Libertà subito per Julian Assange

E-mail Stampa PDF

assangedi Stella Morris

da https://elpais.com

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

La vita del mio compagno, Julian Assange, è in grave pericolo. È detenuto nella prigione di Belmarsh e il coronavirus si sta diffondendo tra le sue mura. Julian ed io abbiamo due figli. Da quando sono diventata madre, ho riflettuto sulla mia infanzia.


I miei genitori sono europei, ma quando ero piccola vivevo in Botswana, a otto chilometri dal confine con il Sudafrica dell'apartheid. I genitori di molti miei amici venivano da oltre quel confine. Erano scrittori, pittori e obiettori di coscienza. Abbiamo vissuto in un centro di creatività artistica e di scambio intellettuale.

I libri di storia descrivono l'apartheid come segregazione istituzionale ma era molto di più. La segregazione è stata praticata in pieno giorno. Rapimenti, torture e uccisioni sono avvenuti di notte.

Le fondamenta del sistema dell'apartheid erano precarie, così il regime ha risposto alle idee di riforma politica con le pallottole. Nel giugno 1985 gli squadroni della morte sudafricani hanno attraversato il confine armati di mitragliatrici, mortai e granate. Non appena i colpi sono stati sparati nella notte, i miei genitori mi hanno avvolto in una coperta. Ho dormito mentre loro guidavano a tutta velocità per portarci in salvo. Il rumore delle esplosioni ha raggiunto l'intera capitale nell'ora e mezza necessaria per uccidere 12 persone.

Il primo morto era un pittore eccezionale, un intimo amico della mia famiglia. Il Sudafrica ha sostenuto che l'obiettivo del raid era l'ala armata dell'ANC ma in realtà la maggior parte delle vittime erano civili innocenti e bambini uccisi mentre dormivano nei loro letti. Dopo qualche giorno abbiamo lasciato il Botswana.

Ho assorbito i vividi ricordi dell'attacco che i miei genitori hanno conservato. Se quella terribile notte ha influenzato la mia visione del mondo, la prigionia del padre dei miei figli segnerà sicuramente la sua.

Crescere una famiglia con Julian in queste circostanze sarebbe stato inevitabilmente difficile, ma le nostre speranze hanno messo in ombra le nostre paure. All'inizio, Julian ed io abbiamo lottato per fare spazio alla nostra vita privata. Nostro figlio maggiore è venuto a trovarci con l'aiuto di un amico. Però quando Gabriel aveva sei mesi, un dipendente della società di sicurezza privata dell'ambasciata mi confessò che gli era stato ordinato di rubare il DNA del bambino usando un pannolino. Se questo tentativo fosse fallito, avrebbero preso il ciuccio del bambino. L'informatore mi ha avvertito che sarebbe stato meglio per Gabriel non entrare più nell'Ambasciata. Non era sicuro. Mi resi conto che tutte le precauzioni che avevo preso, dall'indossare strati di vestiti per nascondere la pancia al cambiare il mio nome, non ci avrebbero protetto. Siamo stati completamente esposti. Quelle forze operavano in un vuoto giuridico ed etico che ci ha inghiottito.

Potrei scrivere diversi libri su ciò che è successo nei mesi successivi. Quando ero incinta di Max, la pressione e le molestie erano diventate intollerabili e temevo che la mia gravidanza sarebbe stata compromessa. Dopo sei mesi di gravidanza Julian ed io abbiamo deciso che dovevo smettere di andare all'Ambasciata. Quando l'ho rivisto era nella prigione di Belmarsh.

L'immagine di Julian che viene portato via dall'Ambasciata ha scioccato molte persone. Per me è stato come un colpo al petto ma non mi ha sorpreso. Quello che è successo quella mattina è stato un prolungamento di quanto accadeva all'interno della sede diplomatica da 18 mesi.

Dopo l'arresto di Julian, un anno fa, la Corte Suprema spagnola ha aperto un'indagine sulla società di sicurezza che si occupa degli interni dell'ambasciata. Diversi informatori si sono fatti avanti e hanno informato la polizia delle azioni illegali commesse contro Julian e i suoi avvocati sia all'interno che all'esterno dei locali. Queste persone stanno collaborando con le forze dell'ordine e hanno fornito numerosi dettagli agli investigatori. Le indagini hanno rivelato che la società lavorava per una società statunitense strettamente legata all'attuale governo statunitense e ai suoi servizi segreti e che istruzioni sempre più intimidatorie, come quella di seguire mia madre o l'ordine di rubare il DNA di mio figlio, provenivano dal loro cliente statunitense, e non dall'Ecuador. Più o meno nello stesso momento in cui sono stato informato che nostro figlio era stato preso di mira, la società stava covando piani ancora più sinistri legati alla vita di Julian. Nel procedimento di estradizione del Regno Unito, sono venuti alla luce i loro presunti complotti per avvelenarlo o rapirlo. Durante una perquisizione della casa del direttore della società di sicurezza, la polizia ha trovato due pistole con il numero di serie cancellato.

Nessuna di queste informazioni mi sorprende, ma come madre mi chiedo come assimilarle. Voglio che i nostri figli crescano con convinzioni chiare come quelle che avevo io da bambino. Il pericolo è al di là del confine, in Sudafrica. Voglio che credano che nelle democrazie mature non sia tollerato un trattamento ingiusto. All'Università di Oxford ero orgogliosa di essere nel cuore intellettuale della democrazia più antica di tutte.

La nostra famiglia non è l'unica a soffrire per la violazione dei diritti di Julian. Se noi e gli avvocati del mio partner non siamo al sicuro, nessuno lo è. Il presunto responsabile del furto del DNA di Gabriel è Mike Pompeo, che il mese scorso ha minacciato le famiglie degli avvocati che lavorano alla Corte Penale Internazionale. Perché? Perché il tribunale ha avuto l'audacia di indagare su presunti crimini di guerra americani in Afghanistan. Gli stessi crimini che Julian ha portato alla luce attraverso WikiLeaks, e per i quali gli Stati Uniti vogliono imprigionarlo.

Julian deve essere rilasciato immediatamente. Per lui, per la nostra famiglia e per la società in cui tutti vogliamo che i nostri figli crescano.

Stella Morris è avvocato e partner di Julian Assange.