La cina e’ veramente l'”uomo nero”? Operazione psicologica o realta’? Le impronte di Kissinger e Soros

E-mail Stampa PDF

5g cina smartphonedi Davide Donateo

da https://www.databaseitalia.it

Dal momento che molte brave persone sono sensibili alla narrativa che vuole che la Cina sia il supercriminale globale che cospira per rovesciare i valori cristiani occidentali con ogni mezzo necessario, credo che alcune considerazioni vadano fatte.


1. Il fanatico dello stato anti-nazione George Soros ha dichiarato al vertice di Davos del 2020 che la Cina è diventata la più grande minaccia alla sua visione per la società aperta (proprio dietro gli Stati Uniti di Trump). Ciò è stato ripreso dai discorsi del governo globale di  Lord Malloch Brown del 2020.

2. La profonda alleanza della Cina con la Russia e la maggiore integrazione dell’Unione economica eurasiatica con la forte iniziativa Belt and Road di 135 nazioni costituiscono la base di un paradigma multipolare alternativo che ha tenuto gli imperialisti svegli di notte negli ultimi anni.

3 La prospettiva di un’alleanza USA-Cina-Russia è stata una delle maggiori minacce all’impero che ha fatto capolino nelle settimane prima che il COVID-19 apparisse sulla scena mentre il Patto commerciale USA-Cina entrava con successo nella sua prima fase (e da allora è caduto in shambles) così come i ripetuti appelli di Trump per “buoni rapporti con la Russia”.

In mezzo all’ondata di operazioni psicologiche mediatiche anti-cinesi pubblicate nelle nazioni di Five Eyes, innumerevoli patrioti di tendenza conservatrice si sono trovati assorbiti in un’isteria maniacale da spavento rosso mentre dimenticavano che la vera mano causale dell’intelligence britannica è stata colta sfacciatamente coinvolta nel rovesciamento degli stati nazione per decenni ( compreso il 2016-2020 per eseguire il cambio di regime all’interno degli stessi Stati Uniti ).

Comprendendo la natura delle attuali operazioni psicologiche e la nuova deviazione dello terrore rosso in corso, è necessario rivedere alcuni fatti seriamente sottovalutati della storia recente, e dal momento che l’ex segretario di Stato Sir Henry Kissinger (un autentico cavaliere dell’Impero britannico), figura in modo prominente in questa storia è saggio iniziare dal suo rapporto con la Cina.

Sebbene sia celebrato per essere un politico liberale “illuminato” che ha aiutato la Cina ad aprirsi all’Occidente dopo i giorni bui della Rivoluzione Culturale di Mao, estendendo i mercati occidentali alla Cina, la verità è molto diversa.

Fervente sostenitore del governo mondiale e del controllo della popolazione, Kissinger era stato lo strumento scelto durante un periodo particolarmente importante della storia umana per far avanzare un nuovo ordinamento degli affari mondiali.

La divisione del mondo in produttori e consumatori

Da quando il mondo è stato tolto dal sistema delle riserve auree nel lontano 1971, una nuova era di “postindustrialismo” è stata scatenata in un mondo globalizzato. All’umanità fu dato un nuovo tipo di sistema che presumeva che sia la nostra natura che la causa stessa del valore si trovassero nell’atto del consumo. La vecchia idea che la nostra natura fosse creativa e che la nostra ricchezza fosse legata alla produzione, era considerata una cosa obsoleta del passato … una reliquia di una vecchia e sporca era industriale.

Con il nuovo sistema operativo post-1971, ci era stato detto che il mondo ora sarebbe stato diviso tra produttori e consumatori.

I “produttori non abbienti” fornirebbero la manodopera a basso costo su cui i consumatori del primo mondo farebbero sempre più affidamento per la creazione di beni che erano soliti realizzare da soli. Alle nazioni del “primo mondo” è stato detto che, secondo le nuove regole postindustriali di deregolamentazione ed economia di mercato, avrebbero dovuto esportare la loro industria pesante, macchine utensili e altri settori produttivi all’estero mentre passavano alla fase post-industriale dei “colletti bianchi” società dei consumatori. Più a lungo andava avanti questa esternalizzazione delle industrie, meno le nazioni occidentali si trovavano in grado di sostenere i propri cittadini, costruire le proprie infrastrutture o determinare i propri destini economici.

Al posto delle economie a spettro completo che una volta vedevano oltre il 40% della forza lavoro del Nord America impiegata nel settore manifatturiero, iniziò una nuova dipendenza dal “comprare roba a buon mercato” e una “economia dei servizi” prese il sopravvento come un cancro.

cina nera

A peggiorare le cose, alle molte nazioni recentemente indipendenti che lottano per liberarsi dal colonialismo è stato detto che avrebbero dovuto abbandonare i loro sogni di sviluppo poiché quegli obiettivi avrebbero reso impossibile creare la formula di una società stratificata produttore-consumatore. Quei leader che resistono a questo editto dovranno affrontare l’assassinio o il rovesciamento della CIA. Quei leader che si sono adattati alle nuove regole sarebbero diventati compagni della nuova era dei “sicari economici”.

Cina e occidente: la vera storia

Quando Deng Xiaoping annunciò l ‘”apertura” della Cina nel 1978, Kissinger aveva già gestito il cambio di paradigma economico del 1971, la “terapia d’urto petrolifera” artificiale del 1973 e aveva scritto il suo rapporto NSSM 200 del 1974   che trasformò la politica estera degli Stati Uniti da una orientamento a favore dello sviluppo verso una nuova politica di spopolamento rivolta alle nazioni povere del sud del mondo secondo la logica che le risorse sotto il loro suolo erano il legittimo possesso degli USA.

L’NSSM 200 (intitolato ” Implicazioni della crescita della popolazione mondiale per la sicurezza degli Stati Uniti e gli interessi d’oltremare “) ha delineato il suo obiettivo  “L’assistenza per la moderazione della popolazione dovrebbe dare enfasi ai paesi in via di sviluppo più grandi e in più rapida crescita dove c’è uno speciale interesse strategico e statunitense”.

Kissinger, e gli alveari degli  agenti della Commissione Trilaterale / CFR  a cui era legato non hanno mai considerato la Cina come un vero alleato, ma semplicemente come una zona di abbondante manodopera a basso costo che avrebbe fornito beni a buon mercato all’Occidente ora postindustriale sotto la loro nuova distopica idea di ordine mondiale produttore-consumatore. Fu in quello stesso anno che Paul Volcker, coorte della Commissione trilaterale di Kissinger, annunciò una ” disintegrazione controllata della società occidentale”  che fu iniziata in pieno con gli aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve al 20% che assicurarono una vasta distruzione di piccole e medie imprese.

Credere che la Cina (allora ancora in gran parte un paese del terzo mondo impoverito) sia abbastanza disperata da accettare denaro e salvezza a breve termine dopo anni di traumi indotti dalla Rivoluzione Culturale. Secondo la logica di Kissinger, la Cina riceverebbe abbastanza soldi per sostenere un’esistenza statica, ma non sarebbe mai in grado di reggersi sulle proprie gambe.

All’insaputa di Kissinger, i leader cinesi sotto la direzione di Zhou Enlai e il suo discepolo Deng Xiaoping avevano una prospettiva strategica a più lungo termine di quanto immaginassero i loro partner occidentali.

Mentre riceveva le entrate tanto necessarie dalle esportazioni estere, la Cina iniziò a creare lentamente le basi per un vero rinascimento che sarebbe stato reso possibile apprendendo lentamente le abilità, superando le tecnologie e acquisendo mezzi di produzione che l’occidente aveva un tempo sperimentato. Zhou Enlai aveva enunciato per la prima volta questo programma visionario già nel 1963 sotto il suo  mandato delle Quattro Modernizzazioni  (industriale, agricola, difesa nazionale e scienza e tecnologia) e poi riaffermò questo programma nel gennaio 1976 settimane prima della sua morte.

Questo programma si è manifestato nel Forum del Consiglio di Stato del 6 luglio 1978 sui “Principi per guidare le quattro modernizzazioni” informato dai risultati delle missioni esplorative internazionali condotte dalle delegazioni dell’economista Gu Mu in varie economie mondiali avanzate (Giappone, Hong Kong, Europa occidentale ). I risultati dei rapporti di Gu Mu hanno delineato i percorsi concreti per la sovranità economica a tutto spettro con un focus sulla coltivazione dei poteri creativi cognitivi di una nuova generazione di scienziati che avrebbero guidato le scoperte non lineari necessarie alla Cina per liberarsi definitivamente dalle regole del chiuso -economia di sistema a cui i tecnocrati come Kissinger desideravano che il mondo aderisse.

Deng Xiaoping ha rotto con il marxismo radicale prevalente tra l’intellighenzia ridefinendo il “lavoro” da vincoli puramente materiali ed elevando il concetto giustamente al dominio più alto della mente dicendo:

“Dobbiamo selezionare diverse migliaia del nostro personale più qualificato all’interno dell’establishment scientifico e tecnologico e creare le condizioni che consentano loro di dedicare la loro totale attenzione alla ricerca. Coloro che hanno difficoltà finanziarie dovrebbero ricevere indennità e sussidi … dobbiamo creare all’interno del partito un’atmosfera di rispetto per la conoscenza e rispetto per il personale formato. Bisogna contrastare l’erroneo atteggiamento di non rispetto degli intellettuali. Tutto funziona. Che sia mentale o manuale, è il lavoro. “

Nel corso dei decenni a venire, la Cina ha imparato, e come ogni studente, ha copiato, decodificato e ricostruito le tecniche occidentali, generando lentamente capacità che alla fine le hanno permesso di premere sui limiti della conoscenza umana superando tutti i modelli occidentali.

Il progresso scientifico e tecnologico è diventato il motore di tutta la sua economia e nel 1986 è stato annunciato il ” Progetto 863 per la ricerca e lo sviluppo ” che si è concentrato su aree dello spazio, laser, energia, biotecnologia, nuovi materiali, automazione e tecnologia dell’informazione. Questo progetto è diventato il motore dell’innovazione creativa guidata dalla National Science Foundation ed è stato aggiornato al  973 Basic Research Program  nel 2009 per: “1) supportare la ricerca multidisciplinare e fondamentale di rilevanza per lo sviluppo nazionale; 2) Promuovere la ricerca di base in prima linea; 3) Sostenere la coltivazione di talenti scientifici capaci di ricerca originale; e 4) costruire centri di ricerca interdisciplinare di alta qualità “.

I frutti di questi programmi a lungo termine stavano iniziando a farsi sentire e nel 1996, la discussione per una Nuova Via della Seta che facesse rivivere le antiche rotte commerciali che collegavano la Cina all’Europa e all’Africa attraverso il Medio Oriente e il Caucaso iniziò con le conferenze ospitate da Pechino sotto il presidente Jiang Zemin .

Uno dei pochi partecipanti occidentali a questi eventi cinesi è stato lo Schiller Institute, i  cui fondatori hanno tenuto un seminario di un’intera giornata nel 1997  descrivendo il programma che sarebbe finalmente tornato in vita nel 2013, quando Xi Jinping lo ha reso il fulcro delle prospettive di politica estera della Cina sotto il Iniziativa Belt and Road.

Perché questo programma ha aspettato fino al 2013 per sbocciare sulla scena mondiale, quando l’ovvio slancio era già in atto nel 1997?

George Soros e l’attacco ai mercati asiatici

Dal maggio 1997, l’obiettivo di George Soros delle “economie delle Tigri” del sud-est asiatico di Myanmar, Thailandia, Indonesia, Filippine, Laos e Malesia con vendite speculative allo scoperto delle loro valute locali ha provocato mesi di vasta anarchia in tutta l’Asia e nel mondo a grandi linee. Le valute sono crollate dal 10 all’80% nei successivi 8 mesi e ci sono voluti molti anni per iniziare a riprendersi.

Il Mahathir Mohammed della Malesia è stato abbastanza coraggioso da denunciare la guerra economica di Soros e ha fatto molto per aiutare la sua nazione a superare la tempesta imponendo controlli sui capitali per mantenere una parvenza di stabilità chiamando lo speculatore dicendo: “tanto quanto le persone che producono e distribuiscono droghe sono criminali, perché distruggono le nazioni, lo sono anche le persone che minano le economie delle nazioni povere “. Il presidente cinese Jiang Zemin ha seguito l’esempio definendo Soros “un cecchino finanziario” e ha dichiarato che non avrebbe permesso allo speculatore di entrare nei mercati cinesi.

Come scrisse astutamente l’analista Michael Billington nel suo  rapporto EIR dell’agosto 1997 :

“L’obiettivo finale è la Cina. Gli inglesi sono particolarmente preoccupati per la collaborazione sempre più stretta tra la Cina e le nazioni dell’ASEAN, che vengono integrate nei massicci progetti di sviluppo regionale e continentale avviati dalla Cina sotto l’egida del programma Eurasian Continental Land-Bridge. Tali politiche di sviluppo reale offrono l’alternativa alle industrie di esportazione in stile coloniale a basso costo del modello di “globalizzazione”, il modello che ha portato alle bolle finanziarie che ora esplodono in tutto il mondo “.

Gli anni tumultuosi del 1997-2013

Con l’avvento del crollo della gestione del capitale a lungo termine (il cui crollo ha quasi abbattuto l’economia mondiale nel 1999 se non è stato salvato dalle banche centrali), seguito dall’esplosione della bolla tecnologica Y2K del 2000, i mercati mondiali sono quasi crollati su diversi occasioni. L’11 settembre ha scatenato una nuova era di guerra che ha distolto l’attenzione dalla putrefazione del sistema finanziario mentre i derivati ​​erano deregolamentati e l’attività bancaria “Too Big To Fail” si è formata in breve tempo, andando ben oltre i poteri di qualsiasi stato nazionale.

In questo periodo di destabilizzazione, guerre, terrorismo e speculazione sul denaro facile, la Cina e i suoi alleati eurasiatici si mossero più lentamente per ricostruire le basi fisiche della loro esistenza con la creazione dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, la pianificazione a lungo termine e una lenta ma costante attenzione al reale (vs speculativa) attività economica. Il fatto che la Cina fosse tra le uniche nazioni al mondo a mantenere i controlli nazionali sulla propria banca centrale e mantenere la separazione tra le banche Glass-Steagall non è andato perso per i nemici dell’umanità desiderosi di una dittatura dei banchieri.

Questo processo è continuato fino a quando non è diventato evidente che l’agenda unipolare occidentale non si sarebbe fermata davanti a nulla, compresa la guerra nucleare, al fine di assicurare la totale sottomissione di tutti gli stati nazionali, con Obama che ha svelato i suoi piani di Asia Pivot (battaglia aria-mare) contro la Cina insieme alla Trans -Attacco economico del Partenariato pacifico (TPP) alla Cina. Il velo è stato ora sollevato sulla vera faccia brutta dietro i sorrisi fascisti liberali ed è diventato chiaro che l’accerchiamento militare del dominio a tutto spettro del perimetro russo si stava estendendo completamente anche al perimetro cinese.

La rinascita della nuova via della seta

È stato di fronte a questa minaccia esistenziale che Xi Jinping è emerso come il nuovo leader della Cina e una storica repressione della corruzione del partito a tutti i livelli federale, provinciale e municipale è  stata avviata  mentre l’annuncio di Xi del 2013 della  Belt and Road Initiative in Kazakistan  ha rilanciato la politica della Nuova Via della Seta / Ponte terrestre eurasiatico di 15 anni prima.

Sebbene la Cina sia spesso accusata di furto intellettuale, la realtà è che ha iniziato a superare chiaramente le nazioni occidentali diventando un pioniere a tutti i livelli della scienza e della tecnologia. La Cina ora  registra più brevetti rispetto agli Stati Uniti , è diventata il leader all’avanguardia dell’ingegneria ferroviaria ad alta velocità con oltre 30.000 km, costruzione di ponti, tunnel, nonché gestione dell’acqua, informatica quantistica, intelligenza artificiale, telecomunicazioni 5G e persino scienza spaziale diventando la prima nazione in assoluto ad atterrare sul lato più lontano della luna con  l’intento di estrarre l’elio 3  e sviluppare  basi permanenti sulla Luna  nel prossimo decennio.

Tutti questi campi della scienza e dell’ingegneria all’avanguardia sono organizzati dalla  sempre crescente Belt and Road Initiative  che ha assunto proporzioni globali e si è integrata in una profonda alleanza con Russia, Iran e oltre 135 nazioni che hanno aderito al BRI Framework che si estende dall’America Latina, Africa, Medio Oriente, Asia centrale, Asia ed Europa.

Questo è il sistema al quale gli Stati Uniti e altre nazioni occidentali avrebbero potuto aderire in più occasioni, ma che invece è stato preso di mira come una minaccia globale all’egemonia occidentale. Secondo la logica di quegli utopisti occidentali che rifiutano di lasciare andare il loro vecchio copione obsoleto del 1971 per un nuovo ordine mondiale,  la Nuova Via della Seta cinese deve essere sovvertita a tutti i costi  poiché è ben chiaro che sarebbe diventata la base per un nuovo sistema mondiale mentre il vecchio paradigma globalizzato crolla più velocemente dell’Hindenburg.

I veri autori ridono mentre viene orchestrata una nuova isteria da guerra fredda