Sale la tensione nel mediterraneo: Ankara, Atene, Parigi, Beirut

E-mail Stampa PDF

mediterraneo 3 ott 20Spesso si pensa agli avvenimenti esteri come lontani. Le attuali vicende del Mediterraneo arrivano fin dentro le nostre case.

Gli Stati Uniti minacciano sanzioni poiché non vogliono la costruzione di canali energetici come il North Stream, che dalla Russia giunge nel cuore dell'Europa. Le vicende belliche libiche sono legate all'approvvigionamento di energia per il nostro Paese. La Grecia e la Francia sono ai ferri corti per questioni di egemonia turca nel Mediterraneo, legate anch'esse all'energia. Parigi, Atene e Ankara: tre membri della NATO dentro l'escalation della tensione nel Mediterraneo.


Quando pensiamo all'innalzamento della tensione nel Mediterraneo dobbiamo sapere che riguarda anche le nostre case e il loro riscaldamento. Naturalmente, tutto questo deve indurci a comprendere meglio il peso che ha la politica internazionale nella nostra vita quotidiana.

Infine Parigi sta dimostrando di avere bene in mente che cosa è accaduto circa un secolo fa: Macron si è recato per ben due volte a Beirut nel giro di una settimana. La "grandeur" imperialistica di Parigi ispira ancora le mosse francesi.

La Casa Rossa e il Comitato Contro La Guerra Milano ne parlano in collegamento con

IRAKLIS TSAVDARIDIS (da Salonicco)
Segretario Esecutivo del World Peace Council

MARCO PONDRELLI (da Bologna)
Direttore Marx21.it

Con questa iniziativa la Casa Rossa riapre sabato 3 ottobre, dalle 18.30. Invitiamo a partecipare su prenotazione a tutela della salute collettiva (338-3899559 - ).

L'iniziativa sarà trasmessa in diretta sulle seguenti pagine Facebook:

"La Casa Rossa"

www.facebook.com/lacasa.rossa.3

"Comitato Contro La Guerra Milano"

www.facebook.com/comitato.milano.5

Evento FB: www.facebook.com/events/353349519186794

iniziativa