L'espulsione delle spie consolari statunitensi è un'opzione per la Cina

E-mail Stampa PDF

usa cina rotturaquesto articolo del Global Times anche se scritto prima della chiusura del consolato statunitense di Chengdu mantiene tutto il suo interesse

di Yang Sheng e Liu Xin

da https://www.globaltimes.cn

traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

Giovedì scorso la Cina ha resistito alle diffuse aspettative di annunciare imminenti contromisure contro l'ordine degli Stati Uniti di chiudere il consolato cinese a Houston, indicando quella che gli analisti chiamano "pazienza strategica e calma" della Cina per garantire che la sua risposta sarà proporzionata e dolorosa per gli Stati Uniti.


Il mancato annuncio di giovedì, che lasciava aperte le domande su quale consolato USA sarebbe stato eventualmente chiuso per rappresaglia, potrebbe essere dovuta al fatto che la Cina calcolerà accuratamente l'implementazione, l'impatto previsto e le possibili reazioni degli USA alle sue contromisure, in linea con il processo decisionale di lunga data della Cina, hanno detto gli analisti.

Essi prevedono che la chiusura di un consolato statunitense sia un'opzione funzionale. Ma poiché gli Stati Uniti hanno inviato molti agenti dell'intelligence in Cina sotto copertura diplomatica, la Cina potrebbe anche prendere in considerazione l'espulsione di centinaia di "diplomatici" statunitensi, dato che l'amministrazione Trump ha fornito una perfetta opportunità a Pechino di contenere le eccellenti attività di Washington in Cina.

Gli Stati Uniti hanno ammucchiato le loro accuse contro la Cina sugli affari diplomatici in seguito alla chiusura del consolato cinese a Houston. L'Fbi ha sostenuto che una ricercatrice biologica cinese "collegata all'esercito cinese" ha evitato l'arresto per "frode sui visti" rifugiandosi nel consolato cinese di San Francisco, ha riferito giovedì la CNN.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto mercoledì è "sempre possibile" ordinare la chiusura di altri consolati cinesi negli Stati Uniti, ha riferito giovedì la Reuters. 

Lü Xiang, un ricercatore dell'Accademia cinese delle scienze sociali di Pechino, ha detto giovedì al Global Times che l'amministrazione Trump sta trasformando la diplomazia statunitense in una barzelletta, perché non ha dimostrato che il consolato cinese abbia danneggiato la sicurezza nazionale statunitense. Ma se la Cina decide di reagire ha molti più obiettivi ed ha prove solide e concrete.

Un esperto di sicurezza nazionale e di intelligence che ha chiesto l'anonimato ha detto al Global Times che gli istituti diplomatici cinesi all'estero non sono come le missioni diplomatiche dei Paesi occidentali in Cina, perché i diplomatici che abbiamo mandato lì non sono agenti dell'intelligence, ma sono lì solo per questioni diplomatiche e servizi consolari.

"Ma gli Stati Uniti sono diversi. Il consolato di Hong Kong è un tipico esempio. Più della metà dei dipendenti sono agenti della CIA (Central Intelligence Agency), quindi le missioni diplomatiche statunitensi in Cina sono anche responsabili di molte attività inedite e sotto copertura. Questa volta gli Stati Uniti ci offrono una scusa per affrontare un problema di lunga data", ha osservato.

Quando Edward Snowden, l'ex dipendente della CIA responsabile di una delle più significative fughe di notizie dell'intelligence statunitense, è fuggito dagli Stati Uniti a Hong Kong nel 2013, ha anche confermato ai media che "abbiamo una stazione della CIA proprio in fondo alla strada - il consolato qui a Hong Kong", ha riferito il Guardian.

L'esperto anonimo ha affermato che "la chiusura del nostro consolato potrebbe creare inconvenienti per i nostri cittadini e influire sui nostri normali scambi e sulla cooperazione con gli americani, ma se chiudessimo i consolati degli Stati Uniti in Cina, ciò costituirebbe un grande colpo per i servizi di intelligence degli Stati Uniti. Quindi gli Stati Uniti potrebbero alla fine rimpiangere ciò che hanno fatto".

Danno grave

La chiusura del consolato cinese danneggia gravemente i legami bilaterali. Potrebbe anche mettere a repentaglio i legami commerciali tra la Cina e gli otto stati americani che il consolato serve, in quanto il lavoro del consolato per promuovere la cooperazione economica e commerciale verrebbe interrotto, secondo ex diplomatici, esperti e leader commerciali cinesi negli Stati Uniti.

Zhu Ying, professore di diritto internazionale alla Southwest University of Political Science and Law, che ha vissuto in Texas per molti anni, ha detto al Global Times che il consolato cinese di Houston è responsabile di molti affari della Cina in otto stati del sud-est degli Stati Uniti. La chiusura porta disagi ai cinesi che vivono negli Stati Uniti.

La mossa degli Stati Uniti sta deteriorando i legami bilaterali, se iniziasse una rappresaglia con chiusure vicendevoli dei consolati, ci sarebbero meno comunicazioni e più errori di calcolo, ha detto.

Colpo mirato

Le contromisure della Cina dovrebbero essere precise e minimizzare i danni agli interessi a lungo termine dei popoli dei due Paesi. Così forse espellere i "diplomatici" statunitensi che lavorano effettivamente per la CIA sarebbe un'opzione innocua per gli scambi tra il popolo cinese e quello statunitense, ma colpirebbe di fatto il governo statunitense.

"I consolati stranieri in Cina forniscono servizi e vantaggi per i normali scambi e la cooperazione economica, quindi la Cina può anche considerare di lasciare aperti i consolati statunitensi, ma porre un rigido limite al numero di dipendenti e diplomatici, espellendo coloro che sono stati coinvolti in attività di spionaggio. Questa sarebbe una contromisura efficace", ha osservato.

Alcuni osservatori e media stranieri hanno ipotizzato che il consolato americano a Wuhan sarà chiuso dalla Cina come ritorsione, ma gli analisti cinesi hanno detto che questo è molto improbabile in quanto il consolato è piccolo, e la maggior parte del personale americano non è lì a causa della situazione epidemica del COVID-19". La chiusura del consolato di Wuhan sarebbe insignificante rispetto all'ordine avventato degli Stati Uniti di chiudere il consolato cinese di Houston. 

Sebbene l'incidente della chiusura forzata del consolato cinese a Houston non abbia precedenti nella storia delle relazioni tra Cina e Stati Uniti, gli analisti rimangono fiduciosi che le due parti evitino l'acuirsi di tensioni, come i conflitti militari.

Nel 2017-2018, tensioni simili si sono verificate tra la Russia e gli Stati Uniti, poiché Washington ha costretto Mosca a chiudere il suo consolato a San Francisco e la Russia ha reagito con la chiusura del consolato statunitense a San Pietroburgo, ma l'incidente non ha fatto sì che le due parti diffondessero le tensioni in altre aree.

L'amministrazione Trump è molto imprevedibile e la sua politica è confusa, quindi è difficile prevedere cosa farà. Ma sulla base di quanto accaduto tra Russia e Stati Uniti le possibili mosse sarebbero l'espulsione dei diplomatici,secondo l'esperto anonimo, aggiungendo che anche i cittadini cinesi negli Stati Uniti, compresi studenti, studiosi e uomini d'affari, potrebbero essere presi di mira. 

Lü ha detto che "qualsiasi mossa, tranne la guerra" potrebbe essere possibile per gli Stati Uniti per danneggiare ulteriormente i legami bilaterali, a patto che possa attirare l'attenzione e servire l'obiettivo di Trump di vincere la rielezione.

"Se l'amministrazione Trump continuerà con il suo comportamento sconsiderato, sarà difficile per gli Stati Uniti fissare i suoi legami con la Cina. La Cina si assicurerà che ogni mossa che farà per danneggiarla sarà accolta con una forte risposta", ha osservato.