Negli ultimi cinque anni oltre un terzo delle esportazioni globali di armi è arrivato dagli Stati Uniti

E-mail Stampa PDF

armi yemendi Jon Queally

da https://truthout.org

Traduzione da Marco Pondrelli per Marx21.it

Una nuova analisi delle vendite globali di armi pubblicata lunedì ha rivelato che gli Stati Uniti ora rappresentano ben oltre un terzo di tutte le esportazioni di armi nel mondo nell'ultimo mezzo decennio e quasi la metà di queste armi da guerra sono state vendute a nazioni del Medio Oriente - una regione assediata da guerre e conflitti scatenati ed esacerbati dalla politica estera americana.


Secondo i nuovi dati sui trasferimenti globali di armi compilati e analizzati dallo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI), una diminuzione delle vendite di armi tra il 2016 e il 2020 da parte di Russia e Cina - rispettivamente il secondo e il quinto esportatore globale - è stata compensata dall'aumento delle vendite effettuate dagli altri cinque principali esportatori di armi: Stati Uniti, Francia e Germania. E mentre le vendite sono rimaste costanti rispetto al periodo 2011-2015, il rapporto mostra che l'ultimo decennio ha visto i più alti livelli di vendite di armi in tutto il mondo dall'apice della guerra fredda negli anni '80.

Secondo l'analisi del SIPRI:

Gli Stati Uniti rimangono il più grande esportatore di armi, aumentando la loro quota globale di esportazioni di armi dal 32 al 37 per cento tra il 2011-15 e il 2016-20. Gli Stati Uniti hanno fornito grandi armamenti a 96 stati nel 2016-20, molto più di qualsiasi altro fornitore. Quasi la metà (47 per cento) dei trasferimenti di armi statunitensi sono andati al Medio Oriente. L'Arabia Saudita da sola ha rappresentato il 24 per cento delle esportazioni totali di armi statunitensi. L'aumento del 15 per cento delle esportazioni di armi statunitensi tra il 2011-15 e il 2016-20 ha ulteriormente ampliato il divario tra gli Stati Uniti e il secondo maggiore esportatore di armi, la Russia.

Mentre le vendite internazionali di armi si sono stabilizzate dal 2016-2020 rispetto al quinquennio precedente, l'importazione di armi è aumentata bruscamente nella regione del Medio Oriente - soprattutto in Arabia Saudita, il più grande importatore di armi al mondo in generale, così come in Qatar ed Egitto - tutti grandi clienti dei produttori statunitensi.

"Gli stati mediorientali hanno importato il 25% in più di grandi armamenti nel 2016-20 rispetto al 2011-15", ha notato il SIPRI, il più grande aumento di qualsiasi blocco regionale. "Questo riflette la competizione strategica regionale tra diversi stati della regione del Golfo. L'Arabia Saudita - il più grande importatore di armi al mondo - ha aumentato le sue importazioni di armi del 61% e il Qatar del 361%." Da parte sua, l'importazione di armi dell'Egitto è aumentata del 136 per cento negli ultimi cinque anni.

Come per altri beni, rimane poco chiaro come la pandemia Covid-19 abbia avuto un impatto sull'industria internazionale delle armi nell'ultimo anno o quanto durerà tale impatto.

"È troppo presto per dire se il periodo di rapida crescita dei trasferimenti di armi degli ultimi due decenni è finito", ha detto Pieter D. Wezeman, ricercatore senior del SIPRI Arms and Military Expenditure Programme.

Per esempio", ha aggiunto Wezeman, "l'impatto economico della pandemia Covid-19 potrebbe vedere alcuni paesi rivalutare le loro importazioni di armi nei prossimi anni". Tuttavia, allo stesso tempo, anche al culmine della pandemia nel 2020, diversi paesi hanno firmato grandi contratti per armi importanti".

Tra questi paesi c'erano gli Emirati Arabi Uniti. Mentre le loro importazioni di armi sono diminuite complessivamente negli ultimi cinque anni, una vendita pendente di 50 caccia da combattimento F-35 - costruiti da Lockheed Martin - mostra che l'appetito della nazione per le armi americane rimane molto forte per il futuro.