Il PD vuole un'altra Libia in Siria?

E-mail Stampa PDF

da cercareilvero.it

Dopo essere stata una delle principali formazioni politiche italiane che ha spinto per l’intervento armato in Libia, oggi il PD si schiera in prima linea a fianco dell’ormai amico Trump. Sono finiti i tempi in cui l’improbabile candidato alla Casa Bianca veniva deriso e le valchirie del centro-sinistra (Boldrini, Boschi, ecc) andavano a tifare, pop-corn alla mano, per la novità politica del secolo, almeno per loro, Hillary Clinton. Acqua passata. Oggi Donald Trump muove le truppe, fa avanzare le navi e arma gli aerei e il Partito Democratico non vuole stare a guardare.

Ovviamente la prima cosa da fare per il PD è ricordare a tutti che in Siria ci sta il cattivone di turno. Quindi ecco che, puntuale come un orologio svizzero, arriva l’attacco chimico (su un’area ormai conquistata dal governo quindi doppiamente inutile. Ma questo è un altro discorso). 


CONTINUA A LEGGERE