Ho preso parte alle esercitazioni di guerra tra Stati Uniti e Corea del Sud. Ci rendono tutti meno sicuri

E-mail Stampa PDF

coreanord suddi Jovanni Reyes

da https://truthout.org

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

Oggi, mentre gli Stati Uniti e la Corea del Sud iniziano le loro annuali esercitazioni militari combinate, mi vengono in mente i due anni che ho passato in Corea del Sud come membro dell'esercito americano e la mia partecipazione alle simulaizoni di guerra nel 2004.


Come la maggior parte degli americani, ero beatamente ignorante di come queste esercitazioni militari congiunte - che simulano la guerra nella penisola coreana e hanno coinvolto decine di migliaia di truppe - danneggiano la psiche della popolazione locale e aumentano le tensioni tra Stati Uniti, Corea del Sud e Corea del Nord.

Come medico il mio ruolo era quello di allestire una stazione di decontaminazione sulla pista d'atterraggio della base in preparazione di un attacco chimico dalla Corea del Nord. Come altri soldati mi sono concentrato solo sul mio compito. Le esercitazioni sono altamente compartimentalizzate,per cuii non si vede mai il quadro completo dell'impatto delle nostre azioni. Vedevo la situazione solo in termini di bianco e nero - che l'esercito degli Stati Uniti era il "poliziotto buono" che proteggeva la Corea del Sud dal "nemico", la Corea del Nord. Ma come ho imparato più tardi, la realtà è molto più complicata.

Come parte del mio soggiorno in Corea del Sud, ho partecipato a un'escursione culturale coreana di tre giorni offerta da Better Opportunity for Single Soldiers, un servizio offerto dall'ufficio Morale, Welfare and Recreation della base. La guida turistica ci ha raccontato che le Coree sono state a lungo un popolo unificato con una storia che risale al VII secolo. Fu solo dopo la seconda guerra mondiale che gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica divisero la Corea al 38° parallelo in Corea del Nord e del Sud, senza consultare nessun coreano.

Poiché la guerra di Corea (1950-1953) si conclue con un cessate il fuoco, gli Stati Uniti stazionano permanentemente migliaia di truppe nella Corea del Sud. Le esercitazioni militari nella penisola coreana sono diventate un evento regolare e sono cresciute in dimensioni e portata nel corso degli anni. Le massicce esercitazioni Team Spirit che hanno avuto luogo dal 1974 al 1993, le esercitazioni Key Resolve degli anni 2010 e Ulchi Freedom Guardian, che aveva luogo ogni agosto, sono solo alcune delle esercitazioni militari svolte in Corea del Sud.

In un recente editoriale di Truthout, il colonnello dell'esercito in pensione ed ex diplomatico statunitense Ann Wright ha notato che le esercitazioni militari combinate tra Stati Uniti e Corea del Sud "hanno coinvolto l'uso di bombardieri B-2 in grado di sganciare armi nucleari, portaerei a propulsione nucleare e sottomarini dotati di armi nucleari, così come il tiro di artiglieria a lungo raggio e altre armi di grosso calibro". Queste esercitazioni spesso coinvolgono truppe che manovrano vicino ai confini, allo spazio aereo e alle acque territoriali della Corea del Nord.

Non sorprende che la gente in Corea del Nord abbia visto a lungo queste esercitazioni militari annuali come una minaccia alla loro esistenza e una prova d'invasione.

Eppure la leadership statunitense minimizza le preoccupazioni nordcoreane sulle esercitazioni militari e suggerisce che il governo nordcoreano sta reagendo in modo eccessivo. L'ex assistente segretario alla Difesa Wallace "Chip" Gregson ha detto: "Dobbiamo superare le nostre preoccupazioni sul fatto che questo sia in qualche modo provocatorio per la Corea del Nord. È come dire che avere i vigili del fuoco nel centro di Seul è in qualche modo provocatorio per il fuoco. La Corea del Nord non ha alcuna credibilità nel lamentarsi di qualsiasi esercitazione che facciamo e che è completamente difensiva...."

In realtà, la storia dimostra che la sospensione delle esercitazioni militari tra Stati Uniti e Corea del Sud è stata fondamentale per ridurre le tensioni e far progredire la diplomazia tra Stati Uniti e Corea del Nord. Caso emblematico: La sospensione da parte del presidente Clinton delle esercitazioni Team Spirit negli anni '90 ha portato a una svolta nei negoziati nucleari con Pyongyang che ha prodotto l'Agreed Framework del 1994. Lo sviluppo delle armi nucleari della Corea del Nord rimase bloccato per tutta la presidenza di Clinton. L'accordo fu poi sabotato da George W. Bush, che nominò la Corea del Nord come parte dell'"asse del male" e poi continuò distruggendo l'Iraq.

I tentativi del presidente Donald Trump di allentare la tensione con la Corea del Nord sono stati incredibilmente incoerenti. Da un lato ha minacciato "fuoco e furia" e l'Armageddon sui nordcoreani. Ha aumentato le già devastanti sanzioni economiche come parte della sua controproducente strategia di "massima pressione". Allo stesso tempo, ha offerto amichevoli colloqui diretti con il leader nordcoreano Kim Jong Un - un approccio mai preso in considerazione dalla precedente leadership americana.

Dopo il suo incontro con Kim Jong Un a Singapore nel 2018, Trump ha promesso di sospendere le esercitazioni militari congiunte tra Stati Uniti e Corea del Sud nella speranza di favorire i colloqui diplomatici con la Corea del Nord. Ma Trump è stato bombardato da critiche bipartisan, anche da alcuni progressisti, e la stampa mainstream è andata in completa crisi. Il presidente sudcoreano Moon Jae-in, tuttavia, ha accolto con favore la mossa di sospendere le esercitazioni militari congiunte come parte della necessità del paese "di cambiare in modo flessibile la sua pressione militare contro il Nord nello spirito di costruire la fiducia reciproca come concordato nella Dichiarazione di Panmunjom".

Qualcuno potrebbe chiedere: "Perché la Corea del Sud non si rifiuta semplicemente di condurre le esercitazioni combinate? A quanto pare, l'amministrazione Moon ha le sue ragioni per volere che le esercitazioni riprendano quest'anno. Secondo Wooksik Cheong, fondatore e rappresentante della ONG sudcoreana Peace Network, una delle massime priorità dell'amministrazione Moon nel suo ultimo anno di mandato è il trasferimento del controllo operativo di guerra dagli Stati Uniti alla Corea del Sud, ma questo dipende dalle esercitazioni. Per inquadrare la situazione durante la guerra di Corea, la Corea del Sud ha consegnato il controllo operativo delle sue forze armate agli Stati Uniti e non lo ha mai ottenuto indietro. Oggi, un comandante statunitense del Comando delle Forze Combinate tra Stati Uniti e Corea del Sud ha il controllo operativo in tempo di guerra - il che significa che un generale statunitense sarebbe automaticamente al comando delle forze alleate se dovesse scoppiare una guerra nella penisola coreana. Questo accordo è stato descritto come "la più notevole concessione di sovranità in tutto il mondo" dall'ex comandante delle forze statunitensi in Corea Richard Stilwell. La condizione chiave richiesta dagli Stati Uniti per il trasferimento del controllo operativo di guerra alla Corea del Sud è che essa deve dimostrare, attraverso le esercitazioni di guerra, di avere una propria capacità di deterrenza contro la Corea del Nord. Mentre l'amministrazione Moon ha spinto molto per l'inclusione del test della piena capacità operativa (FOC) nelle esercitazioni di guerra di questa settimana, i funzionari del Pentagono hanno riferito di aver rifiutato questo, optando invece per concentrare le esercitazioni sulla prontezza dell'alleanza "per combattere stasera". In altre parole, anche se le esercitazioni di guerra riprendono quest'anno, non c'è alcuna garanzia che gli Stati Uniti siano d'accordo a restituire il controllo operativo di guerra alla Corea del Sud.

Ciò che spesso manca nella discussione negli Stati Uniti, tuttavia, è il desiderio del popolo sudcoreano. Per decenni, i cittadini sudcoreani hanno protestato contro le basi militari statunitensi sul loro suolo.

Dopo che ho lasciato Camp Humphreys all'inizio del 2005, i sudcoreani hanno protestato contro un piano americano-sudcoreano per triplicare le dimensioni della base. I residenti che dovevano abbandonare le loro case e i terreni agricoli a causa dell'espansione della base si sono mobilitati per resistere al piano di espansione.

Come portoricano, la cui gente ha resistito per decenni alla marina statunitense, potevo capire la loro situazione. Gli anziani agricoltori di Daechuri e Doduri, due villaggi interessati dall'espansione della base, hanno tenuto veglie a lume di candela nel cortile della scuola locale ogni notte per tre anni. A volte erano raggiunti da migliaia di sostenitori da tutto il paese. Alla fine il governo sudcoreano ha mobilitato migliaia di soldati e poliziotti in tenuta antisommossa per sedare le manifestazioni ed oltre 1.000 abitanti del villaggio sono stati sfollati dalle loro case per far posto a quella che sarebbe diventata la più grande base militare statunitense d'oltremare.

Nel 2016, i residenti di Seongju hanno protestato contro l'installazione del sistema di difesa missilistica statunitense Terminal High Altitude Area Defense (THAAD). La protesta sostenuta dai residenti locali ha costretto l'esercito statunitense a fornire attrezzature e materiali da costruzione alla base in elicottero.

Più esercitazioni militari significano più tensioni, più armi, più spostamenti e il continuo rischio di una nuova guerra. Anche se le esercitazioni di quest'anno sono state annunciate come un esercizio di addestramento computerizzato basato su scenari, sono ancora provocatorie e solleveranno un campanello d'allarme a Pyongyang. Ecco perché una rete globale di quasi 400 organizzazioni della società civile statunitense, sudcoreana e internazionale ha recentemente inviato una dichiarazione congiunta al presidente Joe Biden, esortandolo a sospendere le prossime simulaizoni di guerra una volta per tutte:

In un momento in cui il mondo sta affrontando urgenti crisi umanitarie, ambientali ed economiche, queste esercitazioni militari allontanano, le risorse di cui abbiamo bisogno, dalla nostra capacità di fornire una vera sicurezza umana come l'assistenza sanitaria, un ambiente sostenibile ed altro.

Ora stanno invitando i sostenitori a firmare una petizione online da inviare all'amministrazione Biden e stanno tenendo raduni per la pace in tutto il mondo.

Durante il mio soggiorno in Corea del Sud, un giovane soldato coreano mi ha detto che il suo sogno era di andare un giorno in moto dalla punta meridionale della penisola fino all'estremità settentrionale - un giorno in cui nessuna DMZ (zona demilitarizzata) separerà il popolo coreano. È chiaro che il popolo della Corea del Sud vuole porre fine al militarismo degli Stati Uniti nella loro patria e riunirsi con i loro parenti nel nord. Gli Stati Uniti dovrebbero smettere di ostacolare questo sogno.

Jovanni Reyes è un veterano dell'esercito degli Stati Uniti e membro dell'organizzazione guidata da veterani dell'era post-9/11 About Face: Veterans Against the War. Ha conseguito un master in relazioni internazionali e tecnologia didattica. I suoi scritti sono apparsi su Common Dreams, Claridad de Puerto Rico, The San Antonio Express News e La Voz de la Esperanza.