nonostante il suo internazionalismo, la sinistra in Occidente ha sviluppato la sua azione all’interno dello Stato: ha cercato di prendere il potere e di esercitarlo al livello dello Stato, ha investito nella legislazione statale innovativa, e nella difesa e promozione della cittadinanza statale per i ceti che ne erano tradizionalmente esclusi. Nella sinistra agiva l’impulso a considerare lo Stato come una struttura politica democratizzabile, sia pure a fatica; mentre le strutture sovranazionali erano per lei deficitarie di legittimazione popolare. La sinistra italiana, per esempio, fu ostile alla Nato (comprensibilmente) ma anche alla Comunità Europea. 

Leggi tutto...

Il server lo mette Casaleggio, ma la linea la detta la Cgil. Dall’art. 18 all’Ilva allo “staff leasing”comanda la conservazione sindacale

E-mail Stampa PDF

cgil 3 2di Claudio Cerasa
da Il foglio, 29 giugno 2018

Gli ultimi provvedimenti del governo hanno aperto un interessante dibattito nel fronte avversario. Non ci uniamo certo al coro di chi vede in questi atti del governo un cambiamento di rotta rispetto al passato, ma in ogni caso quello che sta succedendo rappresenta una novità interessante e solo il futuro ci dirà come la situazione evolverà. Questo articolo de 'il foglio' del 29 giugno, di cui riportiamo ampi stralci, è un segno interessanti del dibattito che sta attraversando le classi dirigenti italiane.

Leggi tutto...

Sovranità non è una parola maledetta

E-mail Stampa PDF

bottiglia italiadi Alfredo D’Attorre
Giovedì 14 Giugno 2018 11:47

da italianieuropei.it

Pubblichiamo, come contributo alla nostra discussione, questo intervento di Alfredo D'Attorre, autorevole rappresentante di LeU, che riflette sulla sconfitta delle sinistre e sul tema del sovranismo.

Il voto del 4 marzo 2018 ha avuto un duplice e micidiale significato per tutte le forze variamente collocate a sinistra. Vi è il dato quantitativo, che segnala il peggior risultato di un’intera area in tutta la storia repubblicana, e vi è un dato qualitativo, caratterizzato dal definitivo mutamento della composizione geografica e sociale del voto a sinistra, con un andamento sorprendentemente parallelo, che riguarda PD, LeU e perfino Potere al Popolo. I risultati migliori vengono ottenuti nei centri delle aree urbane, connotati da più alti livelli di reddito e di istruzione, mentre nelle periferie e nelle aree interne, dove è più forte e concentrato il disagio sociale, le percentuali si inabissano abbondantemente sotto la media.

Leggi tutto...

Prospettive della UE, governo Conte e sovranità costituzionale: intervista a Vladimiro Giacchè

E-mail Stampa PDF

giacche vladimiroda fgci.info

Pubblichiamo di seguito un’intervista a Vladimiro Giacchè, economista marxista, a cura di Francesco Valerio della Croce.

1) E’ stato evidenziato che il voto del 4 marzo ha aperto una fase nuova nella vita del Paese: le forze su cui si è retta la cosiddetta “democrazia dell’alternanza” nel bipolarismo – ma in realtà speculari nell’applicazione servile delle politiche economiche UE – sono uscite pesantemente sconfitte, aprendo la strada all’ascesa di Movimento 5 stelle e Lega. Credi che si sia aperta effettivamente una fase nuova di transizione per il nostro Paese?

Leggi tutto...

Una critica marxista al reddito di cittadinanza

E-mail Stampa PDF

reddito di cittadinanzadi Giulio Palermo, economista dell'Università degli Studi di Brescia

da comunistibrescia.org

Riceviamo dalla Federazione del PCI di Brescia e pubblichiamo quale contributo alla discussione.

"Da un punto di vista marxista, l’idea di migliorare le condizioni materiali della popolazione semplicemente distribuendo nuovi redditi nasce dalla confusione teorica tra sfere della produzione e della circolazione. Intervenendo solo nella circolazione il RdC agevola la vendita delle merci ma non modifica di una virgola lo sfruttamento del lavoratore nella produzione. Anzi, nel quadro del processo di riforma del mercato del lavoro, favorisce la generalizzazione del lavoro precario e il conseguente arretramento nelle condizioni lavorative e retributive.

Leggi tutto...

Grida al fascismo in Italia ma Varoufakis imbarca i fan dei neo-nazisti ucraini nel suo Movimento

E-mail Stampa PDF

varoufakis femendi Francesco Santoianni

da lantidiplomatico.it

“Questo è un momento fascista nella storia dell’Italia e dell’Europa”. Speriamo non voglia aggravare ulteriormente la situazione Yanis Varoufakis, presentando DiEM25, la lista per le elezioni europee, insieme a Inna Shevchenko. Si, proprio lei.  La leader della congrega “Femen”, formalmente impegnata a “contestare i valori patriarcali che impregnano le società industrializzate e le religioni che opprimono le donne”,  in realtà finalizzata a scatenare la più bieca islamofobia e russofobia e la  crescita di movimenti reazionari.

Leggi tutto...

I fratelli Giambone e la lotta di classe contro il fascismo

E-mail Stampa PDF

giambone fratellidi Alessandro Pascale

[Quello che segue è il discorso tenuto da Alessandro Pascale in occasione della “Celebrazione in ricordo di Eusebio e Vitale Giambone” organizzata dalla sezione ANPI Eusebio Giambone - Banda Lenti di Camagna Monferrato in data 6 maggio 2018; l'intervento si basa principalmente sulle fonti riportate nell'opera “A Cent'anni dalla Rivoluzione d'Ottobre. In Difesa del Socialismo Reale e del Marxismo-Leninismo”, ed in particolar modo sul cap. 21 dedicato all'Italia. Il libro è scaricabile gratuitamente dal sito http://intellettualecollettivo.it/; su tali argomenti è disponibile anche la ripresa video della conferenza sul tema “La lotta di classe e i comunisti in Italia (1919-1956)”, su https://www.youtube.com/watch?v=mn7lSwVBJyE)

Leggi tutto...

16 giugno: la nostra piazza. Casa, reddito, lavoro, stato sociale, cura del territorio per combattere le disuguaglianze sociali

E-mail Stampa PDF

usb roma16giugnoda usb.it

Bisogna rompere i vincoli UE

L'appuntamento è a Roma alle ore 14.00 Piazza della Repubblica

Manifestazione nazionale 16 giugno a Roma ore 14.00 Piazza della Repubblica.

Scorre il sangue nelle campagne di Rosarno. Non è legittima difesa ma omicidio deliberato di un lavoratore, di uno di noi, Soumaila Sacko, che voleva mettere assieme lamiera e cartone per costruirsi un rifugio. Non una casa, come spetterebbe ad ogni lavoratore agricolo ed alla quale dovrebbero provvedere i padroni delle terre, ma una semplice baracca dove riposare dopo le tante ore passate al lavoro.

Leggi tutto...

Pagina 1 di 126