Dopo Manchester, l’istituzionalizzazione del terrore da parte del governo May

E-mail Stampa PDF

da contropiano.org

Intervista realizzata da Radio Città Aperta.

Ringraziamo Andrea Genovese, docente all’Università di Sheffield, collaboratore del giornale Contropiano. Parliamo naturalmente di quanto avvenuto pochi giorni fa a Manchester, contestualizzandolo però in una situazione più generale. Andrea, innanzitutto buongiorno e grazie della tua disponibilità.

Buongiorno a voi.

Quello che è successo naturalmente sta lasciando e lascerà dei segni. Non è la prima volta che il Regno Unito è oggetto di attentati di natura jihadista, però è la contestualizzazione che ci interessa. Il paese che quasi un anno fa ha voluto uscire dall’Unione Europea anche per questioni legate al tema dell’immigrazione, cui viene spesso associato il tema della sicurezza legata al jihadismo, un paese che si appresta ad andare al voto l’8 giugno… Quindi questo attentato non è un evento privo di conseguenze politiche a stretto giro di posta…


CONTINUA A LEGGERE