UE: "sovranità" imperialista

E-mail Stampa PDF

nazioniunite palazzidi Ângelo Alves

da https://avante.pt

Le conclusioni del Consiglio europeo del 10 e 11 dicembre - e l'insieme delle decisioni che lo hanno preceduto e seguiranno - confermano una strategia per trarre vantaggio dalla situazione attuale per cercare di risolvere le contraddizioni e compiere ulteriori passi avanti nell'approfondimento dell'Unione Europea . L'agenda non è nuova.


Nel suo discorso di settembre al Parlamento Europeo, nel cosiddetto "Stato dell'Unione", la Presidente della Commissione Europea era già stata molto chiara nelle linee guida che coincidono, non a caso, con la strategia e le manipolazioni ideologiche emanate dai sinistri corridoi del Forum di Davos intorno all'idea di "rinascita" o "nuovo inizio" del capitalismo, ora presentato come "digitale", "verde", "sociale", "per tutti".

Le priorità del trio di presidenze (compresa quella portoghese) e le conclusioni del Consiglio europeo vanno tutte nella stessa direzione. Sotto uno strato "sociale", di cui il pilastro europeo dei diritti sociali è un "marchio", cercare di sviluppare moduli rinnovati di accumulazione e centralizzazione del capitale - le cosiddette "agende verdi e digitali" -, cioè centralizzando la decisione sugli investimenti secondo i progetti e gli interessi dei grandi monopoli e delle principali potenze; ampliare e approfondire il mercato unico in diversi settori (con le conseguenti ondate di privatizzazioni), come il progetto “União da Saúde”, tra molti altri; istituzionalizzare meccanismi aggiuntivi di dipendenza, imposizione e interferenza, come nel caso dei nuovi vincoli ora associati al bilancio dell'UE e al Fondo di ripresa, con il discorso delle "riforme strutturali" e l'istituzionalizzazione dell'interferenza politica e ideologica; trasferire ancora più porzioni di sovranità nazionale al piano sovranazionale, come nel caso delle "risorse proprie" del bilancio dell'Unione Europea; approfondire la deriva della sicurezza, invocando il terrorismo, la "sicurezza digitale", la "difesa dei valori" o strumentalizzando ipocritamente la questione della migrazione; e, infine, lubrificare e accentuare la natura imperialista e interventista dell'Unione europea.

Su quest'ultimo punto, l'Unione Europea invoca sempre due argomenti sostanziali per difendere la sua cosiddetta "politica estera e di sicurezza": l'UE "è uno spazio che favorisce la pace, il dialogo e la diplomazia" e deve avere ".la sua identità '. Ora, il Consiglio ha appena adottato due decisioni che dimostrano ancora una volta la totale falsità di tali presupposti. Ha approvato un sistema di sanzioni che invia diversi aspetti del diritto internazionale e di tale dialogo a farsi friggere. La sua stessa identità è schiacciata dalla nuova professione di lealtà nei confronti degli USA, e dalla sottomissione a quasi tutte le agende dell'Amministrazione statunitense entrante, compreso il rafforzamento del militarismo e della NATO.

In mezzo, i "valori europei", così invocati per imporre meccanismi di ingerenza politica e ideologica "dentro le porte", restano nel cassetto per quanto riguarda Turchia, Ucraina e l'astensione all'Onu su risoluzioni che condannano il nazifascismo o riconoscono il Golan come territorio siriano, o quando l'UE si allinea con gli USA sull'agenda destabilizzante in Venezuela, su rinnovate pressioni e provocazioni contro l'Iran o quando si sottomette all'agenda americana in vari campi, aprendo le porte al tanto agognato fronte unito ”contro la Cina". Si tratta di dire che la "sovranità europea" citata da Macron è, come sempre è stata, "sovranità imperialista".