Internazionale

I salari cinesi stanno superando quelli europei

E-mail Stampa PDF

cina operai elmettoProdurre in Cina non conviene più: lo stipendio degli operai di Pechino triplicato in 10 anni. Costano meno brasiliani e messicani.
da laconceria.it

Lo stipendio medio degli operai cinesi nel 2016 era di 3,60 dollari l’ora: il triplo rispetto al valore del 2005. Il salario delle tute blu di Pechino è ormai più alto di quello dei colleghi in Brasile e Messico (dove la paga nel decennio è invece calata) e quasi al livello di quelli di Grecia e Portogallo. Lo sostiene il centro studi Euromonitor International (su dati Eurostat, ufficio statistico cinese e International Labour Organisation) in un report ripreso da Financial Times. Secondo lo studio, l’aumento dei salari è legato anche alla progressiva crescita della produttività: lo stipendio nel manifatturiero è cresciuto di più di quello di altri settori, come agricoltura ed edilizia.

Leggi tutto...

Un deputato nazista minaccia di morte il segretario del Partito Comunista di Ucraina

E-mail Stampa PDF

IgorMoseychukDichiarazione del Partito Comunista di Ucraina

da solidnet.org

Traduzione dal russo di Mauro Gemma per Marx21.it

Un'altra brutale testimonianza della ferocia dei nazisti che governano l'Ucraina dopo il colpo di Stato del 2014, sostenuto da USA/UE/NATO. La violenza e la protervia nazista di un regime, i cui esponenti non esitano addirittura ad esaltare Hitler, continua a manifestarsi nella quasi completa complice indifferenza del nostro apparato mediatico dominante, dell'intero spettro politico parlamentare italiano e della stessa opinione pubblica, compresa quella che si dichiara “antifascista”.

Leggi tutto...

L'Italia rompe gli indugi sulla Cina

E-mail Stampa PDF

cina italia mappadi Fabio Massimo Parenti

Traduzione versione precedentemente uscita su Global Times 11 ottobre 2018

Per molti anni l'approccio politico dell’Italia verso la Cina è stato aperto, ma scettico, spesso ambiguo. Oggi sta cambiando radicalmente. Permettetemi di riassumere i punti principali di questa possibile transizione. L'Italia non ha riconosciuto lo status di economia di mercato alla Cina nel 2016 ed è stata in prima linea nelle crescenti critiche dell'UE legate agli investimenti esteri cinesi, sostenendo la necessità di definire un regolamento per il loro controllo. Ciononostante, l'Italia ha sempre riconosciuto l'importanza dello sviluppo cinese e ha mostrato un enorme interesse per la Belt and Road Initiative (BRI).

Leggi tutto...

Fulvio Scaglione: "Che altro serve per un minimo di sdegno? Che altro serve per una protesta dell'occidente alla casa reale dell’Arabia Saudita?"

E-mail Stampa PDF

binsalmandi Fulvio Scaglione*, Avvenire
da lantidiplomatico.it

"Male che vada, Mohammed bin Salman farà qualche telefonata, ricorderà questo o quell’affare, parlerà del prezzo del petrolio o del terrorismo in Medio Oriente. Ma non dovrà nemmeno incomodarsi, il mondo gira così e tutti quelli che devono saperlo già lo sanno."

Se vivessimo in un mondo più o meno normale, oggi tutte le cancellerie occidentali sarebbero impegnate a chiedere chiarimenti e inviare proteste alla casa reale dell’Arabia Saudita. E qualche Governo più deciso degli altri potrebbe magari convocarne l’ambasciatore per avere spiegazioni. 

Leggi tutto...

La Nuova Via della Seta e l'Italia. Intervista a Diego Angelo Bertozzi

E-mail Stampa PDF

beltandroad mappada lantidiplomatico.it

Pubblichiamo questa bella intervista di Nicola Tanno a Diego Angelo Bertozzi sul blog Materialismo storico

La Nuova Via della Seta è il grande progetto della Cina del XXI secolo. Rifacendosi all’antica via commerciale del secondo secolo d.C. della dinastia Han, la Belt and Road Initiative (BRI) è un piano per la costruzione di infrastrutture di trasporto e logistiche che coinvolge decine di paesi di tutto il mondo per un valore di più di mille miliardi di dollari. Di questo ambizioso progetto ne ha parlato Diego Angelo Bertozzi in La Belt and Road Initiative. La Nuova Via della Seta e la Cina globale (Imprimatur). In questa intervista Bertozzi, già autore di altri volumi sul paese orientale, ha discusso sulle prospettive della BRI e sul futuro della Cina.

Leggi tutto...

Fronte democratico con Haddad per far uscire il Brasile dalla crisi

E-mail Stampa PDF

brasil125363Dichiarazione della Commissione politica nazionale del Partito Comunista del Brasile (PCdoB)

da vermelho.org.br

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

Unire e far uscire il Paese dalla crisi, con il fronte democratico e Haddad presidente

Il passaggio al secondo turno incarna l'aspirazione della maggioranza dei brasiliani/e di avere più tempo per fare la scelta finale in merito alla candidatura presidenziale e ciò emerge dal risultato delle forze democratiche, popolari e progressiste, delle loro candidature per la presidenza, in particolare di Fernando Haddad, Ciro Gomes, Guilherme Boulos e anche Marina Silva.

Leggi tutto...

L’esercito di insetti del Pentagono

E-mail Stampa PDF

insetti sciamedi Manlio Dinucci 

Sciami di insetti, che trasportano virus infettivi geneticamente modificati, attaccano le colture di un paese distruggendo la sua produzione alimentare: non è uno scenario da fantascienza, ma quanto sta preparando l’Agenzia del Pentagono per i progetti di ricerca scientifica avanzata (Darpa). Lo rivelano su Science, una delle più prestigiose riviste scientiche, cinque scienziati di due università tedesche e di una francese. Nel loro editoriale pubblicato il 5 ottobre, mettono fortemente in dubbio che il programma di ricerca della Darpa, denominato «Alleati insetti», abbia unicamente lo scopo dichiarato dall’Agenzia: quello di proteggere l’agricoltura statunitense dagli agenti patogeni, usando insetti quali vettori di virus infettivi geneticamente modificati che, trasmettendosi alle piante, ne modificano i cromosomi.

Leggi tutto...

I macedoni si pronunciano contro l’adesione alla NATO e all’Unione Europea

E-mail Stampa PDF

carlomagnoda voltairenet.org

Il 30 settembre 2018 ai macedoni è stato chiesto di rispondere al seguente quesito [referendario]: «Siete favorevoli all’adesione alla NATO e all’Unione Europea accettando l’accordo tra la Repubblica di Macedonia e la Repubblica di Grecia?».

L’accordo con la Grecia era stato negoziato dall’ambasciatore degli Stati Uniti ad Atene, Geoffrey R. Pyatt, noto per aver organizzato il putsch di Kiev con l’aiuto del partito nazista Settore Destro. L’accordo prevede di modificare il nome dell’ex repubblica jugoslava di Macedonia in «Macedonia del Nord» e che venga abbandonato ogni riferimento storico ad Alessandro Magno.

Leggi tutto...

Putin: «Metodi terroristici per rovesciare il potere in Venezuela sono inaccettabili»

E-mail Stampa PDF

putin maduro strettada lantidiplomatico.it

Dopo gli accordi con la Cina la forte presa di posizione di Putin. Ma non ci avevano raccontato che il Venezuela era isolato sullo scacchiere internazionale?

Il presidente russo Vladimir Putin ha denunciato che «metodi terroristici per rovesciare il potere nel paese sono inaccettabili» e ha ricordato che contro il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, «è stato compiuto un attacco terroristico, un tentativo di assassinio».

Leggi tutto...

Pagina 8 di 294