Il 17° Vertice del Movimento dei Paesi Non Allineati (MNOAL)

E-mail Stampa PDF

MNOALa cura della redazione di Resistência

Traduzione di Marx21.it

Alla chiusura del 17° Vertice, i Non Allineati difendono la pace e la ricostruzione delle Nazioni Unite

E’ finito con successo nell’Isola Margherita, in Venezuela, il 17° Vertice del Movimento dei Paesi Non Allineati (MNOAL), nel corso del quale l’Iran ha passato la presidenza, che sarà esercitata nei prossimi tre anni, alla Repubblica Bolivariana del Venezuela. L’incontro ha approvato la Dichiarazione di Margarita, che ha tra i suoi scopi fondamentali accelerare i processi di rifondazione del sistema dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU). Il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolas Maduro, ha affermato che l’obiettivo del movimento è ottenere la democratizzazione del sistema e la trasformazione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

Il documento comprende 11 linee di azione. La prima è accelerare i processi di cambiamento in seno all’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), espandendo i sistemi di direzione dei popoli del Movimento dei Non Allineati, e facendo in modo che i cambiamenti  avvengano nel senso della rifondazione e non solo della trasformazione.


Il testo propone di favorire nuove alleanze, ad esempio con il gruppo dei BRICS, che riunisce Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica; far avanzare programmi di lavoro in consonanza con l’Agenda 2030 dell’ONU, che ha tra i suoi assi centrali la pace e lo sradicamento della povertà come fattori inerenti lo sviluppo sostenibile.

Il documento fa anche riferimento al compito fondamentale di riprendere il programma della democratizzazione della comunicazione sociale, da parte dei paesi del Movimento, come pure quello della pace e della risoluzione dei conflitti mediante la diplomazia di pace mondiale.

Comprende anche la necessita di adottare un progetto verde per affrontare le conseguenze del cambiamento climatico, e nel punto sette si enfatizza l’importanza di continuare in modo tenace l’appoggio al popolo palestinese che affronta l’illegale occupazione da parte dello Stato di Israele.

Il documento contiene nella linea d’azione otto l’appoggio incondizionato al popolo della Repubblica di Cuba, che affronta un blocco economico, commerciale e finanziario, imposto dal governo degli Stati Uniti da oltre 50 anni, e che costituisce un ostacolo allo sviluppo del popolo cubano.

Altri punti comprendono l’impulso e l’appoggio alla decolonizzazione di Porto Rico, così come la solidarietà e l’attenzione al problema dei rifugiati in Europa, prodotto dei conflitti creati dagli Stati Uniti e dai loro alleati nel Medio Oriente e in Africa.

La Dichiarazione di Margarita menziona anche la lotta contro il terrorismo e i metodi di guerra non convenzionale promossi da settori che cercano di restaurare la tutela coloniale nelle nazioni determinate a essere libere , indipendenti e sovrane.

Unità

Gli oratori durante il 17° Vertice del Movimento dei Paesi Non Allineati hanno sostenuto che è necessario concentrare le forze per portare gli interessi del blocco in altri organismi internazionali, come le Nazioni Unite, sempre con posizioni comuni, con un comportamento unitario che permetta di difendere i propri diritti.

E’ risuonata fortemente nelle plenarie del MNOAL la condanna del colpo di Stato in Brasile e dell’intervento in Venezuela.

Pieno successo

Il 17° Vertice del MNOAL è stato un grande successo per i 120 paesi che costituiscono questo blocco, in particolare il Venezuela, che ha brillantemente ospitato l’evento e che assumerà la presidenza nei prossimi tre anni. Un evento di straordinaria importanza per la Repubblica Bolivariana, vittima di una campagna di diffamazione e di discredito da parte dell’imperialismo statunitense e della destra internazionale, soprattutto il governo di destra e golpista di Michel Temer e del suo ministro degli Esteri José Serra che si è posto, tra gli obiettivi principali, quello di destabilizzare il paese di Bolívar e Chávez.

La Dichiarazione di Margarita ha un inequivocabile carattere di difesa e promozione della pace, della sovranità e della sicurezza per lo sviluppo delle nazioni.

Il MNOAL sorse 55 anni fa, nel 1961, e la sua origine più remota risale alla Conferenza Afroasiatica di Bandung (Indonesia), nel 1955, quando furono stabiliti i suoi principi fondamentali.

Tra questi principi emergono il rispetto dell’indipendenza, dell’autodeterminazione, della sovranità, e la promozione di relazioni di cooperazione sulla base del rispetto reciproco.

Il MNOAL svolge un grande ruolo nella preservazione della pace mondiale, ragion per cui si oppone fermamente all’esclusione sociale, difende la non ingerenza negli affari interni degli Stati, e lotta per il disarmo e ogni forma con cui si manifesta il dominio imperialista.

La presidente del Consiglio Mondiale della Pace, la brasiliana Socorro Gomes, ha partecipato al 17° Vertice del MNOAL. “I movimenti sociali e i difensori della pace in tutto il mondo ammirano il Movimento dei Paesi Non Allineati in quanto comunità di Stati nazionali ampia e rappresentativa, impegnata con i principi della sovranità nazionale e della pace e che non ha mai mancato al suo dovere di solidarietà con i popoli e le nazioni in lotta per i loro diritti”, ha dichiarato.

La presidente del CMP ha rilevato che il Movimento dei Paesi Non Allineati è “un’organizzazione politica, la cui piattaforma è sempre stata quella della lotta contro il colonialismo e l’imperialismo, per un nuovo ordine economico e politico internazionale. Sono sempre risuonate fortemente le voci dei paesi membri che si sono pronunciati su tempi scottanti della politica internazionale, in una chiara dimostrazione dell’attualità del MNOAL come coordinamento internazionale”, ha sottolineato.

Concludendo il 17° Vertice del MNOAL, il presidente Nicolás Maduro ha riaffermato la difesa della pace e ha inneggiato alla “Patria umana”.