BRICS: coopereranno con la comunità internazionale in risposta alla crisi del debito europeo

E-mail Stampa PDF

da cri - Radio Cina Internazionale

 

bricIl 22 settembre, i ministri delle Finanze e i governatori delle banche centrali dei "Brics" hanno convocato una riunione a Washington e in seguito hanno pubblicato un comunicato, secondo il quale, dal momento che la crisi del debito europeo ha gravemente influenzato la stabilità finanziaria e la crescita economica globale, i "Brics" hanno raggiunto un certo consenso riguardo l'assistenza all'Europa in risposta alla crisi, affermando di affrontarla congiuntamente con la comunità internazionale.


Alla vigilia dell'apertura del meeting annuale di questo autunno del FMI e della Banca Mondiale, gli alti funzionari delle finanze e delle politiche monetarie dei "Brics" (Brasile, Russia, Cina, India e Sudafrica), si sono riuniti a Washington per discutere sull'attuale congiuntura economica mondiale, sulle sue influenze sui loro paesi e sulle contromisure in merito. Il ministro delle Finanze Xie Xuren e il governatore della Banca Centrale cinese Zhou Xiaochuan hanno partecipato alla riunione guidando la delegazione cinese.


Il presidente della riunione, il Ministro delle Finanze indiano, Pranab Mukherjee, ha comunicato che i Ministri delle Finanze e i governatori delle banche centrali dei Brics hanno raggiunto un certo consenso sui temi di interesse comune.


"Abbiamo ribadito l'importanza del mantenimento del coordinamento e della cooperazione delle politiche dei vari paesi all'interno del meccanismo del G20, esprimendo nel frattempo la preoccupazione per la lentezza della riforma sulla quota e sulla struttura della governance, che comprende il macro-monitoraggio, quella all'interno del FMI e la raccolta dei capitali da parte delle banche di sviluppo bilaterale per aiutare i paesi con basso reddito e quelli in via di sviluppo."


Secondo il comunicato pubblicato dopo la riunione, nonostante la rapida ripresa economica dei Brics, dopo la crisi finanziaria globale del 2008, alcuni membri sono stati oppressi dall'inflazione, e la crescita dei vari paesi è limitata dagli elementi instabili del mercato globale. L'accumulazione del debito sovrano dei paesi sviluppati e la preoccupazione per il piano di regolamentazione finanziaria a medio termine da parte del mercato hanno aumentato l'incertezza della crisi economica globale.


Il comunicato rileva che attualmente la cosa più urgente è che l'economia dei paesi sviluppati torni al più presto possibile alla normalità. La riunione ha accolto favorevolmente il pacchetto di misure finanziarie degli Stati Uniti e la decisione della Zona Euro per alleviare la pressione finanziaria, facendo appello ai paesi sviluppati affinché adottino delle responsabili misure macroeconomiche per evitare l'eccesso della liquidità globale e promuovere la riforma strutturale, così da elevare il livello della crescita, ampliare l'occupazione e ridurre lo squilibrio.


Il comunicato rileva inoltre che i paesi dei "Brics" stanno adottando le misure necessarie per promuovere la crescita economica, mantenere la stabilità finanziaria e controllare l'inflazione. I "Brics" stanno dando un contributo sempre maggiore all'economia mondiale e questa tendenza continuerà. Inoltre, il comunicato ritiene che la riforma del FMI del 2010 è in ritardo, ribadendo che quest'ultimo deve accelerare l'applicazione della riforma sulla quota, facendo appello affinché il suo quadro di supervisione sia più ampio ed equilibrato.


Il governatore della Banca Centrale cinese Zhou Xiaochuan ha affermato che i "Brics" devono prendere le decisioni a seconda della propria situazione nazionale e rafforzare la cooperazione tra di loro, così da contribuire al rafforzamento della stabilità economica globale.


"Nel corso del Vertice del G20 del 2009, i vari paesi hanno raggiunto un accordo all'unanimità, sulla necessità di versare più capitali al FMI, al fine di aiutare i paesi gravemente colpiti dalla crisi a rispondere alle difficoltà. Ritengo che nel corso di questo meeting annuale in autunno, i vari paesi discuteranno ancora di questo argomento. Abbiamo rilevato nel comunicato dei Brics che dobbiamo prendere in considerazione la necessita' di un sostegno comune, in modo da ampliare le risorse finanziarie del FMI. Forse questa discussione deve essere svolta in una sfera più ampia, ad esempio all'interno del G7 e del G20."


Il governatore della Banca Centrale indiana Duvuri Subbarao ha affermato che, a questo proposito, i Brics devono mantenere l'equilibrio tra la soddisfazione delle domande interne e la fornitura delle risorse esterne.


"Secondo il comunicato, i Brics si preparano a dare il proprio sostegno al FMI in base alla propria situazione nazionale. La cosa che deve essere rilevata è che i paesi dei Brics hanno molte richieste al proprio interno, come la riduzione della poverta', per cui esistono degli scontri tra il fornire agli organismi bilaterali l'assistenza finanziaria per stabilizzare l'economia globale e la soddisfazione delle domande interne. "


Secondo alcuni analisi, il deterioramento della situazione finanziaria europea ha influenzato le economie emergenti. Tuttavia, i "Brics" non sono un'alleanza di paesi, tra cui esistono degli enormi divari o problemi. Nonostante la sempre maggior possibilità dell'intervento finanziario in Europa, l'assistenza congiunta all'Europa non sarà una cosa semplice.