Chi vince nella lotta tra America, Europa e Russia? La Cina

E-mail Stampa PDF

cina bandiera soledi Ariel Cohen* - Newsweek

Un intervento di Ariel Cohen pubblicato su Nesweek rivela come una parte dell'Amministrazione americana individui nella Cina il proprio avversario strategico. Dal loro punto di vista la Russia dovrà essere alleata dell'Occidente contro questa minaccia.

Traduzione di Marco Pondrelli

Guardare Vladimir Putin minacciare di spazzare via la tua città natale, Washington, D.C., in un discorso nazionale è un'esperienza inquietante, specialmente quando lo vedi a Mosca. Ultimamente, Putin non ha avuto timore di ostentare i suoi nuovi missili luccicanti e, se necessario, ad usarli.


Nel suo discorso, Putin ha lamentato il possibile dispiegamento di missili balistici di medio raggio in Europa, da dove impiegherebbero solo 5-7 minuti per raggiungere obiettivi come Mosca, o l'amata località di Putin di Sochi. Anche se ha riaffermato che la Russia non sarà la prima a dispiegare nuovi missili intermedi nella regione, ha avvertito di una rapida ritorsione se gli Stati Uniti dovessero tornare alla posizione nucleare precedente al 1987, quando i missili Pershing 1 presero di mira il Cremlino dalla Germania.

Sembra che il menu russo di opzioni di ritorsione stia crescendo. Il capo del Cremlino si è vantato del nuovo arsenale missilistico del paese, tra cui il Kh-47M2 Kinzhal, il missile balistico ipersonico nucleare (Dagger), il missile balistico intercontinentale pesante Sarmat (SS-X-30 Satan-2), il 9M730 Burevestnik (SSC-X-9 Skyfall) e la testata ipersonica manovrabile Avangard, tutti difficili da intercettare, se si comportano come pubblicizzato.

La lista del giorno del giudizio non si è conclusa qui. Putin ha anche salutato il nuovo drone sottomarino russo Poseidon (STATUS-6). 65 piedi di lunghezza, il siluro autonomo a propulsione nucleare si dice che sia armato con un siluro da 100 megatoni di bomba ad idrogeno - abbastanza potente da livellare un intero stato costiero degli Stati Uniti, come, ad esempio, New York.

Come in passato ha concentrato la sua invettiva sugli Stati Uniti come "principale avversario" della Russia, chiamando i suoi alleati "oinking satellites" e promettendo di colpire i "centri decisionali" in caso di attacco alla madre Russia, vale a dire Washington, Bruxelles, Londra , Varsavia e altre capitali. "Possono contare ...", ha detto ripetutamente Putin dei suoi nemici geopolitici, "... sono razionali. Facciano il conto di quanto tempo ci vorrebbe per queste armi ipersoniche, lanciate al di fuori delle acque territoriali statunitensi, per raggiungere gli obiettivi, meno che per gli ipotetici missili americani per raggiungere Mosca. "L'ira di Putin è stata scatenata dalla decisione dell'amministrazione Trump di lasciare l'Intermediate Range Ballistic Missile Treaty (INF). La Casa Bianca ha fatto la mossa dopo che la Russia ha schierato un missile con un raggio vietato dal Trattato, una palese violazione. L'abbandono dell'accordo - un pilastro fondamentale dell'architettura di controllo degli armamenti postbellici - è stata una delle pochissime politiche statunitensi che la Cancelliere Angela Merkel ha sostenuto nel suo intervento alla Conferenza di sicurezza di Monaco, alla quale io ho partecipato una settimana prima.

Tuttavia la Merkel che ha rassegnato le dimissioni dalla direzione della CDU e sta progettando di dimettersi nel 2021, è stata anche lei devastante nelle critiche al resto della politica estera americana. Ha maledetto Trump per aver abbandonato il Joint Comprehensive Plan of Actions (JCPOA, l'accordo dell'era Obama con l'Iran), la sua minaccia di tariffe commerciali contro le auto tedesche e il brusco ritiro dell'America da Afghanistan e Siria. C'è stata una speculazione a Monaco di Baviera tra gli ex responsabili politici statunitensi che Donald Trump potrebbe non rispettare gli impegni della NATO ai sensi dell'articolo 5 o ritirarsi completamente dall'Alleanza atlantica del Nord Atlantico. Si spera che questa sia stata una dichiarazione di partito, non la verità.

Il crescente divario transatlantico è stato ulteriormente evidenziato dall'imbarazzante affluenza alla Conferenza del Medio Oriente guidata dagli Stati Uniti a Varsavia- poco prima di Monaco di Baviera. La "Vecchia" Europa - Francia, Germania, Italia - ha inviato solo una rappresentanza di basso livello, dei viceministri degli Esteri, a un evento guidato dal Vice Presidente Mike Pence e dal Segretario di Stato Mike Pompeo. Piuttosto che isolare l'Iran come previsto, gli Stati Uniti sembrano essersi isolati. Nel frattempo i tentativi dell'Europa di dettare i termini per la politica estera e di sicurezza americana, pur non spingendosi fino al punto di pagare per la difesa comune, portano solo più in profondità il cuneo transatlantico.

Il battibecco di Monaco di Baviera tra gli Stati Uniti e i nostri alleati europei arriva in un momento inopportuno. La Russia non solo minaccia il ricorso al nucleare in determinate circostanze, ma persiste nella sua sfiducia nei confronti degli Stati Uniti. Putin accusa l'Occidente di spiare la Russia attraverso Internet; e la sua Duma sta preparando una legislazione su come scollegare il segmento russo di Internet dal World Wide Web.

Ma c'è una minaccia strategica e sistemica condivisa a lungo termine che Washington, Mosca, Bruxelles e Berlino preferiscono ignorare: l'ascesa della Cina. Alla conferenza dell'Università di Singapore Middle East Institute all'inizio di questo mese, dove ho presentato un rapporto sugli investimenti nelle infrastrutture dell'Asia centrale, gli esperti hanno analizzato i massicci piani cinesi per stabilire una presenza strategica dal Myanmar allo Sri Lanka e da Gibuti a Dubai.

Non solo il Gwadar del Pakistan, ma anche l'Egitto, Israele, la Grecia e la Cecenia sono oggetto di massicci progetti portuali e ferroviari cinesi. L'iniziativa "Belt and Road" riformatterà il mondo così come lo conosciamo. La Cina è già il principale partner commerciale dell'Africa. La Cina ha soppiantato gli stessi Emirati Arabi Uniti come il primo investitore nel Golfo. Con gli Stati Uniti meno interessati al petrolio e al gas del Medio Oriente, la Cina assetata di energia prenderà il suo posto. E non è improbabile che, come nel caso dell'Impero britannico e degli Stati Uniti, i soldati seguiranno i mercanti.

La Cina sta utilizzando l'intera strumentazione statale, compresi il commercio, gli investimenti, la finanza, la sicurezza, le infrastrutture e il turismo. Come è stato sottolineato in precedenza, Beijng sta giocando una partita a Weiqi ("Go") - un gioco paziente, complesso, volto a controllare il massimo del territorio per lunghi periodi di tempo, in contrasto con il pensiero tattico relativamente lineare che detta le mosse scacchistiche. Si sta passando a un programma cinquantennale. Washington, d'altra parte, risponde con un debole tentativo di mettere insieme una coalizione eterogenea di Giappone, Australia, Taiwan e forse India - con una risposta casuale, per lo più militare, che nel migliore dei casi irrita solo Pechino.

In occasione della recente riunione del gruppo statunitense e tedesco Loisach sulla strategia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera, è emerso chiaramente che gli europei devono decidere se sono con gli Stati Uniti o contro di essi. Allo stato attuale, il signor Trump rimane incerto sul fatto che Francia e Germania siano alleati.

Entrambe le sponde dell'Atlantico devono affrontare la sfida della Cina e avviare il loro coordinamento fino al livello successivo. La Russia deve poter scegliere se aderire all'Occidente o affrontare la Cina da sola - una prospettiva agghiacciante per una nazione con una popolazione 9 volte più piccola e con un PIL 10 volte più piccolo e un confine condiviso di 2.600 miglia. Incredibilmente sembra che il signor Putin sia così accecato dal suo disgusto per gli Stati Uniti, che è pronto a consegnare il suo paese al suo vicino affamato di risorse.

Senza la comune valutazione della minaccia transatlantica, il coordinamento strategico e l'impegno politico e militare, la Cina diventerà una potenza globale predominante della seconda metà del XXI secolo. Nessuno a Washington e Bruxelles può dire di non essere stato avvertito.

*Ariel Cohen, Ph.D., è Senior Fellow dell'Atlantic Council e direttore del Programma Energia, Crescita e Sicurezza dell'International Tax and Investment Center.