Dieci domande e risposte sul progetto di riforma

E-mail Stampa PDF

cgt cheminotsdi Salim Lamrani

L'accademico Salim Lamrani risponde a dieci domande sulle conseguenze della riforma delle pensioni del presidente Macron

1.- Quando è stato creato l'attuale sistema pensionistico?

L'attuale sistema pensionistico in Francia è un'eredità della Liberazione, ottenuta grazie al Consiglio Nazionale della Resistenza. Si basa sul principio della solidarietà tra le generazioni. Così un paese distrutto e rovinato da sei anni di guerra è riuscito a stabilire un sistema volto a garantire un livello dignitoso di pensione agli anziani. Nel 1945, la creazione del sistema di previdenza sociale "rispondeva all'ambizione di costruire un sistema pensionistico che coprisse l'intera popolazione". Ecco le ragioni dell'ordinanza del 1945: "La sicurezza sociale è la garanzia data ad ogni persona che in ogni circostanza avrà le risorse necessarie per assicurare il proprio sostentamento e quello della sua famiglia in condizioni dignitose. È giustificata da una elementare preoccupazione per la giustizia sociale ed è una risposta al desiderio di liberare i nostri concittadini dall'incertezza del futuro".


2.- Quali sono i principi di base?

L'attuale sistema pensionistico si basa su quattro principi. È obbligatorio, cioè ogni persona attiva contribuisce automaticamente. Funziona in base al principio di ripartizione, il che significa che l'importo totale dei contributi versati ogni anno dai dipendenti serve a pagare le pensioni degli attuali pensionati. Si basa sulla solidarietà e tiene conto di: periodi di disoccupazione, malattia, disabilità, numero di figli, lunghe carriere e situazioni di handicap. È contributiva, poiché la rendita è calcolata sulla base dei contributi versati durante la carriera lavorativa. La pensione di base funziona in anni e i diritti acquisiti vengono conteggiati in trimestri. È uno dei migliori sistemi al mondo, poiché il tasso di povertà degli anziani in Francia è uno dei più bassi al mondo.

3.- C'è urgenza di riformare il sistema attuale?

Attualmente il deficit annuale è compreso tra i 7 e i 17 miliardi di euro all'anno. Secondo il Pensions Guidance Council, che è un'entità legata al Primo Ministro, sarà demograficamente riassorbita e il sistema diventerà eccedente a partire dal 2040. Inoltre, va ricordato che le riserve complessive per le pensioni del regime generale e del regime privato, il cui ruolo è quello di compensare un eventuale deficit, ammontano a oltre 150 miliardi di euro. Quindi non c'è alcuna urgenza. Inoltre, a partire dal 2025, il deficit della previdenza social,e a cui il Fondo di alleggerimento del debito sociale dedica 17 miliardi di euro all'anno sarà assorbito, e lo Stato avrà a disposizione questa somma da dedicare al sistema pensionistico, fino a quando non troverà il suo equilibrio nel 2040. 

4. Dato che il numero dei pensionati è in aumento, la riforma non è indispensabile?

L'argomento del numero crescente di pensionati rispetto al secolo scorso è molto evocato. Nel 1970, c'erano tre persone attive per ogni pensionato. Oggi ci sono 1,7 persone attive per ogni pensionato. Ciò che non viene menzionato, tuttavia, è che un dipendente oggi produce per ben tre persone attive degli anni Settanta. Quindi, da un punto di vista economico, il sistema attuale è ancora più vitale di quanto non fosse 50 anni fa. Perché allora il sistema è in deficit? Semplicemente perché la distribuzione della ricchezza prodotta tra lavoro e capitale è disuguale. Oggi gli azionisti sono pagati molto più dei dipendenti. Negli anni '80, la remunerazione degli azionisti rappresentava solo nove giorni di produzione all'anno. Oggi rappresenta 45 giorni ed è fatto a scapito degli aumenti salariali. Se sia i dipendenti che gli azionisti fossero remunerati in proporzione, il sistema pensionistico sarebbe in gran parte eccedente rispetto alle esigenze.

5.- Quali sono i rischi del sistema a punti che il governo Macron vuole imporre?

In base al sistema attuale, ogni lavoratore attivo sa quando potrà far valere i propri diritti a una pensione di vecchiaia e ne conosce l'importo. Oggi, per poter andare in pensione con una pensione completa, è necessario contribuire con 43 anni e raggiungere l'età di 62 anni. Con un sistema a punti nessuno potrà conoscere l'importo della sua futura pensione di vecchiaia o quando potrà smettere di lavorare, poiché il valore del punto può essere modificato dalla maggioranza del governo in qualsiasi momento. 

François Fillon, ex primo ministro del presidente Nicolas Sarkozy, è stato franco sull'argomento durante un discorso ai grandi imprenditori francesi nel marzo 2016: "Ci sono troppi politici che giocano con la questione delle pensioni e promettono riforme formidabili, per esempio la pensione a punti. I francesi non devono essere indotti a credere che questo risolverà il problema delle pensioni. Il sistema a punti permette in realtà una cosa che nessun politico osa ammettere: permette di abbassare il valore del punto ogni anno e quindi di ridurre il livello delle pensioni. 

In tutti i paesi in cui è stato applicato il sistema a punti, le pensioni sono diminuite e il tasso di povertà degli anziani è aumentato. In Svezia, ad esempio, con l'adozione di un sistema pensionistico a punti, il tasso di povertà degli anziani è raddoppiato in nove anni. L'attuale sistema pensionistico produce la minore povertà tra gli ultrasessantacinquenni. È del 6,5% mentre in Svezia è del 17%.

6.- Come viene calcolata la pensione nel progetto di riforma e a quale età i lavoratori potranno andare in pensione?

La riforma prevede che l'importo della pensione di anzianità sia calcolato non sui migliori 25 anni per il settore privato e gli ultimi sei mesi per il settore pubblico come avviene attualmente, ma sull'intera carriera. La conseguenza matematica è che l'importo delle rendite sarà ridotto perché si terrà conto dei periodi di disoccupazione o di bassa retribuzione, soprattutto all'inizio della carriera. 

Inoltre, l'età pensionabile, che attualmente è di 62 anni, sarà innalzata a 64 anni. Tuttavia, quasi il 50% di coloro che sono attivi all'attuale età pensionabile sono disoccupati. In Francia ci sono 300.000 disoccupati di età superiore ai 60 anni. Qual è la conseguenza dell'innalzamento dell'età pensionabile? I disoccupati non avranno contributi sufficienti per richiedere una pensione completa. Vale la pena ricordare che il candidato Emmanuel Macron si era impegnato solennemente durante la campagna presidenziale: "Non toccheremo l'età pensionabile né il livello delle pensioni". Tuttavia, con la proposta di modifica dell'età pensionabile e l'adozione di un sistema a punti sarà impossibile mantenere questa promessa. 

7.- Non ci sono altre alternative per colmare l'attuale deficit economico del sistema pensionistico?

Ci sono molte possibilità di azzerare il deficit attuale che, date le riserve finanziarie dei vari sistemi pensionistici - 150 miliardi di euro - non è motivo di preoccupazione. Ammettendo che venga confermata l'alta stima del deficit, ovvero 17 miliardi di euro all'anno - questo è lo scenario peggiore - le riserve sono sufficienti per 10 anni, nell'ipotesi che non vengano adottate altre misure. Tuttavia, ci sono diverse alternative: 

- la prima possibilità - ed è un peccato che ciò non sia stato ancora applicato nella Francia del XXI secolo - è che le donne siano pagate allo stesso modo degli uomini. Ricordiamoci che il cuore del nostro motto repubblicano è l'uguaglianza. Questa misura compenserebbe immediatamente il deficit corrente grazie ai contributi generati dall'aumento salariale. 

-La seconda possibilità sarebbe quella di aumentare i salari modestamente del 5%, cioè del 75% al mese per un reddito di 1 500 euro. Metà della popolazione attiva in Francia ha uno stipendio mensile inferiore a 1.500 euro. Ciò consentirebbe di raccogliere ogni anno 18 miliardi di contributi per i fondi pensione. 

- Una terza soluzione sarebbe quella di seguire la raccomandazione del Pension Guidance Board di aumentare l'aliquota di contribuzione all'1%. Potremmo moltiplicare gli esempi. 

8.- Il deficit attuale non potrebbe essere il risultato di decisioni politiche?

In effetti, le politiche governative sono in parte responsabili del deficit attuale. Così, la defiscalizzazione degli straordinari priva lo Stato di un reddito che gli consenta di equilibrare il sistema. 

Inoltre, secondo il Pensions Guidance Council, l'abolizione di 120.000 posti nella pubblica amministrazione annunciata dal governo ha un forte impatto sul deficit del sistema pensionistico: "La politica dello Stato è determinante. Se elimineranno un milione di posti di lavoro pubblici in Francia, realizzeranno risparmi di bilancio molto significativi, ma metteranno in bancarotta il regime pensionistico attuale". In una parola, mantenere o aumentare il numero di funzionari pubblici in settori bisognosi come la sanità o l'istruzione permetterebbe di risolvere il problema del deficit. 

Inoltre il rapporto Delevoye di 132 pagine, che costituisce la base dell'attuale progetto di riforma, prevede anche l'esenzione dai contributi pensionistici per l'elevato reddito di oltre 120 000 euro all'anno e l'abbassamento dell'aliquota dal 28% al 2,8%. Secondo Agirc-Arrco, un ente pensionistico complementare per i dipendenti del settore privato, questa misura priverebbe il sistema pensionistico di 4-7 miliardi di euro di contributi ogni anno. Non è possibile allo stesso tempo aumentare il deficit e cercare di combatterlo. Inoltre, gli investimenti effettuati in un sistema pensionistico a capitalizzazione darebbero allo Stato il diritto a un'esenzione fiscale del 70%, che impoverirebbe ulteriormente lo Stato privandolo di entrate. 

Infine, la quota del PIL destinata alle pensioni è attualmente del 13,8%, pari a 330 miliardi di euro. Nel corso della storia, la percentuale del PIL destinata alle pensioni è sempre stata adattata alle fluttuazioni della composizione demografica per garantire un livello dignitoso di pensione. Era del 5% nel 1960, del 9,4% nel 1975, dell'11,6% nel 2000, del 13% nel 2007 e sarà del 14% nel 2025. Il Pension Guidance Council osserva a questo proposito che "la quota della spesa pensionistica sul PIL non subirà fluttuazioni significative, indipendentemente dagli scenari economici", cioè anche in caso di crescita molto bassa. Tuttavia, il governo ha deciso di limitare questa quota al 14% anche dopo il 2025, mentre la quota dei pensionati passa dal 22% nel 2025 al 27% nel 2060. La conseguenza inevitabile sarà una diminuzione delle pensioni. Al contrario la quota del PIL dovrebbe essere adeguata all'andamento demografico. Così, se il 16% del PIL fosse destinato al sistema pensionistico, il deficit scomparirebbe automaticamente. 

Un altro esempio: l'evasione fiscale costa alla Francia 100 miliardi di euro all'anno. Se il paese dovesse adottare misure per combattere questo flagello, ciò risolverebbe tutti i problemi di deficit della nazione e consentirebbe di investire massicciamente per rimediare alla disoccupazione e aumentare i salari. Ciò porterebbe meccanicamente ad una diminuzione della spesa pubblica in termini di indennità di disoccupazione e ad un aumento del reddito grazie alle imposte ottenute dai posti di lavoro creati. Questi nuovi dipendenti, con un reddito, consumerebbero di più, il che riempirebbe i registri degli ordini delle aziende, che a loro volta assumerebbero nuovi lavoratori per rispondere alla domanda, il che creerebbe un circolo virtuoso che renderebbe la società francese più egualitaria.

9.- Non si dovrebbe creare un regime universale e abolire i regimi speciali?

L'argomentazione del regime universale non è sostenibile perché il Governo ha già accettato il fatto che diverse categorie, come la polizia, i militari, il personale aereo, i camionisti e altri, manterranno il loro regime specifico grazie alle mobilitazioni di queste corporazioni. In realtà, i regimi speciali - sono 42 - riguardano solo il 3% della popolazione attiva. Non possiamo seriamente pretendere di smantellare un sistema che funziona perfettamente solo perché il 3% dei lavoratori ha un regime speciale, spesso giustificato dalla specificità della loro professione. Perché se questa riforma è sinonimo di progresso sociale - come sostiene il governo - dovrebbe privare queste categorie di questo privilegio? Questa affermazione non è all'altezza del buon senso. 

Alcuni regimi speciali sono in deficit per motivi demografici con un aumento del numero di pensionati, ma anche a causa di decisioni politiche. Prendete il caso della società ferroviaria SNCF. Trent'anni fa c'erano 300 000 lavoratori in questo settore. Oggi ce ne sono solo 150.000 perché lo Stato ha deciso di ridurre drasticamente il numero dei dipendenti nonostante le reali necessità. È quindi normale che ci sia un deficit, dato che ci sono il 50% di contribuenti in meno. Anche in questo caso, non si può essere responsabili del deficit e poi puntare il dito contro di esso per giustificare lo smantellamento del sistema attuale.

10.- Qual è il vero obiettivo di questa riforma?

In realtà, si tratta di una riforma ideologica il cui obiettivo è quello di promuovere lo sviluppo di un sistema pensionistico complementare a capitalizzazione, al quale la popolazione attiva farà logicamente ricorso a causa delle incertezze generate da un sistema a punti. Infatti, se i dipendenti e i funzionari pubblici non sanno quanto sarà la loro pensione di vecchiaia, coloro che ne hanno la possibilità firmeranno un contratto di pensione a capitalizzazione con banche, fondi pensione e agenzie di assicurazione. Si tratta di permettere a questi soggetti privati, che da molti anni bramano le centinaia di miliardi di euro rappresentati dal settore pensionistico, di realizzare profitti succosi. 

Lo stesso rapporto Delevoye confessa che non vi è alcuna urgenza economica nella riforma del sistema attuale. È importante citarlo, pagina 6: "Il nostro sistema pensionistico permette di garantire ai nostri pensionati un tenore di vita soddisfacente, sia rispetto al resto della popolazione francese, sia rispetto alla situazione dei nostri vicini europei. Grazie agli sforzi compiuti negli ultimi 25 anni, è ormai vicino all'equilibrio finanziario". 

In conclusione, l'attuale progetto di riforma del sistema pensionistico è una regressione sociale senza precedenti. Non è in alcun modo giustificato, poiché la Francia non è mai stata così ricca in tutta la sua storia. In Francia ci sono due problemi principali ai quali il governo dovrebbe dedicarsi: la disoccupazione e l'iniqua distribuzione della ricchezza. 

Dottore in Studi iberici e latinoamericani presso l'Università di Parigi Sorbona-Parigi IV, Salim Lamrani è docente senior presso l'Università della Reunión, specializzata nelle relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti. Il suo ultimo libro è: Cuba, parola alla difesa, Hondarribia, Editorial Hiru, 2016. http://www.tiendaeditorialhiru.com/informe/336-cuba-palabra-a-la-defensa.html Facebook: https://www.facebook.com/SalimLamraniOfficiel

In francese: https://www.humanite.fr/retraites-dix-questions-et-dix-reponses-sur-le-projet-de-reforme-682972