Il Consiglio Mondiale della Pace condanna l'aggressione imperialista contro la Siria

E-mail Stampa PDF

da cebrapaz.org.br

Traduzione di Marx21.it

Il Consiglio Mondiale della Pace (CMP) denuncia con forza l'attacco criminale del 14 aprile compiuto dagli imperialisti di USA, Gran Bretagna e Francia contro la Siria.

Il bombardamento di obiettivi siriani con il pretesto dell'utilizzo di armi chimiche da parte dell'esercito siriano nella parte orientale della capitale, che non è stato mai confermato, è avvenuto solo pochi giorni dopo che la Siria aveva sconfitto i mercenari armati nella Ghouta orientale ed evacuato l'area, che sta tornando a relativa normalità.


Il precipitoso attacco imperialista con più di 100 missili e con USA, Gran Bretagna e Francia che si autoproclamano “accusatori, giudici e carnefici”, sta provocando la sensibilità degli amanti della pace e della grande maggioranza dei popoli del mondo, e mette in evidenza il reale obiettivo degli imperialisti: realizzare il loro piano per un “Nuovo Medio Oriente”, controllare le fonti e le rotte energetiche, le sfere di influenza, i mercati, con il cambiamento violento dei governi e l'istituzione di regimi amici.

Il Consiglio Mondiale per la Pace non ha mai nutrito il minimo dubbio sugli obiettivi degli imperialisti nel Medio Oriente. Notiamo in particolare che l'attuale attacco missilistico contro la Siria è stato tollerato e appoggiato dalla NATO e dall'UE, organismi che, prima dell'attacco e dopo, nelle loro prime dichiarazioni hanno concordato con il contesto, lo spirito e la sostanza della barbara aggressione imperialista.

Il CMP esprime la sua ferma solidarietà e sostegno al popolo siriano, che da sette anni subisce gli effetti dei piani imperialisti, e invita i membri e gli amici a mobilitarsi e a condannare l'aggressione contro la Siria e a vigilare di fronte a possibili attacchi futuri.

No all'aggressione imperialista alla Siria!

No alle guerre imperialiste!

Viva la solidarietà internazionalista tra i popoli!

Il Consiglio Mondiale della Pace
Atene, 14 aprile 2018