I Palestinesi vogliono che la Cina sostituisca gli USA come mediatore per la pace

E-mail Stampa PDF

cinapalestinada lantidiplomatico.it

Un alto funzionario palestinese ha esortato la Cina ad assumere il ruolo di mediatore internazionale nei colloqui di pace in Medio Oriente. Dopo che Pechino ha recentemente ospitato un simposio israelo-palestinese nel caos creatosi dopo la decisione unilaterale del presidente nordamericano Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele, la Cina si appresta a sostituire gli Stati Uniti in un ruolo che ha svolto storicamente negli ultimi decenni.

"La Cina è altamente qualificata per il ruolo di mediatore nel processo di pace tra Palestina e Israele", ha detto il segretario agli affari esteri del presidente palestinese, Nabil Shaath, all'emittente CGTN dopo aver partecipato al 3 °simposio per la pace in Palestina svoltosi a Pechino la settimana scorsa.

"Nessuna delle due parti [Israele e palestinesi] può negare l'importante ruolo della Cina", ha detto Shaath, aggiungendo che lui e gli altri suoi colleghi palestinesi erano a Pechino "sostanzialmente per invitare la Cina a partecipare ad un meccanismo internazionale per sostenere il processo di pace. Ha aggiunto poi che il "simposio è stato molto utile per generare idee e può aiutare la Cina nel suo ruolo di mediatore internazionale in questo processo ".

L'appello di Shaath è significativo perché avviene dopo che il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha pubblicamente ripudiato gli Stati Uniti come mediatore nel processo di pace in Medio Oriente dopo la controversa decisione di Trump. Le parole dell'alto funzionario palestinese conferma le voci di coloro che sostengono che presto sarà Pechino a sostituire Washington in questo ruolo.

Intervenendo ad una regolare conferenza stampa, la diplomatica cinese ha ricordato come il governo di Pechino "ha sempre sostenuto il popolo palestinese nella sua lotta per recuperare i propri diritti nazionali legittimi".

A questo proposito, Hua Chunying ha anche espresso la speranza che tutte le parti coinvolte nel conflitto israelo-palestinese si attengano al diritto internazionale e risolvano la questione attraverso il dialogo. La decisione di Trump, annunciata il 6 dicembre, ha scatenato proteste in diverse città di tutto il mondo, oltre a essere condannata da molti dei più stretti alleati di Washington, nonché da organizzazioni internazionali, che hanno ribadito la loro contrarietà all'occupazione di più territori palestinesi.

Informando i media sul simposio di due giorni che si è tenuto a Pechino il 21 e 22 dicembre, Hua ha poi dichiarato: "È stato raggiunto un documento di consenso sulla promozione della soluzione del conflitto tra Palestina e Israele basato sulla soluzione dei due stati, riaffermando i due soluzione statale come l'unica via percorribile per risolvere la questione tra Palestina-Israele. Crediamo che il consenso raggiunto in questo simposio, riflettendo le voci sensibili delle due nazioni, abbia unito gli impegni per la pace e questo simposio sia stato molto tempestivo e consequenziale di fronte ai nuovi cambiamenti in Medio Oriente ".

Nei giorni scorsi gli Stati Uniti, attraverso le dichiarazioni di Donald Trump e di Nikki Haley in particolare, avevano più volte minacciato di ritorsioni economiche sia l'Onu sia i singoli paesi che avessero osato votare contro la decisione degli Stati Uniti di infrangere il diritto internazionale con la decisione di spostare la propria ambasciata in Israele a Gerusalemme. Una provocazione che non ha intimorito la stragrande maggioranza dei paesi del mondo che hanno votato (128 voti a favore, 9 contrari e 33 astenuti) la risoluzione presentata all'Assemblea generale delle Nazioni Unite da Yemen e Egitto che considera valida e nulla la decisione stessa.