I comunisti portoghesi sulle elezioni in Grecia

E-mail Stampa PDF

tsipras Syriza party 2Dichiarazione di Joao Ferreira del Comitato Centrale del Partito Comunista Portoghese

da www.pcp.pt

Un lucido commento, più che condivisibile

Con una prima reazione ai risultati elettorali in Grecia, rileviamo che queste si sono svolte in un quadro segnato dall’imposizione di un terzo memorandum e di una continua campagna di pressione sul popolo greco.

I risultati confermano la condanna dei partiti che storicamente sono responsabili della situazione a cui è stata condotta la Grecia, in un quadro di posizionamento del governo SYRIZA/ANEL segnato da esitazioni, contraddizioni, cedimenti e incertezze che hanno portato al nuovo memorandum.

Il processo di ingerenza dell’Unione Europea e del FMI ha nel nuovo memorandum concordato dal governo SYRIZA/ANEL e appoggiato da Nuova Democrazia, PASOK e POTAMI lo strumento per proseguire la politica che ha spinto la Grecia alla catastrofe sociale ed economica, a un debito insostenibile e impagabile, al saccheggio delle sue risorse, alla subordinazione alla troika.


Il Partito Comunista Portoghese ribadisce la sua solidarietà ai comunisti, ai lavoratori e al popolo di Grecia e alla sua lotta contro la politica di sfruttamento, di impoverimento e di sottomissione agli interessi del grande capitale, dell’Unione Europea e del FMI, e per migliori condizioni di vita, per il recupero di diritti e redditi, per la sovranità e lo sviluppo del proprio Paese.

L’evoluzione della situazione nell’Unione Europea e il processo attorno alla Grecia dimostrano la necessità di rotture con i processi di sottomissione agli interessi del grande capitale finanziario e del direttorio al suo servizio.

Il Partito Comunista Portoghese riafferma che una politica che si impegni con i valori di giustizia e progresso sociale, di sviluppo sovrano e della democrazia, esige la liberazione del Paese dai vincoli e  dagli strumenti di dominio dell’Unione Europea, dell’Euro, del Trattato di Bilancio, della Governance economica, delle politiche comuni