Comunicato di Rete No War: "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"

E-mail Stampa PDF

Paolo Gentiloni Theresa May handshake 2017 05 26Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato della Rete No War

Come spiegò Euclide di Megara, " ciò che è affermato senza prova, può essere negato senza prova". Purtroppo questo principio metodologico è completamente disatteso, in un'epoca in cui notizie non verificate e menzogne sono in grado di avallare guerre.

C'è una qualunque prova che la Russia abbia avvelenato nel Regno unito l'ex spia Sergey Skripal e la figlia Yulia ? No. Avrebbe, la Russia, avuto un motivo per farlo? Semmai il contrario! E abbiamo dimenticato che il governo del Regno unito nel 2003 vigilia della guerra all'Iraq avallò la menzogna statunitense sulle armi di distruzione di massa, con tutto quel che ne conseguì? 


Eppure su questa evidente fake news o quantomeno su una notizia campata in aria e senza alcuna prova, trenta paesi occidentali in obbediente solidarietà con il Regno Unito e su ordine degli Stati uniti hanno espulso, in ritorsione, decine e decine di diplomatici russi.

Il governo dimissionario italiano avrebbe potuto seguire l'esempio di Grecia, Portogallo, Finlandia, Malta, Lussemburgo, Slovacchia, Austria e non espellere proprio nessuno.

Ma, purtroppo ripetendo un comportamento usuale, ha fatto altrimenti dimostrando un'altra volta la propria assoluta subalternità atlantica.

Rete No War si augura che queste misure vengano discusse in Parlamento e ritirate, e spera che altri gruppi condividano questa sua richiesta.

Sarebbe un atto di dignità da parte dell'Italia. E dopo quanto accaduto a Bardonecchia, con i gendarmi francesi che fanno un blitz sul territorio italiano, non sarebbe il caso semmai di espellere qualche diplomatico della civilissima Repubblica d'Oltralpe?

Rete No War

Per adesioni al comunicato di associazioni o singole persone scrivere a [email protected]