Remy Herrera sulla situazione francese

E-mail Stampa PDF

cgt cheminotsdi Remy Herrera

Domenica 25 Giugno 2018

Ringraziamo Lorenzo Battisti per la traduzione

Nel conflitto alla SNCF, uno degli argomenti del presidente Macron è che la "riforma" che lui ha imposto ai ferrovieri - la cui legge è già stata approvata dal Parlamento - non porterà alla privatizzazione del settore ferroviario. Ma, nel momento stesso in cui le organizzazioni di destra (UNSA) e riformiste (CFDT) stanno rompendo l'unità sindacale e i sindacati più combattivi (CGT, SUD-Rail) annunciano che continueranno lo sciopero durante l'estate (anche quando i turisti partiranno), il Ministro dell'Economia e delle Finanze, Bruno Le Maire (ex Ministro di Nicolas Sarkozy) ha presentato il suo progetto di legge "Pacte". Al centro di questo progetto, nascosto sotto un apparente sistema di sostegno alle piccole e medie imprese e di riduzione dell'indebitamento dello Stato, vi è un programma di privatizzazione del governo.


Questo testo prevede future cessioni di partecipazioni statali a privati presso ADP (società di gestione degli aeroporti di Parigi-Charles-de-Gaulle e Orly, numero 1 in Europa per il trasporto di merci e servizi postali), ENGIE (gruppo energetico, ex GDF-Suez, terzo gruppo mondiale nel settore dell'energia non petrolifera) e La Française des Jeux (lotterie e scommesse sportive). Il ritiro dello Stato riguarderebbe anche Air France (dove i sindacati continuano a mobilitarsi in un conflitto sociale irrisolto), Orange (telecomunicazioni) e l'industria automobilistica (Peugeot, Renault). Mentre la dose massima di "oppio del popolo" viene iniettata dai media e dalle loro legioni mercenarie di commentatori di calcio, fino a che punto i neoliberali riusciranno a far regredire lo Stato?

Il contrattacco dei lavoratori non si è fatta attendere. Il 14 giugno, quasi 150 siti sono stati occupati da elettricisti e società del gas. Si può amare il calcio, ma si può amare la lotta ancora di più. In molte sedi dove si erano recati in forza per ottenere spiegazioni dai loro dirigenti sulla privatizzazione dell'energia, i dipendenti hanno visto i loro capi chinare la testa senza dire una parola, barricarsi nei loro uffici o scappare! Il 21 giugno, più di 220 siti sono occupati da sindacalisti. Qua e là, al centro degli atri, sono state installate piscine gonfiabili e, nei costumi da bagno, gli scioperanti si sono immersi in attesa che i loro figli fossero invitati a fare altrettanto durante il fine settimana! Abbiamo giocato bene a ping-pong nelle fabbriche occupate dal Fronte Popolare nel 1936!

Nel frattempo, i maggiordomi di Emmanuel Macron annunciavano che il Presidente intendeva costruire a spese della Repubblica una nuova piscina (fuori terra) a Brégançon, località di villeggiatura messa a disposizione in Costa Azzurra. E che la coppia presidenziale ha deciso di rinnovare i piatti dell'Eliseo (per 500 000 euro)! Lo stesso giorno è circolato su Internet un video che mostra il Presidente che dichiara che si spende "una somma pazzesca" per i minimi sociali. Dobbiamo dedurne che il prossimo progetto di demolizione sarà quello di ridurre i bilanci pubblici per combattere la povertà (reddito e prestazioni sociali versate alle famiglie povere, pensione minima, sussidi per l'alloggio...)?

Sarebbe fantastico. Un recente rapporto ufficiale indica che il numero di bambini poveri sta esplodendo: quasi il 20 per cento dei bambini vive attualmente al di sotto della soglia di povertà in Francia. Provengono principalmente da famiglie monoparentali e/o sono disoccupate. Il governo afferma che la disoccupazione è in calo. In realtà, i vincoli di registrazione imposti ai disoccupati sono diventati così severi da consentire a molti di loro di lasciare le statistiche. Che cosa significa questo per il governo? licenziare 4.000 dipendenti di Pôle Emploi, l'ente pubblico che si occupa di aiutare i disoccupati a trovare lavoro!

Si uniranno alle migliaia di licenziatari del gruppo Carrefour, che il 15 giugno hanno saputo che l'assemblea degli azionisti di questa importante società retail (numero 3 al mondo, alle spalle di Walmart) ha assegnato al suo CEO un premio di uscita di 13 milioni di euro per il suo management (annunciati 2.500 tagli di posti di lavoro) e una pensione annua di oltre mezzo milione di euro. Per quanto tempo questi dirigenti predatori e cinici, sostenuti dal governo, saranno in grado di far funzionare il loro sistema di distruzione e saccheggio?

Il 21 giugno la Federazione CGT Miniere-Energie ha rivendicato l'interruzione della fornitura di gas al Palais de l'Élysée (la sede del Presidente della Repubblica), messo in "precarità energetica" come milioni di famiglie francesi. Qualche giorno prima, nei pressi di Tolosa, il primo ministro Édouard Philippe era stato costretto a pronunciare un discorso al buio e senza microfono a causa di un'interruzione di corrente organizzata dalla CGT.