Le elezioni presidenziali americane e le prospettive di pace

E-mail Stampa PDF

urna vote usadi Carlos Martinez

da https://morningstaronline.co.uk

traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

La componente più significativa della politica estera dei quattro anni di Donald Trump alla Casa Bianca è stata la posizione sempre più ostile nei confronti della Cina.


Sebbene Trump abbia guidato una pericolosa escalation, la direzione generale di marcia non è significativamente diversa da quella dell'amministrazione Obama, che ha dato il via al riorientamento della strategia globale statunitense dal Medio all'Estremo Oriente con il suo "Pivot to Asia".

Questo cambiamento nelle relazioni USA-Cina, dalla cooperazione attraverso il contenimento al confronto, è molto probabilmente una soluzione a lungo termine, guidata dai cambiamenti storici dell'economia globale. 

Nella misura in cui la straordinaria crescita della Cina nella prima parte delle riforme è stata guidata da una produzione a basso costo, a basso margine, a bassa tecnologia e su larga scala all'interno delle catene di approvvigionamento guidate dall'Occidente, gli Stati Uniti hanno ritenuto che i propri interessi fossero sufficientemente ben serviti per poter accettare l'emergere della Cina come paese a reddito medio.

In effetti, l'abbondante offerta di manodopera cinese a basso costo, competente, diligente e ben istruita ha reso ricchissima molta gente negli Stati Uniti.

Ma la strategia della Cina non mirava a svolgere un ruolo di asservimento permanente in un'economia globalizzata dominata dagli Stati Uniti e dai suoi alleati. 

Come ha detto nel 2018 Yang Weimin, economista senior del governo cinese, in riferimento alla nascente guerra commerciale: "non si può lasciare che la Cina faccia solo magliette mentre gli Stati Uniti fanno high-tech. Questo è irragionevole".

La Cina si sta gradualmente spostando verso una posizione di leadership nell'economia globale. 

Inoltre è - orrore degli orrori - un Paese non bianco, non capitalista, che aspira a costruire il socialismo. Come tale è considerato una seria minaccia per il capitalismo contemporaneo guidato dagli Stati Uniti. 

Questo è il principale fattore scatenante della nuova guerra fredda: è la ragione per cui gli Stati Uniti hanno iniziato a dare priorità al contenimento della Cina rispetto a tutte le altre preoccupazioni di politica estera.

Escalation sotto Trump

L'amministrazione Obama ha adottato un approccio relativamente raffinato, multiforme e multilaterale, progettando la Trans-Pacific Partnership, installando una base marina statunitense in Australia, rafforzando le relazioni degli Stati Uniti con i tradizionali alleati europei e incoraggiando silenziosamente il riarmo giapponese. 

Barack Obama ha dichiarato esplicitamente che lo scopo del suo "pivot" era quello di preservare l'egemonia statunitense: "dobbiamo assicurarci che l'America scriva le regole dell'economia globale. E dobbiamo farlo oggi, mentre la nostra economia è nella posizione di forza globale". "Perché se non scriviamo noi le regole per il commercio in tutto il mondo - indovinate un po' - lo farà la Cina".

Tuttavia, la strategia globale anti-cinese è stata accompagnata da un certo livello di ragionevole cooperazione con Pechino, in particolare per quanto riguarda le questioni ambientali: l'accordo di Parigi sul clima è nato in gran parte grazie al coordinamento tra Obama e Xi Jinping.

L'amministrazione Trump ha continuato sulla stessa strada di ostilità e di contenimento, ma senza raffinatezza e multilateralismo.

Il suo approccio è stato caratterizzato da minacce palesi, spacconate, ricatti, demagogia e razzismo.

La retorica anti-cinese è stata un elemento chiave della campagna presidenziale di Trump del 2016. Trump lo ha detto ai suoi intervistatori e ai partecipanti dei suoi raduni: "non possiamo continuare a permettere che la Cina continui a stuprare il nostro Paese ed è quello che stanno facendo". 

Ha ripetutamente descritto lo squilibrio commerciale della Cina con gli Stati Uniti come "il più grande furto mai perpetrato da qualcuno o da qualunque Paese nella storia del mondo".

Il declino dell'industria manifatturiera statunitense è stato attribuito alla sottovalutazione della valuta cinese - e naturalmente a presidenti deboli come Bill Clinton.

Inutile dire che la linea di argomentazione di Trump è ridicola e priva di fondamento. Gli Stati Uniti hanno beneficiato enormemente dell'ascesa della Cina e l'incapacità di reinvestire strategicamente e di migliorare la propria economia è colpa della sua stessa miope classe dirigente. 

L'accademico ed ex diplomatico di Singapore Kishore Mahbubani lo dice in modo succinto: "il popolo americano starebbe molto meglio se l'America smettesse di combattere inutili guerre all'estero e usasse le sue risorse per migliorare il benessere del suo popolo".

Inoltre, come sottolinea lo scrittore Martin Jacques, l'accumulo di buoni del tesoro americani da parte della Cina ha "permesso agli americani di continuare a spendere e poi ha parzialmente contribuito ad attutire l'impatto della stretta creditizia".

Ciononostante, la demagogia di Trump ha svolto il ruolo previsto. Parti significative della popolazione statunitense sono state persuase a dirigere la loro rabbia verso la Cina piuttosto che verso la spietatezza e la decrepitezza del capitalismo neoliberale.

Trump e i suoi falchi anti-cinesi - Robert Lighthizer, Peter Navarro, John Bolton e Steve Bannon - hanno pensato di poter applicare "l'arte dell'accordo" per ottenere ingiuste concessioni dalla Cina. 

In sostanza, volevano che la Cina accettasse di acquistare centinaia di miliardi di dollari di prodotti americani di cui non aveva bisogno, di porre fine ai sussidi statali alle industrie chiave, di consentire alle aziende statunitensi l'accesso illimitato ai mercati cinesi, accettando al contempo le tariffe sulle esportazioni cinesi, e di smettere di negoziare accordi di trasferimento di tecnologia con le aziende statunitensi.

In sintesi, i negoziatori statunitensi volevano che la Cina firmasse una sottomissione permanente. 

Non sorprende che i negoziati siano crollati e che gli Stati Uniti abbiano lanciato una guerra commerciale nel gennaio 2018, introducendo tariffe su centinaia di miliardi di dollari di esportazioni cinesi. 

Nel 2019, il governo statunitense ha imposto un divieto a Huawei e ha fatto pressione sui "Five Eye" e sugli alleati europei affinché facessero altrettanto.

Nel 2020 ha cercato di vietare le popolari applicazioni cinesi TikTok e WeChat.

Nel frattempo Trump ha portato i politici e i media statunitensi a dare la colpa della pandemia di coronavirus alla Cina, riferendosi insistentemente ad essa come al "virus cinese". 

Accanto alle sfuriate razziste del presidente, la propaganda mediatica per Hong Kong e per lo Xinjiang ha raggiunto livelli di isteria. 

Parallelamente agli attacchi economici e di propaganda, c'è stata un'escalation militare che include sempre più frequenti operazioni navali statunitensi nel Mar Cinese Meridionale e un enorme nuovo accordo sulle armi con Taiwan. 

L'amministrazione statunitense ha rilanciato il Quadrilateral Security Dialogue, una rete di cooperazione strategica tra Stati Uniti, Giappone, Australia e India, intesa ovviamente come strumento di contenimento della Cina.

Meglio con Biden?

C'è una significativa possibilità che Trump non sia più residente alla Casa Bianca a partire dal gennaio 2021. 

Sarebbe un'ottima cosa, poiché, nonostante il comprovato e franco impegno di Joe Biden per lo status quo imperialista neoliberale, Trump rappresenta la parte più reazionaria e pericolosa della classe dirigente statunitense: dato il suo diniego del cambiamento climatico, la presidenza di Trump è letteralmente un pericolo per il pianeta.

La domanda è: una vittoria democratica a novembre aprirebbe la porta a un miglioramento delle relazioni tra Usa e Cina?

La classe dirigente statunitense potrebbe essere disposta a fare un passo indietro rispetto ad una nuova guerra fredda potenzialmente disastrosa?

È piuttosto improbabile che ci sia un cambiamento significativo nella posizione strategica generale degli Stati Uniti nei confronti della Cina. 

Questa è diventata la costante di un capitalismo statunitense in declino, determinato a mantenere l'egemonia globale con ogni mezzo possibile. 

La Cina è in ascesa, e insieme ad essa sta nascendo un ordine mondiale multipolare, in cui nessun singolo paese sarà in grado di agire come "poliziotto globale", imponendo la sua volontà e raccogliendo i frutti.

Un problema particolarmente acuto per la classe capitalista statunitense è che la Cina è destinata a superare gli Stati Uniti nel campo della tecnologia digitale: è già leader nel campo dell'intelligenza artificiale e delle infrastrutture di rete. 

Le aziende statunitensi sono state preminenti nel mondo digitale per diversi decenni, questo è stato il motore chiave della crescita del capitalismo statunitense.

I nomi famigliari dell'era digitale - Google, Facebook, Apple, Microsoft, Amazon - hanno sede negli Stati Uniti e i loro enormi profitti confluiscono principalmente nelle banche statunitensi. 

In questo contesto si collocano gli attacchi alle aziende tecnologiche cinesi come Huawei, ByteDance, Tencent e ZTE.

Il desiderio di preservare il dominio digitale degli Stati Uniti non scomparirà con il cambio di presidente.

Allo stesso modo, la politica di accerchiamento militare rimarrà in vigore, così come la guerra di propaganda e lo scaricabarile.

Mentre il capitalismo statunitense continua il suo inesorabile declino, ci si può aspettare che sia i repubblicani che i democratici cerchino di costruire una solidarietà trasversale contro il grande "nemico" esterno: la Repubblica Popolare Cinese.

[...]