Gli Stati Uniti dovrebbero cessare le buffonate del Mar Cinese Meridionale

E-mail Stampa PDF

bombardieri mareda globaltimes.cn

Traduzione a cura di comunistibrescia.org

Citando il portavoce del Pentagono, il tenente colonnello Dave Eastburn, i media statunitensi hanno riferito che i bombardieri americani B-52 hanno condotto operazioni di transito nel Mar Cinese Meridionale e nel Mar Cinese Orientale all'inizio di questa settimana. Anche bombardieri pesanti hanno preso parte a un'operazione congiunta nel Mar Cinese orientale. È opinione diffusa che la mossa avrebbe fatto infuriare Pechino ed esacerbato le tensioni tra i due paesi.

I resoconti dei media occidentali non menzionavano se i bombardieri volassero vicino alle isole cinesi.


Ci sono isole e barriere coralline cinesi, acque territoriali cinesi, acque giurisdizionali e acque sovrapposte rivendicate dai paesi interessati nel vasto Mar Cinese Meridionale.

Non ci sono problemi con navi e aerei statunitensi che transitano attraverso acque internazionali. Ma se navigano o sorvolano le acque territoriali della Cina, riceveranno degli avvertimenti e saranno espulsi da parte cinese.

Il Mar Cinese Meridionale è un importante punto di accesso per la navigazione mercantile mondiale e testimonia frequenti transiti di navi e navi da guerra straniere. La Cina ha ripetutamente affermato di non avere obiezioni a condurre legalmente le operazioni di navigazione nella regione.

Questa volta il Pentagono ha reso deliberatamente pubblici i voli dei B-52 nel Mar Cinese Meridionale. Il suo scopo era quello di sostenere la speculazione che gli Stati Uniti stavano sfidando la politica cinese del Mar Cinese Meridionale. Anche se non si sa se i bombardieri statunitensi abbiano volato nelle 12 miglia marine delle isole e delle barriere coralline cinesi, l'opinione pubblica internazionale ha ritenuto che gli Stati Uniti stessero provocando la Cina. Così è stato. Perché se quello era un volo normale, quale era la necessità di un annuncio pubblico?

La costruzione di isole cinesi nel Mar Cinese Meridionale ha suscitato una forte insofferenza negli Stati Uniti.

Quindi Washington ha incrementato le attività militari nelle acque allo scopo di far pressione su Pechino per costringerlo a ritirarsi. Tuttavia, non importa come ciò provochi la Cina, gli Stati Uniti hanno poca influenza. La Cina ha mantenuto la sua iniziativa strategica globale nel Mar Cinese Meridionale.

La Cina ha più carte da giocare degli Stati Uniti nelle acque. Se le attività militari statunitensi continuano ad aumentare nella regione e minacciano la sicurezza delle isole e delle barriere coralline della Cina, la Cina potrebbe dispiegare attrezzature militari da combattimento nelle isole e nelle barriere coralline.

Da un quadro più ampio, un aumento delle provocazioni militari statunitensi contro la Cina stimoleranno la Cina ad immettere maggiori risorse nella costruzione di capacità militari strategiche, compresa la capacità nucleare avanzata, che sicuramente sconvolgerà gli Stati Uniti.

Sullo sfondo di una tesa relazione militare USA-Cina negli ultimi anni e delle frizioni commerciali in corso, qualsiasi provocazione statunitense nei confronti della Cina è facilmente interpretabile.