Internazionale

747 milioni per la guerra

E-mail Stampa PDF

di Giuliano Battiston | da il Manifesto

 

monti karzai-w300

Accordo di partenariato firmato ieri a Roma dal presidente Hamid Karzai e dal premier Mario Monti

 

Roma, Parigi e Londra. Il presidente afghano Hamid Karzai bussa alle porte degli alleati europei, in cerca di sostegno politico e finanziario. Chiede il riconoscimento del suo governo come il principale protagonista del negoziato con i movimenti antigovernativi, in risposta all’interventismo di Washington, che ha intensificato i colloqui con i Taleban e sostenuto l’apertura di un loro ufficio politico in Qatar. Ma chiede anche garanzie vere, per tradurre le promesse ricevute alla conferenza internazionale di Bonn del 5 dicembre 2011 in accordi bilaterali di partenariato e cooperazione di lungo periodo.

Leggi tutto...

Dodicimila soldati degli Stati Uniti stanno per occupare la Libia

E-mail Stampa PDF

da “Avante”, settimanale del Partito Comunista Portoghese | Traduzione a cura di Marx21.it

 

Dodicimila soldati nordamericani arriveranno in Libia per consolidare la dominazione del paese da parte dell'imperialismo. L'occupazione avviene mentre il territorio è immerso in conflitti tra le fazioni del CNT e un gruppo armato che si presume leale al vecchio regime ha dato l'assalto alla città di Bani Walid.

 

petrolio soldato-w300

Secondo informazioni divulgate dal giornale pan-arabo Asharq Alawsat, il primo contingente delle forze armate di Washington (si presuppone che sia previsto almeno un secondo contingente) verrà sbarcato nella città di Brega, importante centro di esportazione del greggio.

 

Il controllo di giacimenti, porti, raffinerie e altri punti strategici per l'estrazione e il flusso del petrolio libico sarà il principale, e per ora l'unico, obiettivo delle truppe USA che arriveranno sul territorio.

 

L'occupazione viene annunciata pochi giorni prima che un gruppo armato, si presume fedele al precedente regime, ha preso d'assalto la città di Bani Walid. Secondo informazioni del cosiddetto Consiglio Nazionale di Transizione (CNT), gli uomini ostentavano bandiere verdi e intonavano canti a favore di Gheddafi.

Leggi tutto...

La necessità della lotta per la pace

E-mail Stampa PDF

di Rui Paz, Avante | Traduzione a cura di Marx21.it

 

reticolato usa-w300Negli ultimi giorni dell'anno da poco trascorso, gli Stati Uniti hanno reso pubblica la vendita all'Arabia Saudita di 84 aerei da combattimento del tipo F-15. Il contratto tra Washington e Riad ammonta a un importo di 30 miliardi di dollari (23,2 miliardi di euro). Pochi giorni dopo, è seguito l'annuncio della fornitura agli Emirati Arabi Uniti di sistemi anit-missile e di radar per un valore di 3,48 miliardi di dollari (2,7 miliardi di euro). Il premio Nobel della pace, Barack Obama, dopo aver già dimostrato capacità guerriere in Libia e nel Pakistan identiche a quelle del suo predecessore, il repubblicano George Bush, si sta rivelando un abile commerciante di materiale bellico, soprattutto in zone esplosive dove in ogni momento possono insorgere conflitti dalle conseguenze imprevedibili. Ma, in questo momento di rapido aggravamento della crisi del sistema capitalista, il leader della maggiore potenza imperialista mondiale rivela soprattutto l'intenzione di prepararsi ad ogni tipo di uscita dalla crisi, compreso lo scatenamento di un conflitto militare generalizzato.

Leggi tutto...

L'anno del Dragone

E-mail Stampa PDF

di Francesco Maringiò, Direzione nazionale PdCI - Responsabile Relazioni Internazionali

 

cina bandiera_dragone-w300L’economia cinese sembra subire una brusca battuta d’arresto. Ma è davvero così? Per capirlo dobbiamo sforzarci di ragionare “alla maniera asiatica”: ci affacceremo ad un mondo nuovo da cui, se saremo capaci, potremo trarne vantaggi enormi. L’anno del drago è un banco di prova anche per noi.

 

1. Coinvolge milioni di persone la festività più importante di tutto l'estremo oriente: è il capodanno cinese, che quest’anno prende il via il 23 gennaio e, per 15 giorni, vedrà il susseguirsi di festeggiamenti fino al giorno della festa delle lanterne. È tradizione in questo periodo spostarsi per raggiungere i propri villaggi d’origine ed i familiari. Il “protagonista” delle feste del 2012 sarà il drago, simbolo per eccellenza della cultura cinese e segno zodiacale a cui è associato il nuovo anno, coincidenza questa che aumenterà notevolmente gli spostamenti (e le nascite). Un calcolo per difetto, già parla di 3 miliardi di viaggi in programma in questi giorni.

Leggi tutto...

I moderni tagliatori di teste

E-mail Stampa PDF

di Manlio Dinucci | da il Manifesto del 24 gennaio 2012

 

monti domitilla-w300Come dono emblematico della rinnovata «amicizia italo-libica», ad opera dei nuovi governi dei due paesi, il premier Mario Monti ha riportato in Libia la testa di Domitilla, che qualcuno aveva rubato vent’anni fa decapitando un’antica statua. Di teste tagliate, Monti in effetti se ne intende. Prima di ricevere l’investitura dal presidente Napolitano, ha fatto parte per anni della banca statunitense Goldman Sachs, le cui speculazioni (tra cui la truffa dei mutui subprime) hanno provocato tagli di posti di lavoro e di vite umane (con l’aumento dei prezzi dei cereali). Come consulente, scrive Le Monde, egli aveva «l’incarico di apritore di porte, per sostenere gli interessi della Goldman Sachs nei corridoi del potere in Europa». Interessi non solo economici ma politici: i padroni della banca fanno parte della onnipotente élite finanziaria, organizzata quale governo ombra transnazionale, nelle cui stanze segrete si decidono non solo le grandi operazioni speculative, come l’attacco all’euro, ma anche quelle miranti a sostituire un governo con un altro più utile.

Leggi tutto...

Le multinazionali del mare

E-mail Stampa PDF

di Sergio Bologna | dal sito La furia dei cervelli, http://furiacervelli.blogspot.com

 

msc sabrina-w300Strano che nessuno si sia chiesto quale bandiera batte la "Costa Concordia". Strano che nessuno si sia chiesto chi stava sul ponte di comando della nave al momento dell'incidente. Strano che nessuno abbia ricordato che ai primi di ottobre del 2011 la nave portacontainer "Rena" della MSC è andata a sbattere contro l'Astrolabe Reef in Nuova Zelanda, uno dei più preziosi paradisi marini del globo, e che da allora (sono passati tre mesi e mezzo) sputa petrolio su quelle acque incontaminate, creando il più grave disastro ecologico in quell'emisfero. Strano che nessuno ricordi come l'Italia abbia a che fare in questi incidenti, per più motivi. Costa Crociere, nata italiana come dice il nome, è controllata dal gigante americano del settore. Ma chi la gestisce? Le navi, è bene si sappia, sono di proprietà, di norma, di una holding la cui prima preoccupazione è di metterle al riparo dal fisco e dalle norme sulle tabelle d'armamento presso certi paradisi fiscali (da cui le cosiddette "bandiere ombra" o flag of convenience). Ma sono gestite da Ship Management Societies specializzate che decidono le assunzioni di personale e lo fanno di solito in base al principio del minor costo.

Leggi tutto...

Gli Stati Uniti: “dittatura democratica” sulla via dello Stato totalitario militare

E-mail Stampa PDF

di Miguel Urbano Rodrigues*, da Avante | Traduzione a cura di Marx21.it

 

*Miguel Urbano Rodrigues (1925), figura storica del comunismo portoghese, è un noto giornalista e scrittore, autore di decine di pubblicazioni. In passato e’ stato caporedattore di Avante, organo del Partito Comunista Portoghese e direttore del giornale O Diario. E’ stato deputato del PCP nell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa. Tra gli editori di Odiario.info (a cui collaborano prestigiosi intellettuali progressisti di molti paesi, tra cui il presidente dell'Associazione Marx XXI, Domenico Losurdo), dirige oggi l’autorevole sito antimperialista Resistir.info.

 

stop sopa

Il presidente Barack Obama ha offerto al popolo nordamericano il 31 dicembre un calice avvelenato per il 2012: la promulgazione della cosiddetta Legge di Autorizzazione della Difesa Nazionale.

 

Il discorso che ha pronunciato per giustificare il suo gesto è stato un modello di ipocrisia.

 

Il presidente ha dichiarato di non essere d'accordo con alcuni paragrafi della legge. Se così fosse, avrebbe potuto mettere il veto, o avrebbe restituito il testo con i suoi suggerimenti. Ma non lo ha fatto.

 

Il 24 gennaio, il Senato voterà un progetto, il SOPA, che autorizza la Segreteria alla Giustizia a criminalizzare qualsiasi Web il cui contenuto sia considerato illegale o pericoloso dal governo degli Stati Uniti. D'accordo con il testo in discussione, la semplice pubblicazione di un articolo in una rete sociale può motivare l'intervento della Giustizia di Washington.

Leggi tutto...

Pagina 263 di 281