Perché la guerra economica americana alla Cina sta fallendo

E-mail Stampa PDF

cina bandiera connessionidi Vijay Prashad e John Ross

da https://mronline.org

traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump - sostenuto dalla maggior parte dell'establishment americano - ha aumentato l'assalto del governo americano all'economia cinese. La "guerra commerciale" sembrava giocare bene con la base politica di Trump, che in qualche modo sperava che un attacco economico alla Cina avrebbe miracolosamente creato prosperità economica per loro. Nel 2018 Trump ha colpito con le tariffe oltre 200 miliardi di dollari di vari beni cinesi. Poi, l'amministrazione Trump ha dato la caccia a imprese cinesi ad alta tecnologia come Huawei, ZTE, ByteDance (i proprietari di TikTok) e WeChat.


Niente di tutto questo ha funzionato bene. Trump deve affrontare giudizi legali negativi sulla sua "guerra commerciale" e negli Stati Uniti l'economia scivola in territorio negativo. Non è solo Trump. Sia il Partito Repubblicano che il Partito Democratico sono impegnati in una politica che non indurrà la Cina ad arrendersi alle ambizioni statunitensi. Resta da vedere se gli Stati Uniti possano o meno fare marcia indietro rispetto a questo orientamento politico e iniziare un dialogo con la Cina; farlo sarebbe, ovviamente, auspicabile.

Contrattempi legali

I ricorsi in sede di Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) e presso il Tribunale Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Nord della California sono andati contro l'amministrazione Trump. Si tratta di una battuta d'arresto per l'orientamento politico del governo degli Stati Uniti.

Dopo che Trump ha annunciato tariffe contro una vasta gamma di importazioni cinesi, il governo cinese si è formalmente occupato della questione attraverso il meccanismo di contenzioso del WTO. Dopo un considerevole studio, il WTO ha emesso un verdetto. Il 15 settembre 2020 un gruppo del WTO ha scoperto che gli Stati Uniti avevano violato le disposizioni dell'Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT) del 1994, il trattato che ha istituito il WTO. Si è trattato di una grave sconfitta per gli Stati Uniti; l'amministrazione Trump ha 60 giorni di tempo per presentare un ricorso.

Il governo degli Stati Uniti non ama perdere. Il rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Robert Lighthizer ha rilasciato una dichiarazione di condanna della sentenza. "Questo rapporto della commissione", ha detto Lighthizer, "conferma ciò che l'amministrazione Trump ha detto per quattro anni: il WTO è completamente inadeguato a fermare le pratiche tecnologiche dannose della Cina". Gli Stati Uniti hanno paralizzato la capacità del WTO di emettere un verdetto finale vincolante, dato che la corte d'appello del WTO non funziona più a causa del rifiuto di Washington di accettare nuovi membri.

Nel 1994 gli Stati Uniti spinsero per la creazione del WTO, scrissero molte regole e nel 2001 portarono la Cina nel WTO. Poiché gli Stati Uniti si sentivano al comando del mondo, il WTO ha lavorato per far promuoverei loro interessi; ora che l'economia cinese è cresciuta in forza, gli Stati Uniti trovano le regole del WTO gravose. Il libero scambio è utile ai governi come quello degli Stati Uniti solo quando è vantaggioso per le sue aziende; il principio del libero scambio è altrimenti facilmente respinto.

Anche all'interno degli Stati Uniti, ci sono dubbi sulle politiche di Trump. Un giudice ha firmato un'ingiunzione per fermare il tentativo di Trump di impedire ai residenti statunitensi di usare WeChat come mezzo per comunicare con la gente in Cina. La pressione su TikTok potrebbe anche dissiparsi dopo le elezioni americane.

Divergenza economica

Un analista senior della Federal Reserve Bank di St. Louis afferma che l'impatto economico del "caotico" blocco degli Stati Uniti creerà gravi disagi per almeno una generazione. È improbabile, dice, che gli Stati Uniti siano in grado di "riprendersi facilmente". Alla domanda sulla ripresa della Cina, ha risposto che finora le cose sembrano andare molto meglio. Ma qualsiasi persistente dipendenza della Cina dal mercato statunitense avrà un impatto negativo sulla crescita della Cina.

La Cina ha sostanzialmente spezzato la catena dell'infezione da COVID-19, anche se le autorità rimangono vigili per nuove epidemie; negli Stati Uniti è difficile parlare di una seconda ondata, dato che la prima ondata non ha ancora raggiunto l'apice.

Ciò significa che già nel secondo trimestre del 2020 il prodotto interno lordo (PIL) della Cina è salito al 3,2 per cento sopra il livello dell'anno precedente, mentre il PIL degli Stati Uniti è sceso del 9 per cento sotto il livello dell'anno scorso. La Cina è già sulla via della ripresa, mentre gli Stati Uniti non sanno nemmeno se l'infezione ha raggiunto il picco o meno.

Gli Stati Uniti e la Cina pubblicano misure della produzione industriale un po' diverse, ma il contrasto è così evidente che non lascia dubbi sulle relative tendenze. La Cina pubblica i dati relativi al valore aggiunto totale delle imprese industriali, che nell'agosto 2020 era superiore del 5,6% rispetto all'anno precedente, mentre la produzione industriale statunitense per l'agosto 2020 era inferiore del 7,7% rispetto all'anno precedente. Il livello di produzione industriale della Cina era superiore a quello dell'anno precedente, mentre quello degli Stati Uniti era molto inferiore.

Come risultato della ripresa economica molto più dinamica della Cina, il commercio cinese si sta riprendendo molto più rapidamente di quello degli Stati Uniti. Questo è chiaro per le importazioni, che per gli altri Paesi sono le loro esportazioni. A luglio, l'ultimo mese per il quale esistono dati sia per gli Stati Uniti che per la Cina, le importazioni cinesi hanno quasi riguadagnato i livelli pre-pandemici - solo l'1% circa in meno rispetto all'anno precedente. Al contrario, le importazioni statunitensi erano ancora inferiori di circa l'11% rispetto all'anno precedente.

Il risultato di queste tendenze è che la Cina sarà il centro della ripresa economica mondiale dalla recessione del COVID-19, mentre gli Stati Uniti non vi contribuiranno quasi per niente.

Le ultime proiezioni globali del FMI indicano che nel 2020-2021, la Cina rappresenterà la maggioranza assoluta, il 51%, della crescita mondiale, e gli Stati Uniti solo il 3% - e le ultime previsioni del FMI per gli Stati Uniti indicano che questa potrebbe essere un'esagerazione della sua crescita. La maggior parte degli altri contribuenti alla crescita mondiale secondo l'analisi del FMI saranno le economie asiatiche che hanno forti relazioni commerciali con la Cina, la Corea del Sud, l'Indonesia, le Filippine, il Vietnam e la Malesia.

Per analizzare la situazione globale, l'impatto della crisi da COVID-19 ha un impatto molto drammatico sul modello di sviluppo dell'economia mondiale, divisa tra economie in via di sviluppo e avanzate. I dati delle proiezioni del FMI mostrano che entro il 2021 il PIL delle economie avanzate sarà ancora del 3,6% al di sotto del livello del 2019, mentre nelle economie in via di sviluppo sarà del 2,7% al di sopra del 2019. Si tratta di una distribuzione importante della crescita economica mondiale a favore delle economie in via di sviluppo e contro quelle avanzate.

Le stime del FMI di aprile indicano che nel 2020-2021 oltre il 95% della crescita economica mondiale avrà luogo nelle economie in via di sviluppo, i dati del database World Economic Outlook del FMI di aprile indicano che il 51% della crescita mondiale avrà luogo in Cina e il 44% nelle altre economie in via di sviluppo. Meno del 5% della crescita economica mondiale avrà luogo nelle economie avanzate.

Tentando di riorientare il commercio mondiale lontano dalla Cina e verso gli Stati Uniti, gli USA stanno quindi tentando di relegare altri paesi in una posizione di subordinazione alla propria crescita molto bassa, invece che all'economia della Cina, che cresce molto più rapidamente. Questo è evidentemente fortemente dannoso per le economie degli altri Paesi.