Natale a Betlemme è un messaggio di speranza palestinese

E-mail Stampa PDF

nabilshaathdi Nabil Shaath *

Traduzione di Bassam Saleh

Uno dei più bei ricordi della mia infanzia a Jaffa è la cerimonia del Natale, e gli alberi, quando le varie comunità cristiane avrebbero preparato le feste colorate e molti di loro avrebbero preso la strada per Betlemme. Proprio come durante le festività musulmana di Eid al-Adha e Eid al-Fitr, tutti i palestinesi festeggiano insieme. Sia nelle narrazioni cristiane sia nella tradizione palestinese, il Natale è un momento di speranza. Questo è uno dei ricordi più cari che ho portato con me in esilio in Egitto nel 1948.

Decenni più tardi, dopo il mio ritorno in Palestina nel maggio 1994, sono andato dritto da Gaza a Betlemme, arrivando in questa bellissima città verso il tramonto. Per la mia delusione, la Chiesa della Natività e dai negozi intorno ad essa erano chiusi, e la piazza era quasi vuota. Improvvisamente, le campane della chiesa hanno cominciato a suonare e i negozi hanno iniziato a riaprire. Ero quasi sopraffatto dalla gente che mi accoglieva, eccitata in attesa del ritorno di Abu Ammar (Arafat). Quel giorno sono stato invitato a visitare la Chiesa, e dei negozi e le case dei betlemiti che io non dimenticherò mai. Sentivo che il messaggio di speranza lanciato da Gesù 2000 anni fa da Betlemme era vivo nei cuori e nelle anime dei suoi abitanti.


Quell'anno, le forze di occupazione israeliane non mi hanno permesso di celebrare il Natale nella Chiesa, Israele non aveva ancora ritirato le sue truppe da Betlemme. La mia delusione iniziale, ben presto, si è trasformata in emozione quando il clero ha deciso di sfidare l'ordine israeliano, e mi sono letteralmente contrabbandato in uno dei balconi superiori della chiesa. Ricordo ancora il Patriarca Sabbah guardando là dove mi trovavo, offrendo allo stesso tempo una bella omelia in cui parlava del bisogno di giustizia. Per milioni di palestinesi, è stato un Natale pieno di speranza.

Il 23 dicembre 1995 sono andato a Betlemme con il presidente Arafat. Ognuno è uscito ad accoglierlo in Piazza Natività e per le vie della città santa. C'erano i leader locali e religiosi, i rifugiati e gli abitanti dei villaggi, ognuno stava festeggiando un Natale patriottico segnato ancora una volta dalla speranza che tutti noi dovevamo porre fine all'occupazione israeliana entro cinque anni. E' stato un Natale di annunci: significativo quello turistico e i progetti sui beni sotto l'ombrello dell'iniziativa Betlemme del 2000. Questo è stato il più bel Natale della mia vita.

Sei anni più tardi, il Natale del 2001, Israele ha vietato Arafat di andare a Betlemme. Mi ricordo che chiamava i leader mondiali, chiedendo loro di impedire a Israele di ostacolare il nostro diritto di culto e il nostro ruolo di custode dei Luoghi Santi. Ci fu poca rispondenza. Poco dopo, la maggior parte delle infrastrutture costruite e ristrutturate dall'inizio del periodo intermedio è stato distrutto. La Chiesa della Natività era circondata da carri armati israeliani, uno dei luoghi più sacri del cristianesimo assediato e danneggiato. Arafat, anche assediato dai carri armati nel suo quartiere generale a Ramallah, esclamava nel corso di una conferenza stampa: "Non preoccupatevi per me, andate a vedere che cosa sta accadendo nella Chiesa”? Come mai il mondo tacque?

Molto poco di quello che abbiamo sognato circa 20 anni fa è stato raggiunto oggi. Il periodo transitorio di cinque anni stipulato a Oslo non è stato rispettato dai successivi governi israeliani. Gli Insediamenti coloniali hanno continuato a crescere, divorando il 62 per cento della Cisgiordania (Area C, che è sotto il pieno controllo israeliano) e la stragrande maggioranza delle sue acque, mettendo a repentaglio Gerusalemme, separando e distruggendo Gaza, e dividendo Betlemme da Gerusalemme per la prima volta in 2000 anni di cristianesimo.

Anche se abbiamo fatto tutto il possibile per proteggere i nostri luoghi sacri, con l'adesione all’UNESCO e il sostegno all'iscrizione della Chiesa della Natività come Patrimonio Mondiale dell'Umanità, Betlemme è stata trasformata in un bantustan (un ghetto), circondato da 19 insediamenti coloniali. Questo ha lasciato ai palestinesi il controllo su solo il 15 per cento della città e dintorni. Non c'è la possibilità di sviluppare la nostra economia locale, per non parlare di immaginare uno Stato indipendente o sovrano in questo momento. False promesse economiche dell'ex primo ministro britannico Tony Blair nell'ambito dell'inutile Quartetto negli ultimi 10 anni non hanno portato alcun cambiamento sul terreno ma hanno dato copertura per i crimini israeliani. Ad oggi, Betlemme ha un tasso di disoccupazione del 26 per cento, secondo la Camera di Commercio di Betlemme, la più alta in Cisgiordania. Eppure, noi non ci arrendiamo.

Non possiamo permettere al governo israeliano né alla complicità della comunità internazionale di portare via la nostra speranza. Questo Natale, le campane della Chiesa della Natività devono essere un promemoria per tutti che gli indigeni di questa terra sono qui per restare. Si invia anche un messaggio al resto della regione di un'indissolubile convivenza interreligiosa e di fraternità che dura da secoli, senza pari in qualsiasi altro luogo. Il Natale è un messaggio di speranza palestinese. Siamo orgogliosi di aver portato questo messaggio per secoli e, nonostante tutto, continueremo a farlo.

*Commissario per le Relazioni Estere di Fatah. E' stato ministro degli Esteri con Yasser Arafat.