Ecco la natura egemonica della strategia indo-pacifica degli Stati Uniti

E-mail Stampa PDF

soldati usa cargoQuesto articolo di Qian Feng apparso sul Global Times è un brillante contributo che permette di capire dove si è spostato lo scontro per l'egemonia mondiale nel XXI secolo

di Qian Feng

da https://www.globaltimes.cn

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

L'11 giugno la Commissione delle forze armate del Senato degli Stati Uniti ha approvato la sua versione del Fiscal Year 2021 National Defense Authorization Act. La legge istituisce la cosiddetta Pacific Deterrence Initiative - un nuovo fondo militare per aumentare la deterrenza contro la Cina nel Pacifico. L'11 giugno gli Stati Uniti hanno anche mobilitato tre portaerei per pattugliare le acque dell'Indo-Pacifico. Gli Stati Uniti hanno recentemente intensificato la loro strategia indopacifica, intensificando gli sforzi per contenere la Cina. 


Dall'inizio del 21° secolo, il centro economico globale si sta gradualmente spostando da entrambe le sponde dell'Atlantico verso la regione indopacifica. La globalizzazione economica ha reso la regione indopacifica ancora più integrata. Questa parte del mondo è diventata un centro di produzione globale e un corridoio di commercio e di energia... I paesi regionali hanno forti esigenze comuni di integrazione economica e di rafforzamento della connettività.

Gli Stati Uniti hanno cercato di ottenere una parte di questa regione. All'inizio alcuni paesi dell'area si sono riscaldati. Avevano aspettative rispetto all'idea degli Stati Uniti di promuovere "un commercio libero, equo e reciproco basato su investimenti aperti, accordi trasparenti e connettività" e "una crescita economica sostenibile". Con l'ascesa della Cina, alcuni paesi hanno iniziato ad avere alcuni dubbi su di noi. Hanno sentito il bisogno di usare gli Stati Uniti per controbilanciare la Cina. 

Nel 2019 il Dipartimento della Difesa e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti hanno entrambi pubblicato i loro rapporti sulla strategia per l'Indo-Pacifico, elaborando ulteriormente il concetto generale degli Stati Uniti e l'attuazione della strategia. Gli Stati Uniti hanno dichiarato di voler costruire un nuovo quadro di riferimento per la sicurezza, la politica, il commercio, l'economia e i valori. L'obiettivo è quello di stabilire l'ordine nell'Indo-Pacifico insieme ad alleati e partner. Ma in realtà, l'esercito è diventato il principale e persino opprimente strumento politico degli Stati Uniti, mentre gli USA non sono riusciti a soddisfare le elevate aspettative dei paesi regionali nella cooperazione economica e nella costruzione di infrastrutture. Questo ha confermato nell'opinione del resto del mondo che la strategia indopacifica degli Stati Uniti, in nome della cooperazione e dello sviluppo, ha come unico obiettivo quello di contenere la Cina. I Paesi della regione sono inoltre preoccupati di dover scegliere da che parte stare quando la concorrenza strategica tra Cina e Stati Uniti si intensificherà. 

Obiettivamente parlando, a prescindere dal Giappone e dall'India, che sono attori chiave della strategia indopacifica, o dall'ASEAN che si trova al centro della regione indopacifica, gli altri stati non possono accettare le azioni degli Stati Uniti. Non è in linea con gli interessi di tutte le parti. Il commercio è stato a lungo una parte essenziale della forza nazionale del Giappone. Il Giappone sperava che la strategia indopacifica potesse concentrarsi sulla cooperazione economica tra l'Oceano Indiano e l'Oceano Pacifico, sperando di costruire un mercato più ampio di commercio regionale e di connettività. Con il miglioramento delle relazioni tra Cina e Giappone negli ultimi anni, il Giappone è diventato più prudente tra Cina e Stati Uniti. Tokyo ha persino evitato di usare la parola "strategia" per descrivere l'"Indo-Pacifico libero e aperto" nel suo Bluebook diplomatico del 2019, ma ha usato la parola"visione". 

Gli Stati Uniti considerano l'India un paese chiave della strategia indopacifica. Vogliono usare l'India per contenere la Cina. Anche se la politica dell'India nei confronti della Cina ha avuto a lungo un lato duro, il principio di autonomia strategica di Nuova Delhi è in contrasto con la politica dell'"America First". Il primo ministro indiano Narendra Modi ha confermato pubblicamente che "l'India non vede la regione dell'Indo-Pacifico come una strategia o come un club di membri limitati... una definizione geografica, in quanto tale, non può esserlo". 

Di recente in Cina ho avuto uno scambio di idee con un diplomatico dell'ASEAN sulla strategia indopacifica. Egli ha detto che l'ASEAN non sostiene alcuna politica che contenga la Cina e che l'ASEAN si opporrà all'esclusività e non sceglierà da che parte stare. Ha spiegato che il termine "Indo-Pacifico" è stato usato direttamente nell'ASEAN Outlook sull'Indo-Pacifico pubblicato nel 2019, perché rappresenta la risposta diretta dell'ASEAN alla strategia indopacifica degli Stati Uniti e riflette la posizione dell'ASEAN sulla questione. In caso contrario, gli Stati Uniti avrebbero potuto ignorare che l'ASEAN stava rispondendo alla strategia dell'Indo-Pacifico, ha spiegato. 

Le elezioni presidenziali americane del 2020 sono in corso. La strategia indopacifica è un raro esempio di quadro diplomatico multilaterale dall'amministrazione Trump. L'amministrazione Trump può anche utilizzare questa strategia come una cosiddetta conquista diplomatica per contrastare le critiche interne. Ma il problema è che più gli Stati Uniti aumentano gli investimenti militari, più la Cina e gli altri Paesi della regione saranno vigili. La strategia indopacifica mostrerà in generale il suo vero volto ed esporrà la natura egemonica dell'esercito statunitense e del dollaro. 

L'autore è direttore del dipartimento di ricerca presso il National Strategy Institute dell'Università Tsinghua di Pechino.