La Russia chiede uno "sforzo congiunto" per frenare l'imperialismo statunitense

E-mail Stampa PDF

ryabkov intervistada lantidiplomatico.it

Il vice cancelliere russo afferma che l'unico modo per alleviare gli effetti delle sanzioni statunitensi è un lavoro coordinato tra i paesi del mondo.

"L'unico modo per ridurre gli effetti negativi e affrontare questi approcci e le politiche imperialiste che cercano di imporre le loro idee sugli altri è uno sforzo congiunto" tra i paesi del mondo, ha dichiarato il Vice Ministro russo degli Esteri Sergei Ryabkov.


In un'intervista con il portale iraniano Ifpnews, Ryabkov ha criticato anche le sanzioni economiche contro Teheran da parte di Washington sostenendo che queste pressioni derivano dalla politica "imperialista" delle autorità statunitensi L'amministrazione di Donald Trump ha intensificato la sua campagna di pressione economica e dei media contro il paese persiano dopo l'uscita unilaterale degli Stati Uniti del patto nucleare con l'Iran firmato nel 2015.

Il vice ministro russo avverte che nel caso in cui l'Iran, la Russia e altri paesi colpiti dalle sanzioni statunitensi non adottino misure serie prima del governo di Trump, gli approcci e le politiche imperialiste si diffonderanno in tutto il mondo.

Riabkov denuncia che gli Stati Uniti si oppongono all'uguaglianza dei paesi riguardo alla questione della sovranità e dell'integrità territoriale e sollecita altri paesi a seguirlo sulla scena internazionale.

"Abbiamo preso la decisione di non negoziare con gli Stati Uniti. Nessuna sanzione contro la Russia. Restiamo fermi nella nostra posizione, non importa quanto possa costare, perché ogni segno di debolezza mostrerà loro solo che possono attaccarci di più", ha aggiunto.

04/06/2019