Internazionale

E-commerce con caratteristiche cinesi

E-mail Stampa PDF

cina bandiera connessionidi Fabio Massimo Parenti

L'ultima copertina del settimanale The Economst è colorata di un rosso fuoco. Al centro della pagina svetta un dragone con la testa a forma di carrello. Sopra il bizzarro disegno c’è spazio per un titolo emblematico: “The future of e-commerce (with Chinese characteristics)”, cioè “Il futuro del commercio online (con caratteristiche cinesi)”. Il messaggio è chiaro: i rivenditori di tutto il mondo si muniscano di carta e penna e inizino prendere appunti dall'e-commerce cinese. 

Leggi tutto...

G20: Italia e comunione di intenti con la Cina

E-mail Stampa PDF

bottiglia italiadi Fabio Massimo Parenti

A partire dal primo dicembre 2020, l'Italia detiene la prestigiosa Presidenza del G20. Un ruolo che consentirà a Roma di dettare l'agenda globale nel corso del 2021, un anno delicatissimo, in parte per le economie del mondo travolte dalla pandemia di Covid e in parte a causa delle tensioni tra Stati Uniti e Cina. Lo scopo dell’operato italiano sarà principalmente uno: gestire la ripresa nel miglior modo possibile. Per farlo, sarà fondamentale il sostegno di Pechino, una potenza responsabile pronta più che mai a combattere una sfida del genere. Anche perché il presidente cinese Xi Jinping ha più volte sottolineato gli sforzi della Cina per creare una comunità umana dal futuro condiviso. Dunque, gli intenti della presidenza italiana e della Cina nel mondo post pandemico (o addirittura pandemico, dipende da come si evolverà l'epidemia) sono sostanzialmente identici. Così come sono identiche anche le sfide: il Covid, i cambiamenti climatici, la lotta contro la povertà e le disuguaglianze. 

Leggi tutto...

Impero: teatro (neo)totalitario

E-mail Stampa PDF

deptstatedi Mark Epstein

I mass-media della disinformazione oligarchica imperiale hanno subito qualificato la dimostrazione e protesta da parte di sostenitori e seguaci di Trump davanti al Campidoglio, poi trascesa in sconfinamento abusivo, sommosse e tumulti, saccheggi e vandalismo all’interno della struttura stessa, da parte di alcune schiere di facinorosi distaccatasi dall’evento più grande con i seguenti termini: “colpo di stato”, “insurrezione”, “
domestic terrorism” e quante più frasi apocalittiche, ueber-allarmiste, da ‘fine della democrazia’, ‘fine del mondo occidentale’, e via dicendo si poteva. Un’altro episodio nella seriale propaganda isterica, ossessiva, senza interruzione di sorta, per cui la chiave per spiegare tutto, ma proprio tutto, risiede nel capire che tutto il male dell’universo origina e fa capo a Trump. Feticizzando e riducendo tutto a livello di questo solo individuo, ovviamente anche il più microscopico cambiamento, in questo caso la sostituzione di un membro iper-narcisista dell’ala oligarchica della (estrema) destra (Trump), con un’altro individuo, il mega-neoliberale, incarnazione quasi perfetta della maschera senile, mummificata, del neoliberalesimo neototalitario in fase di irrigidimento, rappresentante dell’ala un millimetro meno a destra dell’oligarchia (quasi esclusivamente come immagine e propaganda, quasi per nulla come realtà concreta), Joe Biden, viene presentato come un miracolo salvifico che porterà al risanamemto ed alla redenzione universali. 

Leggi tutto...

USA: decadenza ed elezioni

E-mail Stampa PDF

Bidendi Jorge Cadima

"O Militante", rivista teorica del Partito Comunista Portoghese, n. 370, gennaio-febbraio 2021

da http://omilitante.pcp

Traduzione di Mauro Gemma per 
Marx21.it

Il declino degli Stati Uniti si avvia verso la decadenza, che si manifesta in molteplici forme. Tra queste, l'intensità della guerra che oppone diversi settori delle classi dirigenti e il disastro sanitario e sociale dell'epidemia di Covid-19. Nonostante l'annunciata vittoria del quasi ottagenario Joseph Robinette Biden Jr. alle elezioni presidenziali del 2020, il presidente del Paese parla di frode. Il discredito degli USA diventa palese.

Leggi tutto...

6 gennaio: contraccolpo e crisi di legittimità in corso

E-mail Stampa PDF

bandiera silhouette personeda https://blackallianceforpeace.com

Traduzione a cura del Comitato Contro La Guerra Milano

Nel gennaio di due anni fa, un misterioso membro di una forza politica di minoranza, chiamato Juan Guaidó, ha assunto per un mese la carica di presidente dell’Assemblea Nazionale del Venezuela. In seguito si è prontamente auto-dichiarato come Presidente ad interim della Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Leggi tutto...

Golfo, la guerra dei trent’anni

E-mail Stampa PDF

Dinucci golfo90di Manlio Dinucci

da il manifesto 15 gennaio 2021

Alle 2:20 del 17 gennaio 1991 (ora del Golfo), elicotteri Usa penetrano in territorio iracheno, distruggendo con missili Hellfire due stazioni radar. Subito dopo missili da crociera Tomahawk e caccia Stealth F-117A colpiscono altri centri nevralgici, accecando le difese aeree della capitale. La Cnn trasmette in tutto il mondo le immagini del cielo di Baghdad illuminato dai traccianti della contraerea che spara alla cieca, uno «spettacolo» che il reporter paragona ai festosi fuochi d'artificio del 4 Luglio. Inizia così quella che il Pentagono descrive come l'azione militare più distruttiva mai effettuata in così breve tempo con armi non-nucleari, modello delle guerre future.

Leggi tutto...

Accordo di investimento: Cina-UE, una relazione indispensabile

E-mail Stampa PDF

china eu flag mixdi Fabio Massimo Parenti

Poco prima che scoccasse il 2021, il 30 dicembre 2020, Europa e Cina hanno finalmente raggiunto un accordo preliminare sugli investimenti reciproci. Il cosiddetto Comprehensive Agreement on Investment (CAI) ha visto la luce dopo 7 anni di trattative e ben 35 round di negoziati tra le parti. Alla fine, la fumata bianca è arrivata in un momento molto particolare, tanto per la pandemia di Covid-19 che ha di fatto paralizzato l'economia globale, quanto per la crescente avversione degli Stati Uniti nei confronti della Cina. Ricordiamo che Washington ha scatenato una guerra commerciale contro Pechino – inutile, dannosa e per giunta con ripercussioni a cascata su mezzo mondo – ed esercitato molteplici pressioni sugli alleati europei, nel tentativo di danneggiare i rapporti tra il gigante asiatico e il Vecchio Continente. Da quest'ultimo punto di vista, il CAI potrebbe essere uno schiaffo in pieno volto alla nuova amministrazione statunitense guidata da Joe Biden (che lo aveva sconsigliato) e, più in generale, una lezione di realpolitik da parte di Bruxelles all'intera politica americana. 

Leggi tutto...

Gli Stati Uniti hanno schierato truppe e droni militari in Romania

E-mail Stampa PDF

bombardieri maredi Mauro Gemma per Marx21.it 

L'aeronautica degli Stati Uniti ha schierato circa 90 militari e diversi veicoli aerei senza pilota MQ-19 Reaper (droni) in una base nella città di Campia Turzii, in Romania. Secondo una dichiarazione di quel settore delle forze armate degli Stati Uniti, datata 5 gennaio, il dispiegamento di truppe e attrezzature militari consentirà di svolgere missioni di raccolta di intelligence, sorveglianza e ricognizione a sostegno delle operazioni della NATO in quel paese europeo. Inoltre, secondo l'agenzia Sputnik, i droni MQ-19 Reaper svolgeranno missioni "con libertà di manovra" e saranno integrati nelle forze congiunte dell'organizzazione nella regione. In Romania, i droni americani potranno anche partecipare ad esercitazioni "che garantiscono l'interoperabilità con i paesi alleati e associati della NATO".

Leggi tutto...

Fermiamo gli attacchi criminali degli USA. Cuba vincerà!

E-mail Stampa PDF

cuba usa bandieredi Pedro Monzon, Console Generale di Cuba a San Paolo

da https://www.resistencia.cc

Traduzione di Mauro Gemma per 
Marx21.it

Gli Stati Uniti hanno tentato di tutto per distruggere la rivoluzione cubana.

Sin dal primo momento della Rivoluzione, abbiamo affrontato attacchi terroristici nelle città e infiltrazioni di banditi in montagna. Poco dopo è iniziata l'applicazione del blocco più lungo che una nazione abbia mai subito. Seguirono attacchi ai nostri pescherecci, aggressioni e omicidi, dalla base navale statunitense nel territorio usurpato di Guantánamo; sabotaggio di centri commerciali e industriali, invasione di Playa Girón; la promozione di attraversamenti migratori illegali e pericolosi, i bombardamenti di hotel dal mare e il posizionamento di esplosivi negli hotel cubani, che hanno posto fine alla vita di un giovane italiano. Hanno fatto questo e molto altro, con l'obiettivo di terrorizzare la popolazione, frenare lo sviluppo economico del Paese, costringendoci a dedicare ingenti fondi alla difesa nazionale e scoraggiando il turismo.

Leggi tutto...

Un’ipocrita spada di Damocle sulla testa di Julian Assange.

E-mail Stampa PDF

assangedi Enzo Pellegrin

Non è trascorso nemmeno un giorno dalla sentenza che ha rifiutato l’estradizione di Julian Assange, che l’attenzione mediatica è stata completamente sequestrata dal penoso spettacolo di fine impero dell’invasione di Capitol Hill.

Lo Stato che spesso e indebitamente sale in cattedra nel giudicare le altre democrazie, lo Stato che pretenderebbe di processare chi ha rivelato gli orrendi crimini di guerra dei suoi funzionari e militari, oggi si trova alla berlina di tutto il mondo.

Leggi tutto...

Pagina 4 di 337