Ottimismo virale: il vaccino Pfizer - BioNTech

E-mail Stampa PDF

coronavirusDr. Binoy Kampmark

Globalresearch.ca, 10 novembre 2020

da https://www.globalresearch.ca

Tradotto da Enzo Pellegrin per il Centro di Cultura e Documentazione Popolare Resistenze.org

L'annuncio che Pfizer Inc., insieme al suo partner collaborativo Biontech SE, ha trovato un candidato vaccino di successo per combattere il nuovo coronavirus SARS-Cov-2 ha fatto impennare i mercati.  A New York, le quote di Pfizer sono aumentate del 15% nel pre-market trading; quelle di Biontech, quotate al Nasdaq, sono aumentate del 25%.  "Oggi è un grande giorno per la scienza e l'umanità," hanno gridato festosi un fiducioso Albert Bourla Presidente ed amministratore delegato della Pfizer,  "Stiamo raggiungendo questo traguardo nel nostro programma di sviluppo del vaccino in un momento in cui il mondo ne ha più bisogno, con i tassi di infezione che fissano nuovi record, ospedali che superano il limite di capacità ed economie che lottano per riaprire."


Bourla non era in vena di fare il modesto sui record del candidato vaccino a base di mRNA, chiamato Bnt162b2.  "Con le notizie di oggi, abbiamo fatto un significativo passo avanti per arrivare a  fornire alle persone in tutto il mondo un’opportunità assolutamente necessaria per contribuire a porre fine a questa crisi sanitaria globale.  Non vediamo l'ora di condividere ulteriori dati sull’efficacia e la sicurezza generati dalle migliaia di persone sottoposte alla sperimentazione nelle prossime settimane."

La fase 3 dello studio clinico è iniziata il 27 luglio, utilizzando 43.538 partecipanti alla sperimentazione. 

"La prima analisi intermedia del nostro studio globale di Fase 3 fornisce la prova che un vaccino può efficacemente prevenire il COVID-19", ha spiegato Uğur Şahin di Biontech, suo co-fondatore e amministratore delegato.  "Questa è una vittoria per l’innovazione e la scienza nonchè uno sforzo di collaborazione globale."

Bourla, forse rendendosi conto che gli scettici e gli incerti avrebbero guardato con riserva tali affermazioni, ha fatto molto per spremere il processo di pubbliche relazioni.  In una lettera aperta del 16 ottobre, ha assunto un comportamento quasi presidenziale. Dimenticatevi  i vostri funzionari eletti o i capi del mondo - qui c’è Bourla quale Presidente de facto del vaccino e soccorritore umanitario, il quale intende "parlare direttamente con i miliardi di persone, con i milioni di aziende e le centinaia di governi in tutto il mondo che stanno investendo le loro speranze in un vaccino COVID-19 sicuro ed efficace, per superare questa pandemia.”

Ha promesso trasparenza nelle tre aree dove il successo doveva essere sbandierato prima che si potesse vedere l’approvazione per un uso pubblico. Il vaccino doveva prima essere efficace nel prevenire il COVID-19 "in almeno una maggioranza di persone vaccinate."  Doveva essere dimostrato come sicuro "con solidi dati di sicurezza generati da migliaia di pazienti."  Ha anche dovuto essere dimostrato "che il vaccino può essere costantemente prodotto ai più alti standard di qualità.”

Nazionalismo vaccinale, grandi promesse e velocità truccata

Pfizer inoltre non è stato esattamente trasparente nel rilasciare tutti i dettagli della sua analisi preliminare, ma certamente è stato desideroso di celebrarne finora i risultati.  Il vaccino candidato, per esempio, è stato "più del 90% efficace nel prevenire il COVID-19 nei partecipanti senza prove di precedente infezione da SARS-Cov-2 nella prima analisi di efficacia provvisoria."  I dati sono stati ricavati anche da 94 casi confermati di COVID-19, anche se non è stato detto nulla circa l'efficacia del vaccino sulla questione della re-infezione.

Dei partecipanti iscritti, il 42% aveva "diversi background" (“di razza ed etnia"). Non sono stati rilevati gravi problemi di sicurezza.  La presentazione alla Food and Drug Administration statunitense per l'autorizzazione all'uso di emergenza viene anticipata una volta "raggiunto il traguardo di sicurezza richiesto".  Lo studio clinico è destinato a continuare la sua analisi finale di 164 casi confermati "per raccogliere ulteriori dati e caratterizzare le prestazioni del candidato vaccino contro altri endpoint dello studio.”

Tali notizie, pur essendo basate su dati provvisori non ancora pubblicati nella letteratura peer-review, hanno deliziato alcuni membri della comunità scientifica.  Sir John Bell, professore di medicina all'Università di Oxford, riusciva a malapena a contenere la sua eccitazione.  "Sono probabilmente il primo ragazzo a dire che [la vita tornerà alla normalità entro la primavera], ma lo dirò con un po' di fiducia."  Anthony Fauci dell’U.S. National Institutes of Health ha trovato i risultati del processo "quasi straordinario"

Ma anche in mezzo a questo frizzante entusiasmo, gorgogliavano note di cautela.  Erika Edwards per NBC News elenca alcune riserve.  "Il vaccino Pfizer è un nuovo tipo di tecnologia che non è mai stato utilizzato nella vaccinazione umana di massa prima ,e gli esperti avvertono che molto rimane sconosciuto sulla sua sicurezza, per quanto tempo potrebbe funzionare e chi potrebbe beneficiarne di più." 

Uno di questi esperti è Gregory Poland, direttore del Mayo Clinic’s Vaccine Research Group a Rochester, Minnesota.  "Non sappiamo nulla di gruppi che non hanno studiato, come i bambini, le donne incinte, le persone altamente immunocompromesse e i più anziani degli anziani"  La virologa Brenda Wren della London School of Hygiene and Tropical Medicine è un'altra.  "Si tratta di un caso di ‘finora buono’ ma sono necessari ulteriori studi di conferma della sua sicurezza ed efficacia"

La natura annunciata della caratteristica tecnologica mai sperimentata del vaccino - almeno quando si tratta di essere applicata agli esseri umani - sta nella velocità e nella scala in cui può essere prodotto.  Il Messenger-RNA (mRNA) istruisce il sistema immunitario per identificare la proteina spike del virus.  Come descrive Isabelle Bekeredjian-Ding del Paul Ehrlich Institut tedesco, "Un mRNA è fondamentalmente come una pre-forma di una proteina e la sua [sequenza codificata] è ciò con cui la proteina è fondamentalmente costruita in seguito." Una volta inoculato nel corpo, le cellule leggono l'mRNA come una serie di istruzioni per costruire la proteina virale in questione.  Le molecole del virus vengono così create ma non formano il virus stesso.  Il sistema immunitario, per quanto ingannato, rileva la presenza di tali proteine virali, producendo una risposta difensiva.

La frizzante fiducia della Pfizer dovrà essere letta accanto alla sua storia di manipolazione di dati e alla sua strategia di pubblicazione, il tutto al servizio della massimizzazione dei profitti.  Nel 2008, è stato scoperto che Pfizer aveva compiuto manipolazioni nella pubblicazione di studi sull'uso del suo farmaco per l'epilessia Neurontin, permettendogli di vendere il farmaco per usi non approvati dalla US Food and Drug Administration (FDA).  Gli studi intrapresi i quali mostravano risultati negativi nell'uso del farmaco per utilizzazioni non approvate sono stati soppressi o ritardati. 

Nel 2014, la società ha accettato di pagare 325 milioni di dollari per tacitare le azioni legali intraprese dalle compagnie assicuratrici e dalle compagnie fornitrici di assistenza sanitaria che si dievano truffati dal marketing del farmaco Neurontin in relazione alle utilizzazioni non approvate.  Nonostante sia stata costretta alla composizione stragiudiziale, Pfizer rifiutò di ammettere l'illecito.  Vale la pena di riflettere su come molti dati relativi al vaccino Bnt162b2 processi siano stati raccolti e rilasciati.

Il dr. Binoy Kampmark è stato un Commonwealth Scholar  al Selwyn College di Cambridge.  Ha tenuto conferenze alla RMIT University di Melbourne. È un frequente collaboratore di Global Research e Asia-Pacific Research. Email: [email protected]