La mobilitazione dei gilet gialli non si affievolisce

E-mail Stampa PDF

gilets jaunes Colmar 4di Remy Herrera

Tradotto per Marx21.it da Lorenzo Battisti

9 Gennaio 2019

Un primo punto, statistico, per cominciare: l'unica fonte per contare il numero totale dei partecipanti alla mobilitazione dei " gilet gialli" è, in Francia, il Ministero dell'Interno. Questo è di per sé estremamente problematico, in primo luogo perché la natura stessa di questo movimento rende impossibile un conteggio preciso; in secondo luogo perché lo Stato ricorre sempre più spesso a società private specializzate per effettuare questi conteggi, la cui indipendenza deve essere messa in discussione; e infine perché l'evidente interesse delle autorità è quello di ridurre questo numero, come fanno durante qualsiasi manifestazione organizzata dai sindacati - che generalmente forniscono una stima alternativa.


Ad esempio, per la " L' Atto VII" del 29 dicembre 2018, il Ministero dell'Interno ha annunciato che 12.000 gilet gialli si erano mobilitati in tutto il paese. Tuttavia, la semplice sommatoria dei dati ufficiali sui gilet gialli in sole nove città (Bordeaux[con 2.500 partecipanti], Tolosa[2.400], Marsiglia[2.000], Metz[2.000], Lione[1.000], Rouen[1.000], Brest[750], Caen[700] e Sens[300]) - dati forniti dalle prefetture, ma ampiamente sottovalutati - supera i 12.000 ! Che dire degli altri 35.991 comuni francesi, compresa la capitale del paese? Non c'era nessuno nelle rotonde quel giorno? Assurdo! Sciocchezze! Tuttavia, è questa "stima" di 12.000 gilet gialli che è stata ripetuta più e più volte in tutti i media dominanti, senza metterla in discussione. Questo è tanto più ridicolo in quanto una delle istruzioni dei gilet gialli è ora di andare a protestare... senza gilet! Per meglio integrarsi con la folla ed evitare di essere fermati dalla polizia…

Rilasciate dai portavoce dei media, le autorità avevano obiettivi molto chiari, poco prima della presentazione degli auguri del presidente Emmanuel Macron ai francesi il 31 dicembre: 1. che la mobilitazione dei gilet gialli si stava esaurendo; 2. che coloro che avevano scelto di continuare la lotta erano "elementi radicali", "estremisti" isolati dal resto del movimento, addestrati alla violenza per rovinare i "poveri commercianti" durante le festività, o peggio ancora, per "attaccare la Repubblica", "minare la democrazia" e "rovesciare il potere"; e 3. che la fuga in avanti del governo nell'escalation della repressione è giustificata.

Mentre si trovava tra una cinquantina di gilet gialli che rendevano omaggio alle vittime della violenza della polizia, Eric Drouet, uno dei personaggi più famosi del movimento, è stato nuovamente arrestato e preso in custodia della polizia il 2 gennaio. Sono state richieste pene detentive (e alcune sono già state imposte) contro diverse centinaia di gilet gialli. Uno aveva gridato in faccia ad un membro della maggioranza "alla ghigliottina! "; altri avevano decapitato una marionetta con l'effigie del presidente Macron... Per quanto riguarda la stampa scritta, il premio va probabilmente a questo giornalista il cui volo lirico sostiene che sostenere i gilet gialli significa dichiararsi a favore dei "gulag sovietici, dei campi di concentramento cubani e del genocidio dei Khmer rossi". Perdonatelo: il panico che sta attraversando le file della borghesia fa dire qualsiasi cosa a molti. E suggeriamo ai suoi leader di offrirgli una settimana di vacanza ai tropici, in modo che possa rilassarsi un po' e controllare da solo se ci sono campi di concentramento a Cuba (o meno).

L'Atto VIII di sabato 5 gennaio ha dimostrato che la mobilitazione dei gilet gialli non si indebolisce. E che una netta maggioranza dei francesi (ancora più del 55 o 60%, secondo tutti i sondaggi recenti) continua a provare simpatia e sostegno per il movimento in corso. Secondo le informazioni della polizia, 50.000 gilet gialli (molto di più, con ogni probabilità) erano ancora fuori nel freddo inverno, bloccando le vie di circolazione o manifestando per le strade delle grandi (e piccole) città del paese, chiedendo più democrazia politica, giustizia sociale. In tutta la Francia, anche in piccoli villaggi molto piccoli a volte, si sono tenuti innumerevoli raduni popolari dei gilet gialli, pacifici, di buon auspicio, di buon umore, con gli amici o con la famiglia, tutti motivati e determinati a combattere ancora e ancora una volta. Coraggiosamente. Dignità. Fraternamente. E salutati dai clacson degli automobilisti.

E in alcuni luoghi, inevitabili scene di esasperazione, tensione, caos - le uniche immagini trasmesse instancabilmente dai canali televisivi, nel tentativo di disturbare, dividere, dissuadere, scoraggiare (invano!) -: barricate di strada, fuochi notturni, a volte violentissimi scontri con la polizia in diverse città di provincia, sotto una pioggia di lacrimogeni e manganelli, o a Parigi, qua e là, fino ai margini dell'Avenue des Champs-Élysées, sotto le ghirlande rosse e scintillanti delle decorazioni natalizie. In mezzo ai turisti che venivano a festeggiare il Capodanno francese. Quindi: Buon anno 2019 a tutti!

Cosa c'è di nuovo per questo 5 gennaio? Un percorso di manifestazione predeterminato, dichiarato "secondo le regole" alle autorità di polizia dagli organizzatori dei gilet gialli della capitale, che vanno da Place de l'Hôtel de Ville all'Assemblea Nazionale. Diversi tentativi di irruzione in edifici ufficiali (prefetture, ecc.) in giallo, il più spettacolare dei quali è stato quello di un piccolo gruppo di persone che, con un carrello elevatore, ha abbattuto il portone del Ministero delle Relazioni con il Parlamento, distruggendo con gli stessi mezzi alcune auto aziendali e facendo evacuare rapidamente il portavoce del governo Benjamin Griveaux - ex membro del Partito Socialista (e il braccio destro di Dominique Strauss-Kahn) - e i suoi colleghi.

Ancora più impressionanti sono le immagini di un manifestante che respinge, a suon di pugni, una fila di poliziotti che indossano caschi e scudi su un ponte a Parigi; e quelle di un alto ufficiale di polizia di Tolone, che colpisce ripetutamente un individuo appena arrestato in faccia. Il primo, che si è rivelato un ex campione di boxe francese, conquistato alla causa dei gilet gialli, è stato costretto alla resa dopo due giorni di " fuga" ( a chi volesse finanziare la "cassa" per sostenere la sua famiglia: un segretario di Stato può far loro causa!). Il secondo, da parte sua, giustificava le sue azioni affermando che neutralizzava un "pericoloso delinquente" e "aggressore"... e che non aveva assolutamente paura di una possibile denuncia contro di lui perché era... un comandante di polizia! E decorato con una Legione d'Onore dal 1° gennaio!

Al di là di questi eventi, non trascurabili, è necessario misurare la crisi politica in cui il paese è attualmente immerso. E per capire la gravità della situazione: il presidente Macron, che fino a poco tempo fa diceva di amare il "contatto con i francesi", non fa una sola uscita pubblica dal... 4 dicembre dello scorso anno! Data in cui ha visitato Le Puy-en-Velay dopo che i manifestanti hanno dato fuoco alla prefettura di Haute-Loire (regione Auvergne-Rhône-Alpes). Una visita da cui sarebbe tornato traumatizzato: un comitato di protesta arrabbiato lo aveva infatti fischiato copiosamente, insultato con vari nomi di uccelli, e ha fatto correre il mezzo presidenziale per la città…

Un mese e cinque giorni dopo, il gabinetto della presidenza francese ha annunciato che tutte le "cerimonie di auguri" a cui Emmanuel Macron doveva inizialmente partecipare sarebbero state cancellate, ad eccezione di quella prevista davanti alle forze armate. Il motivo addotto? Il Presidente vorrebbe "concentrarsi" sulla stesura di una "Lettera" ai suoi concittadini e sull'"apertura del Grande dibattito"…

Perché è prevista "l'apertura di un grande dibattito"! Un "Grande Dibattito" che dovrebbe sforzarsi di rispondere alle "profonde aspettative dei francesi"... ma concentrarsi solo sui temi scelti dal governo! Per coordinare questa farsa della democrazia, Emmanuel Macron aveva nominato l'attuale presidente della "Commissione nazionale per il dibattito pubblico", Chantal Jouanno - ex collaboratore e ministro di Nicolas Sarkozy. Ci sono voluti solo pochi giorni - e la rivelazione della comoda remunerazione che la signora Jouanno (più di 176.000 euro lordi all'anno, pagati con fondi pubblici) - perché rinunciasse a guidare il suddetto "Grande dibattito" (ma, non preoccupatevi, non a farsi pagare!).

Di fronte alla "folla odiosa", come il presidente Macron ora chiama i gilet gialli, egli - radicato dietro le spesse mura del Palazzo dell'Eliseo - ha avvertito: intende andare " più lontano e più deciso", per essere "ancora più radicale", cioè per riprendere le "riforme"; leggi qui: adottare nuove misure per distruggere i servizi pubblici (ad esempio, accelerare lo smantellamento del settore energetico), ridurre la protezione sociale (a cominciare dal rafforzamento delle condizioni per l'ottenimento delle indennità di disoccupazione e delle pensioni), contestare lo status dei dipendenti pubblici, ecc.

E il primo ministro, Édouard Philippe, fa il provocatore: partecipare a una manifestazione non dichiarata non sarebbe più oggetto di una violazione (punibile con una semplice multa), ma d'ora in poi sarebbe considerato un reato (che potrebbe portare a pene detentive). L'anno 2019 promette quindi di essere già, in Francia, particolarmente "delittuoso".